«

»

Dic 25

Stampa Articolo

Natale col Duca – “The Merry Widow” (1925)

Si festeggia il Natale con la Vedova Allegra di von Stroheim, seconda riduzione cinematografica dell’operetta omonima (Die lustige Witwe) di Franz Lehár che debuttò a Vienna il 30 dicembre 1905, con enorme successo.
Il primo film ispirato all’operetta, a sua volta basata sulla commedia del 1861 L’attaché d’ambassade di Henri Meilhac, venne realizzato in Ungheria nel 1918. La trasposizione più famosa forse è quella con Lana Turner, del 1952.
Una commedia romantica ideale per un Natale con Duchino.

merry_widow_soldati_arrapati
Un caviglia scoperta. Soldati porcelloni in delirio.
Siamo in pieno “Territorio Duchino”, insomma.

La trama in breve.
Sally O’Hara è un’affascinante ballerina statunitense di passaggio a Monteblanco, una piccola nazione inventata nell’Europa Centrale (o forse nei Balcani, insomma una “ruritania”). Con la sua esibizione a teatro conquista subito tre ammiratori prestigiosi: l’erede al trono Mirko, un principe arrogante il cui sguardo libidinoso è solo poco meno osceno di uno stupro; il principe Danilo, un simpatico donnaiolo che non fa pesare il proprio rango ai sottoposti, vede in Sally un ideale di dolcezza romantica; e infine il barone Sadoja, un ricchissimo feticista zoppo che brama i bei piedini della ballerina.
Seguono corteggiamenti e complicazioni.

Praticamente i primi due principi sono due aspetti di Duchino, mentre il barone è liberamente ispirato ad Angra. Quanto a Gamberetta, speriamo non legga questo post o subirò ritorsioni a prescindere per qualsiasi inespresso accostamento compiuto nell’intimità della mia mente. Temo di essermi guadagnato già una scarica di sale grosso e dodici dozzine di bastonate col bokken per i post degli ultimi giorni… ^_^”

(Il film non è più disponibile su YouTube, se ne trovate uno segnalatemelo nei commenti)

In questo caso Erich von Stroheim è regista, produttore e sceneggiatore, ma non attore.
In perfetto stile von Stroheim, il film richiese ben dodici settimane di riprese (e fin qui ok, fece ben di peggio) e ben 592mila dollari che, secondo la Federal Reserve Bank of Minneapolis equivalgono a 8 milioni di dollari attuali. Per l’industria cinematografica dell’epoca era una spesa molto elevata. Considerate che ancora nel 1950 i biglietti degli spettacoli costavano solo 0,25 dollari, pari a 2,42 dollari del 2013, contro i 6-10 dollari richiesti oggi.

L’opera disponeva anche di una piccola parte finale in Technicolor, ma è andata perduta. Fa niente: tanto la storia è comunque completa in bianco e nero, dall’inizio fino al The End.
Buon divertimento!

 

Dettagli sull'autore

Il Duca di Baionette

Il Duca di Baionette (Marco Carrara) è nato in un secolo, vive in un altro e crede di vivere in un altro ancora. Dal 2006 si occupa in modo costante di narrativa fantastica e tecniche di scrittura. Dal 2008 si occupa di editoria digitale sul suo blog Baionette Librarie, di cui si è autonominato Duca. Nel gennaio 2012 ha avviato AgenziaDuca.it per trovare bravi autori e aiutarli a migliorare con corsi di scrittura mirati. Gli stessi corsi forniti gratuitamente agli autori di Vaporteppa.

Nel gennaio 2013 ha ideato il progetto editoriale divenuto Vaporteppa nell’ottobre successivo, con la decisione di Antonio Tombolini, A.D. di StreetLib, di adottare la collana. Ora è Duca sia di Baionette che di Vaporteppa, un po' come Macbeth che ottiene una seconda baronia all'inizio della sua vicenda.

Adora i conigli, gli scafandri da palombaro, i trattori e le fatine. Talvolta parla di sé in terza persona, come Silvio Berlusconi, i dittatori e i pazzi. Ops, l’ha appena fatto!

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2013/12/25/natale-col-duca-the-merry-widow-1925/

2 comments

  1. MattoMatteo

    Quanto a Gamberetta, speriamo non legga questo post o subirò ritorsioni a prescindere per qualsiasi inespresso accostamento compiuto nell’intimità della mia mente. Temo di essermi guadagnato già una scarica di sale grosso e dodici dozzine di bastonate col bokken per i post degli ultimi giorni… ^_^”

    Stavo per suggerire a Gamberetta di usare la sua katana per castare sbarbare il Duca, poi mi sono reso conto dell’oscenità della mia proposta e ho desistito.
    Chiedo umilemnte scusa ad entrambi, e per far vedere la sincerità del mio pentimento, mi autoflagellerò lo scroto le guance, in puro stile “Bud Spencer & Terence Hill”.

  2. Angra

    Con l’aumento dell’età della popolazione, spero che prima o poi l’anacronistico “cosa vuoi fare da grande” (il disoccupato) venga sostituito da un più realistico “cosa vuoi fare da vecchio”, e io voglio fare il barone Sadoja ^__^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *