«

»

apr 20

Stampa Articolo

Contro il Mac, 4 teh lulz

Un po’ di sano trolling. Dopo aver lollato per le graziose vicende dell’iPad, ripubblico 4 teh lulz il corto articolo pubblicato su Tom’s Hardware da Valerio Porcu. Ho giusto cambiato le immagini.

Secondo un ricercatore attivo nel campo della sicurezza Microsoft ha creato un modello efficace e funzionante per rispondere alle minacce informatiche e correggere il software. Sull’altra sponda Adobe ed Apple.

Microsoft offre i prodotti più sicuri in circolazione. Lo sostiene Marc Maiffret, ex-criminale, e oggi esperto di sicurezza, che per buona parte della sua carriera si è dedicato proprio a cercare vulnerabilità nei prodotti MS.

Il colosso di Redmond migliora continuamente i propri prodotti, “fanno più di chiunque altro […]. Sono il modello da seguire”, ha dichiarato, pur ricordando che i tempi potrebbero essere più brevi.

Per Maiffret Adobe ed Apple sono le pecore nere della sicurezza. Quando le due aziende parlano di protezione lo fanno più che altro come strumento di marketing, e punta il dito soprattutto contro Apple.

Maiffret apprezza il cambio di direzione intrapreso recentemente da Apple, ma mal digerisce la comunicazione pubblicitaria. “Cercano di vendersi come più sicuri dei PC, perché non ci si deve preoccupare dei virus”, però “ogni volta che c’è una competizione, basta qualche ora per trovare una falla nei sistemi Apple”.

La migliore sicurezza è fare troppa pietà per attirare nemici?

“Se prendessero le cose sul serio, non si definirebbero più sicuri di Microsoft, perché non lo sono. La comunità Apple è piuttosto ignorante rispetto ai rischi in circolazione. La ragione per cui non vediamo attacchi (ai sistemi Apple) è la ristretta quota di mercato.”

Mac OS, conclude l’esperto, migliora quasi solo grazie a miglioramenti di Unix, su cui si basa. Apple, tuttavia, ha una pur debole scusante nel fatto che le minacce conosciute siano praticamente inesistenti. Per Adobe, che ha pratiche altrettanto discutibili, è più difficile trovare delle attenuanti.

Che poi era quello che si è sempre detto: fare virus per una cosa che forse è il 5% del mercato non vale la pena se con lo stesso sforzo se ne può colpire il 95%.
Pure io se assemblassi un computer dedicato con sistema dedicato (magari tutto meccanico, coi Lego!) sarei immune ai virus, grazie al cazzo: nessuno verrebbe a rompermi i coglioni perché sono un mentecatto che se la tira. ^_^
O il mitico FireFox, che più passa il tempo e più si sovraccarica (oltre al periodo in cui crashava continuamente, non che ora non sia immune), dimostrando che più ci si caricano addosso responsabilità di milioni e milioni di utenti e più ci si appesantisce per proteggerli, soddisfarli ecc… finendo per essere sempre più simile al nemico di cui si sfotteva anni prima la lentezza e la mancanza di sicurezza. Io comunque ho continuato a usare FireFox anche quando mi crashava di continuo! FireFox Fangirl!

Sempre sull’invulnerabilità dei Mac cito da Macity di pochi giorni fa:

I ricercatori Intego hanno individuato un nuovo malware battezzato HellRTS in grado di colpire tutti i Mac. Si tratta di una nuova variante di un malware noto fin dal 2004: se installato nel sistema permette l’accesso e il controllo da remoto del computer infetto.

Ma aspettate: questo non può essere accaduto! Come ci spiegava “una apple fangirl che è venuta a rompere il cazzo e ha intimato di togliere il suo nome” nell’ottobre 2008, i virus/malware/cose-kattive-dei-pc NON arriveranno con l’aumento del mercato perché i Mac sono magici:

Ciclicamente, quando si parla di Apple e dei virus, se ne esce qualcuno con frasi del tipo: “i virus per Mac non ci sono perché ce ne sono pochi“, oppure “quando ci saranno più Mac in giro, arriveranno i virus anche per voi“, ecc.

Nulla di più falso e sbagliato.

“Nulla di più falso e sbagliato”, è proprio così: datti il cinque da solo, “una apple fangirl che è venuta a rompere il cazzo e ha intimato di togliere il suo nome“!
A chi dare ascolto, a un esperto di informatica come Marc Maiffret o a una qualsiasi fangirl? Ma ovviamente alla fangirl!!! È lo spirito Apple: l’Ignoranza con la grande I! ^__^

 
Morale della favola?
Non fate pubblicità ai Mac: se volete rimanere felicemente Mac User dovete evitare che conquistino troppo mercato o i criminali prenderanno di mira anche voi. Non che ci sia davvero il rischio: a parte gli sfigatini snob pronti a pagare di più solo per avere il brand alla moda, gente che ci sarà sempre (ciao Licia Troisi, ciao a tutti i tipici mac user!), se uno vuole una alternativa a Windows compra un computer normale e ci infila Linux.
E ho saputo di gente che ha comprato un Mac, convinta dagli amici craniolesi, e poi ci ha messo dentro Linux. Come dire: non si salva nemmeno l’OS se uno è un utente serio e non un utonto.

Steve Ballmer che pubblicizza Windows 1.0
Giusto per ricordare che c’è gente messa peggio dei Mac User…

Fine del 4 teh lulz.
 

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2010/04/20/contro-il-mac-4-teh-lulz/

30 comments

1 ping

Vai al modulo dei commenti

  1. Uriele

    Grazie (schiacciare i mac user, inseguirli mentre fuggono, sentire le grida dei macfag. Questo è bene):D

  2. Il Duca di Baionette

    le grida dei macfag

    Che hanno vocine squillanti come le ragazze negli anime quando le afferrano per le tette: “Kyyaaaaaaaa!!!!”

    Conan approva il massacro.

  3. Raidho

    A casa ho sia PC che mac e uso l’uno e l’altro a seconda delle esigenze. Non per questo non mi preoccupo della sicurezza dei miei dati, non mi sembra corretto generalizzare ai “mac users”: la stupidità colpisce in egual misura gli utenti di entrambe le macchine.
    Ipad = facepalm ok, “il mac non ha virus”= double facepalm ok, ma direi che per quanto riguarda i PC sono state fatte e dette altrettante puttanate. E’ un problema di disinformazione e bias, non “hardware”.

  4. Il Duca di Baionette

    E’ un problema di disinformazione e bias, non “hardware”.

    E infatti si criticavano i macfag, non i loro computer che da tempo usano processori Intel come i pc dei nerd senza la loro puzza sotto il naso.
    Motivo in più per deridere i macfag: non prendono Mac per il processore, non prendono Mac per l’OS superiore -tanti passano infatti a linux, piangendo per i soldi sprecati-… per cosa lo prendono? Per la mela! Io su Vista non ho preso un virus in due anni e mezzo usando semplicemente AVG e un antispyware.

    I macfag sono macfag. Ci vorrebbe un pogrom.

    non mi sembra corretto generalizzare ai “mac users”

    I mac user hanno inventato l’immagine da idioti che hanno.
    Non è arrivata Maga Magò (in cui i mac user forse credono, visto che per loro i Mac sono invulnerabili per MAGIA, vedi il tizio dell’articolo del 2008) a generare l’illusione collettiva del mac fag come categoria.
    Se loro pretendono di averla, perché proibirglielo?

  5. Zweilawyer

    Il successo del Mac è un fenomeno dovuto alla capacità di creare hype intorno ad un marchio. La sostanza è qualcosa di completamente diverso.

  6. Okamis

    I fanboys e fangirls ammorbano qualsiasi prodotto. Anche Linux ha i suoi, a partire dai bimbetti che caricano su Youtube video tutti uguali che mostrano le “magie” di Compiz e Beryl, ma che poi magari non sanno neppure cosa sono i repository. Il bello però dei fanboys di Apple è che loro si prendono tremendamente sul serio (Macity docet), il che li rende assolutamente unici ^_^

  7. Il Duca di Baionette

    I MacFag sono i migliori. Senza di loro il mondo non sarebbe così interessante. ^_^

  8. Il Duca di Baionette

    Visto che siamo a tema informatico, segnalo questo articolo di Uriel Fanelli:
    http://www.wolfstep.cc/2010/04/la-piramide-della-fame.html

    Un tempo gli strati bassi della piramide, la working class, era un valore inestimabile. Era difficile distinguere l’artigianato dall’arte tanta era la capacita’ e la dedizione di chi lavorava alla base. Un tempo potevi delegare il lavoro. Delegare.

    Oggi delegare e’ un suicidio.

    Anzi, il 90% del tempo lo si spreca a controllare che chi lavora non faccia minchiate perche’ non ragiona. Perche’ non ha una visione di insieme. Perche’ vuole solo fare due o tre minchiate meccanicamente ed uscire alle quattro.

    Che potete anche leggere come aggiunta al mio discorso due post fa sul perché non riesco a concepire di lavorare su una certa cosa assieme ad altri (almeno di non fare cose molto distinte tipo “testi e disegni”, che mi pare un buon esempio per far capire la questione).

    Il problema col blog di Uriel Fanelli è che se lo linkassi tutte le volte che scrive qualcosa che mi piace dovrei dedicargli un link/post tutti i giorni (o quasi tutti, ma ultimamente è tutti). Gli ho già dedicato una bella descrizione nella pagina dei Siti Consigliati, con alcuni link agli ultimi articoli che ritenevo più interessanti, e l’ho segnalato un paio di volte su FB (l’ultima proprio nella pagina per i Fan del Duca).
    Lo ADORO come fosse il Coniglio D’Oro. ^_^

  9. Uriele

    @ Okamis: il bello dei linuxfag è che, essendo incapaci come ogni fanfag, alle prime difficoltà mollano. Ti rompono le palle per un po’ e poi scompaiono.
    Ho letto articoli su articoli di gente che incensava Ubuntu come un nuovo Quattro, scrivendo articoli su come questo o quell’altro ente aveva deciso di passare a Linux e poi, dopo qualche mese, facevano comming out e tornavano a Windows (o a Mac). Quelli che restano diventano fanboy, se non proprio competenti, almeno autosufficienti (alla fine imparano ad usare un po’ il sistema).

  10. giulio

    Io sono un ubuntu fanboy.. ma ammetto che linux di sfighe ne ha, e tante.
    Il discorso virus vale anche per linux, anche perché i linuxiani sono cosí pochi che si conoscono tutti per nome, quindi se fai un virus i compagni di chat ti trovano subito.
    È meglio di Windows come grafica e non ha bisogno di deframmentazione, ma per installare delle periferiche si suda sangue non avendo i driver e l’architettura Unix é stabile ma vecchia, il kernel andrebbe riscritto in modo ibrido seguendo windows e macosx, e ci sono bug dalla mattina alla sera.

    Morale: ogni OS ha le sue sfighe. L’OS perfetto non esiste.
    A livello di grafica, é una questione solo di gusto personale: io trovo che KDE sia il massimo, ma é pesante, mentre la grafica apple é bella ma impossibile da modificare, e windows é mediocre.
    Non conosco Windows 7, ma mi sento di dire che Windows Vista é orrendo. Ha delle richieste hardware semplicemente enormi, mentre XP era un buon OS.
    Non so quanto sia giusto l’accanirsi sempre contro windows. Penso peró che essendo l’OS piú diffuso al mondo, con quello che costa potrebbero renderlo piú funzionale o provare a riscriverlo come fatto da macosx.

    Naturalmente la mia opinione conta quanto quella di una carota che dice al coniglio di non mangiarla ^_^

  11. iome

    http://www.youtube.com/watch?v=UGA6p_j9ulA&NR=1
    per chi ha aprezzato la serie di jojo

    e disprezza la mela ovvio

  12. Angra

    L’OS perfetto non esiste [più].

    Si chiamava AmigaDOS.

  13. Nixen

    Caro giulio esiste ed è Windows 7 (non sto parlando del sistema operativo perfetto ma di quello che tu dici che la Microsoft doveva fare). Ha richieste che sono la metà di Vista se non di meno e viaggia in modo ottimale. Invece sottolineo l’odio che provo per Ubuntu che ho smadonnato una mattina intera per il fatto che con gli ultimi due Kernel che avevo installato i driver della wi-fi si sono baggati. Soluzione su google? installa l’ultimo kernel mainline o scarica i backports. La seconda non ha funzionato ma la prima si, solo che poi ho dovuto anche sistemare i driver della scheda video che erano saltati perché non riusciva a buildarli il nuovo kernel e via dicendo. Ora va tutto bene, rimane il dubbio: perché un aggiornamento che ti sputtana la wireless? bella domanda.

  14. Leonardo

    Duca, lei usa Vista? E io che speravo in Ubuntu… sob.
    Io sono passato da XP a Ubuntu e ora sto cristando per far andare il wifi, ma conto di farcela e rimanere su Linux.
    Ho pensato all’acquisto di un Mac, ma (anche se sonobuoni prodotti, questo è innegabile)la politica Apple mi è davvero indigesta.
    Comunque, ritengo i Mac degli ottimi computer e Mac OS X un ottimo SO.
    Però io sono un idiota che ha voglia di smanettare sul computer, quindi uso Ubuntu. ^_^

  15. Uriele

    Passa a Windows7, funziona davvero bene (Io tenevo la doppia partizione XP/Linux fino a qualche tempo fa). In doppia partizione con Linux è un amore (poi io amo analmente Microsoft Visual Studio e il 2010 è stupendo, quindi ^^)

  16. Il Duca di Baionette

    Si, si, è già in programma il passaggio a Windows 7.
    Sto tenendo Vista solo per pigrizia: col fatto che davvero il ripristino dell’ultima configurazione funzionava (non come quella finta di XP che non funzionava mai), sono passato dal giugno 2007 a oggi attraverso banchi di ram guasti, schermate blu (ormai non ne ho da un sacco), videogiochi mezzi incasinati di loro come GTA 4, ecc… senza dover mai formattare.
    Un click, pochi minuti, e tutto risolto dall’ultima configurazione utile. E il mio Quad mi gira benissimo ancora.

    La prima volta che formatto o che mi gira di reinstallare, passo a Windows 7.

  17. Alex Frost

    Io devo dire che ho Vista (“legalmente” rubato al lavoro nella sua meravigliosa Ultimate Edition) da quasi 2 anni e di problemi ne ho avuti solo 2:
    un problema col modem , che s’è risolto da solo (tasto destro, esegui diagnosi e ripristina.. macinato per 2 minuti e poi tutto filava..assolutamente meraviglioso)
    ed il secondo problema me lo sono autocausato, quando ho deciso di installare tutti gli aggiornamenti facoltativi.. perchè installare 5gb di aggiornamenti, compresa l’interfaccia filippinagiapponesesticazzi non è cosa buona..ma anche lì , un ripristino ed ora è tutto a posto..escludendo che tra i programmi mi ritrovo un meraviglioso Korea Media Center e Korea Messenger Center o.o

  18. DukeMcQuake

    Ottimo articolo. OSX, come OS per le masse non è neanche male, e nemmeno per il programmatore, ma ci sono due cose che mi frenano parecchio dal comprare Eppol:

    1. Lock-in hardware: se il tuo sistema gira su una normalissima architettura PC, cara Eppol: pubblica un bell’elenco di hardware certificato e lascia al grande pubblico la possibilità di assemblare/comprare un PC secondo le tue specifiche. A me comprare del ferro al prezzo del platino non mi va proprio giù.

    2. Le puttanate degli utonti eppol. Un club dal quale voglio stare ben lontano. Un bell’ iBrator nel loro culo è il massimo a cui hanno diritto. Per la cronaca, il sottoscritto ha visto l’ultimo schermo blu quando usava Win2000…

    Win7: per me MS ha fatto centro; non esitare, fai il salto. Se non ti vuoi buttare, e se hai spazio su disco, libera una partizione e testalo fianco a fianco con Vista.

    Ho un portatile che ha quattro anni esatti: ATIx1400, T2400, 2gb. Sotto win7 è diventato PIU’ PERFORMANTE, e addirittura funziona meglio sotto Aero che sotto l’emulazione di interfaccia win2k.

    Poi, io lo uso per sviluppo, DTP, lavoro su basi di dati e anche virtualizzazione di vecchie piattaforme, mentre tu lo usi per giocare. Come si dice, YMMV, ma nel mio caso Win7 ruleggia alla grande.

  19. CharmanteMortes

    Io sono una felice utente Windows (Momentaneamente ho il Vista, ma io sono ignorante come una capra ed al Pc ci pensa il Consorte) che nonostante la sua caprina conoscenza del PC non ha mai preso un virus.
    Basta stare un filo attenti ed avere un antivirus passabile (Tipo AVG, che uso anche io) e non si hanno problemi. Personalmente non ho mai formattato per un virus.

    I Mac li odio, li facevano usare a scuola ed io ho iniziato a portarmi il portatile (Ehm… appunto) piuttosto che uccidermi con quel coso.
    Scomodo, brutto e non modificabile.
    Mah.
    Prego sempre il Quattro che la mia amica MacFangirl si prenda un virus uno di questi giorni, e smetta di spatasciarmi le balle, lei e la sua mela smozzicata…

  20. Amarie

    Io di tecnologia capisco poco, lo ammetto, però ho passato anni a usare il pc a casa e il mac a scuola e ho fatto ai miei genitori una testa così perché mi comprassero finalmente un MacBook. Non per la mela, per l’amor del cielo, mi fosse piaciuta quella avrei comprato un adesivo e lo avrei appiccicato sul pc, ma perchè semplicemente un mac si blocca molto meno di un pc (io sono riuscita a bloccarne quattro con una sola chiavetta, ma questo è un discorso a parte), un mac regge più i porgrammi di grafica e per una valanga di altri motivi che vanno dalla batteria al touchpad. Semplicemente, con un mac lavoro molto meglio che con un pc, e questa è l’unica cosa che in fondo mi importa dal momento che a fare cose tecnologicamente complicate non ci penso nemmeno. Ed in ogni caso le versioni pro dei mac hanno incluso anche windows, e nessuno nega che per alcune cose sia più pratico.

  21. Leonardo

    Ho letto solo ora

    Chi lo fa? Personalmente ritengo Linux mooolto buono, ma non ancora al livello di Mac OS X.
    Insomma, un mio amico ha un MacBook, lo ha acceso e non ha dovuto smanettarci, è andato tutto bene.
    Io uso Ubuntu, mi sono iscritto a un forum di supporto, ho fatto qualche tentativo e ho risolto i miei problemi. Ora installerò Ubuntu 10.04 e so già che avrò altri problemi, ma la qualità complessiva me lo fa preferire a Windows.

  22. Leonardo

    Scusatemi per il post di prima, dopo ”Ho letto solo ora” avevi messo la citazione ”tanti passano infatti a linux, piangendo per i soldi sprecati”. Non so perché non sia comparso °__°

  23. Il Duca di Baionette

    Forse ho individuato il responsabile del blockquote mancante:

  24. Emanuele Cavassa

    Una variante di un vecchio virus NON fa statistica. Per Windows c’erano 114.000 NUOVI virus nel solo 2005.
    La questione è che i 4 virus conosciuti per Mac dal 2001 ad oggi, con il triplicarsi del marker share di Mac Os X si sarebbero dovuti triplicare, non aumentare di una unità in 9 anni.

    Poi nessun sistema operativo è perfetto, ma in Mac OS X è solo la stupidità degli utenti a poter far infettare la macchina (come dare la password di amministratore a software di dubbia provenienza).

  25. Il Duca di Baionette

    Nuovo link:
    http://www.thenewnewinternet.com/2010/02/02/my-computer-is-more-secure-than-yours-or-not-the-pc-vs-mac-security-debate/

    “If you look at the number of published vulnerabilities in software and the number of users and compare Windows versus Mac OS you will discover that Mac OS has far more published vulnerabilities per user than Windows does so I think the data pretty much speaks for itself,” said Eric Johanson, a security researcher.

    Paul Kocher, president and chief scientist with Cryptography Research, said “The fair answer is that with the latest versions of each operating system there isn’t a compelling security reason to pick one or the other…Both have security bugs. Both need patches. Both can be broken if someone finds a zero-day exploit.”

    Uno dei molti articoli a tema.
    Non è una questione su cui discutere, è un dato di fatto che il marketing sull’invulnerabilità “del Mac in quanto tale” sia una stronzata.
    Si può accettare la Realtà o si può scegliere l’Alienazione. Non è affar mio.

    Ricordiamo ancora quanto detto da Maiffret (che è un povero stronzo, giusto?):

    «Ogni volta che c’è una gara di hacking – ha esordito Maiffret interpellato sull’OS cupertiniano – nel giro di poche ore qualcuno riesce sempre a trovare una nuova vulnerabilità nei sistemi Apple. Per essere seri – ha rincarato la dose – (Steve Jobs e compagni) non dovrebbero dire che il loro prodotto è più sicuro di quello Microsoft, perché non è vero».

    Dato di fatto. Rifiutare la Realtà è Alienazione e non si cura sui blog, ma con l’aiuto di medici psichiatri.

    Il fatto che lo scopo dell’articolo fosse il lulz, e non portare avanti un discorso serio sulla questione (come l’umorismo di Bill Hicks sul fumo non è un’analisi reale dell’impatto sulla società del tabacco, ma è solo lulz), non autorizza a mentire. Mentire non è lulz: è una cosa che svaluta e denigra chi la pratica.
    L’aver glissato sulla questione delle vulnerabilità perché, essendo vera, avrebbe danneggiato la causa della difesa a oltranza Apple dà la perfetta misura dell’irresponsabilità dialettica già osservata nell’articolo. Nascondere la verità mostrando solo quello che fa comodo è dialettica eristica, roba da politici in TV. Non è lulz, è uno schifo. Non c’è posto qui per questa spazzatura: addio.

  26. Il Duca di Baionette

    Commento di Cavassa cestinato senza nemmeno abilitarlo. D’altronde avevo scritto che non c’era più posto per lui qui: cos’è, analfabeta? Cieco? Mac-User?
    Anche se avesse scritto “ti amo, comprerò un PC vero anche io e farò pupù sul Mac” lo avrei cestinato senza leggere. Effettivamente non so cosa ha scritto, a parte il Nome e le prime sei parole… ^_^

    Vi ho segnalato la cosa, ovvero il voler per forza tornare quando si è stati avvisati di star fuori dalle palle, per farvi notare come ci sia qualcosa nelle FanGirl di Apple che le rende incapaci di capire cosa sia un articolo for the lulz e li costringe a venire a rompere sempre i coglioni.
    Di simile ho visto solo le fan di Twilight su Gamberi Fantasy.

    Se ne stiano nella loro riserva piena di plastica colorata e marketing plagia cervelli, con tante melette smozzicate da Forrest Gump, felici del loro nuovo iPad con cui specchiarsi nel vetro super riflettente per radersi mentre leggono un ebook (questa doppia funzione però non è male).

  27. Emanuele Cavassa

    Vaffanculo allora.

    [NdDuca: segue aggiunta dal secondo commento, esclusi insulti, così ne abilito solo uno per farlo felice]

    ti invito a rimuovere il mio nome dal tuo articolo.
    In fondo sei stato tu a tirarmi in ballo non ti sono certo venuto a cercare io.

  28. Il Duca di Baionette

    non ti sono certo venuto a cercare io

    Veramente sì, sei tu che sei venuto in un post AUTODICHIARATO trollesco (nota anche le categorie: Troll & Flame e 4 Teh Lulz) a rompere le scatole glissando su ciò che ti faceva poco comodo e sparando cazzate sul resto (finché non si supera una certa soglia nessuno sprecherà tempo e fatica per i mac, siete troppo pochi… la crescita non è aritmetica in questo caso come non lo è quasi mai in nessun ambito -dall’economia alla metallurgia alla fisica agli ebook ecc…-, dai, un minimo di buon senso e di conoscenze, su… non facciamo i finti tonti pensando che tutti siano deficienti, su!).
    E ti stupisci pure quando un post autodichiarato trollesco, per togliere ogni dubbio fin dalla prima riga, mantiene il tono? LOL! Ripeto il consiglio: cura l’Alienazione.

    Se non volevi che nessuno citasse le tue affermazioni, fatte in un ambito serio (non è che stavi scherzando, eh! Hai usato in quell’articolo linkato frasi arroganti da Apple FanGirl in completa serietà quindi ne DEVI pagare le conseguenze, chiaro?), forse NON dovevi pubblicare il post.
    Pubblicare è “rendere pubblico”, prendine nota.

    ti invito a rimuovere il mio nome dal tuo articolo

    Ok, rimuovo il tuo nome dall’articolo. Si può fare, bastava chiederlo.

    Fatto, sostituito con: “una apple fangirl che è venuta a rompere il cazzo e ha intimato di togliere il suo nome

    Vaffanculo allora.

    Non mi aspettavo di meno da te.: Typical Mac User. ^_^

    Ora torna nella riserva.

  29. nihal

    arrivo da anobii e visto che si discute di apple mi piacerebbe intervenire… io non uso windows e non ho un apple (ho un acer che ha più di 5 anni e va come una scheggia).
    La prima cosa.. win mi si impallava di continuo ed era semplicemente irritante. Apple.. anche se fa le cose fighe, ed è vero non negate, non credo che per la mia vita spendere 1200 euro in un pc sia intelligente. questo perchè non ne sfrutterei affatto le potenzialità che ha, perchè le ha!
    Uso Ubuntu e lo uso perchè è semplice. perchè se mi manca qualcosa vado nelle repository (o come piffero si scrive) e scarico. se non sono lì vado sul mio firefox che non crasha come in win e me lo scarico. ho anche win certo, anche perchè essendo universitaria ho la possibilità di averlo originale e gratis, ma non lo uso mai.
    E’ lento, irritante e per quello che faccio io inutile.
    Inoltre mi infastidisce avere cose che non utilizzo spiaccicate sul mio pc e non poterle togliere, oppure per farlo devo formattare il che è una cosa lunga!
    da quando ho scoperto ubuntu mi trovo bene anche se ha ancora delle pecche enormi, ma ancora non ho mai rimpianto win!!

    una cosa che non sopporto? che proprio odio dal profondo del mio cuore? sono quegli sfigati (posso dirlo?) che hanno tipo 16 anni fanno gli studenti solo perchè obbligati e strisciano il culo sulle sedie senza imparare un cazzo, ma hanno l’IPHONE e loro non lo chiamano cellulare, cosa che è! ma lo chiamano IPHONE.
    quindi assisti a gente che ti dice ‘oddio che crisi non ho i soldi per arrivare alla fine del mese, oh povero me’ poi ti volti e il suo figlio idiota dice ‘oh mi stanno chiamando al mio IPhone’ che costa 600euro che papino ha sborsato e quindi comprano l’IPhone, ma non pagano le bollette. e poi lo chiamano per nome come se fosse un essere vivente, io ho il cane e loro hanno l’IPhone!
    Preferisco chi ha i soldi e se lo compra perchè ha i soldi e può! ma mi stanno sulle balle quelli che vengono a piangere miseria e poi invece di comprarsi un cell da 85euro come il mio si comprano l’IPhone-essere-vivente-ciuccia-app…

    ok, ora sono a posto, spero di non essere stata eccessivamente rompiscatole, ma ho assistito alla scena ‘sventoliamo l’IPhone-essere-vivente’ pochi giorni fa e sono ancora irritata.

  30. Il Duca di Baionette

    http://forum.simplicissimus.it/segnalazioni/app-store-hacked/

    Adoro Dedo quando mi dà corda nelle mie follie, ma non riesco a convincerlo ad apprezzare gli Imperi Centrali, sigh… è semplice amarli come li amo io: spegni il cervello e grida “Viva il Kaiser! Evviva!” ^_^

  1. Tweets that mention Contro il Mac, 4 teh lulz: Dopo aver lollato per le graziose vicende dell’iPad, ripubblico 4 teh lulz il corto art... -- Topsy.com

    [...] This post was mentioned on Twitter by Simplicissimus. Simplicissimus said: Contro il Mac, 4 teh lulz: Dopo aver lollato per le graziose vicende dell’iPad, ripubblico 4 teh lulz il corto art… http://bit.ly/cG3zJb [...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current ye@r *