«

»

ott 17

Stampa Articolo

Sciabolamento spumante – Ada Lovelace Day 2012

Per il quarto anno consecutivo ricorre l’Ada Lovelace Day. Questa volta il 16 ottobre invece che a marzo (2010) o il 7 ottobre (2011). Maggiori informazioni presso il sito ufficiale Finding Ada. Come due anni fa e l’anno scorso, anche questa volta, seppure in ritardo di un giorno per i troppi impegni, voglio dedicare la giornata alla nostra Dea, Gamberetta Hime-sama:

Oggi è l’Ada Lovelace Day, giornata dedicata alla segnalazione di donne che offrano un modello positivo (di successo) nell’ambito della tecnologia e delle scienze. L’idea di fondo è che le donne abbiano più bisogno di modelli degli uomini e quindi i blogger dovrebbero indicare al pubblico modelli di riferimento femminili. Fa molto riserva indiana o individua l’ultimo rinoceronte verde del continente, ma è un’iniziativa carina lo stesso perché coinvolge l’eccezionale Ada Lovelace, personaggio noto e apprezzato da qualsiasi amante dello Steampunk che si rispetti (e dagli informatici).
Tornerò a parlare di lei quando parlerò del romanzo The Difference Engine.

Io ce l’ho un modello di riferimento da dare alle ragazze, anzi a tutti, ma non è un modello nella ricerca scientifica o nell’informatica. È Gamberetta: un modello di serietà, di impegno coerente verso la scrittura, di amore per il fantastico, di modo di concepire il lettore e di sopportazione delle aggressioni quotidiane pur di non sacrificare la propria onestà intellettuale e servire il pubblico sempre più sbeffeggiato da scrittori incompetenti e da editori in malafede.

Torna presto, ti aspettiamo.

(24 Marzo 2010, 51 giorni dopo la scomparsa)

Il “torna presto, ti aspettiamo” credo che sia di nuovo valido, viste le prolungate assenze per mancanza di tempo da dedicare al blog. Ma la Dea è perfetta e quindi se questo è il suo agire allora è anche l’agire migliore possibile.

L’anno scorso anche Bradipo Stanco di Lega Nerd ha dedicato l’Ada Lovelace Day a Gamberetta, pubblicando un’intervista. Un esempio da seguire, per chi vuole, quest’anno. Anche in ritardo di qualche giorno, se vi va: è sempre un giorno adatto per adorare la nostra Dea (e scolare bottiglie di spumante rosé).

Per festeggiare la nostra Hime-sama le ho dedicato un altro video di sciabolamento dello spumante, sul modello di quello per il quinto anniversario. L’uniforme è quasi completata, devo sistemare un attimo meglio i gradi sul colletto (hanno bisogno del velcro fino al bordo per rimanere bene attaccati alla stoffa che si piega) e provare a collocare diversamente gli aiguillette, e c’è un nuovo altarino per la Sua adorazione. Con tanto di bandiera d’Italia, perché Lei apprezza un po’ di sano patriottismo. Spazi un pochino più angusti per muovere la sciabola (all’estrazione il rischio era sempre di grattare il mulo), ma fa niente, sono soddisfatto.

Nota sulla sicurezza ▼

Ovviamente, per l’adorazione di Gamberetta in quanto Hime-sama, ho di nuovo impiegato l’effige da principessina rosa (Estelle di Tales of Vesperia) al posto del sergente Nida Schuetlich (il Suo avatar da un paio di anni). Questa volta l’ho messa in un’elegante cornice d’argento con decorazioni floreali. Comunque non sono particolarmente soddisfatto della resa con Estelle, che è adatta o molto adatta solo in poche immagini (nei video in stile anime e in alcune fan art).
Ci vorrebbe una via di mezzo, con l’espressione seria di Nida e i capelli di Estelle. Vabbè, fa niente, bisogna arrangiarsi con quello che si ha. Alla fin fine a Lei tocca accontentarsi di avere per fan un otaku ciccione che Le dedica video di sciabolamenti, per cui poteva andarmi peggio come compromessi artistici. Ovviamente anche Estelle di Tales of Vesperia è autorizzata a sentirsi offesa dalla mia esistenza.

Notate il nuovo altarino mobile, con due livelli, drappeggiato ancora con la bandiera da guerra della Kaiserliche Marine. Le candele rosse nei candelabri d’argento. I gamberetti per l’eucarestia in una graziosa ciotolina bianca con decorazioni blu. Il calice decorato, degli anni ’50, acquistato presso un negozio di antiquariato vekkiume in Emilia-Romagna. È vero, ormai non è più considerato il bicchiere più adatto, ma se ricordate al tempo di Napoleone (e fino a pochi anni fa) era di moda bere lo champagne nel calice ampio, la “coppa classica” di un tempo quando era ancora dolce come un Asti Docg (esiste ancora la coppa Asti, infatti), invece che nel flûte moderno. Per me il semplice fascino del calice ampio (anche quando non è quello vero, questo si restringe un po’ in cima) batte, come godimento personale, la capacità del flûte di farci ammirare le meraviglie di un perlage dalle bollicinie fini, numerose e persistenti. Un po’ come sarebbe diverso bere un grande assenzio di qualità da un calice che riproduca le fattezze di quelli storici da museo, piuttosto che da un calice diverso creato con una ottimizzazione al millimetro delle dimensioni.

Meraviglie del perlage che tanto con lo spumante che ho sciabolato non avrei potuto godere. Abbastanza fini, scarse ed evanescenti è il parere che mi sono fatto di quelle bollicine. Ma forse per lo “scarse” e l’evanescenza è colpa del bicchiere: ho usato anche un calice da degustazione per ulteriore verifica, ma comunque non era un flûte. Di sicuro posso dire che poco dopo averlo versato ogni traccia di bollicine era sparita e lo spumante aveva l’aspetto di un vino rosato fermo, per cui di sicuro sono bollicine evanescenti. In bocca però si sentivano abbastanza, era sparito solo l’effetto visivo.

Sul sapore non mi pronuncio, non ho ancora le competenze per dire qualcosa di intelligente: bere si fa bere, non mi dispiace affatto, anzi, ma è molto distante dal pungente pizzicore di uno spumante di qualità. Forse col telescopio potrei vedere i Metodo Classico che fanno “ciao ciao” da Marte. La sensazione è quella di uno spumante “da tavola”, se mi si passa la definizione, insomma uno spumante da bere coi pasti ogni settimana (come il prezzo suggerisce). Lo spumante (o anche i Prosecco o i Franciacorta) va bevuto di più, non è un vino solo per le feste. Pasteggiare a bollicine è una pratica che dovrebbe diffondersi molto di più, a mio parere, perché oltre ai dolci lo spumante Brut può accompagnare l’agnello al forno oppure antipasti di parmigiano e prosciutto crudo. Senza parlare di tutto il pesce a cui si abbina divinamente, cotto e crudo: lo spumante è perfetto per esaltare i sapori del mare.
Anche se, come anticipato, non so ancora nemmeno capire la differenza tra il Cuvée Imperiale Brut di Berlucchi e il Gancia da 5 euro (a parte che il primo è più frizzante… però, anche se non capisco una mazza, di Berlucchi mi tentano il ’61 e il Max Rosé e il prima possibile li voglio provare).

D’altronde da un rosè così economico, spumante industriale Pinot di Pinot Gancia, non si può pretendere la qualità di un Franciacorta da 15 o 20 euro (mica parlo di chissà quali prezzi). Anzi, per quel che costano i Pinot di Pinot Gancia (4,90-5,50 euro il brut, 4,90-6,25 euro il rosé, escluse offerte), mi sono stupito (essendo io ignorante) che fossero bevibili e fatti col metodo Martinotti invece che iniettando/addizionando la CO2 stile bottiglione di Cola (risultati indecenti).
D’altronde Gancia, a pensarci meglio, è comunque un nome di una certa importanza e produce la maggior parte degli spumanti consumati dagli italiani: porcate grosse non penso che possa o che voglia mai farne, nemmeno sui prodotti più a buon mercato. È stato pure, senza contare i primordi spumanteschi negli anni 1860, tra i fondatori dell’Istituto Italiano Spumante Classico nel 1975, sotto la guida del Duca Antonio Denari. Poi, vabbè, come ho già detto non ho le competenze per parlare in modo adeguato di queste cose. Se ho detto cazzate, lo accetto: sto ancora studiando… e poi avete visto come sono ridotto?

Unico lamentela che mi sento di fare riguarda la sciampagnotta: a parte la rottura non perfetta del cercine, ma quella credo che sia colpa mia, la bottiglia presenta una concavità alla base troppo modesta, profonda appena la metà di quella di altri spumanti, per cui non è possibile tenerla agevolmente in mano con la posizione classica del pollice infilato nella base e le altre dita lungo il corpo. DoverLe servire lo spumante con una presa inelegante mi ha turbato profondamente.

Comunque non preoccupatevi per la mia sanità mental-degustativa: in un bicchiere più tecnicamente consono, un tulipano piccolo, il giorno dopo mi sono fatto due dita del mio amato Goccio di Sole (fatto solo con uve di Moscato di Scanzo appassite, un vino da meditazione da 60 euro a “bottiglia” che li vale tutti). Ma se trovassi un bicchiere storico per quel tipo di vino, anche poco consono come forma, cederei al lato VekkiumOscuro. ^_^

Per chi invece dubita della mia sanità mentale, a parte poter mostrare un documento che la attesti (non è sospetto che proprio chi si vanta d’essere sano abbia tanto timore di farlo certificare da un medico?), posso fare ben di più. Pensate che sia uno squinternato che gira sempre conciato in uniformi bislacche? Beh, potete pure ricredervi: di norma indosso normalissimi abiti civili.

E che questo tappi la bocca alle malelingue!

 

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2012/10/17/sciabolamento-spumante-ada-lovelace-day-2012/

19 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. le.marquis.de.carabas

    Hurrah per Gamberetta Hime-sama!

  2. AlinaSama

    Auguri a Gamberetta!

    @Duca: La divisa è bellissima e il “completo civile” è più attuale di quello che pensi, l’azienda per cui lavoro ne vende a bizzeffe sia di gusto classico che di gusto un po’ più moderno.

  3. Giacomo Mrakic

    gentilissimo Duca, essendo io un rievocatore storico, appassionato di uniformi e peraltro di origine austro-prussiana, gradirei sapere dove ha trovato la superba uniforme da ulano che sfoggia nel video (tre hurrà al Re e a Gamberetta!)

  4. Il Duca di Baionette

    Le tunica da ulano l’ho presa su eBay da un venditore ormai sparito che aveva parecchia roba carina. A quanto ho letto nei forum di rievocatori è sparito dopo aver iniziato a cambiare produzione, per cui sbolognava ai clienti anche giacche di colore inadatto (solo simile) a quello dichiarato pur di liberarsene, causando grossi problemi ai rievocatori.

    Quando comprai io era nel periodo d’oro in cui lavorava ancora seriamente.
    È una tunica 1907/1910, pagata 150 euro, in lana. Ne aveva con decorazioni in giallo, rosso o bianco. Ne vendeva a prezzo un po’ più alto in bellissima gabardina e sono pentito di non aver preso una di quelle (volevo le decorazioni gialle e in gabardina le aveva solo rosse).

    Se ti interessa anche il resto del bizzarro assemblaggio alla Imperatore Norton, ti faccio l’elenco dei pezzi.

  5. Baccio

    Hail Gamberetta !!
    Per il resto un grande Duca come sempre , tra l’altro potresti anche riclare qualche vecchio post sugli ebook visto come certi pesci vengono a galla adesso.
    Ma il kobo-mondadori? :P
    Baccio

  6. Clio

    Duca, trovo che il sottofondo musicale della cerimonia sia inadeguato. Qualcosa di più sobrio sarebbe stato più adatto.

  7. Il Duca di Baionette

    Duca, trovo che il sottofondo musicale della cerimonia sia inadeguato.

    Io ho chiesto gente di spessore, come i Prophilax o Immanuel Casto, ma mi hanno rifilato questo Mozart. Sarà immanicato con qualche politico.

    Comunque quando rinfodero la musica è su “alla gloria militar” e le prime due volte che appare Lei fa proprio “delle belle turbando il riposo” (la seconda volta quando il Suo volto cambia al passaggio sull’avatar della sciabola).

    All’inizio avevo provato a usare l’inizio dell’aria 10, invece della fine, per avere l’abbinamento a “non più avrai, quei pennacchini, quel cappello” che faceva molto sfottò di come mi concio, ma poi negli ultimi 30 secondi non si abbinava per niente… :-(

    Tutte gli altri brani di musica classica che conoscevo o che potevo verificare sul momento non andavano bene. Ho provato anche la Marcia Reale (con e senza Fanfara Reale), ma era “meh” e mancava l’ironia delle Nozze di Figaro.

  8. Iv.

    Mi unisco al Duca e agli altri nel dedicare l’Ada Lovelace Day a Gamberetta, nei cui confronti tutti gli appassionati di narrativa fantasy sono debitori per il grande lavoro svolto con Gamberi Fantasy. E’ un peccato che per gli impegni non riesca più ad aggiornare, ma è meglio che si dedichi al suo futuro piuttosto che perdere tempo dietro a troll e compagnia cantante (anzi, compagnia “annoiante”).

    Duca, una curiosità: ma ha davvero i capelli rosa o è un’emanazione della sua aura fatata?

  9. Giacomo Mrakic

    l’elenco dei pezzi è altamente gradito. volentieri, grazie. (l’elmetto prussiano ce l’ho, anche se io ho la versione di fanteria, mentre quello, se non erro, è della psecialità artiglieria). interessantissimo è il monocolo, che non riesco a trovare da nessuna parte.

  10. Federico Russo "Taotor"

    Noto con piacere, Duca, che avete retto il bicchiere dallo stelo (com’è consono per i vini bianchi) piuttosto che dal calice (per i rossi). Delizioso!
    Riguardo alla musica, per una ricorrenza così festosa avrei pensato ai più attuali valzer della famiglia Strauss.

  11. Il Duca di Baionette

    Se possibile sarebbe meglio tenere per lo stelo anche i rossi: nonostante la differenza di temperatura di servizio arrivi a 10 gradi tra un bianco giovane e un rosso molto strutturato, comunque non supera i 18 gradi su quest’ultimo e il calore della mano può risultare eccessivo. Anche se il calore è proprio il problema minore, mica lo tieni in mano mezz’ora, se è buono te lo scoli… più che altro la mano può infastidire coi suoi odori se così vicina, infatti quando si valuta l’odore si allontana la mano il più possibile e a tenere lo stelo sopra la base dovrebbero esserci solo l’indice e il pollice (o anche solo il pollice), e le altre dita sotto la base a far supporto.

    Uno stelo lungo e un bicchiere a tulipano non è una cattiva idea nemmeno per i distillati, nonostante il whiskey ci abbia abituato al tumbler senza stelo. Consideriamo che una vodka può dover essere servita anche a temperature prossime allo 0 mentre un cognac può arrivare a 20 gradi: temperature che perfino nel caldo caso del cognac sono inferiori a quelle della mano.

  12. Il Duca di Baionette

    @Giacomo Mrakic
    Pantaloni da ufficiale di cavalleria tedesca Seconda Guerra Mondiale con banda dello stato maggiore. In gabardina.
    Kugelhelm ispirato al M1894 per artiglieria a cavallo (quella armata come cavalleria, invece che come fanteria), ma senza le due coccarde: http://www.steamfantasy.it/blog/2011/08/03/la-terza-palla-del-duca/
    Stivali venduti su ebay come “German Army Black Leather Motorbike Jack Riding Boots” ( http://www.ebay.it/itm/ws/eBayISAPI.dll?ViewItem&item=350360352204&ssPageName=ADME:L:OU:IT:1123 ).
    Spalline italiane originali degli anni ’30 da tenente d’artiglieria, in stato quasi perfetto (ho anche quelle da capitano, in stato molto buono, ma non perfetto).
    Comuni guanti di cuoio marrone sottili.
    Distintivo da assaltatore di cavalleria (ma sono tentato di usare un distintivo da osservatore d’artiglieria, perché ne ho uno originale e la qualità dei dettagli è superiore rispetto alla copia di quello da assaltatore).
    Medaglia Pour le Mérite al collo, con foglie di quercia dorate e spade.
    Gradi sul colletto da generale tedesco.
    Cintura originale di inizio ’900 della massoneria statunitense.
    Aiguillette da generale tedesco, seconda guerra mondiale, montate adattandole a un doppio petto nel modo che sono riuscito a fare (ispirandomi vagamente all’uniforme storica dei carabinieri e al modo in cui le portava il Re).
    La sciabola è questa: http://www.steamfantasy.it/blog/2011/08/06/il-duca-si-lucida-la-spada/
    Monocolo con galleria comprato da un ottico britannico su ebay. Lente di plastica (li poteva vendere con lenti fino a 3,50 di correzione oppure correzione a piacere se si forniva la ricetta dell’oculista). Ho sostituito la cordicina con una catenella color oro, leggerissima, comprata a 1 euro per un metro da un altro venditore.

  13. Il Duca di Baionette

    Duca, una curiosità: ma ha davvero i capelli rosa o è un’emanazione della sua aura fatata?

    la Sua vera essenza, quella di Dea, li ha certamente così, come confermò anche in un articolo:

    L’ho scritta in un momento travagliato della mia esistenza, un momento che mi ha ricordato gli anni bui dell’adolescenza, spesi a leggere Stephen King in casolari abbandonati, sbeffeggiata dalle amiche per il colore dei miei capelli – rosa naturale.

    La sua attuale incarnazione… beh, il semplice dubitare di quanto sopra scritto non è blasfemo a sufficienza?

  14. Angra

    Ti preferisco quasi in abiti civili ^____^

    Ho distolto lo sguardo durante i momenti più allusivi, ma è stato tutto inutile perché poi (le signorine per bene smettano di leggere):

    la posizione classica del pollice infilato nella base e le altre dita lungo il corpo

    Un αλαλαζω -in disprezzo al barbarico hurrà- a Hime-sama!

  15. Il Duca di Baionette

    Ho aggiunto una nota sulla sicurezza sotto il video.

  16. Benny

    Evviva Gamberetta, evviva il Re!
    E evviva anche Vostra Altezza Serenissima per avermi finalmente introdotto ai misteri dello sciabolamento dello spumante. Grazie ^_^

  17. Tolman

    Ohibò, quella cravatta vermiglione… elegante e pur sbarazzina nell’accostamento al panciotto rosa perlaceo.
    Pregevole anche la scelta della coppa al posto dell’imbelle flûte. Che esalterà quanto si vuole il perlage di spumanti e champagne, ma non dà la soddisfazione del calice.
    Approvo anche il sottofondo di quel tizio là, quello di Salzburg. Ritengo altresì che forse sarebbe stato altrettanto adeguato il Kaiser Walzer di Johann Strauss.

  18. andrea

    Caro Duca,
    Sarebbe così cortese da mettere il link dell’ottico Britannico da cui ha comprato il monocolo?
    La ringrazio

    Andrea.

    P.S.
    Dove si è procurato la redingotte,è vintage?

  19. Il Duca di Baionette

    Il monocolo da lui:
    http://myworld.ebay.co.uk/rgoptical

    Le finanziera / frock coat da questo:
    http://myworld.ebay.co.uk/anthony-formalwear
    ma si tratta solo di trovare tra molti altri che le vendono uguali (blu navy o nere) quella che al momento costa meno:

    La morning coat verde scurissimo con trama “herringbone” (a V, non so il nome italiano), che è fatta meglio della finanziera:
    http://myworld.ebay.co.uk/danieljohnmenswear17

    Di panciotti ne trovi tantissimi in giro tra i venditori, è solo questione di taglia e di gusto. La “ascot” color salmone/vermiglione l’ho presa da uno che vende panciotti (peccato che non ho camice adatte, con colletti piegati molto piccoli o anche dritti, per indossarla al meglio… ma anche quelle volendo si trovano online).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current ye@r *