«

»

Nov 15

Stampa Articolo

Prussiani vs Alieni

Di solito non faccio segnalazioni, ma questo potrebbe essere un caso meritevole per cui, sulla fiducia, mi sento di dargli visibilità. D’altronde bisogna avere, come dicevo poche settimane fa, un approccio più positivo e l’unico modo per premiare un progetto che chiede visibilità e sostegno (crowd funding) è dargli sia visibilità che sostegno.

Prussiani vs Alieni è il progetto per un fumetto comico in cui dei baffuti soldati prussiani con i loro mech da combattimento affrontano l’invasione aliena. L’anno è il 1789 e la rivoluzione francese sta occupando tutta l’attenzione dell’Europa, così solo la Prussia per prima si accorge dell’arrivo degli alieni e si prepara ad affrontarli.

Il contesto storico è solo di pretesto. Personalmente lo avrei ambientato nel 1880 o 1890, in modo da non rendere i riferimenti all’Impero (la Prussia era ancora solo un regno, non parte di un Impero Tedesco) o agli stessi pickelhauben come anacronistici. Mi sarei limitato ai soli mech, alla roba che serve davvero per l’ispirazione tra Steampunk e opere di Go Nagai. Questo però è solo il modo in cui avrei ragionato io: va benissimo retrodatare costumi, ruolo della Prussia (il dubbio mi rimane: Impero, come dice una vignetta… di cosa? La Germania è unita?) e pickelhaube per averli nel 1789. Dipende se davvero l’avere o meno la rivoluzione francese in corso renda tutto più divertente.

L’importante è avere i baffi. Peccato che le donne siano svantaggiate geneticamente e non possano… spero inseriscano nel fumetto i baffi finti per loro. Il discorso sulla barba lo disapprovo, per tradizione gli artiglieri tedeschi avevano la barba, idem non era rara tra i soldati della riserva (della landwehr, più precisamente). L’importante è che ci siano i baffi, per cui fa niente per le barbe.

È il 1789. L’attenzione di tutto il Mondo è puntata sui tumulti rivoluzionari francesi e nessuno si è accorto che l’esercito prussiano è intento a respingere una minaccia aliena. Ma facciamo un passo indietro di qualche settimana.

Il pingue Re Federico Guglielmo II ha il peggior risveglio della sua vita. Una notizia inquietante riecheggia per il palazzo reale: tutti i cavalli di Prussia sono spariti. Non poteva succedere cosa peggiore allo stato che fa del proprio esercito un vanto… Dopotutto un esercito del XVIII secolo senza i cavalli non è un vero esercito! Chi li ha fatti sparire? Chi può aver rubato tutti quegli animali in una notte sola?

I servizi segreti non ci mettono molto a scoprire che il colpevole è arrivato dal cielo. A rapire tutti quegli equini sono stati spietati alieni provenienti dalla Luna! Non ci sono storie: quei cavalli vanno recuperati, e subito! Come fare?

I prussiani hanno un corpo speciale, una task force segreta composta da soli sei uomini, o meglio, tre uomini e tre donne. Tutti soldati scelti tra i migliori militari del regno di Prussia. Ognuno di questi agenti scelti è al comando di un robot. Riusciranno i Prussiani a respingere la minaccia aliena?

Senza baffi le tre protagoniste perdono moltissimo rispetto ai tre protagonisti. Il gigantone con i baffoni che si uniscono a barba e basette (ma allora un po’ di barba c’è!) è già il mio preferito.

Non so come sarà il fumetto, non conosco i lavori di La Rosa e di Pieruccini, ma sono fiducioso: Pieruccini sembra un onesto disegnatore e La Rosa ha collaborato al programma Voyager di Giacobbo (uno dei pochi che sa come i templari abbiano combattuto gli alieni venuti con le piramidi per sterminare i giganti biblici avvolti dalla sindone e non nasconde al mondo questa verità!!!1111). Potete leggere qualcosa di loro sul sito ufficiale.

Il progetto al momento è al secondo tentativo di crowd funding. Questa volta dovrebbe farcela: dopo pochi giorni è già al 66% dell’obbiettivo (4305 euro su 6500) e mancano ancora 17 giorni. Io ho supportato il progetto con l’opzione First Person, da 70 euro, che permette di apparire in versione prussiana (o di alieno) come comparsa in una qualche vignetta. C’erano venti posti disponibili e ne sono rimasti solo tre.
Finanziando il progetto si riceverà il primo numero del fumetto (46 pagine a colori, come è facile intuire dai disegni sopra che sono chiaramente fatti per il colore) più altro materiale e bonus in base a quanto si paga e all’opzione scelta.

target

Perché lo supporto?
Perché da anni, credo dal 2009, ogni tanto rompo le balle qui o via mail con Gamberetta per avere una storia di Mech nella Guerra Franco-Prussiana. Non scritta da schifo, ovviamente. Qui non ho la guerra giusta, ma i Prussiani ci sono e ci sono i Mech. Bisogna sapersi accontentare. E questo fumetto sembra così scemo da poter essere divertente!

Finanziare il progetto è facilissimo: basta loggare su Indiegogo, va bene anche usare il login via Facebook, e pagare con Paypal (o direttamente con carta di credito, mi pare). Se i 6500 euro non vengono raggiunti, i soldi vengono rimborsati. Se tutto va per il meglio, si ottiene per quanto pagato: dal solo eBook a 5 euro fino alla statuetta per i 300 euro (solo 5 pezzi verranno realizzati).

Se vi piace questo progetto, parlatene. Non esistono scuse per non supportare un progetto che piace: nessuno ha così poco tempo da non poter fare un post su Facebook o spendere 30 minuti per scrivere sul proprio blog.

Per maggiori informazioni, a parte la pagina su Indiegogo, è possibile seguire il sito ufficiale e, soprattutto, la pagina su Facebook.

 

Dettagli sull'autore

Il Duca di Baionette

Il Duca di Baionette (Marco Carrara) è nato in un secolo, vive in un altro e crede di vivere in un altro ancora. Dal 2006 si occupa in modo costante di narrativa fantastica e tecniche di scrittura. Dal 2008 si occupa di editoria digitale sul suo blog Baionette Librarie, di cui si è autonominato Duca. Nel gennaio 2012 ha avviato AgenziaDuca.it per trovare bravi autori e aiutarli a migliorare con corsi di scrittura mirati. Gli stessi corsi forniti gratuitamente agli autori di Vaporteppa.

Nel gennaio 2013 ha ideato il progetto editoriale divenuto Vaporteppa nell’ottobre successivo, con la decisione di Antonio Tombolini, A.D. di StreetLib, di adottare la collana. Ora è Duca sia di Baionette che di Vaporteppa, un po' come Macbeth che ottiene una seconda baronia all'inizio della sua vicenda.
Nel gennaio 2017 ha avviato un canale YouTube.

Adora i conigli, gli scafandri da palombaro, i trattori e le fatine. Talvolta parla di sé in terza persona, come Silvio Berlusconi, i dittatori e i pazzi. Ops, l’ha appena fatto!

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2014/11/15/prussiani-vs-alieni/

13 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Daniele

    I disegni sono davvero carini – le donne soldato paiono delle pazze furiose. Mo’ voglio vedere se ci sono immagini degli alieni sulla pagina del progetto ^ ^

  2. reno

    Bisognerebbe evitarle le ucronie. Richiedono preparazione a chi le fa e anche a chi le legge.
    Il disegno della città è molto bello.

  3. Il Duca di Baionette

    Nuova tavola a colori, di cui avete visto il bianco e nero nell’articolo:

    Trovo che sia un gran bel progetto.
    In tono con la follia di Vaporteppa, su cui lo segnalerò a breve.

    Sono al 73%, 4318/6500 euro, e mancano solo 15 giorni: supportatelo! :-)

  4. Zweilawyer

    L’idea non mi pare malvagia. La presenza di fiumi di sangue alieno potrebbe spingermi a contribuire.

  5. Daniele

    Ora che ricordo, Davide La Rosa è anche lo sceneggiatore delle parodie di Voyager e di Suore Ninja… se riuscirà a gestire la sua smania citazionista, questo Prussiani contro alieni potrebbe essere ancora più gustoso (Suore Ninja era un po’ esagerato, ma faceva morire dal ridere XD)

  6. Raffo

    L’opzione ” First Person” non è male… quasi quasi ci faccio un pensierino. Ma la prenderei in seria considerazione solo se mi garantiscono al limone che fosse una comparsata in una scena di sesso, con la soldatessa dell’ultima vignetta a colori postata da in ossequiosa compagnia di Vossignoria Illustrissima, Grande Quattrosità Il Duca.

  7. Nicholas

    Davide La Rosa è un genio dal mio pdv, consiglio a tutti di seguire il suo blog (http://lario3.blogspot.it/ ora è fermo da un po’ ma scorrendo indietro è pieno di vignette molto divertenti e retard).
    Incrociamo le dita.

  8. MattoMatteo

    I Prussiani hanno i baffi, vinceranno di sicuro. ;)

  9. Daniele

    Persino i robot dei prussiani hanno i baffi!

  10. Luca

    Buonasera a tutti.

    Mi sembra di aver capito che l’obiettivo è stato raggiunto con ottimi risultati (circa 8000 €). Ci aspettiamo un anno baffuto!

  11. Il Duca di Baionette

    Sì, fortunatamente sì! ^_^
    Per chi vuole ci sono anche le t-shirt, basta integrare quanto già versato con un piccolo extra (c’è la funzione nella pagina), mi pare di 18 euro. :-)
    C’è tempo ancora 39 ore per comprare il fumetto e accedere agli altri bonus!

    Ho pubblicato qui un’intervista ai due autori: http://www.vaporteppa.it/elettrodiario/prussiani-vs-alieni-steampunk-coi-baffi/

  12. Frundsberg

    Sono in totale disaccordo sulla questione Barba VS Baffi….non sono nemici, ma anzi, si completano a vicenda!

    Per quanto riguarda il periodo storico è vero che ambientare la storia nel 1789 rende anacronistici elmetti a punta & co….però potrebbe anche regalarci interessanti risvolti che coinvolgano i francesi (e magari Bonaparte). Staremo a vedere.

    PS: Buon Duca, dove potrei documentarmi sulle usanze dell’esercito crucco in fatto di barba? L’argomento mi incuriosisce

  13. Il Duca di Baionette

    Puoi trovare un sacco di foto tra 1870 e 1918 online tra esercito, riserva ecc. per vedere la presenza di barbe in base all’età e ai ruoli. :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *