«

»

gen 10

Stampa Articolo

Mondadori, un editore passivo aggressivo

Come saprete su UltimaBooks.it non si vendono più eBook del gruppo Mondadori. Se ne è già parlato da altre parti (qui e qui) e poi ovviamente c’è questo articolo che non c’entra niente con la questione.
Ecco la lettera con cui Mondadori ha chiuso il rapporto con UltimaBooks:

Da: Direzione Trade
Data: venerdì 20 dicembre 2013
Oggetto: distribuzione di ebook del catalogo Gruppo Mondadori presso il vostro store

La presente per informarvi che a partire dal 1/01/2014 si intenderanno definitivamente cessati i contratti tra le società del Gruppo Mondadori e Simplicissimus Book Farm Srl, stipulati in data 1° febbraio 2011 e successivamente rinnovati fino al 31/12/2013, riguardanti la distribuzione dei cataloghi ebook delle seguenti case editrici:

Edizioni Mondadori
Giulio Einaudi Editore
Sperling & Kupfer
Piemme
Harlequin
Electa Mondadori

Cordiali saluti,
Direzione Generale Libri Trade
Mondadori

Una lettera “anonima”, senza spiegazioni. Le singole persone scrivono, non le entità collettive. È interessante notare l’assenza di spiegazioni perché poi alla richiesta di un giornalista di Affari Italiani è apparsa una persona “con nome e cognome” di Mondadori che ha spiegato nel dettaglio le motivazioni, come fa notare Antonio Tombolini che si è trovato costretto a rispondere dopo questa presa di posizioni ufficiale.
Estremamente corretto dire le cose ai giornalisti e non ai partner, eh?

Il modo migliore per vendere secondo Mondadori.

 
Vediamo cosa spiega la signora Nome-e-Cognome (miracolo!) Sandra Furlan:

Non c’è alcun problema personale, né con Ultima Books, né con altre realtà, grandi e piccole, con cui chiuderemo i rapporti nei prossimi mesi.

Ah, altre chiusure attese! Visto che avevo ragione qui? Si ha sempre ragione a pensare che certi editori si tireranno la zappa sui piedi, uomini di poca fede!

Se non abbiamo rinnovato il contratto con Ultima Books e con un’altra piccola realtà italiana, come pure con una grande realtà internazionale della telefonia, di cui al momento non posso fare i nomi, è solo ed esclusivamente per motivazioni commerciali. Se una realtà, grande o piccola che sia, cresce meno, per noi è preferibile concentrarci su altri portali, italiani e non.

Due altre chiusure?
Una non si fa fatica a interpretarla come CuboLibri, il negozio di Telecom Italia, e l’altra potrebbe essere il buon BookRepublic (spero per loro di no). Aspetteremo e vedremo.
Mondadori vuole darci a bere che riuscivano a occuparsi di migliaia di librerie fisiche, rifornite con i furgoni dai loro magazzini, ma collassano per una dozzina di negozi online riforniti via software? Per piacere…

Interessante, come sottolineato anche da Tombolini nel suo post linkato prima, che la motivazione possa essere il tasso di crescita e non i valori numerici. La Furlan lo chiarisce anche dopo che non si tratta di preferenza per i colossi, ma solo di filosofia di distribuire esclusivamente a chi ha tassi di crescita maggiori.
Meglio un negozio che passa da 10mila a 15mila euro (+50%) netti fatti guadagnare rispetto a un gigante che passa da un miliardo di euro a un miliardo e cento milioni di euro (+10%), secondo Mondadori. GENIALE!

Considerando pure che rifornire di eBook i negozi online, checché ne pensi Marina Berlusconi che forse immagina camion su camion carichi di chiavette USB piene di eBook, non causa alcun costo particolare di rilievo e solo guadagni in percentuale sulle vendite, appare ancora più buffa l’idea di chiudere ben TRE punti vendita sui quindici che avevano in totale.

Besieged Libyan City Of Misrata Struggles Against Gaddafi's Forces
Un carico di eBook secondo Mondadori?

 
Buffa soprattutto perché questo gruppo di menti illuminate dell’editoria si è da pochi mesi esibito in un pianto greco da madre napoletana al funerale del figlio per come vanno tanto male le cose alla Mondadori (non per la multa, che da sola vale due volte tutto il gruppo, si parlava proprio di guadagni), che guadagna sempre meno, che da due anni è sempre in passivo, che per sopravvivere deve chiedere aiuto ai suoi partner.

Infatti chiese a TUTTI di restituire un 5% dei propri guadagni legittimamente ottenuti per donarli al sostentamento di Mondadori, tanto duramente colpita dalla crisi. Mia risposta spassionata al gruppo, se fossi stato un suo partner a cui sta per chiedere indietro dei soldi… scusate i toni formali, ma riporto quella che sarebbe la mia risposta ufficiale: “Cosa pensi, che la crisi ha colpito solo te, disgraziato? A me chiedi i soldi, a me? Brutto merdone assassino, dovrebbero stamparti la nuca di sberle! Vai a lavorare!”

Secondo qualcuno l’eventuale rifiuto è il vero motivo della cacciata:

Non avete aderito alla restituzione del 5 % come richiesto in fase di “selezione dei partner” ? Quello che si leggeva tra le righe era questo: chi non accetta la riduzione del 5 % e’ fuori.
[...]
Antonio Tombolini rileggi la lettera. Io la avevo letta e al netto dei giri di parole il succo era proprio questo: signori cari noi applichiamo retroattivamente una riduzione del 5 % chi non ci sta non passa la “selezione”. Ti fa onore non aver ceduto a questo ricatto !

Ed è lo stesso gruppo che, parola del responsabile del settore trade Cavallero, ha avuto due mesi di vendite degli eBook in calo
… mentre gli altri crescevano mediamente del 240%! Dato calcolato su una statistica che comprende il 40% di tutti gli eBook in commercio ed editori come Fanucci, DeAgostini e Newton Compton.

Questo è il genere di azienda disastrata, così ridotta nel proprio valore e senza prospettive sicure da ricattare i precari per farli divenire partite IVA (“e chi non ha accettato… a casa”), che dovrebbe baciare i piedi di chiunque le lanci un euro! Valore che è fatto anche da vagonate di libri da macerare che NON VERRANNO MAI VENDUTI e che vengono considerati lo stesso magazzino, pratica comune tra i grandi editori, al solo scopo di ingannare quei rincoglioniti dei bancheri per farsi dare altri anni di prestiti.
Con un simile passivo si permette pure di essere aggressivo con chi non bacia i piedi?

Siamo sempre aperti a nuove collaborazioni, anche con aziende italiane, grandi e piccole che siano, e lo dimostrano alcuni contratti che abbiamo firmato recentemente, non c’è alcuna chiusura a priori da parte nostra, e nessuna preferenza per i colossi dell’editoria digitale.

Suona tanto come una balla, soprattutto quando nel frattempo raccontano di voler accelerare sugli eBook.
Una balla diversa rispetto a quella che avevo ipotizzato, per puro giuoco di fantasia, dei guadagni totali insufficienti e molto più stupida. Bravi, quando devo fare affidamento sulla stupidità non mi deludete mai.

I riccastri svogliati del Gruppo Mondadori,
sempre attenti durante le lezioni di Economia.
this class is ridiculous_frame_0005
Mondadori: “Si gioca a rava?”
Einaudi: “E come si gioca?”
Harlequin: “Te ci metti il culo e io la fava!”
Piemme: “No no, giochiamo a randazzo!”
Sperling & Kupfer: “Voi mettete il culo e noi il cazzo?”

 
Fin qui me la sono presa con loro come se fossi un loro disgraziatissimo azionista che si tocca il sacco scrotale e spera che non vada tutto in carta straccia, ma se cambio il punto di vista, se prendo quello di un negozio escluso… chissenefrega?

Siamo sinceri: Mondadori vale il 27% del settore libraio cartaceo, ma questo non significa che valga altrettanto sul digitale dove ci sono MOLTE realtà diverse e molti editori che si stanno impegnando alla grande, come Newton Compton. Quanto varrà Mondadori, a occhio, la metà di quanto vale fuori dal digitale?
Con i tassi di crescita degli altri, +240%, si può rinunciare al bel destriero lucente che in piena corsa ha preso una storta e con il lucido da scarpe disciolto dalla pioggia digitale si è rivelato un ronzino zoppo.

Il 2014 può rivelarci ciò che fino a poco tempo fa era pensato impossibile: vendere libri ignorando Mondadori come se non esistesse, come se fosse l’ultimo dei minchioni.

Da quest’anno un autopubblicato su Narcissus raggiungerà più store di un autore Mondadori: diciamo anche questo, se parliamo di un editore come di qualcuno che diffonde le opere!

 

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2014/01/10/mondadori-un-editore-passivo-aggressivo/

10 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. drstins0n

    E molto semplice, per quanto mi riguarda ora non comprerò nemmeno più gli urania, il 2014 sarà l’anno in cui se un libro è della mondadori allora lo leggo in inglese (se non è un classico che si trova anche edito da altri editori).

    Siamo sinceri: Mondadori vale il 27% del settore libraio cartaceo, ma questo non significa che valga altrettanto sul digitale dove ci sono MOLTE realtà diverse e molti editori che si stanno impegnando alla grande, come Newton Compton. Quanto varrà Mondadori, a occhio, la metà di quanto vale fuori dal digitale?

    Senza contare che gli ebook ancora non vengono usati dalla massa, da quelli che comprano i libri in vetrina, da quelli che comprano i libri delle celebrità e di Vespa: il mercato digitale si è riequilibrato e mondadori potrebbe anche rimetterci le penne -sicuramente la posizione-.

  2. Federico Russo "Taotor"

    Il 2014 può rivelarci ciò che fino a poco tempo fa era pensato impossibile: vendere libri ignorando Mondadori come se non esistesse, come se fosse l’ultimo dei minchioni.

    “E ammè chemmenefregammè, io ciò il diesel”, i grandi autori li si pirata e i piccoli che meritano li si sovvenziona.

  3. The Old Gamer

    Meglio un negozio che passa da 10mila a 15mila euro (+50%) netti fatti guadagnare rispetto a un gigante che passa da un miliardo di euro a un miliardo e cento milioni di euro (+10%), secondo Mondadori. GENIALE!

    Qualche geGnio dell’economia ti risponderà senz’altro che quel 10% del gigante vale più del 50% del negozio, scordandosi però che la regola base dell’economia è che prima ancora di percentuali e valori assoluti, l’unico dato che ha valore è quello in attivo. In qualsiasi azienda seria è giusto togliere rami in attivo solo e soltanto se si ha intenzione di convogliare quelle energie in altri rami dal maggior profitto a parità di sforzo. Peccato che non sia ciò che (im)Mondadori sta facendo. Senza contare che a voglia di eliminare “negozietti” il valore totale si trasforma in cifre su cui, soprattutto in un periodo di crisi come questo, non c’è da sputarci sopra.

    Non so, più passa il tempo, più (im)Mondadori appare come un’azienda in stato confusionale. Che poi avevo già cominciato a sospettarlo quando qualche mese fa ho comprato un loro e-book e al momento del download mi ha citofonato a casa un negro. Oh, ci ho provato in tutte le maniere, ma proprio non ne voleva sapere di entrare nel mio lettore :(

  4. Il Duca di Baionette

    un negro

    Diversamente bianco.
    Dobbiamo essere cortesi e avere pazienza con i meno fortunati e aiutarli il più possibile a elevarsi.

  5. Tolman

    Mondadori? Mondadori, Mondadori… il nome mi dice qualcosa, ma non sono sicuro di ricordarmi chi o cosa. Sarà che da anni leggo direttamente in inglese ché faccio prima.
    Ah, adesso ricordo! Era quella casa editrice acquistata in maniera “legalmente disinvolta” da un tizio bassino e sgarbato, bravissimo come imbonitore ed incapace come affarista, che si era buttato in politica per sfuggire alla galera per evasione fiscale/bancarotta fraudolenta/concorso in associazione a delinquere etc. etc. etc., giusto? Quella che ora è in mano alla figlia del tappo, che di gestione d’azienda ne capisce anche meno, o sbaglio?

  6. Il Duca di Baionette

    Tra molti autori di sinistra va di moda dire che non c’è nulla di male a farsi pubblicare da lui, perché “gli si prendono soldi / si frega il nemico”.
    Peccato che sia vero solo se il libro va male: se uno è un personaggio famoso come l’amato El Presidente a Vita o San Drone da Zieri, insomma se il libro ha forti possibilità di andar bene, a guadagnare dopo le prime poche migliaia di copie è sempre l’editore.

    L’unico modo per operare onestamente come loro (non El Presidente, altri) vorrebbero fare è pubblicare apposta merda sperando che fallisca: così si frega l’anticipo e Mondadori va in passivo sull’opera.

    Effettivamente molti da un po’ lo stanno facendo…
    ^_^

  7. Angra

    Uno che gli frega l’anticipo per una trilogia che poi non vende nulla allora è da Medaglia d’Oro al Valore della Resistenza ^__^

  8. Zweilawyer

    Mondadori sta morendo lentamente, ma sperava di farlo in modo ancora più lento. I bilanci parlano ogni anno in modo più chiaro.

  9. Nicholas

    Btw non mi sembra sto big deal che uno store digitale resti senza libri Mondadori, i lettori digitali sono pochi ma sono più attrezzati per aggirare questo genere di problemi, il salto logico da “compro un libro” a “downloaddo un libro” una volta che uno entra nell’ottica e-reader è breve.

    Presto o tardi i libri andranno a morire e non perchè si espanderà la fascia attuale degli e-reader, ma perchè coloro che non li usano moriranno e la generazione dopo leggerà tutto da tablet.

    So long Mondadori and thanks for all the Urania.

    (Btw prima di sta querelle manco sapevo che esisteva un editore on line chiamato UltimaBooks, effetto Streisand?)

  10. MattoMatteo

    Posso solo ipotizzare che alla Mondadori si siano dimenticati di leggere il tuo saggio, e siano rimasti all’idea che “libri digitali = pirateria = perdita di soldi“… patetici!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current ye@r *