«

»

dic 25

Stampa Articolo

Natale col Duca – “The Merry Widow” (1925)

Si festeggia il Natale con la Vedova Allegra di von Stroheim, seconda riduzione cinematografica dell’operetta omonima (Die lustige Witwe) di Franz Lehár che debuttò a Vienna il 30 dicembre 1905, con enorme successo.
Il primo film ispirato all’operetta, a sua volta basata sulla commedia del 1861 L’attaché d’ambassade di Henri Meilhac, venne realizzato in Ungheria nel 1918. La trasposizione più famosa forse è quella con Lana Turner, del 1952.
Una commedia romantica ideale per un Natale con Duchino.

merry_widow_soldati_arrapati
Un caviglia scoperta. Soldati porcelloni in delirio.
Siamo in pieno “Territorio Duchino”, insomma.

La trama in breve.
Sally O’Hara è un’affascinante ballerina statunitense di passaggio a Monteblanco, una piccola nazione inventata nell’Europa Centrale (o forse nei Balcani, insomma una “ruritania”). Con la sua esibizione a teatro conquista subito tre ammiratori prestigiosi: l’erede al trono Mirko, un principe arrogante il cui sguardo libidinoso è solo poco meno osceno di uno stupro; il principe Danilo, un simpatico donnaiolo che non fa pesare il proprio rango ai sottoposti, vede in Sally un ideale di dolcezza romantica; e infine il barone Sadoja, un ricchissimo feticista zoppo che brama i bei piedini della ballerina.
Seguono corteggiamenti e complicazioni.

Praticamente i primi due principi sono due aspetti di Duchino, mentre il barone è liberamente ispirato ad Angra. Quanto a Gamberetta, speriamo non legga questo post o subirò ritorsioni a prescindere per qualsiasi inespresso accostamento compiuto nell’intimità della mia mente. Temo di essermi guadagnato già una scarica di sale grosso e dodici dozzine di bastonate col bokken per i post degli ultimi giorni… ^_^”

 
In questo caso Erich von Stroheim è regista, produttore e sceneggiatore, ma non attore.
In perfetto stile von Stroheim, il film richiese ben dodici settimane di riprese (e fin qui ok, fece ben di peggio) e ben 592mila dollari che, secondo la Federal Reserve Bank of Minneapolis equivalgono a 8 milioni di dollari attuali. Per l’industria cinematografica dell’epoca era una spesa molto elevata. Considerate che ancora nel 1950 i biglietti degli spettacoli costavano solo 0,25 dollari, pari a 2,42 dollari del 2013, contro i 6-10 dollari richiesti oggi.

L’opera disponeva anche di una piccola parte finale in Technicolor, ma è andata perduta. Fa niente: tanto la storia è comunque completa in bianco e nero, dall’inizio fino al The End.
Buon divertimento!

 

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2013/12/25/natale-col-duca-the-merry-widow-1925/

2 comments

  1. MattoMatteo

    Quanto a Gamberetta, speriamo non legga questo post o subirò ritorsioni a prescindere per qualsiasi inespresso accostamento compiuto nell’intimità della mia mente. Temo di essermi guadagnato già una scarica di sale grosso e dodici dozzine di bastonate col bokken per i post degli ultimi giorni… ^_^”

    Stavo per suggerire a Gamberetta di usare la sua katana per castare sbarbare il Duca, poi mi sono reso conto dell’oscenità della mia proposta e ho desistito.
    Chiedo umilemnte scusa ad entrambi, e per far vedere la sincerità del mio pentimento, mi autoflagellerò lo scroto le guance, in puro stile “Bud Spencer & Terence Hill”.

  2. Angra

    Con l’aumento dell’età della popolazione, spero che prima o poi l’anacronistico “cosa vuoi fare da grande” (il disoccupato) venga sostituito da un più realistico “cosa vuoi fare da vecchio”, e io voglio fare il barone Sadoja ^__^

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current day month ye@r *