«

»

apr 01

Stampa Articolo

La Milizia Rosa Cinese!

 
Avrete visto tutti questo pezzo della parata per il 60° Anniversario della Repubblica Popolare Cinese (i rottinculo che hanno cacciato i veri salvatori dalla nazione, il Kuomintang), sarà passato in tutti i merdogiornali italioti oltre a rimbalzare su Wired.com e in mille altri posti.
Lo ripropongo perché è bellissimo. Se non vi sta bene vi metto altri conigli, eh!

Il colore delle uniformi dovrebbe essere rosa vivo o magenta inchiostro. Un bel colore, insomma, molto più interessante del banale rosso sfoggiato dalla milizia nella parata del 1999. Anche l’azzurro (1, 2, 3 e 4) visto durante l’addestramento a settembre non era male, ma non c’è paragone col rosa! Questo gruppo della Milizia Femminile di Pechino è stato chiamato Clang Roses (clang significa forte/potente e rose, beh, si riferisce al colore).

D’altronde, come aveva spiegato il premier cinese Wen Jiabao, bisogna sconfiggere gli anime giapponesi con prodotti cinesi di qualità altrettanto elevata:

“There are times when I watch TV anime with my grandchild, but they’re always foreign works like Ultraman and so on, and few are domestically produced. We should be cultivating a domestic anime industry.”
[…]
China has in recent years been working to strengthen its domestic anime industry
[…]
Chinese are said to be generally critical of their country’s anime output so far, characterising it as “insipid, tedious and preachy”, suggesting more effort is required.
(Fonte: Sankaku Complex)

Non per criticare le direttive del Partito, ci mancherebbe, ma forse l’esercito non era il posto da cui cominciare per competere con i fetish degli anime giapponesi. Si era pure parlato di mostrare al mondo che l’Esercito di Liberazione Popolare non è più la forza basata sulla massa del XX secolo, ma una macchina ipertecnologica del XXI secolo: sfoggiare soldatesse che sembrano uscite da un cartone giapponese non è il massimo come idea.

La prossima mossa, robottoni guidati da liceali?
O soldatesse adolescenti con capelli verdi, rosa e blu?

I cinesi sanno invogliare la gente ad arruolarsi

Ok, sto scherzando (non per la proposta dei capelli, credo sia buona): la Milizia che ha sfilato non è formata da “soldatesse”, ma da civili e molte sono modelle chiamate apposta per la sfilata di moda parata del 60° Anniversario. Non c’erano abbastanza belle miliziane dell’altezza corretta (le due in testa sono alte, pare, 178 cm) già pronte: mi pare giusto che abbiano chiamato delle modelle apposta, incluse cinesi emigrate. Lo avevano già fatto per le Olimpiadi e questa volta, almeno, hanno avvertito i giornalisti stranieri di volerlo rifare (tanto per evitare altre accuse).

I due “ufficiali” in testa sono Zhao Na and Zhang Xiaofei della Zhonghua Academy (entrambe modelle professioniste), che avevano posticipato la laurea appositamente per poter essere scelte per partecipare alla parata. Tra le donne della milizia erano state infatti scelte otto ragazze nate negli anni ’80 e appena laureate, provenienti da villaggi nel distretto di Chaoyang (che ha formato e addestrato questa milizia), come “ufficiali” della formazione: due di queste erano Zhao Na e Zhang Xiaofei.

It was a tough road from the university campus to the military training camp. At first, the two did not even know how to stand at attention or at ease. Their leg kicks were weak, for which they earned the nickname “limp noodles” from their teammates. So they made a pact: “We will do whatever the others can do. No matter how painful or tiring, we must persist.”
[Questo fa molto cartone giapponese…]

From then on, their teammates found them doing extra training on the training grounds as well as living quarters. When the others do 20 push-ups, they do 50; when others do leg kicks for 5 minutes, they do 15 minutes; after completing the daily marching step rehearsal, they do another 500 steps themselves.
[Pure questo: mi sa che sugli anime avevo davvero indovinato…]

Their faces became tanned and their skins became rough. Their university teacher was worried: “How can you go in front of the camera in the future?” But they had no reservations. Their training performance improved dramatically. They were selected as the leaders of the female militia square formation. “Coming here for the military review is like going to the battlefield. The call from the motherland must be answered with concrete action.” The two beautiful girls said with strength coming out of their gentleness.

Zhang Yuanyuan (quella nelle foto precedenti delle prove in divisa azzurra) invece è tornata apposta da Singapore, dove ha fatto per anni la modella, solo per partecipare.

During the training, Zhang Yuanyuan was extremely self-confident, strong and optimistic. She had a stress fracture in her pelvic bone which caused extreme pain every step that she marched. But she did not retreat. She wrote in her diary: “Persist! No stopping! Never give up!” Whenever the reporter encounter Zhang Yuanyuan in the training camp, she always wore a beaming smile.
(Fonte: EastSouthWestNorth: The Clang Roses)

Qui i colori delle uniformi da parata delle tre armi dell’Esercito di Liberazione Popolare: esercito (verde), marina (bianco) e aeronautica (blu). Rimangono comunque gli stivaletti al polpaccio, forse perché nel Partito è pieno di zozzoni a cui piace farsi camminare sulle palle…

Come vedete il rosa non è presente nelle “vere” Forze Armate cinesi… magari potranno rispolverarlo per i battaglioni di conforto nel 2019? È un ruolo importantissimo che solo il personale femminile può ricoprire, non c’è nulla di svilente nel servire la Nazione e il Partito secondo le proprie naturali capacità e inclinazioni! ^_^

Le miliziane, a parte il ruolo di “civili pronti alla resistenza in caso di invasione” e quello in caso di disastri, probabilmente hanno elementi in comune con le soldatesse mostrate nei cartoni giapponesi ben superiori alla semplice divisa di strani colori:

At the age of 18, Liu Jiaxin is the youngest member of the female militia. She lived a carefree life before participating in the training. “When I stayed home, I hardly did housework including washing dishes.” Liu smiled shyly. When she first joined the women militia group, she relied on others to fold up her quilt. Leaders urged every member to fold up their quilt neatly every day and she would ask others to do it for her. She even did not use her quit at night. After several months of training, Liu Jiaxin has changed completely. Now, she is very industrious, washing clothes, sweeping the floor and giving a helping hand to others.

Solo io sto pensando a Strike Witches e cose così?



Qualche soldatessa cinese, giusto per gradire…

 


Un po’ di link a tema:
http://china-defense.blogspot.com
EastSouthWestNorth: The Clang Roses
Their best foot forward
Video in alta qualità su YouTube
 

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2010/04/01/la-milizia-rosa-cinese/

25 comments

1 ping

Vai al modulo dei commenti

  1. Diego

    Ehm… si possono linkare i facepalm dell’altro post?

  2. Charblaze

    I cinesi sanno invogliare la gente ad arruolarsi

    Non dirmi che quelli sono manifesti di reclutamento ufficiali? o_O
    E le associazioni femministe non dicono niente?

    Ok, sto scherzando (non per la proposta dei capelli, credo sia buona): la Milizia che ha sfilato non è formata da “soldatesse”, ma da civili e molte sono modelle chiamate apposta per la sfilata di moda parata del 60° Anniversario. Non c’erano abbastanza belle miliziane dell’altezza corretta (le due in testa sono alte, pare, 178 cm) già pronte: mi pare giusto che abbiano chiamato delle modelle apposta, incluse cinesi emigrate. Lo avevano già fatto per le Olimpiadi e questa volta, almeno, hanno avvertito i giornalisti stranieri di volerlo rifare (tanto per evitare altre accuse).

    Questo l’avevo intuito dal filmato senza il bisogno di dichiarazioni ufficiali del governo cinese.

  3. DagoRed

    Poi dicono che i preti sono maniaci.

  4. Federico Russo "Taotor"

    Le scimmie gialle – note non per la bellezza – si esibiscono in una tale sfilata e le donne italiane, belle di mediterranea villosità e solare abbondanza, no?
    Scriviamo una mail a La Russa, oibò.

  5. Alessandro Forlani

    …sempre dalle parti della “società spettacolare” di Guy Debord siamo…

  6. eugenio

    Devo dire che marciano molto bene per non essere soldati…

  7. Il Duca di Baionette

    Devo dire che marciano molto bene per non essere soldati…

    La fede nel Partito permette di raggiungere ogni traguardo, anche imparare a marciare perfettamente in due mesi! O forse è un superpotere della divisa rosa? ^_^

  8. Il Duca di Baionette

    Le scimmie gialle – note non per la bellezza – si esibiscono in una tale sfilata e le donne italiane, belle di mediterranea villosità e solare abbondanza, no?
    Scriviamo una mail a La Russa, oibò.

    Le donne italiane smaniano per partecipare a Veline e al Grande Fratello. Le donne cinesi hanno ideali e credono nel Partito. Però a tavola la gente sputa le lische sul tavolo e non hanno un minimo di buone maniere basate sulle tubercolosi, quelle scimmie gialle col muso piatto…

    Comunque non invochiamo troppo le “donne italiane in divisa” se no vi faccio un post con della roba allucinante e poi vi cavate gli occhi con un cucchiario e vi mettete a scavare per strappare dal cervello ogni traccia di italianità che vi accomuni a loro…

  9. DagoRed

    Anelo a sapere cosa ne pensi Il Duca del fatto che oggi le fighette possano liberamente arruolarsi nelle gloriose divisioni della Folgore o della San marco.

  10. Zweilawyer

    Una marcia quasi perfetta, ipnotica. Brave cinesine. Le donne però non sono adatte alla guerra.

  11. sommobuta

    Quasi quasi mi farei invadere dai cinesi solo per le truppe femminili…Tanto, regime per regime…

  12. giulio

    secondo me quelle donne le hanno reclutate per la sfilata solo ai fini di un messaggio pacifista e hippy… finalmente é arrivata la distensione, anche per i cinesi..
    insomma é evidente il richiamo a Woodstock qui! Make love not war!

  13. dr Jack

    Le scimmie gialle – note non per la bellezza – si esibiscono in una tale sfilata e le donne italiane, belle di mediterranea villosità e solare abbondanza, no?

    Si, ma le nostre come le vestiamo?
    Prendiamo spunto da Lupo Alberto, Diabolik e Corto Maltese per mostrare la nostra cultura?

    Qui i colori delle uniformi da parata delle tre armi dell’Esercito di Liberazione Popolare: esercito (verde), marina (bianco) e aeronautica (blu).

    Noi per controbattere potremmo difendere le qualità italiane conosciute internazionalmente.
    Una pizzaiola, una suonatrice di mandolino… e la terza che chiede il pizzo alle altre due.

  14. Clio

    La domanda che mi sorge spontanea è: ma Wen Jiabao non ha un cacchio da fare che deve inventarsi queste simpatiche iniziative per non annoiarsi? XD
    Un vero fisico da guerriere le ragazze. E poi con la divisa rosa… Ah, Cina, faro di buon gusto…

  15. iome

  16. CharmanteMortes

    Solo io vorrei l’articolo minacciato dal Duca? Quello che dovrebbe farci desiderare un cucchiaino negli occhi e nelle cervella? ^^
    Penso sarebbe lollosissimo.
    Oddio, non che le Cinesine in rosa, qui, non scatenino la mia ilarità. Penso a cosa il Consorte, fiero Parà possa pensare di ‘sta cosa… visti i bei pensieri che ha sulle donne che fanno il militare…

  17. Il Duca di Baionette

    @CharmanteMortes
    Lo avrete. E dopo averlo visto vi coprirete gli occhi piangendo e direte “Grazie per aver stuprato la mia fiducia nell’esercito di stipendiati-che-sono-lì-come-al-fastfood invece che di leva”.

  18. Liberthalia

    Duca, sei davvero un portento della natura! Ma dove diamine le vai a scovare informazioni così?!?

  19. Il Duca di Baionette

    Avevo messo il TG5 (o forse il TG2) il giorno della parata. Ma per errore, mica lo guardavo apposta…
    Sono rimasto affascinato e ho deciso che prima o poi ne avrei parlato. Ovviamente coi miei tempi medi di reazione (mesi, lol).

    Prima di scrivere l’articolo ovviamente ho cercato ulteriori info, più per difendere le ragazze che per denigrarle… ma i contenuti li avete visti pure voi: il collegamento con gli anime e le dichiarazioni di aprile del primo ministro cinese era perfetto. ^__^””

  20. Liberthalia

    Direi impeccabile. Come sempre del resto..:)

  21. Doc.Herbert West,M.D.

    Oltre tre milioni di soldati;più di trecento missili a testata atomica;un impero neocoloniale in espansione nell’Africa;quindici conflitti armati dal 1949 ad oggi.L’ultimo esercito novecentesco nello stile e nell’anima…
    E FANNO SFILARE LE SOLDATESSE CON QUESTI COLORI?
    Ma cos’è,il reggimento ‘Hello Kitty’?!?
    I manifesti di reclutamento,poi,un tocco di classe!Al confronto,i poster di ‘Ilga,la belva delle SS’ sembrano gli annunci della tombola parrocchiale…
    La carrellata di loli-reclute,infine,sono il raschiamento del fondo:sembra il book del live-action di ‘Najika’!

    Non so proprio immaginarmi,Duca,come il nostro Esercito abbia potuto superare tutto ciò,a meno d’un’overdose di pillole blu non identificate allo Stato Maggiore!Meglio lasciarci vivere nell’ignoranza…

  22. iome

    invece no noi DOBBIAMO SAPERE!

    e poi io rischio poco, non c’è molto amor di patria da eradicare dalle mie palle degli occhi

    volevo inserire questa immagine che è molto indicata
    http://www.flickr.com/photos/13277387@N03/1587084470

  23. iome

    ho un’immagine ancora più adeguata

    http://yfrog.com/0xlovehitlerj

  24. Maoavevaragione

    Onore e gloria al glorioso Esercito Popolare di Liberazione ; presto verrà il giorno in cui useranno i vostri teschi come coppa da vino ( e quello del Duca come pitale..).

  25. Sgneft

    I’d fuck ‘em all !!

  1. Tweets that mention Baionette Librarie » La Milizia Rosa Cinese! -- Topsy.com

    […] This post was mentioned on Twitter by Beppekirk. Beppekirk said: "Solo io sto pensando a Strike Witches e cose così?" http://www.steamfantasy.it/blog/2010/04/01/la-milizia-rosa-cinese/ […]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current ye@r *