«

»

Nov 05

Stampa Articolo

Tornato da Lucca Comics & Games

Come ricorderete l’edizione 2012 era divenuta famosa per aver tramutato il “caos” di un tipico Lucca Comics & Games in un autentico collasso. Nel 2013 era andato anche peggio. Nel 2014, pur con l’area Junior ampliata e allontanata dalla zona Comics e con l’area Japan Town ingigantita e allontanata da tutto il resto… il collasso è stato ancora più violento.
Calca da spintonarsi nei momenti peggiori, ambulanze bloccate e ovviamente i soliti imbecilli che hanno dato il permesso di fare la lentissima (e francamente cretina) “zombie walk” a quelli di Umbrella, che si beccavano pure qualche vaffanculo dalla folla obbligata a rimanere ferma e immobile accalcata a bordo strada, causando ingorghi devastanti che impiegavano poi decine di minuti a risolversi.

Fisicamente non bastano le strade, soprattutto perché l’area Comics fa da passaggio quasi obbligato da Games a Japan e viceversa. Le strade collocate a metà tra un’area e l’altra sono abbastanza libere, per cui quando ci si allontana di un 200-300 metri o ci si infila in vie secondarie si respira meglio. Aver allontanato ancora di più tutto e aumentato gli spazi ha solo permesso di realizzare l’evento “ancora al collasso” invece di renderlo del tutto impossibile.
Dai quasi 220.000 visitatori complessivi (biglietti e non) del 2012 ai 400.000 del 2014. Concordo con la cosplayer Giorgia Vecchini che ormai ci sarebbe da andare solo i primi due giorni, giovedì e venerdì, quando la ressa è accettabile, e saltare i due di calca peggiori.

Un momento relativamente tranquillo: come potete vedere ci si muove senza doversi spingere o rimanere incastrati.

Un momento relativamente tranquillo: come potete vedere ci si muove senza doversi spingere o rimanere incastrati.

Considerando la calca e i genitori con i bambini nel passeggino in quella ressa, prima o poi il merdone con morti e feriti ci sarà se non si comincia a cambiare molto l’evento e la distribuzione degli spazi, anche in relazione ai flussi di spostamento. Quello che servirebbe, quando si hanno 240.000 visitatori paganti e 400.000 totali, è trovare un modo di ridurre i disagi per chi caccia i soldi e ha maggiori diritti a spostarsi decentemente da un padiglione all’altro. Senza contare i pericoli sulle mura, così intasate che ci si spintona fino al bordo non protetto, che dà su circa 7 metri di caduta. Geniale. Le fortificazioni di Lucca erano state pensate per difendere la cittadinanza dalle moderne artiglierie, non dall’assalto dei turisti. ^_^

Non vedo come risolvere il problema, essendo le attuali piazze già saturate come spazi… magari occupando più piazze ancora, dividendo i fumetti in ancora più padiglioni distanziati o realizzando un altro padiglione Comics fuori dalle mura (ma non vedo spazi paragonabili a quello del Games). Si è arrivati già a suggerire la creazione di corridoi di passaggio privilegiati per chi ha il biglietto, bloccando strade per l’accesso ai soli residenti e ticket muniti. Non so che complicazioni possano esserci dietro per i residenti, ma non penso risolverebbe il problema di piazza Napoleone da cui si accede anche al Palazzo Ducale in cui la mostra è sempre stata libera per tutti i visitatori anche senza biglietto.

Il metodo Lucca 2014 per evitare la calca con centinaia di metri di coda e accedere alle mura.

Il metodo Lucca 2014 per evitare la calca con centinaia di metri di coda e accedere alle mura.

Cominciamo con un aneddoto del viaggio. Arrivato a Milano Centrale, nell’oretta di attesa per il treno verso Genova Piazza Principe, sono passato come sempre alla Feltrinelli. Giro tra la sezione storica, ricchissima ormai di libri di memorie e di saggi sulla Grande Guerra. Il che è sempre una bella vista. Meno bella l’area delle novità, dove una dozzina o poco meno di copie dell’ultimo parto di Licia Troisi mi osservano.

Sollevo l’informe massa marrone editoriale, avvolta in una fascetta grande in modo imbarazzante (come un terzo della sovraccoperta!), convinto di potermi divertire con la prima pagina… e chiudo dopo aver visto quattro avverbi in -mente buttati così fuori luogo, così a cavolo, in sola mezza paginetta iniziale, che è evidente che siano lì a bella posta per dire “Lo so che non si scrive così, macazzomifrega?” La Licia di 10 anni fa non scriveva col turboschifo così a manetta. Grazie Licia, mi hai rovinato la lettura delle nuove avventure di Nihal. Forse. Ora ti voglio un po’ meno bene. Forse.

Proseguo per 40 minuti a cercare narrativa tra Fantasy e Fantascienza di un qualche interesse, frugo sconsolato nel mainstream e alla fine compro scegliendo tre tra le poche cose decenti del negozio (saggistica esclusa). Le trovate nello scontrino.

Ottimi acquisti in Feltrinelli.

Ottimi acquisti in Feltrinelli.

Torniamo a parlare di Lucca.

Sono stato a Lucca come nei due anni scorsi con Angra e ho approfittato dell’evento per incontrare Giuseppe, un autore scelto per Vaporteppa dopo un anno di lavori e con cui ho fatto amicizia. Per cui sì, visto che da anni il mio criterio della scelta sul web degli amici con cui stringere rapporti si basa sul rispetto per le loro capacità, ne consegue che finirò a pubblicare sequenze di amichetti. Non posso farci niente, finisco per tramutare in amichetti ottimi autori selezionati tra sconosciuti (o gente di cui non mi fregava nulla… o mi stava pure sulle scatole: ciao Lucia!). Ho rovinato anche l’illustratore delle copertine, Preitano, temo.

Non vi faccio il passaggio logico necessario per capire la differenza tra avere un “amichetto senza competenze e quindi pubblicarlo” oppure decidere che un “tizio molto competente che si ritiene adatto da pubblicare meriti amicizia”. Sarebbe una spiegazioni umiliante per chi ha un Q.I. a 3 cifre, e quindi ci arriva da solo, e sarebbe una spiegazioni inutile per gli svantaggiati a cui concetti come oggettività, meritocrazia e metodo scientifico scorrono addosso come l’acqua, in quel torrente di non sequitur in cui fanno abluzioni ogni giorno. Ciao G.L.!

Arrivo a metà pomeriggio di giovedì. Prima tappa: la mostra al Palazzo Ducale. Tra parentesi il Palazzo Ducale, che ha il Cortile Carrara, è ovviamente mia proprietà, ma gli abusivi ci si sono infilati e, come saprete, in Italia far uscire gli abusivi è praticamente impossibile. Disgraziati farabutti. La mostra aveva opere di Silver, di una tizia israeliana (credo) di cui non mi frega nulla, del manga Le bizzarre avventure di JoJo, roba inedita del fumetto Walking Dead, videogiochi e altra roba. Ho fotografato le opere più significative.

conigli1 conigli2 conigli3

Primo giorno, venerdì.

Vado in biglietteria a prendere l’abbonamento da due giorni e il primo bracciale. Coda corta, pochissimi minuti, forse nemmeno 4. Un po’ come nei due anni prima. Missione del giorno: far fuori l’area Comics, nello specifico i due padiglioni Napoleone e Giglio, controllando bene il più possibile gli stand di interesse. Quindi camminare lenti e fermarsi molto. Molto. Molto tempo. In alcuni casi proprio molto. E dopo un po’ era chiaro che si poteva pure andare più svelti, ma tanto valeva farsi del male ancora per quest’anno, per togliersi i dubbi e dare il massimo dell’attenzione a qualsiasi albo che apparisse vagamente promettente.

Già a fine mattinata mi giravano le palle per la ressa formatasi nel frattempo un po’ ovunque. Eppure non ho sentito il bisogno di sorseggiare dalla fiaschetta col Jack Daniel’s aromatizzato al miele, che pure avevo predisposto per sopravvivere a momenti di demenza eccessiva. Nel pomeriggio, avendo fatto un po’ di acquisti, si aggiunge la rottura di palle di portarsi la roba in giro alla ressa nel frattempo ancora aumentata. Ho sorseggiato, ma poca roba…

Acquisti in foto: un manuale di prospettiva di Euromanga consigliatomi da un amico che lo ha trovato molto buono (e infatti in copertina c’è una con gamberetteschi capelli rosa); la raccolta dei migliori fumetti di Eisner realizzati per la rivista mensile di manutenzione veicoli dell’esercito (bellissimo, parte da subito col botto con la spiegazione di come si posiziona il carico su un camion); Signor Mardi Gras Delleceneri vol. 2 (il primo volume mi era piaciuto molto, ma io ho un debole per gli scheletri e per il regno dei morti simile a quello dei vivi); un manuale di lezioni sul fumetto consigliatomi da Preitano; un saggio generale sui fumetti (ne compro spesso, ormai); un fumetto italiano in vari volumi (che ho preso tutti per supporto e simpatia) di cui mi erano piaciute molto le copertine e sfogliandoli non mi dispiacevano parecchie vignette (lo stile era da manga standard, ma sembrava promettente e curato… come potete intuire, devo ancora leggere questi acquisti!).

acquisti_th

Mi è difficile resistere alla combinazione “capelli rosa corti e occhi verdi”.
Come è naturale che sia.

Ovviamente gli acquisti migliori, a parte il volume di Eisner, sono stati questi:

chevitadimecha_th

Con soli 12,50 euro ben 5 albi. Non conosci i fumetti di Sparker?
Li trovi qui: http://www.thesparker.com/

Secondo giorno, sabato.

Arrivo in biglietteria alle 9 in punto, convinto come i due anni precedenti che fosse sufficiente. No. In più la coda non è divisa tra Biglietti e Abbonamenti, per cui bisogna salire in cima alla coda e aspettare di venire divisi alle prime tende gialle, dove la consegna gratuita delle Red Bull contribuisce al collo di bottiglia. La coda è lunghissima, si vede fin dall’ingresso in Porta Sant’Anna. Arrivo ai tendoni gialli e guardo la coda… arriva fino alla curva, dove c’è l’accesso di Umbrella. Arrivo lì. Prosegue ancora oltre… totale calcolato con Google Maps: 140 metri. Sembrava di più.
Giuseppe aveva appena finito la coda, essendo arrivato 30 minuti prima. Mi raggiunge dopo un po’… in circa 40 minuti, poco meno, ho il bracciale del giorno.

Il secondo giorno, avendo finito il giro della zona Comics, ero libero di girare a piacere e chiacchierare. Ho lasciato Angra e compagna alle loro attività legate a illustrazioni/conferenze e ho passato la giornata con Giuseppe, venuto apposta lì per incontrarmi e parlare di lavoro dal vivo. Per un paio di ore si è aggiunto anche Preitano, per un secondo giro rapido in Comics con Giuseppe che ancora non aveva visto nulla. E meno male che ci siamo andati! Così ho incontrato Ivan Cenzi di Bizzarro Bazar dal vivo e mi sono fatto autografare La Veglia Eterna, il volume fotografico sulle Catacombe dei Cappuccini di Palermo!

autografo_veglia

Bizzarro Bazar è uno dei miei siti preferiti! ^_^

Fortunatamente pure Durigon è riuscito a liberarsi un’oretta per venire con me e Giuseppe a guardare statuette nude in PVC alla periferia dell’area Japan (fuori dalla Japan Town, il padiglione di piazza San Francesco). Immancabile il fotografo di 120 kg circa, sui 40-45 anni, con obbiettivo lungo come un mug, che faceva foto alla teca con le statuette coi capezzoli in vista. Mi ha fatto sentire normale, al confronto. Grazie di esistere, fotografo porcone: grazie a te e a quelli col capello di paglia di Rufy da One Piece. Cure ambulanti per l’autostima.

Prima tappa successiva la mostra nella Chiesa di San Francesco, davanti al padiglione. Un artista giapponese con opere in mostra che quando costavano poco erano 800 euro e facevano pensare “Mio cuGGino con 8 euri”. Ci salvano le teche piene di statuette di robottoni di Go Nagai, un po’ di Gundam e altra roba mista e… all’improvviso l’unica Estelle di Tales of Vesperia che ho visto quest’anno. In Chiesa, per giunta! Foto obbligatoria, una delle pochissime fatte.

Un cosplay morale: parrucca rosa e pochissima pelle esposta!

Un cosplay morale: parrucca rosa e pochissima pelle esposta!

Credo di aver un po’ spaventato Giuseppe.
Ogni volta che passava una cosplayer con i capelli rosa, glielo dicevo e indicavo dove. Incluso un commento se era un rosa inadeguato a Gamberetta: “Capelli rosa a sinistra, avanti. Ma è magenta, non contano.” Secondo Giuseppe le ho individuate tutte quelle che nella folla abbiamo incrociato. Ce ne era una di cui non ho capito il cosplay, ma era proprio bella, con un caschetto rosa pastello gamberettesco e un costume in bikini di scaglie metalliche e stivaloni.

Passando di fronte alla vetrina di una libreria, di fronte alla novità esposta, fornisco a Giuseppe una breve consulenza editoriale spontanea: “Ecco una pila di merda.” Mi fissa ammirato dalla mia capacità di sintesi critica. Ho studiato molto, lo so.

La pila di merda, con la forma a spirale della cagatina da cartone.

La pila di merda, con la forma a spirale della cagatina da cartone.

A proposito della nuova stampata fumante di Nihal!
Sono ovviamente andato alla conferenza con i vari autori Mondadori Chrysalide assieme. A parte Strukul, che è stato il migliore del gruppo (e viene da chiedersi che ci facesse lì… ok, per la collana, ma sembrava una scalinata sopra gli altri), in generale è stato 40 minuti di pura demenza. Tra risposte che lasciavano a bocca aperta per l’idiozia o, forse è pure peggio, per la mediocrità, ciò che stupiva ancora di più era la nullità intellettuale delle domande fatte da, se ho capito giusto, l’editor della collana. In quelle condizioni era un miracolo non fare la figura dei gonzi. Imbarazzanti anche le domande dei fan, soprattutto la prima che sembrava così recitata e farlocca da far sospettare che fosse un intervento programmato per rompere il ghiaccio e stimolare gli spettatori a partecipare.

Il buon Giuseppe era in pieno fantatrashock, lo stato di stupore catatonico e imbarazzo in cui si precipita quando ci si scontra dal vivo con ciò che si sperava esistesse solo online. Ciò che farebbe sghignazzare leggendolo, riempe di imbarazzo e fastidio sentendolo dal vivo da persone chiaramente “umane”. Stava addirittura per fare una domanda a Licia, per chiedere quanto cazzo erano alte le montagne da cui si scende in volo per giorni e giorni. L’ho fermato. Più volte. Non si fa, non è educazione…
… e tanto Licia avrebbe rigirato la cosa per far sembrare una sua stronzata scritta nero su bianco come qualcosa di secondario che interessa solo pochi stalker monomaniaci. Non è nata ieri, Licia: figurarsi se è così scema da non saper ribaltare le sue colpe a danno di chi le segnala. Legge degli eventi pubblici: la colpa è sempre di chi indica la merda, non di chi l’ha cagata. ^_^

Foto atroce, giusto per testimoniare che eravamo lì! Licia sei grande!!! Viva Nihal!!!!!111

Foto atroce, giusto per testimoniare che eravamo presenti!
Licia sei grande!!! Viva Nihal!!!!!111

E poi ero ancora tentato di comprare una copia all’ultimo e farmela autografare dalla divina Licia in persona! Lo schifo per quanto sentito mi ha fatto desistere. No, non è vero: Licia è così divina che non riesco ad avvicinarmi nella mia pochezza, mi tramuterebbe in sale. Nel 2009 a Torino ero riuscito ad avvicinarmi a un metro e mezzo solo perché GL allo stesso tavolo compensava.
Io e Giuseppe eravamo concordi a pensare che la Chiesa di San Romano ospitando una simile porcata era davvero sconsacrata, peggio che ad averci ammazzato qualcuno sull’altare.

Giornata conclusa con una proiezione di corti giapponesi.
Quello che ho preferito è stato Shashinkan di Takashi Nakamura, arrivato fuori dal Giappone come The Portrait Studio. La storia è toccante e racconta la modernizzazione del Giappone attraverso il rapporto tra un fotografo e una famiglia, dai primissimi anni del ‘900 (o fine ‘800) fino a una sessantina o settantina di anni dopo.  Il trailer è all’inizio del video qui sotto.

All’inizio un giovane fotografo incontra nel proprio studio per un ritratto fotografico un ufficiale e, si intuisce, sua moglie. Per vincere la timidezza della ragazza e farla sorridere, le mette in mano dei fiori. La volta dopo la coppia torna con la figlia nata da poco, ma qualsiasi cosa il fotografo faccia non c’è verso di togliere alla neonata l’espressione di disapprovazione. Attraverso gli anni, il terremoto, la guerra, la neonata diventa bambina, ragazza, donna e il fotografo continua a fallire nell’immortalarla sorridente.
L’espressione da Disapproving Gamberetta rimane sempre fissa durante la foto, sparendo solo raramente. Alla fine la donna ha una rivelazione, pensando al figlio morto in guerra, al marito e alla madre, il cui ritratto è ancora esposto con orgoglio nella bacheca del fotografo… e sorriderà, nella foto fatta assieme al vecchio fotografo.

Il momento migliore di Lucca Comics & Games è stato al sabato l’incontro col terzetto musicale che in cambio di donazioni di poche monete cantava a un incrocio. Molto meglio dei giappominkia (o perfette imitazioni canore) sul palco ogni sera, questo è sicuro. Grazie a Giuseppe per il filmato.

E il prossimo anno quasi di sicuro a Lucca ci sarò per lavoro, con Vaporteppa.
Dove, come e con chi, è da definire.
Ma ci stiamo muovendo già.

Dettagli sull'autore

Il Duca di Baionette

Il Duca di Baionette (Marco Carrara) è nato in un secolo, vive in un altro e crede di vivere in un altro ancora. Dal 2006 si occupa in modo costante di narrativa fantastica e tecniche di scrittura. Dal 2008 si occupa di editoria digitale sul suo blog Baionette Librarie, di cui si è autonominato Duca. Nel gennaio 2012 ha avviato AgenziaDuca.it per trovare bravi autori e aiutarli a migliorare con corsi di scrittura mirati. Gli stessi corsi forniti gratuitamente agli autori di Vaporteppa.

Nel gennaio 2013 ha ideato il progetto editoriale divenuto Vaporteppa nell’ottobre successivo, con la decisione di Antonio Tombolini, A.D. di StreetLib, di adottare la collana. Ora è Duca sia di Baionette che di Vaporteppa, un po' come Macbeth che ottiene una seconda baronia all'inizio della sua vicenda.
Nel gennaio 2017 ha avviato un canale YouTube.

Adora i conigli, gli scafandri da palombaro, i trattori e le fatine. Talvolta parla di sé in terza persona, come Silvio Berlusconi, i dittatori e i pazzi. Ops, l’ha appena fatto!

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2014/11/05/tornato-da-lucca-comics-games/

32 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Il Duca di Baionette

    Ho aggiunto nel post un commento sul bel Shashinkan di Takashi Nakamura, con video del trailer.

  2. Clio

    Oh, ma io volevo qualche perlina di cacca precisa dalle vere labbra di Licia! Duca, hai solo Raccontato la débacle, non l’ha Mostrata! :( Ora sono triste e dovrò farmi una pera di laudano…

    Il fumetto del meccanico pare molto ganzo. Me lo segno.

  3. Il Duca di Baionette

    Ho cercato video dell’evento, ma stranamente non ce ne sono! Comunque era mediocrità pura, nulla di sconvolgente (se non dal vivo).

  4. Merphit Kydillis

    Duca, due domande:

    1) Ma Nihal non muore negli eventi precedenti della II* trilogia? Il nuovo romanzo di Licia sono dei racconti inediti di Nihal o la fa ritornare in vita?

    2) Non hai visto stand o promoter riguardo E. J. Allibis, l’AntiGamb… ehm, volevo dire, quello/a che viene pubblicato/a dalla DeAgostini?

  5. Il Duca di Baionette

    1. Se ne è già parlato tre o quattro volte: la descrizione che trovi nei negozi dice che sono vicende avvenute prima che muoia, raccontate da un cantastorie che fa da cornice narrativa.

    2. Gli editori di narrativa stanno quasi tutti in Games (se hanno anche fumetti li tengono in uno stand separato in Comics: Mondadori e Rizzoli fanno così). C’è qualcosina di narrativa fuori Games, in Comics, ma poca roba.
    Non sono stato in Games.

  6. Federico Russo "Taotor"

    Ho cercato video dell’evento, ma stranamente non ce ne sono!

    “Coincidenza? Io non credo.”

    Il gruppetto di musicisti barbuti spacca! \m/

  7. Il Duca di Baionette

    @Merphit Kydillis
    Licia forse la riesuma davvero: è apparsa una recensione che dice “Il romanzo ci lascia con un colpo di scena veramente shoccante ed il finale ci fa sperare in un secondo ritorno dell’eroina.”
    Il pericolo c’è! XD

    Ma porti sfiga, tu?

  8. Il Duca di Baionette

    @Taotor
    Dopo aver visto un po’ di eventi simili, ho capito come mai non li riprendono. Non sono problemi di organizzazione o altro, è che in fondo un po’ di consapevolezza e di dignità ce l’hanno. ^__^

  9. Rododendro

    Considerando la calca e i genitori con i bambini nel passeggino in quella ressa, prima o poi il merdone con morti e feriti ci sarà se non si comincia a cambiare molto l’evento e la distribuzione degli spazi, anche in relazione ai flussi di spostamento.

    Una ragazza è cascata dalle mura spaccandosi il bacino ma, per fortuna, non è in pericolo di vita.
    Abitando vicino a Lucca ci sono andato spesso (quest’anno no) e devo dire che da quando hanno cambiato location la situazione è un po’ peggiorata!!! Ma tanto l’importante è che entrino soldi in cassa giusto?! XD

  10. Merphit Kydillis

    @Duca: la sfiga sono io. Nel senso che ho una sfiga tremenda da quando stavo alle elementari :(

    Ma guarda, io vorrei proprio vedere se ci riesce davvero e come la cosa verrà avvertita dai suoi fan.
    Da ex-fan della serie (sono arrivato fino alla seconda trilogia) Nihal, dopo il finale-merdaio della prima trilogia, mulre ma viebe riportato in vita da un folletto con l’amuleto che lei aveva usato per causare la zona di magia morta nella bataglia finale.
    Nihal sarebbe vissuta fintanto che avesse avuto l’amuleto addosso, e poi lei e Sennar emigrarono a ovest. Lì il mago, per un pasticcio con la magia, aveva fatto incazzare gli Elfi del posto (tanto nobili e terribili da accoppiarsi con gli gnomi… perchè Licia? O_o”) e Nihal, per salvarlo, si uccide levandosi l’amuleto.
    Io penso che, dopo quattro trilogie del mondo emerso, la nuova serie di cui non ricordo il nome e la saga della Ragazza Drago, il ritorno di Nihal verrà accolto con indifferenza. Perchè? A parte penso che i fan di Licia si stiano rendendo conto che lei “perde i colpi” (come avevi riportato tu in un qualche articolo recente facendo il copycat di una recensione), i fan in questione sono più affezionati alla storia in sè che alla protagonista. Al suo tempo, alla prima trilogia, Nihal era amata e coccolata, ma a distanza di 7-8 anni da Nihal della Terra del Vento non penso che la gente se la filerebbe di striscio. Si capisce lontanamente che è solo una trovata per fare più copie (anche perchè, nel Mondo Emerso, riportare una persona in vita devi compiere una cazzo di ordalia dato che devi impiegare la magia a livelli epici… se vuoi farla facile riesumane il corpo e trasformala in uno zombie senza cervello :P)

    Poi scusa, non hai ancora risposto alla seconda domanda… non hai visto nessuna info riguardo l’operato dell’AntiGamberetta (al secolo Allibis)?

  11. Il Duca di Baionette

    Come scritto prima:

    Gli editori di narrativa stanno quasi tutti in Games (se hanno anche fumetti li tengono in uno stand separato in Comics: Mondadori e Rizzoli fanno così). C’è qualcosina di narrativa fuori Games, in Comics, ma poca roba.
    Non sono stato in Games.

    Sottinteso: no, visto niente.

    Non so che effetto avrà il disperato riesumare di Nihal, ma penso che sarà importante nel determinare il futuro di Licia agli occhi della Mondadori. Sono scettico anche io che possa funzionare, come te.

  12. Angra

    Magari le fan di Nihal ormai saranno distratte da altri problemi, come trovare una babysitter per la mattina o una banca che conceda mutui a coppie di precari :)

  13. Merphit Kydillis

    Ah ok, non avevo capito bene.
    Torno a ripetere: Nihal può essere importante o no per i fan, ma bisogna vedere se Licia risce ad inventarsi un modo coerente e concreto nel suo Mondo Emerso. Si capirebbe subito che sia o meno una forzatura, anche se già m’immagino un ragionamento del tipo
    E da qualche parte un coniglietto morirà di crepacuore per un simile ragionamento :(

  14. Cal

    E bravo Duca, che vede anche per chi non può ;) per curiosità, sai se da qualche parte sia disponibile un documento video della comparsata Mondadori? Anche io ho le mie monomanie e amo lo stalking…ma su youtube non ho trovato nulla >:(((

  15. Il Duca di Baionette

    Niente video. C’è solo questo breve video in cui parla del suo libro in 30 secondi (non ha addosso però il cosplay che aveva il primo di novembre in chiesa).

  16. Merphit Kydillis

    Ma è una mia impressione o ha i capelli blu?

  17. MattoMatteo

    @ Merphit Kydillis:
    Si, ha proprio i capelli blu, si vede anche nella foto della conferenza… patetico, lo so. -_-‘

  18. Merpjit Kydillis

    Ragazzi, ho avuto modo di sfogliare il romanzo della Rroisi e, beh…
    I nostri peggior timori sono stati confermati. E ci sono cose peggiori della resurrezione. Non dico altro

  19. Cal

    Ragazzi, ho avuto modo di sfogliare il romanzo della Rroisi e, beh…
    I nostri peggior timori sono stati confermati. E ci sono cose peggiori della resurrezione. Non dico altro

    Altre montagne discese a dorso di drago in (N+1) giorni? :3

  20. Daniele

    Ti prego, Kydillis, almeno una. Ma bella forte,eh?

  21. Il Duca di Baionette

    E ci sono cose peggiori della resurrezione.

    Questa notte avrò gli incubi per colpa di Nihal.
    O i sogni erotici grazie alla Dea del #fantasitagliano Licia Troisi, musa di tutti noi.

    Non so cosa sia peggio.

  22. Rododendro

    utopia time: non credo che la resusciterà nessuno al massimo inventerà qualche storia nelle terre al di fuori, qualcosa di originale e mai visto e/o sentito -.-‘
    Dai su non pensiamoci e leggiamo qualche libro steampunk genere a cui mi voglio avvicinare ma non so da dove partire :-(
    p.s: meglio nihal della pazza-rachitica o della tizia pazza-smemorata

  23. Merphit Kydillis

    Altre montagne discese a dorso di drago in (N+1) giorni? :3

    Ho detto cose peggiori, ho dato una sfogliata solo alle ultime pagine e comosco solo parte della trama. Comunque…

    Il menestrello è Nihal mascherato: dopo gli eventi della terza trilogia, un mago elfo l’ha riportata in vita per sottometterla al suo volere ma Nihal si ribella e fugge. L’incantesimo la condanna all’immortalità, e l’unico modo per rimuovere questa “maledizione” è rintracciare e minacciare l’elfo balordo. Impiega cento anni ma, alla fine. Riesce a trovare il tizio in una locanda e lì si mette a raccontare le tre storie. L’ultima riguarda proprio quello che ho detto ooc’anzi, e mette l’elfo im allarme.

    La “storia scioccante” è una fesseria: nel terzo racconto il menestrello racconta che alla fine Nihal era morta, ma un flashback fa vedere che lei non è in grado di tornare nell’eterno riposo per colpa della magia elfica. Nihal riesce quindi a rintracciarlo e a farsi liberare dall’incantesimo, dopodiché ammazza il tizio (perchè questi, fuorioso per l’umiliazione, ha tentato di accoltellarla), ma anzichè procedere con il rito del trapasso Nihal ci fa un dispetto e decide che, dopotutto, ha una seconda vita davsnti a sè.

  24. Federico Russo "Taotor"

    [moralismononrichiesto]

    @ Merphit Kydillis:
    Si, ha proprio i capelli blu, si vede anche nella foto della conferenza… patetico, lo so. -_-’

    Non odiatemi, ognuno ha le sue opinioni, ma personalmente l’ultima cosa a cui penserei della Troisi è l’aspetto fisico o altro; scrive libri di merda, ok, e ha una considerazione molto opinabile del fantasy e della narrativa, ok. Ma può avere anche i capelli verdi, stigrancazzi. Non c’entra col fantasy.
    E poi i capelli colorati su una ragazza son belli. Pensiamo alla Dea. Ma la Dea è irraggiungibile, non voglio far paragoni.
    E non dimentichiamo che al Lucca Comics ci si veste e colora dai peggio imbecilli just for teh lulz.
    [/moralismononrichiesto]

  25. Il Duca di Baionette

    Taotor ha ragione, i capelli blu di Licia sono la cosa più normale in tutta la faccenda. Perlomeno cerca di entrare nell’ottica di Lucca Comics & Games. La Dea del #fantasitagliano rispetto a certi suoi fan poi pare per cultura e normalità Umberto Eco.

  26. Clio

    E poi i capelli colorati su una ragazza son belli. Pensiamo alla Dea. Ma la Dea è irraggiungibile, non voglio far paragoni.

    Taotor, voglio sperare che tu non ti stia riferendo a Gamberetta insinuando che i suoi capelli rosa siano tinti. Tutti sanno che sono rosa naturale.
    Affermare il contrario è da ignoranti, peggio, da eretici. Tu non sei un eretico, vero Taotor?

  27. Gwenelan

    … Grazie, Merphit, per averci raccontato lo scioccante ritorno di Nihal. Non sono ironica, ero curiosa di vedere che si fosse inventata la Troisi, ma non avevo alcuna voglia di leggere le sue porcherie.
    Ora, scusami, ma stendo un velo pietoso sulle vicende che ci hai riportato *prende la trapunta della nonna, quella bella spessa per l’inverno in Siberia, e la butta sull’ultimo libro della Troisi*.
    Firulì, firulà.

    Però quoto Taotor: perché i capelli blu sarebbero patetici, scusate :/? Magari non vi piace come le stanno, ma su altre ragazze magari sarebbero carini, e comunque sono i suoi capelli, può farseli come vuole. Anche se li avesse fatti blu per richiamare Nihal non ci vedrei niente di patetico: alla fine Nihal è un suo personaggio, a cui è affezionata. Queste sono cose sue personali, può gestirsele come vuole.

    Grazie anche al Duca per l’articolo :)! Peccato che non ci sia un video della comparsata Mondadori, l’avrei visto volentieri :/!

  28. Il Duca di Baionette

    A una lettrice entusiasta che chiedeva per un seguito di Nihal, Licia ha risposto uno stringato “Se avrà un seguito è un po’ prematuro per dirlo”. Direi proprio che l’ipotesi che fosse un test per capire se Licia sta affondando o se con questo recupero estremo può tornare a galla, non sia poi tanto folle. :-)

  29. Rododendro

    tanto lo scopriremo tra breve visto che pubblica 2-3 libri l’anno!!!

  30. Paine

    ahahaha visto pur’io
    l’intervistatore era a quanto hanno detto il responsabile dei social fantasy mondadori, per essere editor mi pare decisamente troppo giovane…
    INCREDIBILE il livello delle domande. Si trattava di un vero e proprio svilimento programmatico dell’intelligenza umana.

    Gli autori:
    1) strukul, il migliore nel non stare al gioco delle domande dementi anzi essere completamente spaesato. inoltre assomiglia al tipo dei jethro tull, il che è un bonus.
    2) santoni, sembra realizzare a evento in corso che avere una cultura in mondadori fantasy è un malus. prova a buttarla sul ridere
    3) patrignani, superficiale magari, ma almeno è simpatico. e poi non è di fantascienza? che ci fa qui?
    4) troisi, a conferma che al peggio non vi è certo fine. inoltre va detto che non è presuntuosa, nonostante ci fossero bambocci veneranti e addirittura cosplayanti i suoi pg.*
    5) baraldi, darkettona di 40 anni
    6) romero, non pervenuta
    7) falconi, “aoh eh… pecché… la scrittura aoh è maggia… me viene ‘n idea… aoh…. che belllo sta’ qqua….”

    ma non dimentichiamoci che una volta nel roster mondadori fantasy c’era GLdA. qua almeno c’erano 2.5 scrittori, qualche passo avanti è stato fatto…. ^___^

  31. GothicBolas

    oh OwO sono l’estellise che hai fotografato! sono contenta che ti sia piaciuto il mio cosplay ^^

  32. Il Duca di Baionette

    Estellise è uno dei miei personaggi preferiti in generale, l’essenza di come una signorina per bene dovrebbe essere: coi capelli rosa, bene educata e che sa moltissime cose perché le ha lette sui libri (“un pene… l’ho visto su un libro” – “che libri leggi?!”).
    Mi capita spesso di usare immagini di Estelle negli articoli. ^-^

    E alla fine in Tales of Vesperia non fa nemmeno nulla di disdicevole fuori dal matrimonio: Yuri non approfitta di nessuna delle protagoniste, il che è molto moralmente gratificante. E lascia qualche sospetto su Yuri che il motivo non sia solo l’essere un gentiluomo (con un nome così, e il sesso sbagliato, è già molto sospetto di suo). ^___^

    Questo articolo ti potrebbe interessare, è dedicato alle signorine per bene che capitano sul sito: http://www.steamfantasy.it/blog/2012/10/31/guide-per-signorine-come-si-mangia-una-banana/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *