«

»

Giu 24

Stampa Articolo

I Coniglietti del Venerdì (301)

Dopo la dura lotta alle Termopili, i coniglini hanno diritto di sbadigliare e farsi spazzolare.

Se non funziona prova qui ▼

Se non funziona prova qui ▼

Fonti:
http://www.youtube.com/watch?v=PNsDZhgr6j8
http://www.youtube.com/watch?v=INjT0ueAVXQ

 

Dettagli sull'autore

Il Duca di Baionette

Il Duca di Baionette (Marco Carrara) è nato in un secolo, vive in un altro e crede di vivere in un altro ancora. Dal 2006 si occupa in modo costante di narrativa fantastica e tecniche di scrittura. Dal 2008 si occupa di editoria digitale sul suo blog Baionette Librarie, di cui si è autonominato Duca. Nel gennaio 2012 ha avviato AgenziaDuca.it per trovare bravi autori e aiutarli a migliorare con corsi di scrittura mirati. Gli stessi corsi forniti gratuitamente agli autori di Vaporteppa.

Nel gennaio 2013 ha ideato il progetto editoriale divenuto Vaporteppa nell’ottobre successivo, con la decisione di Antonio Tombolini, A.D. di StreetLib, di adottare la collana. Ora è Duca sia di Baionette che di Vaporteppa, un po' come Macbeth che ottiene una seconda baronia all'inizio della sua vicenda.
Nel gennaio 2017 ha avviato un canale YouTube.

Adora i conigli, gli scafandri da palombaro, i trattori e le fatine. Talvolta parla di sé in terza persona, come Silvio Berlusconi, i dittatori e i pazzi. Ops, l’ha appena fatto!

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2016/06/24/i-coniglietti-del-venerdi-301/

3 comments

  1. Il Duca di Baionette

    Sì, girano articoli da qualche mese. Bella questa nuova intervista, visto che da quello che dice sui personaggi (che al tempo di Wunderkind erano sagome di cartapesta) e sull’attenzione ai dettagli (che in Wunderkind era scarsa, pieno di strafalcioni e mancanza di ragionamento soprattutto riguardo le azioni degli antagonisti), sta dichiarando implicitamente di aver radicalmente cambiato la propria scrittura e la serietà di approccio.
    Spero sia vero! ^_^

  2. Il Duca di Baionette

    Aggiungo una cosa: mi piacerebbe davvero se G.L. ora senza G., avendo buttato uno dei due nomi per il suo nuovo ritorno d’autore in un genere diverso, avesse imparato. Non per forza a scrivere davvero bene, mi basterebbe una scrittura passabile come King, Martin o altri, ma a trattare con serietà e intelligenza personaggi e scrittura.

    Se è accaduto, proverò un certo orgoglio per lui nel vedere il suo risollevarsi dopo l’esperienza terapeutica dell’essersi scontrato con la realtà, ed essersi autodistrutto a causa del proprio carattere, al tempo del fantasy/horror.
    Leggerò di sicuro il suo libro per capire se ha imparato dalla lezione di vita, seguendo il percorso eroico drammatico, o se ha fallito, seguendo il percorso tragico. :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *