«

»

Set 03

Stampa Articolo

Lady Clankington’s Cabinet of Carnal Curiosities

L’estetica Steampunk e l’artigianato che vi gira attorno ci hanno mostrato di tutto: computer decorati, elefanti e ragni giganti, collane, orologi, costumi, abiti, armi giocattolo…
in particolare avevo segnalato tempo fa il razzismo da macchietta ottocentesca dello spassoso Lord Cockswain, il naturalista che disintegra con il suo trombone a raggi (giustamente chiamato The Unnatural Selector) qualsiasi forma di vita aliena gli capiti a tiro. Autentica poesia per un becero imperialista come me: “Join the armed forces and give our ethnic friends a little ethnic cleanse”.

Pochi giorni fa ho scoperto grazie a BoingBoing un’altra stravagante arma Steampunk. Dopo il virile colonialismo dell’Esploratore Bianco con la Barba alla Kaiser, ecco il lato femminile (lol) delle armi a raggi Steampunk: il Little Death Ray di Lady Clankington.

Little Death Ray

Ha un aspetto famigliare? ^_^
È il primo prodotto del nuovo Lady Clankington’s Cabinet of Carnal Curiosities, sito dedicato al Do It Yourself più spinto (eh eh), votato a portare lo Steampunk nel mondo dei giocattoli sessuali. In fondo non è il DIY un elemento chiave dello Steampunk in quanto “movimento”? Quindi fatelo da sole, in stile Steampunk… o infilatelo su per il retto del vostro feroce pirata dell’aria appena ammanettato (sempre che sia d’acc— no, fanculo, ficcateglielo lo stesso: di sicuro avrà fatto qualcosa per meritarselo!).

Carina anche la storiella dedicata al prodotto…

The Story
During a bridge match, a completely innocent comment regarding the recent activities of Lord Chagsworth led to our heroine Lady Clankington being challenged to dual by the gentleman’s wife. Upon hearing the terms of the duel (to be held in the bed chambers with the doors bared and only the seconds as witnesses) Lady Clankington nearly laughed, thinking she was far to experienced to possibly fail. Later that night, Lord Chagsworth leaned over and whispered into her ear that Lady Chagsworth was rather “quick on the draw” with her weapon of choice, which she kept next to the bed at all times. At this, Lord Chagsworth and Lady Clankington finished their game of hide the penny and immediately rushed out to visit Dr. Visbaun’s laboratory.

“I vill haf yu Veapon ready in de mornink!”

That next morning they met in the center of the room with weapons in hand, turned and walked five paces to matching lounge chairs, the handkerchief fell…
Yes, Lady Chagsworth was quick on the draw but armed with her brand new “Little Death Ray”, Lady Clankington definitely got off the first shot.

gegnale pornosteampunk, come piace a me.
Un duello di pistolvibratori farebbe a gara per cafonaggine (cit. Zweilawyer) con le mie baionette per ragazze mostrate un annetto fa. Bello, me piace. E la pagina, al momento vuota, della Lady Clankington’s Dueling Academy fa ben sperare per il futuro. ^_^


Un oggetto necessario per ogni esploratrice Steampunk!

Compratelo, gentildonne che leggete Baionette Librarie.
Little Death Ray è un articolo perfetto per le signore in attesa del ritorno del marito dall’ultima spedizione punitiva nelle colonie (tenetevi calde e pronte: fucilare e gassare i negri mette sempre una gran voglia di “doveri coniugali”). Allo stesso tempo è anche ideale per voi giovani signorine intenzionate a conservare la Virtù fino al matrimonio, senza però rinunciare a soddisfare le vostre voglie con amiche altrettanto assennate e virtuose. Cosa c’è di più bello nella femminea amicizia di un lodevole mutuo soccorso di lingue e di dita in attesa delle nozze? Ora potrete arricchire i lodevoli passatempi dell’amicizia con il nuovo Little Death Ray. Il Duca è un uomo moderno ed è consapevole che non tutta la sessualità femminile si riduce alla cura dell’isteria. Ricordate però di inserirvi lo strumento nel forellino posteriore altrimenti potreste infrangere la Virtù tanto faticosamente conservata!

Mi è piaciuta la risposta che dà Lady Clankington su cosa sia lo Steampunk (inteso come movimento DIY, non come genere letterario o d’ambientazione):

Q: Wait, “steampunk”? What on Earth is that?

A: Steampunk is an aesthetic movement based on Victorian science fiction (Jules Verne, H.G. Wells, etc) that features steam power, clockwork, and similar technologies available from approximately 1837-1901. It is a retro-futuristic, neo-Victorian sensibility that strives for a DIY mentality and believes that items should be beautiful, as well as functional. Don’t take anything we say too seriously. If it isn’t fun, you’re doing it wrong.

La sottolineatura è mia. Questo è lo spirito giusto, non quello politicizzato che regolarmente traspare dalle parole di mongoli marci come Goh la cui “cultura” Steampunk si limita alla bieca (in)comprensione delle cavolate dette troppo spesso da Steampunk Magazine, senza alcuna conoscenza dell’enorme varietà di spunti storico-narrativi disponibili. L’ignoranza dà sempre ricchi frutti, concime universale della dabbenaggine dei fessi. L’adorabile Lady Clankington, la cui posizione è in linea con quella di Gatehouse Gazette, con il suo “If it isn’t fun, you’re doing it wrong” fa mangiare la polvere alla cagatona senza alcuna base storica di Goh sul post-modernismo.

Se si vuole fare un discorso sul “punk nello Steampunk” degno della lettura di chi sa di cosa si sta parlando, ME ad esempio, quanto meno bisognerebbe usare come riferimento Nevins e lo Steampunk come Anti-Edisonata (o anche Robida o Moorcock… so più io come mettere il “punk” nello Steampunk che non quella manica di mentecatti politicizzati). Se uno non si degna di studiare gli argomenti di cui parla, farebbe meglio a stare zitto: tutti i vaffanculo che Goh si è preso (e Steampunk Magazine con lui) dopo quelle sparate su Tor.com sono stati ben meritati. ^_^

Presto la nuova arma: Butt Rogers Uranium Pistol.
La foto a destra fa vibrare di passione il mio pickelhaube.

Q: Do your products actually work? I need some oomph in my raygun.

A: No weak vibes here. Lady Clankington, herself, has personally tested each design for quality control — trust us, we do not sell anything that does not carry her seal of approval. Rest assured, she will not test any of the items you, yourself, purchase unless you really, really want her to do so (in which case, contact us and we’ll talk).

Sono tentato di farmene inviare uno testato con il video della prova… ^_^
Intanto me lo segno come possibile idea regalo per qualche amica o come gadget da infilare a turno nelle ampolle rettali di tutti gli autori italiani che si getteranno sulla moda dello Steampunk per cavarne fuori solo merda senza SE e senza MA (però con i mongolissimi occhialoni sul cappello a cilindro “tanto per” come ci ricordava, ridacchiando, G.D. Falksen).
Se qualcuno vuole sottolineare che per molti di loro sarebbe un premio invece di una punizione… beh, non ho mai detto di essere “giusto”. ^__^

Sito ufficiale: http://littledeathray.com/
Pagina su Facebook: Lady Clankington’s Cabinet of Carnal Curiosities
 

Dettagli sull'autore

Il Duca di Baionette

Il Duca di Baionette (Marco Carrara) è nato in un secolo, vive in un altro e crede di vivere in un altro ancora. Dal 2006 si occupa in modo costante di narrativa fantastica e tecniche di scrittura. Dal 2008 si occupa di editoria digitale sul suo blog Baionette Librarie, di cui si è autonominato Duca. Nel gennaio 2012 ha avviato AgenziaDuca.it per trovare bravi autori e aiutarli a migliorare con corsi di scrittura mirati. Gli stessi corsi forniti gratuitamente agli autori di Vaporteppa.

Nel gennaio 2013 ha ideato il progetto editoriale divenuto Vaporteppa nell’ottobre successivo, con la decisione di Antonio Tombolini, A.D. di StreetLib, di adottare la collana. Ora è Duca sia di Baionette che di Vaporteppa, un po' come Macbeth che ottiene una seconda baronia all'inizio della sua vicenda.
Nel gennaio 2017 ha avviato un canale YouTube.

Adora i conigli, gli scafandri da palombaro, i trattori e le fatine. Talvolta parla di sé in terza persona, come Silvio Berlusconi, i dittatori e i pazzi. Ops, l’ha appena fatto!

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2010/09/03/lady-clankingtons-cabinet-of-carnal-curiosities/

10 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. azzarol

    si può brevettare una versione a vapore o gia lo hanno fatto quando uscirono i primi congegni “anti-isteria”??? 8D

  2. zweilawyer

    Leggere questo articolo mi ha costretto a stringere un secondo cilicio sulla mia coscia. Un altro del genere e toccherà anche al mio povero membro.
    Noto una pericolosa deriva del tuo lessico verso il romanesco, smettila di frequentare certa gente.

  3. Diego

    Sono molto felice che come premio per il concorso tu abbia già scelto il ciondolino Steampunk *__*

  4. Il Duca di Baionette

    @Azzarol
    C’era già, ad esempio questo la cui domanda di brevetto è stata rigettata nel 1891:

    Ho un bel libro che parla della “tecnologia dell’orgasmo”, ovvero massaggiatori ottocenteschi e masturbazione medica. Prima o poi ne parlo.

  5. uriele

    “Ho un bel libro che parla della “tecnologia dell’orgasmo”, ovvero massaggiatori ottocenteschi e masturbazione medica. Prima o poi ne parlo.”

    Almeno il titolo o l’autore, per favore

  6. Il Duca di Baionette

    The Technology of Orgasm: “Hysteria,” the Vibrator, and Women’s Sexual Satisfaction di Rachel Maines.

  7. Alex_

    Ciao Duca, seguo il blog da un po’ ma questo è il mio primo commento.
    Avrei voluto tanto esordire con un post pieno di complimenti e proseguire poi con qualche leccata di culo ben congegnata, ma mi vedo invece costretto a criticare e a disapprovare questo articolo.
    Aprendo questa pagina mi si è parata davanti una sfilza di giocattoli erotici steampunk, e fin qui niente di grave. Il problema si è presentato quando mi sono accorto che nemmeno uno di questi gioiellini è per conigli. Ciò è ingiusto.

  8. Il Duca di Baionette

    Il problema si è presentato quando mi sono accorto che nemmeno uno di questi gioiellini è per conigli. Ciò è ingiusto

    Non è detto.
    È vero che vengono presentati come oggetti per donne, ma questo dipende anche dal fatto che il “dildo per conigli” è ancora un argomento tabù nella nostra società. Bisogna spacciarli per oggetti solo da donne anche quando il target è anche, o soprattutto, il coniglio.
    Ti faccio un esempio storico: fino a pochi decenni fa i vibratori venivano pubblicizzati sulle riviste come massaggiatori per il viso. Le signore ovviamente non li compravano per metterseli contro le guance. Ecco, il caso qui è simile.

    L’ano del coniglio è estremamente dilatabile, suggerirei la Butt Rogers Uranium Pistol: il Little Death Ray potrebbe sciacquargli dentro. ^_^

  9. iome

    questo è tecnicamente dieselpunk… o quasi

    http://www.youtube.com/watch?v=IhRZvj-vBYw

    tant’è

  10. zeros

    Illuminante e… inquietante! Meglio del Vampy (trecentomila volte meglio!), ma un po’ inquietante lo stesso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Corso di Scrittura Gratuito!
Vuoi imparare a scrivere storie emozionanti e liberare la tua immaginazione? Iscriviti senza impegno alla newsletter di AgenziaDuca.it, il mio sito dedicato alla formazione degli autori, e ricevi subito il manuale gratuito di scrittura!
Riceverai esclusivamente email pertinenti con i corsi di AgenziaDuca.it, il mio sito dedicato agli scrittori, e con i contenuti connessi al sistema di formazione. La tua email non verrà divulgata né comunicata a terzi. In qualsiasi momento potrai annullare la tua iscrizione cliccando sull'apposito link ("unsubscribe") in fondo a ogni mail che riceverai.

I tuoi dati saranno gestiti e protetti in accordo con il GDPR Europeo (Regolamento Ue 2016/679), secondo le politiche di privacy e le condizioni di servizio di MailChimp.

Rispettiamo la tua privacy.