«

»

gen 28

Stampa Articolo

I Coniglietti del Venerdì (19)

Finalmente è venerdì! Era ora.
Sette giorni senza video di conigli, solo con le foto sparse negli articoli, è un tempo troppo lungo per chiunque (ovviamente mi riferisco agli esseri umani degni di questo nome: chi non ama i conigli è un mostro).
Oggi il coniglio è Mokyu, la cui padroncina schiava è una femmina di razza giapponese. Dalla vocina, anche considerando il tono acuto tenuto per vezzeggiare il coniglio, si direbbe una loli di 15 anni. Sbagliato: in un commento rivela di averne ben 31. Le padroncine schiave dei conigli sono preoccupanti. E pure io lo sto diventando.

Nel primo video canticchia questo:

Mokyu, Mokyu, Mokyu-rin
Mokyu-rin, Mokyu-rin,
Mokyu, Mokyu, Mokyu-rin
Kawaii na

Ovvero ripete il nome del coniglio e alla fine dice “è grazioso”. In realtà kawaii intende qualcosa di più del semplice grazioso, più vicino al delizioso e graziosissimo, qualcosa da fissare in estasi, come può essere un coniglietto di due mesi che strofina il musino contro la mano della padroncina. Molto meglio essere kawaii che belli, come dicevano in un programma sul Giappone anni fa. Dal na si dovrebbe poter desumere che Mokyu è maschio, ma non sono sicuro. Sono ancora fermo a cercare di imparare qualche scarabocchio alfabetico di quelle porcate che spacciano per una lingua scritta (è notorio che i giapponesi sono analfabeti: fanno quei disegni per darsi un tono e ingannare i gaijin).

Rin come tan è un suffisso simile a chan, ma in versione bambinesca. In realtà chan stesso è la versione bambinesca di san, come chama lo è di sama, ma poi è diventato un suffisso vero e proprio per cui hanno creato tan che è il bambinesco del bambinesco… o almeno così ho capito. La scelta in questi casi tra chan, tan e rin dipende molto da come suona vicino al nome: Mokyu-rin suona molto meglio di Mokyu-tan.

Velo pietoso sul Mokyu-rin banana time che avrà attirato le fantasie degli zoofili (so che siete in parecchi a leggermi), poi delusi dal fatto che la mangi con la bocca. ^_^””

 

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2011/01/28/i-coniglietti-del-venerdi-19/

25 comments

1 ping

Vai al modulo dei commenti

  1. Mauro

    Su tan hai ragione, è la forma bambinesca di chan: un mio amico mi diceva che è una forma ultra-estrema, tipo parlare coi neonati. Si usa in alcune forme di linguaggio delle ragazze o delle ragazzine, o per eccitare i pedofili (lo considero attendibile perché ha studi sul Giappone alle spalle, ha lavorato nella traduzione Giapponese-Italiano ed è stato fidanzato per anni con una giapponese madrelingua).
    Per kawaii na, il na non implica che sia un maschio: non ha un valore semantico, denota un’intonazione; quel mio amico mi diceva che grossomodo è come aggiungere cuoricini alla fine della frase (ed è la forma bambinesca – il baby-talk, come definito da lui – di ne).

  2. Il Duca di Baionette

    Avevo il sospetto fosse maschile perché lo suggeriva un presunto madrelingua giapponese alla domanda esplicita su “kawaii na” (essi/egli è carino) come una scelta d’uso più probabile. Si sarà sbagliato. Come variante di ne serve solo a richiamare l’attenzione e come copula, beh, fa la copula. Boh.
    Mi fido delle info di seconda mano del tuo amico.

    Tan si usa anche con tante cose antropomorfe, come le varie OS-tan o Wikipe-tan o altre minchiate simili. Retard a manetta.

  3. zora

    Bene, usare le mie conoscienze giappiche per determinare il sesso di un coniglietto credo sia una di quelle cose che non consideri.
    Comunque.
    Mokyu è di sicuro un maschio, perché nel secondo filmato la padrona schiava dà voce alla gioia del coniglietto che mangia, facendogli dire umai!, altro modo di dire oishii (buonissimo!) ma usato solo dai maschi.
    Per il “na”, io in realtà posso confermare la versione del Duca, ovvero che sia la versione maschile (e non bambinesca) di “ne”.
    Il kawaii è uno stile di vita, la traduzione migliore che abbia mai letto è stata “caruccinissimo <3<3<3!!!!".

  4. polveredighiaccio

    Ah, le vocine retard! Somiglia tanto a me quando parlo coi miei gatti! E nemmeno io sono una loli! ^_^
    Però la capisco, con simili creature non si può che regredire allo stato mong… hem, infantile! ;)

  5. Il Duca di Baionette

    Mokyu è di sicuro un maschio

    Allora i video ottengono nuove certezze erotiche per attizzarmi. Piccolo, maschio, peloso, gay. Non è forse il coniglio un orso in miniatura? ^_^

    E nemmeno io sono una loli! ^_^

    Nooooooooooooooooooooooooo ç___ç

  6. Mauro

    zora:

    Per il “na”, io in realtà posso confermare la versione del Duca, ovvero che sia la versione maschile (e non bambinesca) di “ne”

    Cercherò altre informazioni; al momento ho trovato questo, che però ha validità fino a un certo punto (chiunque può dirsi madrelingua giapponese; il che non lo rende tale).
    Intanto aggiungo che a quel mio amico ho chiesto esplicitamente se kawaii na in quella canzoncina è riferito a un maschio, quindi può essere che in altri contesti il na abbia altri significati; quando lo sento gli chiedo.

  7. Il Duca di Baionette

    quando lo sento gli chiedo.

    Il Derailing è sempre attività entusiasmante.
    Noto che sei abbonato. ^_^

    Spero che la risposta dell’amico sia più affidabile di quando hai confuso sul blog di Zwei un suggerimento di scrittura secondo il “Sistema Internazionale” per uno “standard internazionale” per la scrittura delle migliaia (che poi bastava aver preso in mano un paio di libri di storia in vita propria per accorgersi della differenza tra standard editoriale e S.I.).

    Come hai scritto tu:

    chiunque può dirsi madrelingua giapponese; il che non lo rende tale

    LOL. Bisognerebbe applicarlo anche in altri casi. ^_^

    Stop derailing.
    Si parla di conigli. Se non avete da dire cose attinenti ai conigli, non ditele.

    Se mi dovesse venire davvero la curiosità di scoprire se in quel caso il “na” ha un qualche sottinteso sessuale particolare (ma Mauro mi ha quasi convinto che non è così), ho una conoscente giapponese a 200-250 metri da casa mia e le posso fare vedere il video la prossima volta che viene a pranzo con il marito. Il problema al più sarà farle capire la domanda in italiano, visto che ha ancora un po’ di difficoltà.

  8. Il Duca di Baionette

    Visto che ti sei corretto da Zwei (bravo Mauro), riporto una precisazione anche qui come l’ho messa lì:

    Comunque non è lo “spazio” è lo “spazio fine” che è leggermente più stretto. Tra i molti testi in cui è indicato questo uso dello “spazio fine” al posto del “punto” (o della “virgola” in inglese), c’è anche Manuale di Redazione della Edigeo, dove però sono proposti come equivalenti e non preferibili a priori l’uno rispetto all’altro (va solo mantenuta la coerenza d’uso in tutto il libro). Usare lo “spazio” normale non è del tutto esatto.
    Attualmente, scandagliando un 40ina di libri di storia e militaria di cui dispongo, non ho mai visto in azione lo spazio fine (manuali Cambridge, Brill, LaTerza, Mulino ecc…).

    Lo scopo dello “spazio fine” è SOLO di evitare possibili disguidi a livello internazionale tra fisici/tecnici che usano come separatore la “virgola” e chi usa il “punto” (nel caso delle decine di migliaia infatti si potrebbe confondere le tre cifre più a destra come decimali visto che chi usa la virgola per una cosa usa il punto per l’altra e viceversa) e, di conseguenza, la sua applicazione rigorosa dovrebbe avvenire solo nei manuali scientifici e nelle riviste scientifiche. Non l’ho vista granché nemmeno lì, ma comunque già di più che non in quelli di storia dove non l’ho mai vista.

    Fermo il mio derailing qui e ringrazio Mauro per il commento di correzione.

    Aggiungo che è anche banalmente ovvio che lo scomodo e poco leggibile “spazio fine” non venga quasi mai usato nei libri di storia: il S.I. si occupa di grandezze fisiche in testi scientifici, non di demografia in testi storici. E comunque una minima infarinatura di fisica può far notare che il S.I. non è rispettato nemmeno nel mondo scientifico dove allegramente KSI e altre boiate angloamericane vengono usate in testi di altissimo livello. Sigh.
    Non esistono standard fuori dalla testa di chi li vuole per forza vedere.

    Piccola nota di contorno:

    Duchino, perché certe volte scrivi LaTerza invece di Laterza?
    Perché così mi pare di stare a parlà de tette che è molto meglio delle minchiate.

    E ora torniamo ai conigli tanto i giapponesi sono analfabeti e l’editoria fa come gli gira di libro in libro (non esistono veri standard editoriali, sono balle degne di chi crede che ci sia un italiano corretto sempre -un salto sulla Crusca per godere della nuova correttezza del “a me mi” è un classico per svegliarsi dal sogno- come d’altronde fa parte dell’ABC editoriale nel mondo anglosassone scoprire che se va davvero BENE una data scelta grammaticale è avvalorata al più dal 50% degli esperti… e su un manuale di editing ho letto di uno scrittore che sfotteva, trattandoli da idioti, gli editor gay che passano il tempo uniformando il testo secondo i precedenti volumi della collana invece di preoccuparsi del libro in sé).

  9. DottorNi

    Mi somigliano tanto!! mi sto innamorando!!

  10. Clio

    A parer mio i conigli hanno un tropismo naturale verso la casseruola.

  11. Il Duca di Baionette

    Dopo attenta valutazione i coniglietti hanno deciso che…

    …Clio è cattiva.

    All’unanimità il parlamento dei coniglietti ha approvato la seguente dichiarazione:
    Clio è blutta! Blutta! Blutta! Testa di pigna! Blutta!

    Fine dichiarazione.
    Il mondo doveva sapere.

  12. Clio

    Non sapevo che i coniglietti parlassero l’elfico XD

  13. polveredighiaccio

    Atroce! Conigli in casseruola MAI! E’ un’immagine agghiacciante sotto ogni punto di vista. Brrrr.
    Prima o poi il Grande Coniglio spedirà tutte le casseruole del mondo in fonderia e userà la forza lavoro umana per operare.
    E’ il karma che lo impone.

  14. Alberello

    Verrà il giorno Clio in cui ti succederà questo
    Sappilo, avverrà.

  15. Alberello

    FINALMENTE! Diamine Duca, a volte ti odio, è tutto il giorno che sento nella testa (oltre le consuete voci) il motivetto nel primo video dicendomi: “Dove cavolo ho già sentito sta cosa?!”

    E ogni volta che mi veniva in mente impazzivo per cercare nei cassetti della mia memoria.

    Mary Had a Little Lamb

    Maria ha una fottuta pecorella! Sta cosa viene dall’america, ma la follia si è subito sparsa ovunque.

    Finalmente ho smesso di pensarci, ora posso tornare a dormire tranquillo.
    E si, sono pazzo, se avete problemi parlatene con la mia ascia bipenne.

  16. Il Duca di Baionette

    Hai indovinato la raffinata musica da camera che il Duca, modello di buon gusto per tutti, ama farsi suonare.

  17. Il Mastro

    Io mi chiedo perchè la visione di questi videi imponga una pausa “AAAAAWWWW” anche a uno che fino a due secondi prima stava ascoltando i Gnaw Their Tongues.
    Comunque il video che iutub propone come prossimo è favololosamente azzeccato.

  18. Gherardo Psicopompo

    A me è venuto in mente uno straordinario luogo adatto alla villeggiatura dei coniglietti! Malta! Un’isola meravigliosa, ricca di storia e con dei colori meravigliosi. Lì tendono ad avere una predisposizione particolare per il coniglio, che chiamano fenek.
    Ecco un esempio di tipica accoglienza maltese.

    So che questo post mi verrà cancellato in un nanosecondo :D

  19. polveredighiaccio

    Osceno Psicopompo! Finirai in fonderia insieme alle casseruole!

  20. Alberello

    Gherardo, tu nella prossima vita invece partorirai con dolore.

  21. Clio

    Ah, finalmente qualcuno che mi capisce ^_^
    Tra l’altro non comprendo come il nobile Duca possa tenere tanto in considerazione ceaturine repubblicane e democratiche come i conigli (hanno addirittura un Parlamento, a quanto ho capito).

  22. Il Duca di Baionette

    I coniglietti sono Socialisti. Quando otterranno il diritto di voto, come è giusto che ottengano essendo PERSONE nate in Italia, ci avvieremo verso la giusta Dittatura del Conigliariato, priva della corruzione delle dittature “comuniste” degli umani perché i conigli sono privi di egoismi e perfettamente altruisti. E infine, quando l’umanità non sarà più costretta al sopruso e alla violenza dalla scarsezza delle risorse (grazie ad esempio alla futura fusione a caldo, in grado di dare energia pressoché infinita -e come insegna l’esperienza dei sottomarini nucleari l’energia infinita garantisce riciclo infinito e uso infinito delle risorse, senza sprechi-), ci aspetta il Comunismo reale, condizione perfetta in cui la scomparsa del vincolo delle risorse scarse permette il fiorire dell’Utopia e del Bene.

    Tutto questo grazie ai coniglietti, gli unici in grado di disinnescare la natura corrotta e malvagia dell’uomo che pur di dominare sugli altri, esercitando il sopruso del più forte sul più debole, preferisce un mondo di macerie al posto di un paradiso di “orrenda uguaglianza”. Senza i coniglietti non vi sarà mai l’utopia fantascientifica del Comunismo.

  23. Gherardo Psicopompo

    Osceno Psicopompo! Finirai in fonderia insieme alle casseruole!

    Gherardo, tu nella prossima vita invece partorirai con dolore.

    Immaginavo che con il mio commento avrei accumulato tonnellate di karma negativo. :D
    Tuttavia, sono disposto a ricredermi nel caso in cui un tenero batuffolino di pelo azzannasse i testicoli di un certo signore che risiede ad Arcore. Non sono neanche troppo in alto, del resto.
    Ma non voglio contaminare per nessun motivo il conigliesco venerdì del blog con la politica fuffa, quindi passo e chiudo.

  24. Alberello

    Io mi chiedo perchè la visione di questi videi imponga una pausa “AAAAAWWWW”

    Merito del metodo di propaganda che ho consigliato a sua carotosità. I conigli stanno per prendere il potere, ma hanno bisogno di qualcuno che capisca appieno il modo di vivere umano, per questo mi hanno assoldato promettendomi una posizione di potere nel loro futuro impero. Sono il Joseph Göbbels della situazione.

    “Non basta sottomettere più o meno pacificamente le masse al nostro regime, inducendole ad assumere una posizione di neutralità nei confronti del regime. Vogliamo operare affinché dipendano da noi come da una droga.” Questo spiega il perchè questi video siano così efficenti nel produrre assuefazione, tanto che ne avete già bisogno almeno una volta alla settimana… presto non potrete più farne a meno, tutti amano sua maestà il coniglio.

    Questo è il nuovo simbolo del Partito Coniglista.
    Questo è l’inno del partito.
    Questo invece è il nostro ministro degli esteri.

    Preparatevi vigliacchi, un destino vegano vi attende.

    “Hail Mein Furry”

  25. ???

    Felice Anno del Coniglio!

  1. Tweets that mention Baionette Librarie » I Coniglietti del Venerdì (19) -- Topsy.com

    [...] This post was mentioned on Twitter by Simplicissimus, Il Duca di Baionette. Il Duca di Baionette said: Mokyu-rin kawaii na! http://wp.me/pd1SA-2Vk [...]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current day month ye@r *