«

»

Set 10

Stampa Articolo

Addio signor Prosciutto

Questo è il signor Prosciutto, nell’ultima foto del 3 agosto. Notate il portamento signorile, il profilo nobile, l’eleganza con cui indossa la moderna pettorina del mestiere a fianco del tradizionale cravattino di corda della sua gente, simbolo del suo antico lavoro già nel medioevo, a cui ha appeso con calcolata trascuratezza il monocolo.

Ci siamo incontrati a luglio.
Un vero signore, silenzioso, riservato, buon ascoltatore, che non faceva pesare troppo i suoi 7,9-8 kg. Pochi giorni dopo la foto è morto. Se ne è andato come era arrivato, all’improvviso (vincemmo l’onore di conoscerlo alla sagra degli alpini di Porretta Terme).
Lo abbiamo seppellito come lui avrebbe voluto, dentro di noi. In meno di tre settimane di lui è rimasto solo il ricordo di quella garbata, silenziosa, bonarietà di quando era in vita e del suo carattere un po’ ombroso, salato, dopo la morte. E le cotiche, nel freezer, per la pasta e fagioli alla veneta. So quanto teneva alla sua cotenna; lo si capiva da quegli sguardi che lanciava, credendosi non visto, alle scatole di borlotti.

Come mai i prosciutti muoiono, così, senza segnali premonitori?
Poco ancora ne sa il mondo scientifico, ma l’ipotesi più diffusa è il Death Note.

Addio, signor prosciutto.

 

Dettagli sull'autore

Il Duca di Baionette

Il Duca di Baionette (Marco Carrara) è nato in un secolo, vive in un altro e crede di vivere in un altro ancora. Dal 2006 si occupa in modo costante di narrativa fantastica e tecniche di scrittura. Dal 2008 si occupa di editoria digitale sul suo blog Baionette Librarie, di cui si è autonominato Duca. Nel gennaio 2012 ha avviato AgenziaDuca.it per trovare bravi autori e aiutarli a migliorare con corsi di scrittura mirati. Gli stessi corsi forniti gratuitamente agli autori di Vaporteppa.

Nel gennaio 2013 ha ideato il progetto editoriale divenuto Vaporteppa nell’ottobre successivo, con la decisione di Antonio Tombolini, A.D. di StreetLib, di adottare la collana. Ora è Duca sia di Baionette che di Vaporteppa, un po' come Macbeth che ottiene una seconda baronia all'inizio della sua vicenda.

Adora i conigli, gli scafandri da palombaro, i trattori e le fatine. Talvolta parla di sé in terza persona, come Silvio Berlusconi, i dittatori e i pazzi. Ops, l’ha appena fatto!

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2012/09/10/addio-signor-prosciutto/

15 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Rryl

    Onore al Signor Prosciutto

  2. 7di9

    Notizie che fanno male.
    Che riposi in pancia.

  3. Okamis

    E’ proprio vero che sono sempre i migliori ad andarsene per primi :(

  4. uriele

    Il fratello del signor Prosciutto e’ venuto a trovarmi a casa qualche settimana fa, quando il poveretto ha saputo dell’improvvisa dipartita ha avuto un malore. Abbiamo provato a rianimarlo con l’affettatrice, ma ormai era troppo tardi.

    La signora Mortadella, la moglie, e’ inconsolabile, e pensiamo che non resistera’ per piu’ di un paio di settimane in queste condizioni.

  5. iome

    io piango ancora quando ricordo i momenti di reciproco rispetto e stima con il compianto signor speck

  6. Clio

    Penso di parlare a nome di tutti nel dire che avremmo voluto essere con voi in questo momento cruciale. Onore al prosciutto.

  7. DagoRed

    Onore al camerata zampone!

  8. Anonimo Qualsiasi

    Davvero una persona squisita.

  9. Alberello X

    Oggi il mondo è un posto peggiore. :(

    Una grande persona, affettato nei modi, sempre disponibile e disposto a dare tutto sè stesso per gli altri. So da voci di paese Duca, che è morto per infarto. Il suo crudo cuore non ha retto all’omosessualità del figlio Culatello, diventato lo Zibello del circondario. Tutto poteva sopportare, tranne una vergogna simile. La sorella, monaca di Lonza, ha cercato di riportare sulla giusta via il giovane, ma è stato trovato con le mani nell’insaccato mentre accarezzava un salame nero.

    Alcuni gridano ora all’omofobia e al razzismo, ma vorrei proprio vedere loro al suo posto. Riposa in pace, caro Prosciutto, e non badare alle parole moraliste dei vegetariani, sono solo piene di indivia.

    Perché ogni prosciutto è diverso e unico a suo modo.

    Il macellaio più piccolo del mondo sta suonando questa al suo funerale.

    Ricorderò per sempre le sue ultime parole: “I am not an pig! I am not an animal! I am a human being! I … am … a … ham!

  10. Andrea

    Son sempre i prosciutti che se ne vanno per primi.
    Quattro che ci sta sempre bene…

  11. uriele

    Posso piuunare alberello? Posso? posso? posso?

  12. Alberello X

    Certo che puoi, ma senza vaselina. Mi piace farlo come vuole natura. ^_^

    Era dall’infanzia che non giocavo più a “cadavere squisito“, e dopo aver assistito alla morte di un prosciutto e a vostri commenti che gli andavano dietro non ho resistito ad abbandonare la razionalità per gettarmi nella partita. :)

    Mi piace molto giocare con voi, so sempre dove inizia la partita e mai dove si andrà a finire.

  13. Il Duca di Baionette

    so sempre dove inizia la partita e mai dove si andrà a finire.

    Credo che quello lo si possa intuire: un furgone con mezza dozzina di commentatori armati di manganelli e olio di ricino guidati da DagoRed.

  14. Andrea Rampon

    Credo che quello lo si possa intuire: un furgone con mezza dozzina di commentatori armati di manganelli e olio di ricino guidati da DagoRed.

    Io non ho trovato l’olio di ricino e il manganello. va bene uguale una peretta al glicerolo e un battipanni stagionato?

  15. Alberello X

    Uriele, dato che ti è piaciuta la versione in prosa, ho cercato di buttarne giù una versione poetica, questa è Solo per i tuoi occhi:

    L’ode al Signor Prosciutto.

    Di animo squisito, affettato nei modi;
    Fino qui giungo, per tesserne le lodi.
    Ebbe cuore crudo, adesso è di strutto;
    Terminato in coerenza, Sig Prosciutto.

    Il figlio Culatello, senza tradizione;
    Amava i salami neri, con fornicazione.
    La sorella, riservata monaca di Lonza;
    Nel tentar conversione, offrì patonza.

    Tutti gli sforzi, si dimostraron vani;
    Giaceva con insaccati, su vari divani.
    Ben presto il paese lo chiamò Zibello;
    Apostrofato vicin dell’attira uccello.

    Suo padre morì innanzi a tal vergogna;
    Ogni cosa era meglio, perfin la gogna.
    Nano macellaio suona Adagio per archi;
    I verdi d’indivia, festeggiano parchi.

    Lunga è la strada ano, stretta la via;
    Chi omosessuale non è, ne fa malattia.

    Non ho rispettato un numero preciso di sillabe, solo la grafica del blog in modo che la poesia fosse in-colonnata. xD Ho fatto 12 sillabe e mezzo, che faccio signò, lascio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *