«

»

Mag 15

Stampa Articolo

I Coniglietti del Venerdì (243)

Pensavate di aver visto i coniglietti mangiare di tutto con il post sulla pizza. Avete pensato “Certo, sono domestici, è il Capitalismo che ne ha stuprato la natura! I coniglietti veri nei prati mica mangiano queste cose! Le schifano per natura, hanno l’istinto!”.

Se non funziona prova qui ▼

Se non funziona prova qui ▼

Istinto questo cazzo. L’istinto è sopravvalutato, non funziona nel modo in cui vogliamo credere spesso funzioni. Non è una conoscenza magica inserita nella mente degli animali. Ok, tutti sanno fare qualcosa se ci provano, magari male, ma ci riescono. Non serve un manuale a un umano per provare la pulsione di infilare il pipino nella patatina, come non serve a un coniglio.

Ma i conigli, come tanti altri animali, non sanno cosa devono mangiare. Non ne hanno idea. Lo imparano dai genitori e osservando gli altri. Per questo un coniglietto se lo metti accanto a delle piante velenose rischi di ammazzarlo: se nessuno gli ha mai insegnato che non vanno mangiate, lui le assaggia.

I conigli non sanno per istinto che il pane non fa loro bene (non li ammazza, è solo che non fa loro bene come non farebbe bene a noi mangiare solo cannoli siciliani), per i motivi spiegati nel post con le pizze. Se lo dai a un coniglio selvatico lo mangia, come quello domestico. E scommetto mangerebbero anche la pizza, con tanto di prosciutto sopra.

Perché lo credo? Perché gli scoiattoli se gli dai la possibilità una fetta di pizza se la mangiano… e non solo la crosta: quando sente il pomodoro, il formaggio ecc. si lancia a divorare quello. Gli animali non hanno superpoteri, l’istinto non li dota di capacità paranormali e saggezza sovrumana su cosa è bene e cosa è male: queste sono cazzate create quando il distacco col mondo naturale ci ha portato a idealizzarlo, contrapposto al mondo “innaturale” (WTF?) delle città industriali e del sapere insegnato a scuola.

Gli animali, un po’ come noi, in massima parte non ci capiscono un cazzo. ^__^

Fonti:
http://www.youtube.com/watch?v=V0UlVmxyOsk
http://www.youtube.com/watch?v=MT2BQr_-jUg

Dettagli sull'autore

Il Duca di Baionette

Il Duca di Baionette (Marco Carrara) è nato in un secolo, vive in un altro e crede di vivere in un altro ancora. Dal 2006 si occupa in modo costante di narrativa fantastica e tecniche di scrittura. Dal 2008 si occupa di editoria digitale sul suo blog Baionette Librarie, di cui si è autonominato Duca. Nel gennaio 2012 ha avviato AgenziaDuca.it per trovare bravi autori e aiutarli a migliorare con corsi di scrittura mirati. Gli stessi corsi forniti gratuitamente agli autori di Vaporteppa.

Nel gennaio 2013 ha ideato il progetto editoriale divenuto Vaporteppa nell’ottobre successivo, con la decisione di Antonio Tombolini, A.D. di StreetLib, di adottare la collana. Ora è Duca sia di Baionette che di Vaporteppa, un po' come Macbeth che ottiene una seconda baronia all'inizio della sua vicenda.
Nel gennaio 2017 ha avviato un canale YouTube.

Adora i conigli, gli scafandri da palombaro, i trattori e le fatine. Talvolta parla di sé in terza persona, come Silvio Berlusconi, i dittatori e i pazzi. Ops, l’ha appena fatto!

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2015/05/15/i-coniglietti-del-venerdi-243/

1 comment

  1. MattoMatteo

    Perché gli scoiattoli se gli dai la possibilità una fetta di pizza se la mangiano… e non solo la crosta: quando sente il pomodoro, il formaggio ecc. si lancia a divorare quello.

    E non solo la pizza… a Central Park, New York, alcuni spacciatori hanno l’abitudine di nascondere le bustine di droga negli alberi in cui fanno le tane gli scoiattoli, col risultato che gli animali (parlo degli scoiattoli… chiamare “animali” gli spacciatori equivale ad insultare i veri animali) si mangiano la droga e diventano iper-attivi (anche più di quanto non siano normalmente).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *