«

»

Ago 29

Stampa Articolo

Dopo nove anni sarà meglio cambiare

Il tempo delle vacanze estive è ormai passato quasi per tutti. Per me di sicuro è passato ed è durato il meno possibile, ovvero quattro giorni inclusi i due di partenza e ritorno. D’altronde prendersi una vacanza implica un “da che cosa” e se il lavoro che fai è la cosa che ti piace di più fare, è ben poco allettante l’idea di lasciarla da parte. Nel mio caso adoro occuparmi degli autori che seguo, quasi tutti per la collana Vaporteppa che dirigo grazie all’aiuto di Antonio Tombolini Editore, che mi paga per trovare e formare nuovi autori.

Però producono grandi classici che un giorno verranno letti accanto a "Il processo" o "La morte di Ivan Il'i?".

Però producono grandi classici che un giorno verranno letti accanto a “Il processo” o a “La morte di Ivan Il’ic”. Forse.

Adoro insegnare loro le basi di scrittura, di strutturazione delle storie, aiutarli ad afferrare meccanismi narrativi che fanno parte dell’ABC  della drammaturgia e che anche uno scrittore dovrebbe conoscere (e pochi conoscono) per occuparsi di narrativa con cognizione di causa. Adoro aggiornarli con nuove idee che li potrebbero aiutare, per esempio con l’ultimo ciclo di incontri che ho attivato con alcuni autori per aiutarli a rendere il loro cervello un “amico”, e non un nemico che causa il fantomatico blocco delle scrittore, e aiutare il cervello ad aiutarli ad apprendere più facilmente, ricordare meglio i sogni e favorire la creatività (e la parola chiave di tutto questo è: usare l’olfatto, rilassarsi, e magari farsi una birra).
Col cervello spesso si tratta solo di fargli capire, col suo modo di operare, di cosa si ha bisogno: lui provvederà a dare un mano, se sa cosa vogliamo e se non lo si confonde con richieste opposte e inconciliabili.

Adoro aiutarli a lavorare sulle loro storie, soprattutto quando le progettano atto dopo atto, per far sì che non si confondano e riescano a dire esattamente ciò che vogliono dire, ma non sanno con precisione di volerlo dire. Aiutarli a capire cosa la loro storia vuole raccontare e organizzare ogni personaggio chiave e ogni scena principale (a livello di struttura) in modo che comunichino la storia con coerenza (tutto al servizio del messaggio pensato, nulla contro), eleganza (mancanza di elementi inutili) e fantasia (il già visto va ridotto al minimo).

Aiutarli a capire l’essenza di cosa è importante per loro, in modo che le storie contengano un significato che dica qualcosa al lettore e si connettano a livello più profondo con lui. Si tratta di semplice buon senso scoprire cosa davvero ci importa (quelle uno, due, massimo tre cose principali che per noi contano davvero nella vita), perché sarà quello che in modo istintivo sapremo comunicare con più forza e meno fatica in una storia. Arrivare a capire perché pur essendo all’apparenza opere totalmente diverse, Up, il primo Rambo e La Marcia di Radetzky ci parlano tutte della stessa cosa. In modo diverso, con conclusioni diverse, ma tutti della stessa cosa. Forse ne parleremo un’altra volta: non è di questo che si occupa questo post.

Separati alla nascita.

Separati alla nascita.

Queste attività più appaganti competono col tempo da dedicare al blog. Un tempo il blog, ai tempi in cui Facebook non era quasi l’unico posto in cui la massa delle persone comunica, era un modo per divulgare conoscenza su argomenti che mi interessavano e scrivere articoli rielaborando conoscenza accumulate nel corso dei mesi o anni mi permetteva di ricordare meglio ciò che avevo studiato.

Ora invece, avendo costruito una rete di autori che vanno per forza di cose seguiti singolarmente, trovo molto più gratificante studiare e diffondere le cose che mi interessano (analisi di film, chiacchiere su opere, ragionamenti su fantasy/scifi ecc.) in incontri 1-a-1. In pratica sfrutto ogni cosa che può tornare comoda per gli autori che seguo, in base al caso. Per diversificare e ampliare l’apprendimento.

Diffondere informazioni a chi ne ha bisogno e che le userà per migliorare il proprio lavoro, dà più soddisfazione di buttarle a caso sul web sapendo che la quasi totalità del lettori, per mancanza delle basi teoriche necessarie o per false conoscenze pregresse (einstellung) che danneggiano l’apprendimento, non potrà farne granché uso.
Ricordate quell’aneddoto zen sui problemi della conoscenza pregressa? Quello con il professore e la tazza di tè? Ecco, magari parleremo di einstellung, di bias e di apertura mentale in futuro. Anche questo argomento non riguarda davvero questo post.

16

È un bias confirmativo anche essere convinti che altri abbiano un bias confirmativo solo perché non ti piace quello che loro pensano.

Però anche il blog è importante. Tanti di questi contatti, di questi nuovi autori, li ho potuti conoscere proprio perché grazie al mio blog, magari arrivando qui da quello di Gamberetta quando ancora scriveva, hanno saputo di Vaporteppa e della visione editoriale che esprime. Dedicare così poco tempo al blog, anche se continuo a produrre ogni qualche mese quei grossi post ad alto contenuto informativo (questo, questo e questo, per esempio) che da sempre mi hanno portato la maggior parte dei visitatori (come questo, questo o questo), non va bene.

Trascurando il blog riduco le chance di costruire nuovi contatti. I visitatori sono molti meno di una volta, a occhio ho visto che rispetto al periodo d’oro del 2011-2012 sono ridotti del 40-50%, ma anche pressoché dimezzati sono diverse centinaia al giorno (qualche rara volta il migliaio al giorno di visite uniche – non di pagine, quelle sono circa 2-2,5 volte tante – si fa ancora)… però questi visitatori trovano un blog poco aggiornato e con pochi post recenti che parlino di editoria o di narrativa (in tutte le sue forme) fantastica. Basta confrontare le due triplette di link sopra per vedere la deriva “alimentare” dei miei interessi.

Dei pochi commenti non mi preoccupo, a differenza di quanto vedo accadere in altri blog: non bisogna illudersi che oggi sia come il 2008, ormai la norma è commentare su Facebook e rinchiudere lì le discussioni che prima si facevano sui blog. Anche quando riguardano un post. Disperdendo tutto, spesso perdendolo nel calderone di Facebook che favorisce l’oblio delle vecchie discussioni (a meno che non ti sia salvato il link).
Anzi, sono contento che nonostante questo cambiamento generale del web ancora capitino commenti di “pregio” che permettono discussioni con cui ampliare il contenuto informativo dell’articolo. Col tè è capitato più volte, ma è successo anche parlando di scrittura su Vaporteppa (per esempio qui e qui).

closedblog

Non è proprio così, ma quasi.

Sono sempre stato dell’idea di Heinlein, quella sua visione dell’uomo “rinascimentale” che sa fare un po’ di tutto e non si blocca specializzando tutta la sua vita in una sola competenza:

Un essere umano deve essere in grado di cambiare un pannolino, pianificare un’invasione, macellare un maiale, guidare una nave, progettare un edificio, scrivere un sonetto, tenere la contabilità, costruire un muro, aggiustare un osso rotto, confortare i moribondi, prendere ordini, dare ordini, collaborare, agire da solo, risolvere equazioni, analizzare un problema nuovo, raccogliere il letame, programmare un computer, cucinare un pasto saporito, battersi con efficienza, morire valorosamente. La specializzazione va bene per gli insetti.

(Lazarus Long l’Immortale, Robert Heinlein)

Ho sempre creduto nei blog come luoghi di espressione, secondo l’idea originale per cui erano nati e che ora pare presa da Facebook in versione amplificata (si posta roba che nemmeno dei peggiori blog di una volta). Non solo come CMS minimali per realizzare siti monotematici specialistici che nulla hanno a che fare col concetto originale di blog. Per questo non mi sono fatto mai problemi a parlare su Baionette Librarie di ciò di cui mi interessavo al momento: armi, armature, editoria digitale, fantasy, scrittura, coniglietti, vino, tè, caffè, hamburger ecc.

Il problema è la mia eccessiva propensione a fare gli articoli “completi”. Non ha senso che ogni articolo su un argomento nuovo sia un mattone di migliaia e migliaia di parole, con dieci libri di bibliografia o più dietro. Alla fine gli articoli che preferisco nei siti altrui non mi spiegano lo stato dell’arte di qualcosa, ma mi informano che qualcosa esiste e mi incuriosiscono a esplorare l’argomento. Perché non imparare a fare più spesso articoli così? Già li facevo prima, ma ne facevo troppi pochi e mi perdevo dietro sogni di articoli giganti grossi come capitoli di libri… e talvolta come diversi capitoli assieme….

Ricordate che io tengo attivi molti interessi per volta, e l’interesse al primo posto dopo qualche mese di studio, quando lo ritengo approfondito a sufficienza, va poi al secondo posto per dare priorità all’interesse nuovo, e altri mesi dopo va al terzo e poi finisce nello sfondo delle cose normali della mia vita che approfondisco solo saltuariamente… e intanto l’articolo, a furia di posticipare, poi non mi va più di farlo. Che senso ha voler fare un articolo troppo approfondito su un argomento, se poi ci si blocca e non lo si fa proprio? Come il bell’articoletto che avevo in mente in difesa della cultura napoletana del caffè… o quello sui metodi alternativi di infusione del tè…
Meglio allora fare di meno, ma farlo per certo. No?

Interessi sportivi che si fa figura migliore a non dire di avere.

Interessi sportivi che si fa figura migliore a non dire di avere.

Ho parlato di interessi personali e blog di una volta, ma questo non vuol dire che mi metterò a postare foto fatte allo specchio come le ragazzine in pieno sconvolgimento ormonale. Ok, magari una sì, in albergo a Porretta Terme, per testimoniare lo stato pietoso da cicciomerda fuori dieta. Facciamo due, la seconda col petto in fuori a casa. A mia discolpa posso dire che le ho realizzate per Zweilawyer al fine di guarirne l’abietta condizione eterosessuale e sedurlo. Ok, forse non suona bene come scusa…

Mi capita spesso di leggere libri che mi lasciano spunti interessanti che meriterebbero segnalazione e commento. Le ultime due volte è capitato proprio a luglio, con due romanzi di Robert Heinlein. Mi sono già pentito di non aver scritto subito due brevi articoli per parlarne (anche se uno richiede grossi spoiler per parlarne in modo inutile). Posso sempre rimediare, ma il problema di fondo è aver rimandato il blog: ho usato quei romanzi come esempi nel lavoro con i miei autori, ma non ho scritto gli articoli!

Da gennaio ho deciso di approfondire seriamente il mondo delle birre. Sì, più o meno in contemporanea alla voglia di approfondire sul serio il caffè, ma avevo dato priorità massima a quest’ultimo e il secondo posto alla birra. Nel frattempo, anche se non ho scritto più nulla, ho continuato a provare ricette nuove per torte, biscotti e hamburger. Ho letto parecchi saggi di divulgazione scientifica interessanti, ho letto manuali per aiutare gli sceneggiatori a sbloccare le idee, ho seguito un corso per “imparare ad apprendere”… e ho usato quanto imparato sul cervello per migliorare la creatività mia (anche se non scrivo) e dei miei autori (che invece dovrebbero scrivere).

Questo intendo con argomenti da trattare con articoli brevi. Piccoli spunti, curiosità, consigli di lettura. Niente di troppo organizzato o complicato, anche perché il tempo è poco se considero anche i tre allenamenti di pesi settimanali in palestra (e il quarto facoltativo a casa, che ho iniziato da poco ad aggiungere). Non è che ora mi metterò a parlare di cazzate qualsiasi, tipo del mio nuovo attrezzo ginnico per rinforzare la stretta della mano che ho preso per sostituire sui carichi più bassi il mio buon vecchio Super Gripper Ivanko..

ivankosupergripper

Ivanko Super Gripper e attrezzo del Decathlon più “normale”.

L’Ivanko è una meraviglia che può andare dai 20 ai 155 kg, ma in mano è doloroso e scomodo: nonostante il nastro antiscivolo che avevo avvolto, dovevo usarlo comunque con un fazzoletto per fare imbottitura in mano o con addosso dei guantini molto spessi. Mi ci voleva un hand grip nuovo, facile e compatto, seppur adatto solo a esercizi non troppo intensi (dai 10 ai 40 kg). Ma in fondo per la mano mi importa di più fare set ad alto numero di ripetizioni, e comunque 35-40 kg è un carico che mi va bene anche per i primi set pesanti per cui… ehi, ma non avevo detto che NON avrei parlato del nuovo attrezzo? Torniamo in carreggiata!

Parecchie volte ho pensato di dedicare un post alle serie di anime della stagione che intendevo provare a seguire, dopo aver visto il primo episodio. Poi aspettavo il secondo per conferma e per dire qualcosa di più preciso. Poi il terzo. Poi si arrivava al sesto in men che non si dica e che senso aveva più segnalarle, non erano più serie davvero nuove! Capito il meccanismo di blocco?

Tristemente, mi capita spesso di dare la priorità a Facebook. Lo uso pochissimo, in pratica solo per lavoro, ma se seguite la mia pagina troverete spesso mini-recensioni di birre, citazioni e altra roba che non ho mai usato sul blog. Perché non ho sfruttato quegli spunti per degli articoli qui? Lo stesso malcostume citato a inizio post è anche un mio malcostume.

Relax, don’t worry, have an homebrew.

(Il motto dal sapore zen di Charlie Papazian)

Vediamo se riesco a sbloccarmi un po’ e a ricominciare a pompare spunti e materiale curioso per chi sa apprezzare la libertà di dire che due e due fanno quattro. Dopo nove anni (fondazione: ottobre 2007) questo blog merita più attenzioni e un approccio più snello. ^_^

A presto!

Dettagli sull'autore

Il Duca di Baionette

Il Duca di Baionette (Marco Carrara) è nato in un secolo, vive in un altro e crede di vivere in un altro ancora. Dal 2006 si occupa in modo costante di narrativa fantastica e tecniche di scrittura. Dal 2008 si occupa di editoria digitale sul suo blog Baionette Librarie, di cui si è autonominato Duca. Nel gennaio 2012 ha avviato AgenziaDuca.it per trovare bravi autori e aiutarli a migliorare con corsi di scrittura mirati. Gli stessi corsi forniti gratuitamente agli autori di Vaporteppa.

Nel gennaio 2013 ha ideato il progetto editoriale divenuto Vaporteppa nell’ottobre successivo, con la decisione di Antonio Tombolini, A.D. di StreetLib, di adottare la collana. Ora è Duca sia di Baionette che di Vaporteppa, un po' come Macbeth che ottiene una seconda baronia all'inizio della sua vicenda.
Nel gennaio 2017 ha avviato un canale YouTube.

Adora i conigli, gli scafandri da palombaro, i trattori e le fatine. Talvolta parla di sé in terza persona, come Silvio Berlusconi, i dittatori e i pazzi. Ops, l’ha appena fatto!

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2016/08/29/dopo-nove-anni-sara-meglio-cambiare/

13 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Manrico Corazzi

    Ah, la maledizione cinese: “possa tu vivere in tempi interessanti”. In bocca al lupo, per tutte le tue attività. Basta che tu non faccia la fine di Chiara sparendo nel nulla.

  2. Daniele A. Gewurz

    Un saluto e un auspicio che gli articoli interessanti continuino ad apparire qui (e negli altri blog solidi come questo), anziché dispersi chissà dove a casa di Zuckerberg.

  3. Polveredighiaccio

    Analisi giusta, come sempre. In effetti è su Facebook che ora si raduna la folle follia del web , vale anche per me. Ma questo blog, che ho iniziato a seguire nel 2010, e su cui è nata Polveredighiaccio e a seguire ha condizionato la mia felice esistenza, resta uno dei miei punti cardine.
    Il cambiamento potrebbe portare spunti nuovi e ridare dinamismo a Baionette. Cibo, coniglietti, letteratura o qualunque idea sfiori la tua mente. Noi ci siamo. :3

  4. Il Duca di Baionette

    @Manrico Corazzi
    Quando penso a Chiara che lascia il blog, mi viene in mente quanto riporta lo storico Giuseppe Flavio riguardo gli eventi della distruzione del tempio di Gerusalemme nel 70 d.C.:

    (296 )Non molti giorni dopo la festa, il ventuno del mese di Artemisio, apparve una visione miracolosa cui si stenterebbe a prestar fede;
    (297) e in realtà, io credo che ciò che sto per raccontare potrebbe apparire una favola, se non avesse da una parte il sostegno dei testimoni oculari, dall’altra la conferma delle sventure che seguirono.
    (298) Prima che il sole tramontasse, si videro in cielo su tutta la regione carri da guerra e schiere di armati che sbucavano dalle nuvole e circondavano le città.
    (299) Inoltre, alla festa che si chiama la Pentecoste, i sacerdoti che erano entrati di notte nel tempio interno per celebrarvi i soliti riti riferirono di aver prima sentito una scossa e un colpo, e poi un insieme di voci che dicevano:
    «Da questo luogo noi ce ne andiamo».

    (Guerra giudaica, libro VI, cap. 5, 296-299)

    Ma si potrebbe citare sullo stesso episodio le Historiae, libro 5, capitolo 13, di Tacito con il suo:

    S’aprirono di colpo le porte del santuario e fu udita una voce sovrumana annunciare: «Gli dèi se ne vanno!»

    @Daniele A. Gewurz
    Ultimamente mi solleticava l’idea di un articolo sulle birre. Uno introduttivo, molto soft, un po’ come quello su come mi sono avvicinato al tè. E poi magari passare direttamente a uno sull’abbinamento birra-cibo (ma questo è più corposo da realizzare). ^_^

    @Polveredighiaccio
    Grazie! Oggi ho preso il caffè infuso, 100% arabica del Guatemala, con la tazzona mandata da Alberello. ^_^

  5. Giulia Becattini

    Sarei davvero triste se questo blog chiudesse, è uno dei pochissimi che seguo con tanto interesse (tranne che per i conigli), ed è anche l’ultimo dei blog della mia adolescenza ancora attivo, e sperò lo rimarrà ancora per molti anni.
    E chissà che un giorno anche Chiara non torni a scrivere, in qualunque forma. Io ci spero sempre!

  6. Zweilawyer

    Ho iniziato un paio di anni dopo di te, mio caro, ma penso che per lungo tempo abbiamo contribuito allo sviluppo di un modo di fare blog diverso e approfondito. Un modo che mancava.

  7. Il Duca di Baionette

    Mi sono accorto oggi pomeriggio che questo pezzo

    Il tempo delle vacanze estive è ormai passato quasi per tutti. Per me di sicuro è passato ed è durato il meno possibile

    non è esatto, visto che da domani a mercoledì pomeriggio sarò a Torino. Ma non conta proprio come vacanza: è un pellegrinaggio nella vera capitale dell’Italia, ad ammirare l’essenza sabauda delle cose. Un pellegrinaggio al Palazzo Reale, al Museo del Risorgimento, al luogo della morte di Micca e al museo di antropologia criminale dove la dura verità sull’uomo scoperta da Lombroso è esposta.

    @Giulia Becattini
    Quante giovinette che ho rovinato ai tempi in cui gestivo con immoralità il blog…

    @Zweilawyer
    Un modo ursino. Sotto lo sguardo carico di disapprovazione di Chiara.

  8. MattoMatteo

    Verifichiamo le opzioni:
    1) continuare il blog con pochi post, ma lunghi.
    2) continuare il blog con post più corti, ma più numerosi.
    3) chiudere il blog.

    L’opzione 3 è, ovviamente, da scartare!
    Cosa succederebbe al mondo, privato del diffusore del verbo del 4 e della pucciosità dei suoi lapini padroni?
    Ovviamente la morale degenererebbe e poi sparirebbe, costringendo i coniglietti all’azione ultima: la totale distruzione degli stoopidi oomani… e, anche se sarebbe una fine ben meritata (senza il Duca e la sua parola, il mondo sarebbe comunque troppo lurido e noioso per viverci), personalmente è qualcosa che vorrei evitare.

    L’opzione 1 è interessante… ma se il Duca mi permette, alle volte seguire una dozzina o più di schermate di testo, per quanto trattino argomenti interessanti, è davvero pesante.

    L’opzione 2 ha 4 innegabili vantaggi (e non potrebbe essere diversamente, visto che il 2 è così intimamente legato al fulgido 4: 2+2 = 2×2 = 2^2 = 4):
    1) permette di avere più post.
    2) permette al Duca di scrivere di molte più cose.
    3) permette di dividere un’argomento interessante in più pezzi, ognuno più semplice da leggere e memorizzare di un’unico post lungo.
    4) quattro!

  9. Daniele A. Gewurz

    Personalmente continuo a preferire post lunghi e approfonditi. A scrivere due pensierini sono bravi tutti (certo, ai Duchi riuscirà sempre meglio che al volgo), mentre un testo approfondito richiede un lavoro che pochi investono. Per esempio, in tutt’altro campo, uno dei miei blog preferiti è Restricted Data (http://blog.nuclearsecrecy.com/) i cui post quasi sempre sono articoli lunghi, quasi piccoli saggi, su un argomento relativo alla storia delle armi nucleari (da Einstein, Szilárd, Fermi, alla guerra fredda e a oggi).

  10. Null

    Auguri per qualsiasi iniziativa, che da qui in avanti il 1916 sia anno propizio per il ritorno in attività del blog in versione 2.0 ^_^.

  11. Nicholas

    Ah duca, a parte il coccolone che mi hai fatto prendere con l’immagine, mi perdo sempre le tue discese in sabaudia, la prossima volta che ci capiti passa dal museo lombroso.

  12. Il Duca di Baionette

    Fatto! Ma c’è divieto di far foto per cui sarà l’unica parte del prossimo articolo priva di immagini… e pensare che c’erano dei crocifissi con pugnale nascosto davvero carini (a parte le maschere mortuarie dei terroni, con quelle facce da Ladri, Assassini e Incendiari che hanno!). ^___^

  13. Michele

    (analisi di film, chiacchiere su opere, ragionamenti su fantasy/scifi ecc.)
    Mi dispiacerebbe perdere del tutto articoli su certi argomenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *