«

»

Dic 16

Stampa Articolo

Arriva Giuseppe Menconi con “Abaddon”

La nuova opera su Vaporteppa (qui l’annuncio) è una romanzo di Fantascienza Militare venata di Horror, Abaddon. L’autore è Giuseppe Menconi; uno che lavora duro e si impegna, il tipo di autore che merita di venire supportato. D’altronde è questo, in teoria, il compito di un editore: seguire nuovi autori, formali e renderli produttivi. Vaporteppa ricomincia a farlo, evitando la facile scorciatoia di pubblicare solo i soliti nomi che rimbalzano di casa editrice in casa editrice. Giuseppe è il primo di tanti nuovi autori che Vaporteppa porterà al pubblico: ognuno con il suo stile e le sue idee personali, ognuno capace di trasmettere qualcosa di unico e diverso, creando così varietà di offerta.
Torneremo in futuro a parlare di queste cose.

Abaddon è una storia d’azione che non si riduce alla sola azione: tutta la storia si sviluppa sulla base di un What If necessario (che è un po’ un mistero di Pulcinella, ma spero apprezzerete i dettagli esatti con cui si declina questa volta) e ruota attorno al conflitto interiore di un protagonista incapace di vincere e di guidare la sua squadra. Un eroe codardo. E no, non si vince da codardi, la codardia non diventerà una qualche stronzata di forza interiore disneyana: se non ritroverà le palle finirà ammazzato, lui e tutti i suoi sottoposti.

Abaddon_copertina_900x1200

Illustrazione di Manuel Preitano.

Il maggiore William Boore è un eroe di guerra.
Il maggiore William Boore è un codardo.

Sono passati due anni da quando William ha causato la morte di tutta la sua squadra e, per puro caso, è divenuto un eroe. Da allora è stato assegnato a sorvegliare Abaddon, la colossale astronave nera che da sessant’anni rimane sospesa tra il Golden Gate e Alcatraz, senza comunicare, inaccessibile.

Abaddon è divenuto un luogo per suicidi, disperati che si lanciano dal Golden Gate contro gli scudi di energia dell’astronave, convinti di venire portati altrove invece di essere disintegrati.

Molti pensano che gli alieni siano tutti morti e l’astronave sia solo una tomba. William lo spera: vuole passare qualche anno tranquillo, divenire tenente colonnello e finire dietro una scrivania senza rivedere più un combattimento, pensando solo alla moglie e al figlio.

Ma, un giorno, gli scudi di energia si abbassano. William, con la sua squadra, dovrà entrare e affrontare gli orrori di Abaddon, assieme al pericolo più grande di tutti: sé stesso, un ufficiale che ha perso la capacità di comandare e di vincere.

Scheda del libro su Vaporteppa.
Compralo su Ultima Books (ePub) o Amazon (Kindle)!

Senza contare indice, postfazioni ecc. sono 79.800 parole (circa 270 pagine, 286 secondo Amazon).
Trovate l’anteprima di cinque capitoli su Ultima Books (di meno su Amazon).

Con cosa ho brindato?

Quello che ci vuole con un libro così pesante, per contenuti e atmosfera, è un rosso strutturato: un Barolo, un Amarone, un Brunello. O anche meno, un bel Chianti fatto bene. Qualcosa così. Io ho scelto un ottimo Pinot Nero dell’Umbria, annata 2010: “Cimento” di La Palerna. Un Pinot Nero per un’astronave nera. Il “Cimento”, illustrato con un duello in etichetta, per la prova suprema, la sfida con la propria paura, che William Boore dovrà affrontare.

pinot-nero-cimento-la-palerna-2010-3Il colore è un bel rosso porpora, luminoso e ricco di riflessi violacei di grande giovinezza nonostante abbia 4 anni. Non il solito Pinot Nero granato e opaco. Al naso si presenta intenso ed elegante, ma soprattutto ciò che secondo me va premiata è la complessità dei profumi, che non danno assuefazione: fragola in confettura, ciliegia, violette appassite, vaniglia e una sfumatura di liquirizia. In bocca la solida struttura, adeguata a sostenere la bella intensità del sapore, mostra subito il suo punto di forza: un grande equilibrio in cui tannini nobili (che puliscono ma non aggrediscono il palato), acidità e un alcool non certo debole (14,5%) si armonizzano rendendolo perfetto per accompagnare arrosti e selvaggina, ma anche come vino da meditazione! Sorso molto pulito, di lunga persistenza in cui tutti i profumi ritornano e la nota di liquirizia prima appare più forte che al naso e dopo dura a lungo, sullo sfondo, appena percettibile, per interi minuti. Tutto il tempo di scrivere questo paragrafo è rimasta in bocca e ancora risale! Molto valido.

Non mi sento di passare i 90 punti / 5 grappoli, ma è secondo me un vino che ci arriva molto vicino. La mia opinione è 88 punti, almeno, premiando (uso i soliti parametri AIS) colore, complessità olfattiva, intensità in bocca, equilibrio e persistenza. Immagino che persone più esperti di me potranno valutarlo qualche punto in più, collocandolo nel giusto rapporto col suo territorio e con altri Pinot Nero. Io mi fermo agli 88 e non vado oltre. Prezzo: 26 euro.

Altre opzioni. L’unico produttore di vino citato nel romanzo è il toscano Carpineto, molto famoso anche all’estero. William Boore dice di averne una bottiglia di 7 anni arrivata dall’Italia, ma non dice cosa sia. Escludo possa essere un Brunello di Montalcino, che a 7 anni ancora è un bambino, quasi. Mi pare più ragionevole ipotizzare che possa essere, per esempio, un Chianti Classico Riserva. E un rosso simile, toscano, è certamente un abbinamento consono all’opera.

Dettagli sull'autore

Il Duca di Baionette

Il Duca di Baionette (Marco Carrara) è nato in un secolo, vive in un altro e crede di vivere in un altro ancora. Dal 2006 si occupa in modo costante di narrativa fantastica e tecniche di scrittura. Dal 2008 si occupa di editoria digitale sul suo blog Baionette Librarie, di cui si è autonominato Duca. Nel gennaio 2012 ha avviato AgenziaDuca.it per trovare bravi autori e aiutarli a migliorare con corsi di scrittura mirati. Gli stessi corsi forniti gratuitamente agli autori di Vaporteppa.

Nel gennaio 2013 ha ideato il progetto editoriale divenuto Vaporteppa nell’ottobre successivo, con la decisione di Antonio Tombolini, A.D. di StreetLib, di adottare la collana. Ora è Duca sia di Baionette che di Vaporteppa, un po' come Macbeth che ottiene una seconda baronia all'inizio della sua vicenda.
Nel gennaio 2017 ha avviato un canale YouTube.

Adora i conigli, gli scafandri da palombaro, i trattori e le fatine. Talvolta parla di sé in terza persona, come Silvio Berlusconi, i dittatori e i pazzi. Ops, l’ha appena fatto!

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2014/12/16/arriva-giuseppe-menconi-con-abaddon/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *