«

»

Dic 07

Stampa Articolo

La birra e io: una storia con fatine

Il mio rapporto con la birra è stato strano.
Considerate che prima di qualche anno fa tendevo ad andare pochissimo in pub o simili, anche perché provavo scarsissimo interesse verso gli alcolici. Preferivo farmi i cazzi miei, sfondarmi di videogiochi al PC, seguire questo blog (dal 2007) e leggere (o organizzare piuttosto un paio di serate al mese di GURPS col mio gruppo, prima del 2009).

Ho cominciato a uscire la sera per bere con un minimo di ritmo (2-4 volte al mese) solo da quando la passione per il vino mi si è accesa, nel 2012, col corso per sommelier. Alla fine approfittare delle uscite con gli amici per bere, invece di prendere una birra solo per passare il tempo come prima, mi serviva anche per formazione didattica! ^_^

sm33749_costume_fata_donna_tm

Sì, il titolo è corretto: la vicenda include delle fatine.

La birra da giovanissimo mi attirava a livello puramente teorico, non a livello pratico. Sarà che in casa avevamo solo Moretti o Peroni base in lattina, o la von Wunster, insomma roba che quando provavo a berne una mi domandavo: fa pietà e sono calorie inutili… perché la sto bevendo? Pensiero condiviso anche da mio fratello, che non beve proprio niente di alcolico, e da mio padre, che in pratica le teneva in casa solo nel caso servissero per cucinare o se prendevamo la pizza. Io con la pizza usavo l’acqua, o al massimo la Coca Cola.

Ecco, bevande gassate: ne ho sempre bevute pochissime, in gran parte per evitare gli zuccheri. Ho usato in alcuni periodi parecchio schifoso tè in bottiglia senza zuccheri (ma con dolcificanti che incasinavano la dieta anche senza fornire calorie), ma ho sempre evitato l’acqua frizzante e consumato pochissime bevande effervescenti. Qui si inserisce il mio secondo problema con la birra, dopo il gusto: le bollicine mi disturbavano lo stomaco, per cui se bevevo 3-4 birre da 33 cl mi sentivo infastidito, leggermente nauseato. Mi scombussolavano. Se considerate quanto sono gasate le birracce tipo Heineken, potete capire come fossi assolutamente disinteressato a quelle schifezze. Magari un whiskey o un cognac, o anche uno stinger, ma birre no. A meno che non fosse la Guinness.

Come mi venne in mente la Guinness?
Ho detto che non bevevo praticamente birre e nemmeno la conoscevo, di conseguenza. Non che ci fosse granché da conoscere, all’epoca, quando stavo tra la quarta liceo e l’inizio dell’università (2001-2003). Una birra però mi era rimasta impressa già da quattro-cinque annetti, grazie a un dettaglio trash tratto da Azione Immediata di Andy McNab:

L’ufficiale istruttore capo si chiamava Peter.
Era alto un metro e sessantacinque e sembrava lo zio preferito di una qualsiasi brava famigliola borghese. La notte stessa della Danza del Fan venne a fare un giro negli alloggi. Esaminò l’assurda varietà di bevande pseudo-energetiche ammucchiate sulle cuccette e negli armadi metallici, annuendo con aria comprensiva e paziente.
«Tutte queste sono stronzate,» commentò alla fine in quel suo lento, quasi sonnacchioso accento di Birmingham. «Bevetele pure, se proprio vi piacciono. La scelta è vostra. Da parte mia, in chiusura di giornata, rimango su due boccali di Guinness e un sacchetto di patatine fritte.»
Non ce lo facemmo ripetere. Ci precipitammo in massa allo spaccio del centro, ingollammo la Guinness e divorammo le patatine. Forse avrebbe funzionato. E forse invece no.

guinness_pints

Grazie di esserci stata al tempo in cui non si trovava niente di passabile.

Questo mi fece incuriosire verso la Guinness.
Non avevo idea che fosse servita nei pub da bombole con azoto, senza effervescenza. Sapevo solo che era un pochino meno acquosa e che il sapore era diverso dal solito, più accettabile per me, e berla non mi dava fastidio. In più c’era la sorpresa inaspettata: non era frizzante! Così sì che potevo berla senza fastidi. I sapori tostati, il colore nero e la schiuma beige invitante, cremosa, fecero il resto.

‘Fanculo le bionde, meglio il negro. Così, diciamo, dal 2000 al 2008 quando potevo scegliere una Guinness alla spina, la prendevo. Tanto non capivo un cazzo di birre e se non ero in vena di sperimentare seguendo il consiglio di un amico al tavolo, andavo sul sicuro.
Qualche volta provavo altro anche senza consigli, per esempio è così che ho bevuto per la prima volta la Bulldog Strong Ale a pranzo nel pub davanti al liceo (ero in quarta mi pare), mentre leggevo l’inizio di quel delirio retard di Così parlò Zarathustra di Nietzsche. Schopenhauer l’ho sempre trovato più interessante, almeno faceva finta di usare il cervello.

I “consigli” degli amici mi fanno ricordare cosa bevevano alcuni miei compagni di classe in quarta-quinta liceo: Tennent’s Super da 9,3% di alcol. Motivo per cui la bevevano? Era forte. Motivo più del cazzo non si può. Almeno aveva un sapore, a differenza di una Moretti base alla spina o di una Peroni, seppure fosse un sapore di vomiticchio e amaro sgradevole legato all’alcol fuori controllo di una pessima birra. Non l’amaro piacevole di una forte, moderna, luppolatura.

Erano gli anni in cui la Du Demon da 12% (un altro “mito” dell’epoca) ancora si vantava di essere la birra più forte del mondo, se ricordo giusto… oggi deve scrivere di essere solo “una delle più forti” e anche parecchio dietro le vere birre fighe: senza contare certi Barley Wine da 20% e oltre, perfino io che non amo le birre troppo alcoliche ne ho provate alcune che fanno impallidire la Du Demon, come la Zombination della De Struise Brouwers, una Imperial Stout da 17% che ha il profumo e il sapore di un buon Pedro Ximénez e l’alcol non lascia nessuna nota sgradevole. A non sapere il grado alcolico, potrebbe sembrare una Imperial Stout da 8-9%. Capolavoro.

Tennent's Super, con la sua delicata nota di vomito. Mmmh-mmmh, fenomenale!

Tennent’s Super, con la sua delicata nota di vomito. Mmmh-mmmh, fenomenale!

Facciamo un salto avanti.
Siamo nel luglio 2010 e ho ripreso a interessarmi un po’ alle birre, grazie a mio fratello che mi portò in regalo da Porretta Terme due confezioni da tre birre alle castagne di Beltaine. Mi pare fossero due confezioni, non una. Comunque, con Beltaine ho avuto il mio primo incontro sicuro con il prodotto di un microbirrificio italiano.
Mi capitava ogni tanto di provare birre “artigianali”, o comunque birre diverse dalle classiche Pale Lager industriali, portatemi in regalo, e prendevo volentieri birre “artigianali” quando andavo al pub accanto al comune di Seriate, dove spesso sceglievo il bottiglione La Binchoise Biere des Ours (la birra degli orsi, al miele: per froci ursini con gusti da fatine), ma non ricordo di aver bevuto prodotti italiani prima di Beltaine.

Il 2010 è anche l’anno in cui ho incontrato la Pale Ale di John Martin, presa alla spina al Keller di Curno. L’unico posto in cui l’ho trovata alla spina. Una rossa che mi stupì per i sentori dolci, che ricordavano un po’ il caramello e il miele, assieme a uno sfondo fruttato. Col fatto che per diversi motivi non mi capitava mai di andare lì, è stata una birra che ho bevuto solo due o tre volte e poi non ho più bevuto dal 2011 al 2016.

Ma il 2010 è soprattutto l’anno in cui ho incontrato il birrone scrauso Splügen della Poretti. Questo è stato il mio birrone da combattimento tra l’agosto del 2010 e primi mesi del 2012, in bottiglia da 66 cl, assieme alla lattina da 50 cl di Bavaria e alla DAB. Ma solo Splügen aveva la marcia in più della bionda ignoranza, sottolineata anche dal formato per rumeni (come disse Zwei) e muratori, i 66 cl. In più la bottiglia di vetro mi piaceva molto di più delle lattine, anche se era più scomoda da buttare.
Di Splügen  avevo adorato anche quella pubblicità super retard con i tre coglioni che simboleggiano i tre luppoli e Angelo Poretti che li guarda dalla finestra e ha l’intuizione. WTF! Torneremo a parlare di Splügen in futuro, quando dedicherò un post alla Poretti, perché a distanza di anni ho scoperto cosa è successo al mio birrone trash da combattimento preferito mentre “non guardavo”. E non mi è piaciuto. Per niente.

A parte le birre di merda, al supemercato compravo anche qualche birra bianca (non sapevo ancora la differenza tra Weissbier e Witbier/Blanche, e all’epoca in Italia si diceva ancora “bianca” a cazzo di cane). Mi pare fosse quella di HB, che tra i grandi birrifici industriali di Monaco è ancora il mio preferito nel complesso. Ne parleremo di sicuro in futuro, a parte la Weiss ha diverse altre birre dignitose, facili da trovare e spendendo meno di 3 euro al litro.

L'evoluzione di Splügen dalla tre luppoli col nuovo design del 2009, alla tre luppoli revisionata del 2011, fino alla scomparsa del nome Splügen nel 2013. Vergogna! Vergogna! Vergogna!

L’evoluzione di Splügen dalla tre luppoli col nuovo design Poretti del 2009, alla tre luppoli revisionata del 2011, fino alla scomparsa del nome Splügen nel 2013. Vergogna! Vergogna! Vergogna!

La birra che volevo assaggiare e non trovavo era la Alpen.
Sì, la regina indiscussa delle birre di merda italiane, il cui primato era seriamente contestato solo dalla Finkbräu. La Alpen era prodotta dagli stessi stabilimenti che producevano anche la Finkbräu, oggi proprietà di Birra Castello, ma mentre la prima è distribuita verso Esselunga, la seconda (oggi estinta causa rebrand) era per LIDL.
Ecco, io all’epoca andavo qualche volta all’Iper o al Carrefour o al massimo all’U2, al LIDL o all’IN’S, e non trovavo mai questa Alpen. Non sapevo che fosse un prodotto che si trovava/trova in certi posti e basta. Mi dovevo accontentare della Spgen, seconda scelta anche del mio amico (che mi invogliò a provarla, quindi è colpa sua pure questo), e ogni tanto anche io mi prendevo come lui una Moretti Baffo d’Oro per bere qualcosa di meno peggio delle solite bionde (in fondo non era malaccio…).

Come mai volevo provare la birra più merdosa della penisola?
Per via di un mio amico (di Milano) che la usava in quantità degne di un reenactors dell’inghilterra vittoriana, di quelli che devono farti capire che l’acqua è tutta contaminata e si può bere solo dopo averla bollita a lungo, come tè, o sotto forma di birra. In più, parlandone con Gamberetta, era proprio la birra da morti di fame degna di Astride nel primo capitolo di Assault Fairies.
Peccato che non la vendano in lattina d’acciaio sottile senza linguetta, come quelle negli USA tra 1935 e anni 1970, e che si aprivano con l’apribottiglie a church key facendo un buco triangolare per bere da una parte e uno da quella opposta per far entrare l’aria in modo che la birra potesse uscire facilmente:

Volare abbracciata alla lattina di birra mi mozza il fiato. Lascio cadere la lattina sul tavolo. Mi avvinghio all’apribottiglie e lo premo contro l’alluminio finché i denti dell’arnese non aprono i due fori. Dal foro più grosso sprizza fuori la schiuma, che mi imbratta dalle ali ai piedini.
Mi lecco le dita. Adoro la birra!
Ora, dove diavolo ho messo le cannucce?
Frugo nella credenza. La confezione da party – centodieci cannucce, dieci omaggio! – è vuota. Una cannuccia piegata in due spunta tra i piatti sporchi accatastati nel lavello. È unta di olio e puzza di arrosto di maiale. Be’, con la birra ci sta bene.

Assault Fairies, Chiara Gamberetta

La birra Alpen, la regina delle acque frizzanti camuffate da birra, con il suo prezzo basso in modo ridicolo (oggi sta a 0,89 euro al litro, è salita, mentre nel 2010-2014 costava 0,49 euro per 66 cl), era un mito del trash.
L’ho bevuta solo nel 2016, col rimpianto di averla incontrata con la nuova etichetta “Alpen 7 Plato” al posto della vecchia grafica storica. Sigh.

Vecchio e nuovo design.

Vecchio e nuovo design.

Concludiamo con il 2013.
L’anno dell’incontro con il birrificio Le Fate, nelle Marche, di cui il caro amico della Alpen di cui ho parlato sopra mi portò in regalo a settembre, o forse a ottobre, una bottiglia di Lalcina (birra rossa). Era davvero ottima e l’idea di collegare le diverse birre a dei personaggi di fate/fatine era geniale.
Mi sono informato e ho comprato tutte le birre disponibili, tranne Lunilia e Neverina. All’epoca stavo frequentando il secondo livello del corso per sommelier e di birre capivo ancora troppo poco, ma anche senza saperne molto riuscivo a capire, valutando soprattutto gli aromi, la persistenza e il corpo, che quelle birre non erano niente male.

Questo è stato il primo birrificio artigianale italiano a cui mi sono interessato e affezionato, e di cui compro volentieri ogni tanto le bottiglie, anche se poi di regola bevo Brewfist o Bevog come birre “artigianali” (sì, tra una settimana parliamo anche di questa definizione stupidotta) ricorrenti e solo ogni tanto Le Fate. Quando c’è stato il terremoto ho subito controllato su FB come stessero i titolari del birrificio, per esempio.

Dal 2014 ho cominciato a occuparmi di birre, seppur lentamente, e dal 2016 ho iniziato a farlo seriamente (incluse parecchie letture a tema da giugno a settembre). Gli ultimi sei mesi hanno visto una notevole accelerazione di degustazioni, studio e sperimentazione Sì, ok, per ora produco birra in casa usando solo Kit modificati e al massimo un lavoro ulteriore coi luppoli sia in bollitura che in dry hopping, e non so se passerò alle all grain già nel 2017 o se sarà nel 2018, ma mi diverto anche così…

Riguardo le degustazioni, proprio ieri ho schedato la birra numero 216. Non siamo ancora ai 274 tè schedati o ai 250 vini (163 fermi e 87 spumanti, e sia col tè che coi vini mancano credo 15-20 prodotti che non ho mai schedato per dimenticanza o scarso interesse), ma è un inizio nella costruzione della mia biblioteca di sensazioni legati ai moltissimi stili di birre esistenti.
Da un po’ comincio a capire meglio cosa analizzo e, devo dirlo, il corso per sommelier seppur basato sul vino è stato molto utile anche con le birre, come lo era stato col tè e col caffè. A proposito: seppure ridotto, il mio consumo giornaliero di tè sembrerebbe ancora molto elevato a qualsiasi individuo normale. ^__^

Ho dovuto montare cinque scaffali nuovi nel mio garage per gestire la mia passione per le birre e la voglia di produrne. Nei due davanti alla mia auto ci sono le birre comprate e nei tre laterali le birre realizzate… al momento scaffali di sole bottiglie vuote, in attesa delle prime tre cotte (due su a casa già imbottigliate e una ancora nel fermentatore) di nove che ho previsto entro inizio aprile.
Qualche foto della mia cantina nel giorno 6 dicembre 2016, con il fantastico pavimento sconnesso che fa pendere a caso gli scaffali:

  • In alto a sinistra le birracce da supermercato, da quelle peggiori (Budweiser, Kirin, Poretti 3 e 4 Luppoli) a quelle quasi decorose (Poretti 5 e 6 Luppoli, Guinness Draught, Asahi… notare il corsivo solo sui marchi per cui nutro un briciolo di rispetto tecnico).
  • Nei livelli centrali tutte le birre buone, sia in bottiglia che in lattina (incluse le Guinness diverse dalla Draught): Bevog, Birrificio del Ducato, Le Fate, Aviator, Birrificio Italiano, Toccalmatto, Menaresta, Brewfist ecc.
  • Sul fondo quello che non sono riuscito a mettere in mezzo: alcune birre buone (Hop Skin, Valcavallina, Forst Sixtus e Forst Kronen) assieme ad altre appena sufficienti (Poretti 9 Luppoli sia Witbier che Porter) o un po’ mediocri (Forst Premium, Forst 1857), e un paio di bottiglie di una marca di sidro che mi sta piacendo molto.
  • Nei tre scaffali laterali abbastanza bottiglie per le 7 cotte ancora da imbottigliare (se ogni cotta sono 21 litri, viene facile calcolare quanto sarà il totale imbottigliato dopo 9 cotte, ad aprile ^_^).

Ah, qualcuno potrebbe pensare: ma se hai problemi con le bollicine come fai a bere così tanto? Beh, il problema non ce l’ho più, ora posso bere a oltranza. Sarà stato anche grazie ai litri e litri di tè bevuto ogni giorno per tutto il 2015 e, prima, al riavvicinarmi gradualmente alle bollicine grazie agli spumanti. Non so. Comunque, a sorpresa, nei primi mesi del 2016 mi sono accorto che ero “guarito” e potevo tracannare anche due litri di roba senza alcun fastidio. Ho accelerato sul consumo di birra anche grazie a questa scoperta. ^-^

Per ora basta così: l’articolo amarcord è finito.
Non è però finita la condivisione: la tua esperienza con le birre qual è stata, quando hai cominciato a berne, quali compri, come le hai scoperte?

La prossima settimana parlerò della definizione di “birra artigianale”.

Buona giornata e buona birra! ^_^

P.S.
Ho una Alpen in frigo, l’ultima rimasta, e questa notte farò l’insano gesto di berla!
Prosit, Astride!

Dettagli sull'autore

Il Duca di Baionette

Il Duca di Baionette (Marco Carrara) è nato in un secolo, vive in un altro e crede di vivere in un altro ancora. Dal 2006 si occupa in modo costante di narrativa fantastica e tecniche di scrittura. Dal 2008 si occupa di editoria digitale sul suo blog Baionette Librarie, di cui si è autonominato Duca. Nel gennaio 2012 ha avviato AgenziaDuca.it per trovare bravi autori e aiutarli a migliorare con corsi di scrittura mirati. Gli stessi corsi forniti gratuitamente agli autori di Vaporteppa.

Nel gennaio 2013 ha ideato il progetto editoriale divenuto Vaporteppa nell’ottobre successivo, con la decisione di Antonio Tombolini, A.D. di StreetLib, di adottare la collana. Ora è Duca sia di Baionette che di Vaporteppa, un po' come Macbeth che ottiene una seconda baronia all'inizio della sua vicenda.
Nel gennaio 2017 ha avviato un canale YouTube.

Adora i conigli, gli scafandri da palombaro, i trattori e le fatine. Talvolta parla di sé in terza persona, come Silvio Berlusconi, i dittatori e i pazzi. Ops, l’ha appena fatto!

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2016/12/07/la-birra-e-io-una-storia-con-fatine/

11 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Pyros88

    Dato che sei della bergamasca mentre io del lecchese volevo indicarti due birrifici artigianali locali che apprezzo molto.

    Dalle tue parti c’è http://www.elavbrewery.com/it/ ho provato una imperial stout, la Dark Metal, è mi è piaciuta davvero tanto, e mi piace che si ispirino ai generi musicali per dar nome ai loro prodotti.
    Dalle mie invece abbiamo http://www.herbamonstrum.it/birre/ anche qui fra le mie preferite abbiamo una stout la Malanotte, che però ammetto di non riuscire a bere più di una bottiglia, sia perché non sono uno che tracanna, sia perché ha un sapore importante ed impegnativo, alla seconda mi stufo.
    Pure questo birrificio da nomi originali alle loro birre e lo trovo interessante.

  2. Il Duca di Baionette

    Ciao!
    Elav lo conosco. Ho provato 4 delle loro birre, comprate al loro stand durante un evento birrario qui in Fiera, tra cui la Dark Metal. Mi sono fatto aiutare a scegliere le più rappresentative e l’addetta è stata molto gentile. Successivamente ho provato altre 2 birre, di cui una il loro Barley Wine (dalla declinazione strana: definendola un Barley Wine che si crede una Imperial IPA e fa il cosplay di una STrong Bitter, direi che ci avviciniamo). In generale mi sono piaciute, a parte i sapori slegati della Punks Do It Bitter, solo che non capisco l’entusiasmo attorno a questo birrificio.

    Sui vari premi ricevuti dalle birre non mi soffermo, perché i concorsi per birre sono così tanti che i birrifici se vogliono con un po’ di impegno (tante partecipazioni!) e birre anche solo decenti possono prima o poi ottenere dei premi. Lo considero un elemento neutro.

    Non si tratta di prodotti di chissà quale livello, solo normali prodotti ben fatti da birrificio indipendente serio. La Dark Metal aveva ancora una spiccata nota di liquirizia, tipica delle Imperial Stout immature (la data di consumo consigliato era nell’agosto 2021, quindi credo l’avessero immessa in commercio solo un paio di mesi prima… forse altri 3-4 mesi di maturazione le avrebbero giovato.)
    Nero fittissimo molto bello, per i miei gusti. Anche la prima Stout che ho fatto ha ottenuto un nero così, grazie a un’aggiunta di cassonade extra dark (colore 700, col nero che parte da 50 ^_^) che ha dato una botta di oscurità al tutto.

    Credo che il mio scetticismo sia condiviso anche dal blog Unabirralgiorno, perché dopo tre recensioni molto perplesse di prodotti Elav è sceso il silenzio… e visto che dichiara di preferire non recensire i prodotti così-così, temo che quel silenzio si spieghi da solo… :-(

    A Endine, quindi sempre zona BG, abbiamo Valcavallina che fa una Golden Ale e una Smoked Porter strepitose. Elav finisce parecchio in secondo piano nelle mie priorità di bevuta, anche se di sicuro le comprerò e berrò ancora, quando ci sono questi qui… poi c’è Hop Skin a un tiro di sputo (con in birre dallo stile molto legato alla costa occidentale degli USA), sempre qui vicino c’è Hammer (nato nel 2015, bravissimi), e verso Milano abbiamo birrifici mitici come Lambrate e Menaresta.
    Tutti birrifici a cui dedicherò articoli con appunti delle degustazioni, Elav incluso.

  3. Pyros88

    Capisco, grazie per la disamina e le informazioni, Unabirralgiorno quindi lo trovi affidabile come sito? Mi preoccupo sempre dei siti costruiti per fare una pubblicità di parte, mi è capitato alcune volte in passo in altri ambiti e son sempre un po’ prudente.
    In ogni caso essendo della zona ti invito a fare un salto a Garlate per provare l’Herba Monstrum direttamente dal loro brewpub o altrove se riesci a trovarla in commercio o sulla lista in birrerie più della tua zona. :)
    Intanto provo a vedere cosa dicono della Malanotte su quel sito, non vedo l’ora di leggere i tuoi nuovi articoli sulla birra e chissà magari qualcosa di nuovo sui thè, se hai novità od ulteriori spunti interessanti da condividere con noi followers.
    Ciao

  4. Il Duca di Baionette

    Unabirralgiorno mi pare un buon sito. Gli appunti di degustazione seppur con parole diverse dalle mie sono sempre stai compatibili con quanto provato da me (magari lui dice un frutto, io dico più un altro, o io penso caramello scuro e lui caramello e zucchero bruciato, magari io sento più l’uvetta e fichi e lui identifica quel profumo più coi datteri e fichi ecc.). Quando sono in dubbio su una sfumatura di profumo o sapore che sento, ma a cui non riesco a dare un nome, guardo lì e frugo nelle recensioni su RateBeer per vedere se suona il campanellino leggendo cosa gli altri hanno identificato.

    Herba Monstrum mi interessa. C’è un negozio online in cui posso trovarla?
    Malanotte, Musa e Tatanka mi ispirano particolarmente.

  5. Pyros88

    Sfortunatamente non ho mai sentito che potesse essere venduta online, ed anche il loro sito non ha una,sezione apposita. Forse il modo più semplice è tramite app/siti per ordini e consegne a domicilio di pasti, tipo CosaOrdino, infatti hanno anche una buon menù di burgers e stuzzicherie, cosa che renderebbe anche valida una visita in loco: è a 5 minuti dal centro di Lecco e dal lungolago di Lecco o di Malgrate, posti validi per poter proseguire la serata o pomeriggio.

  6. Il Duca di Baionette

    Eh, infatti non riesco a trovarla nei negozi online… Amen, fa niente.

  7. MattoMatteo

    Per ora basta così: l’articolo amarcord è finito.
    Non è però finita la condivisione: la tua esperienza con le birre qual è stata, quando hai cominciato a berne, quali compri, come le hai scoperte?

    Ammetto di avere una scarsissima esperienza in fatto di birre, così come in fatto di vini, a causa del mio essere astemio; in pratica bevo quasi esclusivamente acqua.
    A mi (parziale) discolpa, posso almeno dire di non aver mai amato nemmeno io le bevande gassate (gassosa, fanta, coca-cola, eccetera), proprio perchè troppo gassate; l’unica eccezione è il chinotto, che (oltre ad essere un sano prodotto della più italica autarchia) è meno gassato e meno dolce.

    Tornando al discorso birre, le ho cominciate a bere attorno ai 18-19 anni, quando accompagnavo mio fratello e i nostri amici al pub (anche se la primabirra che ho bevuto, e apprezzato, è stata la Corona durante una gita in montagna); in quel periodo ne ho provate parecchie, alla ricerca della “birra perfetta” (quella che, nella mia ignoranza, pensavo potesse andar bene sia da sola che per accompagnare ogni tipo di piatto), anche se la maggior parte non le ricordo

    Le mie preferite sono (in ordine sparso):
    – Corona, fresca e leggera, ottima fredda d’estate per dissetarsi.
    – Guinnes… direi che non quasi bisogno di descriverla! Personalmente preferisco quella alla spina, quella in lattina mi pare che abbia un gusto diverso, più metallico e amaro.
    – Red Erik, rossa dal gusto più complesso, ottima anche a temperatura ambiente.
    – le “Weiss”, quelle di grano, per via del retrogusto leggermente fruttato, e il fatto che sono meno amare.
    – Desperado, aromatizzata alla tequila, che gli dà un gusto dolce che mi fà impazzire.
    – una birra aromatizzata alla ciliegia, di cui sfortunatamente non riesco a ricordare il nome, che bevvi un caldo pomeriggio d’estate di molti anni fà… mai più ritrovata! ç_ç

    Sfortunatamente tutte hanno il difetto di essere un pò care, quindi compro quasi esclusivamente una birra a poco prezzo (e solo d’estate), che allungo con la gazzosa per dissetarmi; anche in questo caso, però, non più di un bicchiere a pranzo e a cena.

  8. Il Duca di Baionette

    Il cocktail di birra e gazzosa (una radler improvvisata) fa a gara con i calabresi che mischiano vino e gazzosa. XD
    Della Guinness prova la West Indie Porter: costa parecchio di più, ma comunque un prezzo ragionevole, 8 euro al litro (4 euro bottiglia da 50 cl su Amazon) invece dei 3-4 euro al litro di Draught e Original, ed è una Porter fantastica se pensiamo l’origine “industriale”, molto buona anche confrontata con i prodotti dei microbirrifici.

    Per la Corona e la Ceres Red Erik: https://www.youtube.com/watch?v=dUyt2CKnjs8
    ^_____^

  9. Antonio

    Siccome mi intriga molto comprendere a fondo, sotto il profilo teorico e pratico, il processo chimico e alchemico che porta alla produzione di questo nettare, mi chiedevo dove poter trovare delle fonti, ancora piu interessanti di quelle che è facile reperire googlando, riguardo i processi e le strumentazioni per produrre la birra in casa. Ovviamente su piccola scala. Chiedo qui perchè dalla pagina facebook ho ricevuto parecchi imput e ho ritenuto il caso di cavalcare l’onda e approfondire, abbastanza sicuro di ricevere corrette indicazioni da chi mi sembra un grande appassionato. Ovviamente se qualcuno oltre al founder di questo blog ha informazioni, esperienze, suggerimenti da condividere, non può farmi altro che piacere. Sarebbe anche molto interessante avere qualche info riguardo la coltivazione delle materie prime, o sul dove e come reperirle. Insomma è un mondo complesso nel quale vorrei avventurarmi. Grazie!

  10. Il Duca di Baionette

    Ciao Antonio!
    Il testo fondamentale, secondo me, è il classico del Bertinotti La tua birra fatta in casa: http://amzn.to/2kA5FvP

    Qui una vecchia versione (2011!) ridotta: http://www.bertinotti.org/birra_in_casa.pdf

    La prima cosa da tenere in mente è: non strafare.
    Partire con calma, facendo cose facili. Partenza più facile di tutte: usare un Kit a cui aggiungere, al posto del classico kg di zucchero bianco, 1,5 kg di estratto di malto secco o 1kg di estratto di malto secco e 0,3-0,4 kg di zucchero di canna/moscavado/demerara; e al posto del poco lievito fornito, per buona parte degli stili “inglesi” va benissimo una bustina di SafAle S-04… ho fatto 4 cotte e ne ho altre 5 in cantiere, e in 7 di queste userò S-04. :-)

    Certo, si può partire con l’All Grain, facendo la birra seppure in piccolo come un vero professionista… ma bisogna a quel punto tenere in conto di dover comprare una pentola di ALMENO 35 litri in acciaio con rubinetto e filtro (110+ euro), una serpentina di raffreddamento con il suo scambiatore (100 euro circa), ragionare sull’acidità del mosto durante l’ammostamento (legata a tempo e temperatura, fondamentale, in cui i cereali maltati staranno in infusione in acqua) ecc.
    Un casino di cose che possono andare storte.

    La seconda è: non strafare al contrario, procurandosi troppo poco e volendo fare poco.
    Non ha senso comprare un kit per la birra troppo economico con un solo fermentatore, senza tappatrice a colonna ecc. tutte scomodità e limitazioni che poi si pagano con la perdita di voglia di produrla davvero.
    Idem non ha senso fare come prima birra un “bionda” classica, addizionando zucchero invece di estratto e senza cambiare il lievito… fare una buona Stout o una buona Bitter o una buona IPA è altrettanto facile. Fai la birra che ti piace bere e usa l’estratto e usa un lievito alternativo ai pochi grammi tristi forniti con ogni latta di estratto luppolato.
    Io ho comprato le attrezzature di partenza qui:
    http://www.birramia.it/kit-per-birra-e-fermentatori/kit-di-fermentazione-birra/kit-per-birra-e-di-fermentazione-free-top.html#.WFLEBVykOao

    La pentola d’acciaio, da 15 litri, che tornerà buona anche per lavorare in futuro in partial mash o E+G con mosto concentrato, l’ho presa a un prezzo davvero buono qui:
    http://amzn.to/2lFlClo

    Considera che quando bolle, e un pochino dovrà farlo per sterilizzarsi, il mosto si gonfia e schiuma… la capacità realmente utilizzabile di una pentola senza pericolo che fuoriesca è 2/3 di quella reale… nel mio caso 10 litri.
    Con una pentola così “ridotta” posso raffreddare tutto usando il lavandino della cucina, un po’ di ghiaccio (nel lavandino) e l’acqua corrente fredda, SENZA bisogno di serpentina. Se proprio avessi problemi a raffreddare in fretta (più tempo rimane caldo il mosto e più sostanze cattive, spiacevoli, si formano) tengo sempre quando preparo la birra un paio di bottiglie extra di acqua San Benedetto a 3 gradi in frigo per dare l’abbattimento finale dentro al fermentatore.

    Ultimo consiglio: sanificare non è un “fastidio” è buona parte della questione.
    Io lavoro con acqua e candeggina Ace normale sia i fermentatori (quando li metto via) che le bottiglie (il giorno prima di imbottigliare), poi li sanifico di nuovo con un prodotto a base di ossigeno attivo come Oxi-San subito prima dell’uso. I rubinetti dei fermentatori, con le loro guarnizioni, sono il punto debole che può sviluppare infezioni che poi si propagano come una “ombra nerastra” nel resto del fermentatore di plastica: per scongiurarle i miei rubinetti, dopo l’uso, vengono smontati e lasciati in acqua e candeggina per almeno 10 ore. E ovviamente passati col sanificante a base di ossigeno assieme a tutto il resto (gorgogliatore, tubo crystal) prima di montare il fermentatore per infilarci il mosto o travasare la birra.
    Tieni conto che il giorno in cui imbottigli tra pulizie, preparazione, imbottigliamento e stoccaggio in luogo con circa 18-22 gradi per la carbonazione nelle prime due settimane (cioè in casa) ti andranno via 5-6 ore, 6-8 la prima volta se hai dubbi e cincischi.

  11. MattoMatteo

    Il cocktail di birra e gazzosa (una radler improvvisata) fa a gara con i calabresi che mischiano vino e gazzosa. XD

    Anche vino e gazzosa non è male… ma è colpa dei geni “terroni” ereditati da papà (lui era di Napoli). XD

    Della Guinness prova la West Indie Porter: costa parecchio di più, ma comunque un prezzo ragionevole, 8 euro al litro (4 euro bottiglia da 50 cl su Amazon) invece dei 3-4 euro al litro di Draught e Original, ed è una Porter fantastica se pensiamo l’origine “industriale”, molto buona anche confrontata con i prodotti dei microbirrifici.

    Grazie mille della dritta, ne farò tesoro.

    Per la Corona e la Ceres Red Erik: https://www.youtube.com/watch?v=dUyt2CKnjs8

    Why? Oo’

    P.S. (valido anche per Antonio): cercando in rete, ho trovato questo sito relativo alla birra, che mi pare molto ben fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *