«

»

Dic 21

Stampa Articolo

Rogue One: quella Sporca Dozzina (non) incontra Star Wars

L’articolo è un po’ lungo, 16.750 parole, esclusa questa introduzione e l’indice degli argomenti. Una “novelette” se fosse narrativa, come direbbero gli inglesi, visto che sono sopra le 8.000 parole del racconto e sotto le 17.500 del romanzo breve.

Ho cercato di inserire tutto quello che mi sembrava degno di menzione, mischiando spiegazioni di progettazione drammatica (storytelling, sceneggiatura) con critiche puntuali sui contenuti e con BOX in giallo di riflessioni più ampie ispirate da quanto visto.

Credo che sia il secondo articolo più lungo di sempre, dietro solo a quello del 2010 su Steampunk e Risorgimento da 20.130 parole. Per facilitare la navigazione ho inserito questo indice:


Il primo trailer uscito c’entra qualcosa col film?

Quella Sporca Dozzina incontra Star Wars: questo ho pensato vedendo il primo trailer, mesi fa. Mi ha (quasi) ammazzato la voglia di vedere Rogue One, film su cui mio fratello mi aveva scassato le palle per mesi dicendomi che era previsto un film realistico, senza Jedi e magari era bello ecc.

Ecco, a mio fratello l’ha ammazzata del tutto. Non voleva nemmeno vederlo, ma l’ho convinto ad andarci e nonostante gli sia piaciuto meno degli episodi IV e V, ha potuto notare che era molto meglio di quanto sembrasse da quel ridicolo trailer in stile Quella Sporca Dozzina (e meglio del VII). Già, come se non fossero passati 49 anni dal film con Lee Marvin e l’idea di affidare la missione più importante del conflitto a una manciata di criminali inaffidabili non fosse solo stupida, ma fosse diventata nel frattempo anche un cliché.

Ve lo ricordate il primo trailer?

Se non funziona prova qui ▼

Fortunatamente Rogue One è molto diverso da ciò che il primo trailer suggeriva, e meno stupido, come vedremo dopo. Per quale motivo si sia voluto, come punto di forza del film, suggerire cose incredibilmente CRETINE che però non avvengono e pronunciare battute ben più stupide delle (non proprio brillanti) battute poi presenti, non lo so.
Ero sicuro che non poteva essere così pessimo come sembrava dal trailer… e comunque avevo visto anche Star Wars VII per cui avevo la certezza che Rogue One sarebbe stato meglio di quella cosina triste buona solo per chi non ha rispetto del proprio intelletto (o non ne ha uno apprezzabile). Non mi ha deluso!

Torniamo all’insensato trailer in stile Quella Sporca Dozzina.
La prima volta almeno la stupidità dell’idea della sporca dozzina aveva il pregio di essere originale, e poi mezzo secolo fa ancora si accettavano cose che oggi gli spettatori non accetterebbero: come i personaggi storici tutti ben pettinati e truccati, ovviamente secondo il gusto degli anni ’50’-60, anche quando è fuori luogo, oppure la recitazione molto “teatrale” (come potrebbe capitare vedendo Amleto o Re Lear sul palcoscenico), invece di simulare la naturalezza degli eventi reali.

Le cosiddette basi storiche di Quella Sporca Dozzina non erano legate al fatto che il gruppo a cui si ispirava, i “13 Lercioni“, fosse formato da galeotti: erano soldati cazzuti e aggressivi, con una predisposizione a bere troppo, e che ogni tanto finivano in una rissa e non avevano paura a passare qualche giorno in cella di rigore, ma non erano criminali condannati.

Clarence Ware e Charles Plaudo (a sinistra) dei "13 Lercioni", 5 giugno 1944, con cresta e colori di guerra in onore delle origini indiane Choctaw del sergente Jack McNiece (a destra).

Clarence Ware e Charles Plaudo (a sinistra) dei “13 Lercioni”, 5 giugno 1944, con cresta e colori di guerra in onore delle origini indiane Choctaw del sergente Jack McNiece (a destra).

Probabilmente avevano ante-litteram quella mentalità macho-stronza che pare sia la norma nelle unità d’élite USA, perlomeno secondo libri come American Sniper di Chris Kyle, o anche dal poco detto da Andy McNab sui colleghi americani in Azione Immediata.

Non eravamo degli assassini o roba simile, è solo che non facevamo quanto previsto nel modo in cui ci si aspettava che le facessimo e facevamo un sacco di altre cose extra a modo nostro. Ci cacciavamo sempre nei guai.

— Jack Agnew (1922-2009)

D’altronde, siamo chiari, le forze armate non hanno bisogno e non cercano imbecilli inaffidabili. Nemmeno quelle USA, che possono fare “l’errore” (dal punto di vista di come noi europei, britannici inclusi, vediamo le cose) di stimolare troppo l’aggressività come collante di una squadra e la fame di entrare in azione e combattere come vaccino per ridurre i rischi di stress post-traumatico, ma non vogliono dei totali coglioni. Punto.

Gli imbecilli inaffidabili fanno guai, i guai portano morti e i morti sono i propri. Quelli che fanno gli eroi indipendenti in stile hollywoodiano sono un pericolo, non una risorsa. No, grazie: ai militari crepare non piace e, come si dice spesso, se fosse per i militari avremmo pochissime guerre… il problema è che i conflitti li decidono i politici, ché tanto non devono né combatterci né sentono la stessa responsabilità personale per i soldati.

Guardiamo anche il secondo trailer di Rogue One.

Se non funziona prova qui ▼

Per accostamenti delle battute e delle immagini, i primi due trailer trasmettono l’idea che la tizia sia cazzutissima e, nonostante sia ribelle e inaffidabile, sia la sola che possa scoprire il segreto della nuova arma dell’Impero. Velatamente viene così anche suggerito, per accostamenti di immagini, che  dovrà entrare nella Morte Nera e rubarne i piani, come sappiamo sia avvenuto (il furto, non l’entrare dentro) dal primo film della trilogia originale.

L’idea di trovarsi di fronte a Quella Sporca Dozzina nello Spazio è rinforzata dalle battute del secondo trailer, in cui vediamo il soldato con la mitragliatrice e la bombola sulla schiena dire cazzate tipo “recluto gente per la Ribellione da tanto tempo”, come se dovesse assemblare lui la sporca dozzina. E subito dopo vediamo l’asiatico cieco che massacra soldati imperiali usando un bastone, come se fosse uno reclutato in stile I Sette Samurai.
Velo pietoso sulla scelta di pessime battute da badass dell’asilo di infanzia in entrambi i trailer.

Ma poi due mesi fa è arrivato il terzo trailer. E non c’entrava quasi più niente con Quella Sporca Dozzina:

Se non funziona prova qui ▼

Ora lei non è più badass come prima.
I toni diventano meno sicuri di sé, come con “Abbiamo la speranza. Le ribellioni si fondano sulla speranza.” Nell’ultimo trailer vediamo che l’hanno salvata dalla prigionia sotto gli imperiali e l’hanno arruolata a forza… per raggiungere suo padre. È suo padre che conta, non lei! Il fatto che lei sia una mezza delinquente non è rilevante, non è che debbano affidare alcunché nelle sue mani.

Rimangono degli accenni in stile Quella Sporca Dozzina come le battute “Quanti ce ne servono?”, “Non sanno che stiamo arrivando” e “Dieci uomini sembrano cento”, ma sono solo note decorative che si possono apprezzare facendo il collegamento con il film del 1967 solo se uno ha visto i trailer precedenti.

Finita la parte senza spoiler, utile per chi aveva la voglia di vederlo uccisa dai primi due trailer. Non so, fate un tentativo e andate al cinema a vederlo. Da qui in poi l’articolo parlerà dei contenuti del film e ci saranno parecchi spoiler: avviso nel caso siate di quelli che se sanno come finisce Amleto non si godono lo spettacolo…

La vera scena in cui le affidano la missione.

Da qui in poi iniziano gli spoiler. Ok?

Cominciamo con la differenza tra trailer e film arrivato al cinema. Battute come “Questa è una ribellione, no? Mi ribello” non appaiono nel film arrivato nei cinema. Quei primi due trailer non so di cosa siano i trailer, ma non lo sono di Rogue One, anche se ne usano le immagini.

Ecco come appare davvero lo spezzone coi capi d’accusa e la risposta badass del primo trailer. Mi scuso per la cattiva qualità, ho dovuto usare uno spezzone preso con la telecamera dai pirati per soddisfare il mio “diritto” all’uso legittimo al fine di critica di un massimo del 15% di un’opera protetta (in tutto l’articolo vi sono 5 minuti e 30 secondi di estratti su 125 minuti di opera, titoli di coda esclusi):

Toni e battute parecchio diverse, no? Sembra un altro film, e meno male! Questo sembra un film che si può guardare senza sentirsi i fratelli scemi di Forrest Gump. Qui ha senso, è addirittura ragionevole, che abbiano bisogno di Jyn nonostante sia una delinquente e le offrono di far sparire i suoi reati in cambio di servigi utili al Senato. Notate che non dicono mai “avventata, aggressiva e indisciplinata”, a differenza del trailer, e fateci caso: che senso avrebbe “indisciplinata” se lei non è un soldato? Eh già, i sottintesi farlocchi e truffaldini del primo trailer sono grossi: è proprio un’altra storia!

Se davvero avessero avuto scene con battute diverse, come se solo dopo avessero deciso se lei era un soldato indisciplinato o la fuggitiva che sembra, questo spiegherebbe la piattezza dell’opera, in cui i personaggi sono ficcati senza che siano davvero quelli ideali. Un personaggio A non può determinare l’identica storia di un personaggio B, perché una storia è, scena per scena, conseguenza del carattere del personaggio in relazione agli eventi. Personaggi diversi implicano sempre scene diverse e quindi storie che diventano scena per scena molto diverse l’una dall’altra, altrimenti sembra tutto un manovrare da burattinaio dello sceneggiatore.
Non possiamo sapere cosa sia accaduto, ma propendo per il trailer truffaldino, e non per la doppia versione così diversa di alcune scene, perché quest’ultima opzione è davvero poco degna di un serio professionista.

L’unica somiglianza con Quella Sporca Dozzina è che in cambio le offrono il perdono, ma la differenza è che a lei chiedono in cambio relativamente poco mentre quelli della dozzina avrebbero dovuto darsi alla macchia alla prima occasione, altro che missione suicida! Comunque pure Jyn è tentata, dopo aver parlato con Saw, di mandare tutto affanculo visto che quanto richiesto lo aveva fatto e dei Ribelli le frega meno di zero… ma ciò che l’Impero fa, ciò che l’ologramma di suo padre dice e le ultime parole di Saw le fanno cambiare idea.

La trama in poche parole.

Prima di partire con l’analisi vera e propria, diciamo di cosa parla di film. Se ancora non lo hai visto, ti invito a vederlo a meno che tu non sia del tutto allergico a Star Wars. È meglio della trilogia prequel. Non è peggio, anzi secondo me è meno stupido e meglio pensato, anche de Il Risveglio della Forza, pur mancando l’attrattiva delle (idiote) spade di luce che piacciono ai bambini.

Pur senza la bella regia e fotografia della trilogia originale, in parte rovinata e inquinata dalle aggiunte digitali delle nuove edizioni dove prima vi era un sapiente uso degli spazi vuoti (come la scalinata di Jabba the Hutt nel terzo film), a livello di “idiozia” si ricolloca sul livello tollerabile dei primi film (e non ha il picco di vomito degli orsacchiotti ewok).

La squadra multiculturale e multietnica di Rogue One. Nella foto manca il droide, perché della loro minoranza non frega un cazzo a nessuno.

La squadra multiculturale e multietnica di Rogue One. Nella foto manca il droide, perché della loro minoranza non frega un cazzo a nessuno.

La trama:

Galen Erso è uno scienziato imperiale obbligato a lavorare alla realizzazione della Morte Nera. Sua figlia Jyn è stata allevata da un capo dei rivoltosi, il terrorista sanguinario Saw Gerrera, a cui Galen l’ha affidata prima di venire preso prigioniero.

Passano 15 anni e Jyn è diventata una delinquente (dal punto di vista dell’Impero) ed è finita in prigione. I Ribelli la salvano, perché lei conosce Saw Gerrera e loro hanno bisogno di un contatto con quel fottuto demente paranoico: Saw ha in mano un pilota traditore con un messaggio destinato all’Alleanza.

Jyn acconsente ad aiutare l’Alleanza in cambio del perdono per i suoi crimini. Viene affidata a Cassian e al droide K-2SO e partono per trovare Saw da qualche parte su Jedha, la luna abitata di NaJedha. Arrivati a Jedha City finiscono immischiati nella guerriglia urbana e si salvano grazie all’aiuto di Chirrut e Baze, due guerrieri che un tempo proteggevano il tempio dedicato al culto della Forza.

Vengono condotti da Saw, dove Jyn sente il messaggio di suo padre e decide di voler fare la sua volontà contro l’Impero. L’Impero però si è incazzato per quanto accaduto e per liberarsi dei rivoltosi di Saw annienta Jedha City con la Morte Nera appena completata.

Jyn fugge con Cassian, il droide, il pilota imperiale e i due guerrieri e vanno diritti su Eadu, il pianeta dove è presente Galen Erso. Pim pum pam, la base salta in aria ed Erso muore, per colpa dell’attacco dei Ribelli chiamati a colpire dalle indicazioni di Cassian. L’unica speranza rimasta per fermare la Morte Nera è recuperarne i piani nel Centro Dati imperiale.

Gli “eroi” tornano alla base dell’Alleanza e raccontano tutto, ma il consiglio non si fida. Chi dice che la Morte Nera esista? Chi dice che Galen avesse tradito davvero? Chi dice che Jyn non menta? Chi dice che non sia una trappola? Chi ha visto dove ho messo gli occhiali? Chi ha le mie medicine?

L'Ammriaglio Reddus dice che non è una trappola, non come quel pestamerde di Ackbar nei film successivi.

L’Ammiraglio Raddus sa che non è una trappola, non come quel pestamerde di Ackbar.

L’Alleanza decide di non fare niente e valutano di arrendersi, perché perdere è sempre meglio che partecipare. Jyn non ci sta e guida l’ammutinamento di un gruppo di volontari disposti a tentare una missione suicida contro il Centro Dati imperiale pur di ottenere una possibilità di sconfiggere la Morte Nera. La loro nave rubata prende il nome di Rogue One.

Segue infiltrazione e attacco, a cui poi si accoda la flotta dell’Alleanza quando scoprono che il piano è scattato e che quindi sono nella merda a priori e tanto vale giocarsela fino in fondo. Combattimento spaziale. Combattimento a terra. Piani recuperati e trasmessi all’ammiraglia dell’Alleanza, e finale con la principessa Leia che fugge con i piani ottenuti subito prima che Darth Vader la possa fermare.

Ho evitato gli spoiler peggiori sul finale, visto che a me non è dispiaciuto quel poco di realismo imprevisto che aggiungono. Se avete dato soldi per l’episodio 7 e ve ne siete pentiti (ma intanto avete “votato” col denaro quel film) sarebbe sciocco non darli per questo che è meno idiota (se “votate” l’idiota e “non votate” quello meno idiota, a livello commerciale significa che preferite i film idioti).

Andiamo con ordine: l’inizio.

All’inizio del film vediamo il pianeta Lah’mu, in cui abitano Galen Erso con la moglie Lyra e la figlia Jyn. I sensori a casa di Galen lanciano l’allarme perché gli imperiali sono in avvicinamento. Galen sa che sono stati trovati e che il suo ex-capo, Krennic, sta tornando per obbligarlo a lavorare al progetto della super arma. Telefona a Saw Gerrera, che noi vediamo essere un negro in armatura, e lo avvisa che stanno per arrivare i cattivi.

Fin dall’inizio partono i cliché. La madre di Jyn si comporta in modo stupido e irragionevole, minacciando con la pistola il direttore Krennic. Peccato che assieme a lui ci siano alcuni soldati in armatura nera: gli Imperial Death Troopers. Invece di reggere il gioco del marito, che ha detto che era morta (e Krennic sembrava esserci cascato), Lyra si è fatta avanti in modo da… lasciare orfana la figlia, in mano a quello squilibrato di Gerrera? Banalità e stupidità, secondo la recente tradizione di Star Wars.

La differenza principale tra i Death Troopers e i normali assaltatori è che i primi sono dipinti di nero e hanno il design dell’armatura un pochino più elegante. E forse sparano un po’ meglio, visto che i normali assaltatori forse avrebbero fallito nel colpire un bersaglio umano immobile a meno di cinque metri. Loro ci riescono. Incredibile, Lyra viene ammazzata!

Nuovo Imperial Death Trooper: ora sparano dritto e raccolgono gli oggetti smarriti.

Nuovo Imperial Death Trooper: ora sparano dritto e raccolgono gli oggetti smarriti.

Jyn rimane da sola e viene ritrovata da Gerrera nel nascondiglio apposito. Naturalmente non viene trovata dai cattivi perché l’Impero è troppo avanzato tecnologicamente per rilevare tracce di calore corporeo (il rifugio non è schermato, vediamo i fanti stare a pochi passi dalla GROSSA fessura nella roccia finta da cui Jyn li guarda…). Quindi i fanti imperiali pur sapendo che la bambina si nasconde lì in zona, ne hanno seguito le tracce, fanno spallucce e decidono di lasciarla lì senza provare a cercare botole o nascondigli nella grotta (altrimenti avrebbero trovato subito la fessura da cui Jyn li spia). Fantastico.

Ritroviamo Jyn in prigione 15 anni dopo, catturata dagli imperiali. Non sanno che sia la figlia di Galen e capiamo da alcune informazioni successive che Jyn è stata allevata e addestrata come combattente e terrorista da Gerrera, che poi ha abbandonato Jyn quando aveva 16 anni come una povera stronza in un bunker lasciandole solo una pistola e un pugnale. Da quel giorno, pare di capire, Jyn vive di espedienti, cambiando identità quando serve, e sfuggendo alle autorità. Spero che si sia guadagnata da vivere anche a pancia sotto su un tavolo con un assaltatore che le dà colpi che le fanno vibrare le natiche, ma nessun elemento lo suggerisce (nonostante sia di sicuro più realistico e meno brutto di campare ammazzando/derubando gente).

Jyn si fida così poco degli altri, qualità che probabilmente ha appreso dal padre adottivo Gerrera (che, ricordiamo, l’ha abbandonata in un bunker dicendole di aspettarlo… e senza tornare mai), da riuscire come la madre a fare stronzate senza senso come aggredire i soldati Ribelli che la stanno liberando dal veicolo imperiale che la stava portando in un campo di concentramento. Cosa pensava di concludere nell’aggredire chi ha rischiato la vita per venire a salvarla? Mah! Cretina come la madre.

Segue chiacchierata vista prima in cui capiamo che Jyn è così priva di fiducia in ambo le parti in gioco da non ritenere i Ribelli migliori dell’Impero, o comunque che non vale la pena lottare con loro. In cambio della libertà, accetta di accompagnare Cassian da Gerrera per fargli contattare il disertore imperiale.

E già arrivati qui possiamo cominciare a ragionare sugli elementi chiave della storia, ovvero chi sono i protagonisti in relazione a chi avrà un arco di trasformazione personale. In un film o libro chiaro, elegante e ben progettato, chi sia il protagonista della storia è chiaro. Qui non tantissimo, perché seppure Jyn sia la protagonista, anche Cassian ha un cambiamento (disubbidirà agli ordini) che però possiamo leggere in chiave relazionale con Jyn. Ci torneremo dopo a ragionare sulle parti più tecniche dell’opera drammatica.

Jyn Erso in prigione, con un alieno tentacolare come compagno di cella. La vita non le sta andando molto bene.

Jyn Erso in prigione, con un alieno tentacolare come compagno di cella. La vita non le sta andando molto bene. O forse sì.

Gli inserti umoristici, molto presenti nell’episodio 4 di Star Wars, qui sono pochi e affidati spesso al droide imperiale K-2SO riprogrammato dai Ribelli. Uno degli effetti collaterali della riprogrammazione è che il droide dice sempre ciò che pensa, e ovviamente non pensa cose carine di Jyn. Non bastano a reggere una storia per ora basata troppo su cliché e banalità.

Per esempio non si capisce come abbiano scoperto l’identità segreta di Jyn (che poteva trovarsi in un pianeta qualsiasi della galassia!) e come l’abbiano trovata (hanno spie e agenti infiltrati ovunque?), se consideriamo che neppure l’Impero conosce la vera identità di Jyn (e qui un applauso sulla qualità “futuristica” dei controlli). In più sono riusciti a sapere quando e dove sarebbe stata trasferita, e sono riusciti a intercettare e assaltare il veicolo. Sarà che in effetti l’intelligence dell’Impero non è mai stata granché brillante…

E ricordiamo che Jyn fino a quel momento era una nullità, tant’è che non l’avevano usata per ricattare il padre, e non sembra ragionevole pensare che la sorvegliassero già… e allora come mai ora sanno dov’è? Hanno trovato un ago nella galassia quasi senza preavviso per puro culo? O se già la sorvegliavano, come mai lo facevano? “Tanto per”, sperando che un giorno servisse? Quanti altri MILIONI di individui sorvegliano così, a tempo perso, e in barba all’Impero? Pronto, Credibilità? Le sono entrati i ladri in casa mentre era fuori.

BOX: Controllare qualcosa proprio no?

Come da lunga tradizione in Star Wars, ma anche in tanti altri film e romanzi che vorrebbero essere di fantascienza “futuristica” (tecnologicamente molto sviluppata), ma non vogliono le conseguenze di questa scelta, i sistemi di controllo e sicurezza sono molto modesti.

Nel caso di Star Wars si riducono a ronde a piedi. Siamo in una distopia, grossomodo, eppure non ci sono:

  • telecamere ovunque che analizzino il volto delle persone;
  • chip identificativi sottocutanei obbligatori per legge, con tracciamento in tempo reale della posizione;
  • sistemi di sicurezza che identifichino dal calore, dalla forma e da altre cosette cosa è una persona e cosa no, e in grado di lanciare segnalazioni automatiche alla polizia quando un “essere vivente” non ha alcuna corrispondenza con un chip registrato valido (es: ha il chip di un defunto o non ha un chip o il suo segnale sparisce all’improvviso) o l’aspetto previsto del proprietario del chip non corrisponde con quello rilevato (se è stato possibile analizzare la cosa);
  • quattro;
  • idem ci aspetteremmo allarmi automatici se il chip è stato registrato in posizioni molto distanti in brevi periodi (in Star Wars viaggiano però così veloci che più che altro conterebbe la presenza simultanea in luoghi differenti).

E qui siamo solo all’inizio, ipotizzando sistemi di controllo molto primitivi e che già oggi una distopia potrebbe implementare. In Indonesia per esempio, nel 2008, si ragionava sulla possibilità di tracciare via microchip tutte le persone affette da HIV, ma poi per problemi tecnologici si è rinunciato. Uno dei problemi nell’uso di sistemi di tracciamento è, per esempio, che possono disturbare alcuni dispositivi medici, ma nessuno di questi è un problema “insuperabile” (poi ci sarebbe la privacy, ma visto l’andazzo mondiale a riguardo…).

La questione è che lo sviluppo tecnologico implica una perdita di privacy e di possibilità del singolo di sparire facilmente come poteva fare nel ‘600 o di crearsi nuove identità come a metà ‘900. Più la capacità statale di sapere Chi/Cosa/Dove/Come a piacere sarà alta e più una trama “uomo vs stato” suonerà ridicola e cretina. A meno di non essere dei veri tecnici nell’ambito e ipotizzare in che modo autentici terroristi ipertecnologici potrebbero sfuggire alle maglie del sistema immaginato. Ma di solito più che geni dell’hacking, gli autori di storie di fantascienza distopica sembrano tizi bocciati per scarso rendimento in prima media.

In Star Wars siamo ancora fermi alle ronde, che è solo un pelo meno ridicolo del sistema di telecamere con gente che guarda, invece di analisi automatizzate, degli scenari in stile 1984 che davvero fanno piangere sangue. In Star Wars la gravità del problema è minore a causa della totale frammentazione della Repubblica ereditata dall’Impero, ma è ingiustificabile che nei pianeti strategici per l’Impero, dove hanno basi scientifiche (magari pure avvolte da scudi planetari come in Rogue One), questo sistema non sia obbligatorio. Lì non deve muoversi niente senza che sia noto, verificato e autorizzato. Punto. E lo si potrebbe fare con la tecnologia di oggi!

In compenso i Ribelli di Rogue One hanno ancora le vedette collocate sulle torri di osservazione per controllare il traffico in ingresso (con quelle specie di autovelox) e in uscita. A vista. Senza sistemi di controllo automatico dei permessi delle navi per scoprire le violazioni dello spazio aereo. No, a vista. Contro i caccia interstellari. Realizzano droidi di intelligenza umana, ma non possono costruire sistemi di sicurezza automatici. Come si fa a non dare del ritardato a chi inventa stronzate simili?

In alto il soldato verifica il Millenium Falcon all'atterraggio. In basso osserva i caccia partire dalla base. Ci mancano solo i caselli autostradali galattici col personale umano alla cassa...

Episodio 4: in alto il soldato verifica il Millennium Falcon all’atterraggio; in basso osserva i caccia partire dalla base. Ci mancano solo i caselli autostradali galattici col personale umano alla cassa…

Altri dettagli sui problemi di sicurezza più grossi nel corso dell’articolo.

Considerazioni miste sulle scene.

La casa in campagna di Galen “contadino” Erso ha strumentazioni più raffinate delle basi imperiali. L’impero non sa mai chi arriva, e quando lo sa li fanno passare per sbaglio scambiandoli per amici, facendosi fregare senza problemi da chiunque. Galen nella sua casetta ha strumentazioni che individuano veicoli militari imperiali, azzerando il rischio sorpresa. Complimenti.

Le citazioni nostalgiche sono state accettabili, a mio avviso, perché erano integrate con gli eventi e non forzate come, che ne so, Galadriel che appare “perché sì” nei film de Lo Hobbit o la roba dell’episodio 7. I personaggi avevano senso di essere lì, come Darth Vader (in versione un po’ soft, ma ricordiamo che anche nel film 4 lui non poteva fare tutto quello che voleva e a comandare la Morte Nera era un altro: diventa potentissimo e secondo solo all’Imperatore solo dall’episodio 5) o Tarkin.

Forse una delle citazioni venute meno bene è quella di Ponda Baba ed Evazan su Jedha City, ovvero i due alieni con un pessimo carattere (quello che sembra un uomo deforme e quello coi testicoli in bocca) che cercano la rissa con Luke nell’episodio 4. Evitabilissimi.

Inserita in modo naturale, invece, la classica battuta “Ho un brutto presentimento” (o varianti: sentita la prima volta nell’episodio 4, detta sia da Luke che da Han Solo), grazie alla presenza del droide pessimista K-2SO. E nemmeno la “citazione” estetica al planetoide di Alien fatta con Eadu crea alcun problema, anzi, la scusa (del tutto idiota) dei canyon che permettono di avvicinarsi senza essere rilevati fa comodo per la trama. Non proseguo con le citazioni, non ha senso fare la lista e, come detto, una scelta esterna alle questioni della struttura drammatica conta solo se crea un problema, e qui non ce ne sono.

Le armature degli assaltatori imperiali come sempre sono inutili.
Ma davvero inutili. Avevamo capito che non possono fermare i raggi delle armi, e va bene, lo accetto, in fondo la principale comodità dovrebbe essere il controllo della temperatura per poter operare in qualsiasi clima, no? Però sono dotate di piastre protettive, se anche fossero solo per difendere il sistema di climatizzazione dovrebbero almeno fermare schegge e bastonate, no? No.

Gli assaltatori vengono abbattuti con bastonate e colpi che non tirerebbero giù qualcuno nemmeno se fosse nudo… figurarsi con quella roba che, per la cronaca, non si piega né rompe sotto i colpi: li sta fermando. Come mai crollano morti? Forse per simpatia. D’altronde anche quando vengono colpite dai raggi, se ci badate, le armature degli assaltatori mica si rompono… si sbruciacchiano soltanto un po’. Le stesse armi quando colpiscono i droidi invece fanno dei bei buchi grossi!
C’è qualcosa che non va…

Due dei molti momenti in cui è possibile vedere dei bei buchi netti nei droidi e delle bruciature nere senza buco sugli assaltatori.

Due dei molti momenti in cui è possibile vedere dei bei buchi netti nei droidi e delle bruciature nere senza buco sugli assaltatori.

Rimaniamo a tema assaltatori e scontri.
Gli assaltatori come sempre sono dei provetti tiratori, e non riescono a colpire nemmeno un bersaglio praticamente fermo, a pochi metri di distanza. Hanno anche un addestramento di prima classe e per affrontare il cieco Chirrut si dispongono tutt’attorno, in pratica puntandosi i fucili uno addosso all’altro. Poi sparano e si ammazzano da soli. Non è solo già visto, è anche idiota in modo patetico: che paura dovrebbero fare gli assaltatori se stanno conciati col cervello come Bubba di Forrest Gump?

Perlomeno vediamo un cavolo di blindato.
Per una volta un veicolo decente, con una linea bassa per deflettere meglio i colpi. Un po’ strani i cannoni laterali, invece di una comoda torretta pesantemente corazzata in cima. Sfortunatamente il blindato (o forse carrarmato, non si capisce molto) appare nella scena dello scontro urbano in cui, in piena tradizione Star Wars, nessuno appare interessato a sopravvivere. Sparano e si espongono come dei fessi, facendosi massacrare, sia loro che i cosiddetti “partigiani” di Saw Gerrera.

Il capocarro non rimette la testa dentro nemmeno nel pieno dello scontro, dove darebbe molto più comodamente ordini al pilota e all’artigliere, e si fa ammazzare… cos’è, non ce l’ha un periscopio (o un monitor con telecamere) per vedere l’esterno? Usano i ripari così poco, e manovrano sfruttando competenze tattiche così poco, che per fare meno di così potevano direttamente stare tutti dritti in mezzo alla strada. Magari su file contrapposte, come la fanteria di linea del periodo napoleonico. Siamo lì come livello.

"Vedi, te lo avevo detto! Anche con le astronavi e i fucili a raggi, comunque continueremo a spararci stando dritti allo scoperto! Stupide Giubbe Verdi e la vostra idea di tirare da grandi distanze, stando coperti... bah!"

“Vedi, te lo avevo detto! Anche con le astronavi e i fucili a raggi, comunque continueremo a spararci stando dritti allo scoperto! Stupide Giubbe Verdi e la vostra idea di tirare da grandi distanze, stando coperti… bah!”

Questo si applica anche allo scontro attorno alla torre del Centro Dati.
Gli assaltatori nonostante il pericolo sia noto (sono in pieno allarme) escono fuori in massa dai portoni senza alcuna precauzione, solo per farsi falciare dalla mitragliatrice di Baze. È davvero ridicolo. C’è questa torre gigante, che sarà piena di finestre per poter difendere le spiagge sottostanti con armi pesanti di squadra (lanciagranate automatici e mitragliatrici?), e nessuno le usa. Cos’è, davvero non ha alcun punto da cui si possa sparare? Tengono ronde su ronde di soldati sempre a zonzo per paura che esploda un casino, e la torre non fornisce alcun supporto in combattimento?

Ronde che poi funzionano benissimo, proprio, visto che una decina di soldati Ribelli esce dalla navicella sotto controllo e se ne vanno a zonzo per la base, sfruttando la vegetazione e le casse piazzate con l’unico scopo di nasconderli, e si fanno beffe delle sentinelle come se stessero giocando a Commandos o a un altro di cui quei giochi in cui anche se sei in piena vista davanti al nemico, ma sei un centimetro fuori dal (cortissimo) campo di allarme massimo, quello non ti vede. La prossima volta mettiamo direttamente i coni di visione, così il pubblico segue meglio tutto?

Sarebbero bastati un paio di assaltatori con delle mitragliatrici di squadra, appostati a 20 o 30 metri d’altezza, per far finire gli scontri prima dell’arrivo dell’aviazione ribelle. Da quell’altezza avrebbero visto sempre dove erano nascosti i Ribelli, superando anche la copertura visiva delle poche palme decorative, e li avrebbero colpiti dall’alto fregandosene delle casse messe qua e là come ripari in stile videogioco retard.
Perché ricordiamo: hanno i mascheroni in faccia, ma nessun interfaccia HUD con rilevatori di calore, sistemi di mira assistita, vista notturna, allarmi automatici al caposquadra in caso di malore ecc. bastavano dei banalissimi rilevatori di calore per rendere inutili le palme, ma una civiltà che realizza la Morte Nera evidentemente non ha la tecnologia necessaria, eh…

Decidiamo che non ci sia alcuna finestra “perché sì”? Va bene, lo accetto, allora su quel gran balcone in cima alla torre, accanto all’antenna, come mai non c’è nessun tiratore scelto a uccidere i ribelli uno per uno senza alcun rischio di venire colpito? Con una decina di tiratori anche solo sulla terrazza sarebbe finito lo scontro in pochi minuti. I tizi in nero sono l’élite degli assaltatori, la guardia personale di Krennic, su, metteteci loro invece di farli scendere a terra a morire come dei cretini. Ci voleva tanto a pensarci?

Mi chiedo anche quanti soldati Ribelli siano morti: Jyn coi suoi allegri compagni si è portata dietro una dozzina di brutti ceffi, giusto? Poi sono arrivati quelli scesi dall’unico veicolo diverso da un X-Wing che è riuscito a penetrare, una specie di trasporto truppe con capacità d’attacco a terra per la cavalleria dell’aria. A me però sembra che ne muoiano molti di più di quelli che ci sono. Forse è solo un’impressione… un giorno li conterò…

3457539-ko

Visto che parliamo della mira degli assaltatori: la scena in cui Chirrut va a tirare la leva per attivare il commutatore ve la ricordate? Chirrut avanza camminando piano, mormorando il suo solito mantra sulla Forza come se pregasse. Nessuno lo colpisce. I colpi non vengono in alcun modo deflessi, non è che ci siano campi magici di Forza, semplicemente gli volano attorno. Sembra davvero strano, visto che camminava piano e non procedeva balzando qua e là per seguire un’eventuale “previsione di dove potrebbe venire colpito data dalla Forza”. Però facciamo finta che stia proprio camminando nel modo ideale, seguendo la Forza, per non finire mai colpito.

Poi si ferma. Tira la leva e salva così la missione, permettendo di comunicare con la flotta. E ancora non viene colpito. Qui avrebbero dovuto crivellarlo di colpi un istante dopo che ha tirato la leva, nel momento in cui non sta più seguendo la guida della Forza per mettere i piedi al posto giusto in modo da evitare i colpi. È fermo! E se nemmeno prima aveva avuto la Forza con sé, sarebbero dovuto morire crivellato come quell’altro soldato sfigato che stava per andare prima lui. E invece succede altro, come se singolarmente non riuscissero a colpirlo lo stesso (eppure nessun raggio viene deflesso, ricordiamolo!): è proprio la straordinaria precisione di tiro degli assaltatori, come diceva Obi-Wan in episodio 4!

Non è la prima volta che Chirrut salva la situazione. Su Eadu aveva mostrato che il suo bastone si tramuta in una balestra a raggi (come quelle usate dai wookiee) che spara colpi così forti da abbattere all’istante un TIE Fighter imperiale. Seriamente. Mi va bene che possa colpirlo perché lui è come Rutger Hauer in Furia Cieca, posso accettare anche che lo abbatta (e va bene: significa che nell’Impero sono del tutto cretini e non corazzano minimamente i veicoli), ma che addirittura si vada a schiantare contro la base nemica e con un colpo di culo ne annienti le difese… insomma… e il tutto ottenuto da un tizio incrociato e arruolato per puro caso! Il caso che alimenta che il caso che ha una botta di culo perché i nemici sono idioti? Questa roba sta alla corretta costruzione di una storia come le mezze penne rigate stanno all’Edipo Re di Sofocle.

Chirrut e Baze si rivelano aiuti molto importanti per la storia, come visto, ma perché si interessano così tanto a Jyn? A parte per rovinare la sospensione dell’incredulità visto che è evidente che abbiano capito che lei è la protagonista e loro sanno di essere dei comprimari e per questo agiscono di conseguenza?
Capisco che dopo l’esplosione di Jedha City, in salvo grazie alla nave di Cassian e Jyn, si sentano in debito e vogliano vendicarsi dell’Impero che ha distrutto la loro città preferita. Ma prima, come mai in primo luogo aiutano Jyn contro gli Imperiali, a parte perché dovevano farlo per motivi di trama se no poi morivano nell’esplosione?

Soprattutto come mai Jyn ha il colpo di culo di incontrare per caso Chirrut? E perché Chirrut, quando questa le passa a meno di cinque metri di distanza, la trova interessante e le chiede proprio cosa sa dei cristalli kyber? Cos’è, sente la Forza come Darth Vader e percepisce in Jyn il potenziale di un Jedi?
Mi devo inventare stronzate simili per dare un senso alla questione, come facevano i fan per giustificare l’abilità di pilota di Han Solo? Non suona molto credibile come incontro, considerando che questa è la premessa per arruolare un membro chiave del futuro team. Senza Chirrut, come è chiaro dalla morte del primo gonzo che prova ad andare, nessuno sarebbe riuscito ad attivare il commutatore e non avrebbero potuto contattare la flotta.

Triste ma vero. La tecnologia mostrata in Star Wars, esclusa la Morte Nera, è pari o (spesso) inferiore a quella degli eserciti della Seconda Guerra Mondiale. Italia inclusa. Contro le tattiche dei tedeschi, quel branco di dilettanti imperiali non avrebbe avuto scampo né in campo aperto né casa per casa.

Triste ma vero. La tecnologia mostrata in Star Wars, esclusa la Morte Nera, è pari o (spesso) inferiore a quella degli eserciti della Seconda Guerra Mondiale. Italia inclusa: avevamo tutto il necessario per mangiarci gli AT-AT a colazione. Contro le tattiche dei tedeschi, quel branco di dilettanti imperiali non avrebbe avuto scampo né all’aperto né casa per casa. Solo se gli Star Destroyer fossero stati in grado di attaccare a terra dall’orbita (o da quote altissime), invece di inviare quei ridicoli caccia che avremmo distrutto con la contraerea in un attimo, gli imperiali avrebbero potuto cavarsela.

Un altro briciolo di realismo arriva col discorso sul commutatore: i soldati che devono cercarlo giustamente non hanno idea di come sia fatto e di cosa devono fare, per cui Bodhi Rook li istruisce nel dettaglio. Questo ha senso. Sfortunatamente si scontra, pochi minuti prima, con l’ennesimo colpo di culo ammazza realismo: l’ufficiale che viene a ispezionare la nave ha con sé una guardia in uniforme nera, bassotta e con pochissima armatura, e dalla linea slanciata del corpo si direbbe una ragazza o un ragazzetto. Proprio l’uniforme e l’aspetto che serviva a Jyn per travestirsi! Di sicuro non poteva farsi passare per un soldato in armatura completa alto un metro e ottanta per novanta kg di muscoli, eh…

La divisa è pure poco corazzata, leggera e adatta per lei, e con due “manganelli” sulla schiena simili alle armi che ha già usato nella prima metà del film! Visto che poi non usa quei manganelli, e meglio così perché sarebbe stato davvero ridicolo, perché non li hanno proprio tolti? Dobbiamo aspettarci uno scontro trash nella director’s cut?
In realtà la situazione è ancora peggiore: quel tizio in nero è il segnalatore e quei due “manganelli” sono i suoi attrezzi per dare indicazioni agli aerei. Per quale motivo il segnalatore entri nella nave non si sa, per cui oltre al culo del trovare proprio l’uniforme perfetta e il tizio della taglia perfetta da sostituire, abbiamo pure la totale insensatezza del suo entrare sulla nave “perché sì, perché fa comodo a Jyn.”

Velo pietoso sul perché in Star Wars i posti importanti debbano essere realizzati come grandi baratri e non sotto forma, prendendo per esempio l’archivio del Centro Dati, di più normali e ragionevoli sale coi server divise su più piani… senza abissi in cui cadere. Curioso anche che i comandi della grande antenna siano all’aperto, alcuni addirittura su una passerella che si sporge nel vuoto, roba da far venire le vertigini. Chissà poi che comodità quando ci sono i monsoni, o dei normali temporali, in quella base collocata in un piccolo paradiso tropicale con tanto di spiagge e palme. Quando ci sono le onde alte si salva solo l’interno della torre…

Comunque complimenti agli ingegneri della Morte Nera: invece di impiegare ANNI a fornire la documentazione finale, dopo aver navigato in un inferno di versioni precedenti e materiale incompleto, hanno consegnato tutto nel momento in cui l’opera è stata completata. Questo è davvero fantascientifico.
E magari i programmatori hanno inserito commenti utili e intelligenti nel codice, e lo hanno scritto secondo pratiche di test-driven development perché la Morte Nera deve durare e ci vuole un occhio all’obsolescenza? Questa sarebbe perfino fantasy.

Qualche complimento in meno per la scelta della Torre di Darth Vader, presa sul catalogo IKEA alla voce “dimore per Evil Overlord fantatrash”. Tutta nera, in mezzo a una landa desolata dove non cresce un filo d’erba. Manca l’occhio di Sauron in cima, ma probabilmente costava troppo. Però si trova sopra un fiume di lava. Lava, proprio il genere di cosa che Darth Vader apprezza. Come quando 19 anni prima si è fatto amputare le gambe da Obi-Wan come un coglione, poi è scivolato accanto alla lava e ha preso fuoco. Quanti bei ricordi porta la lava. Adorabile.

"Cliché?! Ma no, Lord Vader, assolutamente... coff, coff, sì, forse un pochino... coff! Coff!" "Non lasci che la sua mancanza di fantasia nel design la soffochi, architetto."

“Cliché?! Ma no, Lord Vader, assolutamente… coff, coff, sì, forse un pochino… coff! Coff!”
“Non lasci che la sua mancanza di fantasia nel design la soffochi, architetto.”

Apprezzabile il problema dei codici di accesso della nave. Almeno se lo sono posto, usando il droide per sollevare un dubbio di sicurezza che verrebbe a chiunque: e se i codici non sono più validi? Ecco, realisticamente dovevano o non essere più validi o non essere MAI stati validi per accedere a quel pianeta.
L’Impero ha perso una nave, rubata. Lo sanno di averla persa. All’istante, considerando che le comunicazioni sono immediate in Star Wars, tutte le basi imperiali e le navi da battaglia della galassia avrebbero dovute esserne state informate e i codici di riconoscimento del veicolo perduto disattivati. Invece no.

E qui si torna sul solito problema, come vedremo altre volte, delle semplificazioni portate dal volere comunicazioni più veloci della luce. Problema che abbiamo evitato nel romanzo Il Grande Strappo, in cui la trama è possibile proprio perché i viaggi sono lenti e i messaggi non possono viaggiare più veloci della luce.
L’espediente dei codici ancora validi avrebbe senso solo se le comunicazioni fossero molto lente, per cui non era ancora arrivato nessun aggiornamento. Magari perché i veicoli per la consegna di ordini e notizie balzano nell’iperspazio verso le loro destinazioni solo ogni tot giorni.

Rimane il problema di una nave qualsiasi che ha accesso a un pianeta che non la riguarda. Non funziona così. Nella Seconda Guerra Mondiale non è che una nave da guerra poteva andare dove voleva ed era autorizzata a priori. Codici, permessi ecc. erano tutti legati alla zona operativa. Non è realistico ciò che avviene in Rogue One… e non è risolvibile se le comunicazioni viaggiano più veloci della luce, perché la base si sarebbe subito informata, avrebbe scoperto l’inganno e avrebbe abbattuto la nave.

Se invece non avessimo avuto comunicazioni così rapide, ci sarebbe stata speranza. La nave poteva inventarsi una scusa e chiedere il permesso di atterrare. L’addetto, non avendo motivo di temere alcunché, avrebbe chiuso un occhio per aiutare il commilitone e avrebbe acconsentito a un atterraggio. Esattamente come già avviene, sarebbe stata subito ispezionata perché mica ci si può fidare a cazzo di cane e tutto sarebbe proseguito come già visto (e rimane comunque il problema dell’assenza di sistemi di sorveglianza a terra).

Rimanendo a tema sicurezza, avete notato che il Centro Dati è protetto da semplici ronde di soldati? Questo significa che sanno che è un obiettivo in pericolo nonostante lo scudo planetario, e danno per scontato che lo scudo può essere sorpassato con un po’ di furbizia. Se non lo pensassero, non ci sarebbero così tanti soldati a passeggiare ovunque.

Questa consapevolezza dell’estremo pericolo non basta loro né a far installare telecamere (in un mondo in cui abbiamo visto che hanno sia videotelefoni in 2D che comunicazioni olografiche) né per infilare dei banalissimi jammer che impediscano l’attivazione a distanza di ordigni. Zero. E infatti i Ribelli non impiegano niente a piazzare cariche ovunque e a farle saltare con un segnale che, in un mondo normale, sarebbe stato inutile…

Fotografie satellitari e droni spia per trovare i due droidi fuggiaschi? Perché mai, quando puoi vagare nel deserto in groppa a un dinosauro ritardato e giocare con un binocolo!

Fotografie satellitari e droni spia per trovare i due droidi fuggiaschi? Perché mai, quando puoi vagare nel deserto in groppa a un dinosauro ritardato e giocare con un binocolo!

Apprezzabile che il droide, K-2SO, faccia qualcosa di utile a differenza di altri droidi del passato. Utile almeno quanto il cassonetto con le ruote della trilogia originale. Quando parla almeno fa un po’ di umorismo fatalista e battute scazzate, invece di frignare come quel pirla cromato di C-3PO (“Ohssantapolenta, padron Luke, che pasticcio!”).

Quando gli chiedono di procurarsi le mappe del Centro Dati e lui risponde che certo, di sicuro ne troverà una sul pavimento, c’è quel momento retard in cui la “critica” alle semplificazioni da videogioco di certi filmacci (e dei videogiochi stessi), come anche in questo, è vista come un limite dagli autori stessi che ci informano di non essere del tutto idioti (anche se lo sembrano) e qua e là cercano di accennare un blando tentativo di realismo (prima i codici della nave, seppur gestiti male, poi le mappe da rubare succhiandole dalle memorie di un altro droide).

Tornando indietro, è un po’ meno interessante l’artiglieria contraerea su Eadu. Gli X-Wing si trovano ad affrontare dei caccia e un cannone a raggi che spara una volta ogni qualche secondo, e col loro moto fatto di manovre improvvise ci vorrebbe un miracolo per venire colpiti. Comunque, per qualche misterioso motivo, un paio di X-Wing vengono centrati da quello schifo d’arma. Sul serio, un cannone contraereo che spara singole bordate a ritmo cadenzato?
Qualcuno si è perso come funziona davvero il fuoco di contraerea? Pronto? C’è nessuno con un Q.I. a tre cifre là dietro, in regia?

E a tema esplosioni non abbiamo ancora parlato della distruzione di Jedha City, con la nuvola di polvere e macerie che avanza inesorabile. Gli eroi salgono sulla navicella e partono, lasciandosi la nube parecchio dietro le spalle perché vanno molto più veloci… tranne che un attimo dopo sono praticamente dentro la nube, che a quanto pare ha accelerato e li ha quasi travolti! WTF?! La nube di detriti dell’esplosione ha accelerato? Che problemi bisogna avere nella testa per infilare una roba simile?

Interessante la riunione dell’Alto Comando dell’Alleanza Ribelle, detta anche la riunione dei pestamerde con accesso aperto al pubblico. Attorno al tavolo ci sono una manciata di tizi ben vestiti che rappresentano davvero i big della politica dell’ex-Repubblica, e anche tanti altri vestiti come se fossero i primi piloti che capitano. Perché lo sono, sospetto. La grande riunione sul destino dell’Alleanza è aperta al pubblico, temo. Manca solo lo streaming, ma come il M5S devono aver cambiato idea per timore che l’Impero li osservi.

Il dettaglio che ho preferito della riunione, perché è un barlume di realismo nella pozza di pece di questo film, è che Jyn si lanci in un discorso motivazionale, carico di speranza, di volontà di lottare, e anche di buon senso se ci pensiamo bene (arrendersi è un suicidio: prima o poi verrà scoperto il proprio tradimento, l’appartenenza segreta all’Alleanza, e così si rimanda solo la morte), e riesce anche a ottenere l’appoggio del pubblico e di qualche politicante e…
… no, spiacente, non abbiamo la maggioranza dei due terzi e la Costituzione non si cambia l’Impero non si affronta più: andiamo in buon ordine ad attendere la morte, come siamo bravi a fare. Questo è un risultato credibile!

"Ho due manganelli inutili sulla schiena, ma mi stanno benissimo." Sì, sei proprio un pasticcino, vai così!

“Ho due manganelli inutili sulla schiena, ma mi stanno benissimo.”
Sì, sei proprio un pasticcino, vai così!

Motivazioni deboli e decisioni pittoresche.

I personaggi di Rogue One non brillano né per la profondità delle motivazioni per cui agiscono, che nell’accozzaglia di scene e spostamenti non si prova nemmeno a curare e a drammatizzare, né per l’intelligenza delle loro decisioni.

Il generale Draven dà un ordine ulteriore a Cassian: uccidere Galen Erso invece di portarlo in salvo come appena concordato durante la riunione con il comandante dell’Alleanza Mon Mothma. Secondo il geniale generale Draven questa è la scelta migliore. Ma sul serio?

Galen Erso conosce tutti i segreti della Morte Nera e il suo punto debole. Probabilmente può anche portare con sé i piani della Morte Nera, senza bisogno di andarli a recuperare nel Centro Dati di Eadu, e comunque ci ha lavorato per 15 anni e cazzo lo sa indicare dove i Ribelli devono sparare per far saltare tutto. E infatti, forte di queste nuove informazioni sull’esistenza della Morte Nera, Cassian decide di disubbidire all’ordine idiota di Draven, ricevuto in sordina subito prima di partire, senza alcun documento ufficiale.
Sembra il tipo di ordine dato dal generale alle spalle del leader dell’Alleanza, Mon Mothma: se Cassian ubbidisce e lo scoprono, verrà inculato dalla corte marziale (chi dice che il generale non se ne laverebbe le mani?), e se disubbidisce… pure, ma poi ha culo e si salva perché Galen muore per conto proprio. Disubbidire senza conseguenze for dummies di Cassian Andor, in tutte le migliori librerie!

Loro hanno già deciso di affidarsi alle informazioni di Galen, che considerano abbastanza affidabile da meritare di riallacciare i rapporti con Gerrera pur di sapere quanto ha da dire, quindi non sono disposti a perdere la chance. Dopo hanno un ripensamento perché dichiarare guerra aperta all’Impero per delle semplici voci, senza alcuna prova, fidandosi solo di Jyn (che magari è un agente doppiogiochista dell’Impero inviata per farli uscire allo scoperto e fottere l’Alleanza), effettivamente non suona come una mossa furbissima.

Cosa guadagnerebbero i Ribelli dalla morte di Galen? Niente. Galen cosa potrebbe realizzare di peggio della Morte Nera, scusa? Se anche non fosse affidabile, se il suo non fosse un vero tradimento, catturarlo e usare la tortura per ottenere più informazioni possibili (ricordiamo che i Ribelli hanno sua figlia) è preferibile all’ammazzarlo. Anzi, considerando quanto sono spietati quelli dell’Impero (ma lo sono davvero?), è un miracolo che non abbiano già ucciso Galen e tutti i suoi scienziati solo a scopo precauzionale appena la Morte Nera è stata completata. In compenso Krennic fa uccidere senza alcun motivo gli scienziati leali solo per dare una lezione al traditore reo confesso Galen, quindi per il motivo sbagliato. GEGNO!

"Un piano a prova di bomba, amico."

“Un piano a prova di bomba, amico.”

E comunque qual era il piano di Cassian per l’omicidio? Si era appostato e sperava che prima o poi Galen sarebbe uscito a… fare cosa? Prendere una boccata d’aria sul balcone d’atterraggio che dà sul nulla di un canyon deserto? E il tizio esce SUBITO! Non è che deve aspettare ore o, più probabilmente, giorni o settimane visto che la vita nella base non ha chiaramente bisogno del mondo esterno deserto? Pietoso. Il mondo delle operazioni speciali visto con l’occhio dell’asilo d’infanzia.

Anche l’Impero non fa proprio una bella figura.
Dopo aver scoperto che i piani della Morte Nera sono stati diffusi, e visto che ormai la segretezza dell’arma non è più una questione rilevante (e stanno per sciogliere il Senato, cosa che avviene all’inizio dell’episodio 4, ovvero poche ore dopo), dovrebbero farsi una domanda: cosa esattamente è stato trasmesso?

Ricordiamo che l’Impero dispone ancora delle copie dei dati sulla nave ammiraglia dell’Alleanza (se anche li avesse cancellati vuoi che non riescano a recuperarli, come fa la scientifica dagli hard disk dei criminali?), in più gli stessi piani si trovano di sicuro anche sulla Morte Nera e, a meno che non siano dei totali idioti, nei Centri Dati ridondanti nella galassia. Perché di sicuro ci saranno copie altrove, cazzo, altrimenti i Ribelli hanno già vinto: se con la distruzione della torre l’Impero ha perso davvero tutti i dati allora NON ESISTE più.

Visto che quei dati sono colossali e la falla è così raffinata che nessun tecnico imperiale, in anni di lavoro, l’ha mai notata, significa che è impossibile che in pochi giorni o poche settimane i Ribelli possano scoprirla. In realtà poi sono solo poche ore: nell’episodio 4 la transizione rapidissima indica pochissimo tempo da quando i dati arrivano a quando c’è il piano d’attacco pronto, e Luke nemmeno si è cambiato i vestiti.
Galen deve aver per forza inserito delle indicazioni chiare riguardo quella cosa grossa come una piccola luna, visto che il file “Stellina” è palesemente una versione pensata per i Ribelli (con tanto di nome riconoscibile per sua figlia). Magari nelle copie precedenti non c’erano indicazioni esplicite, se no Krennic l’avrebbe inculato con la sabbia.

Se, idiozia delle idiozie, la falla non fosse indicata… ti pare che i Ribelli in poche ore potrebbero trovare una falla esplorando i piani di una cosa di cui non sanno nulla, quando un esercito di decine o centinaia di migliaia di tecnici che lavorano ogni giorno sulla Morte Nera, e che a gruppi conoscono tutti a menadito una piccola parte del totale, non sarebbe in grado di farcela?

E l’Impero non esegue il controllo, in cui evidentemente avrebbe successo, per porre una pezza sulla falla? Sappiamo dall’episodio 4 che il condotto di scarico è a prova di laser (c’è una curva, in effetti) e che dentro ci va lanciato un missile… ci voleva tanto a installare una serie di griglie di protezione a sufficienza da rendere a prova di missile quello scarico del calore senza comprometterne troppo la funzione? Ci sono decine di km di tunnel per inserirne a migliaia.

Visto che sicuramente una base simile ha ridondanze su ridondanze, come tutti i veicoli militari, perché non tappare il tunnel con lastre su lastre di corazzatura e rinunciare a quello che è solo uno dei diversi scarichi possibili? Se c’era solo un condotto per il calore, non era un “trappola” di Galen: sono un esercito di mongoloidi ed è un miracolo che la Morte Nera non sia esplosa all’accensione. Accendiamo il cervello ogni tanto, eh: è per colpa di coglionate simili che la fantascienza ha la fin troppo guadagnata nomea di immondizia per scemotti.

"Ecco, questo è ciò che vedreste se guidaste un Atari 2600 al posto di un X-Wing."

“Ecco, questo è ciò che vedreste se giocaste a Battlezone invece di pilotare un X-Wing.”

E vogliamo ricordarci come Jyn ha trovato il file dei piani? Frugando la lista integrale di tutti i file archiviati dell’Impero fino a quando, leggendo dalle liste consigliate dal droide mentre frugano a cazzo di cane in un archivio che contiene informazioni su MIGLIAIA di mondi abitati, arrivata a “Stratosfera, Marcomega, Pax Aurora […taglio scena, voce più stanca, la lista capiamo che va avanti da un pezzo…] Artiglio Guerriero, Cluster Prisma, Spada Nera, Stellina,” le viene in mente che quest’ultimo è il soprannome che le ha dato il papà!
Non è che ha lanciato delle ipotesi di nomi che suo padre potrebbe aver usato e dopo qualche tentativo ha pensato al suo soprannome e bingo c’era il file, cosa che sarebbe stata una soluzione credibile ed elegante (seppur fortunata), no, no, è proprio andata a cazzo di cane e speriamo nella fortuna. Bello.

Il problema della trasmissione è un’altra cosa che mi è difficile capire. Loro hanno bisogno di una mega antenna colossale per inviare i “giganteschi” piani alla flotta, non basta usare gli altri sistemi di comunicazioni, come quello impiegato per avvisare la flotta di abbattere lo scudo planetario.
E già qui suona sospetto. Ok, il progetto è enorme, ma già oggi non è strano inviare a centinaia di Mbit al secondo. Boh. Però uno si immagina almeno un corrispettivo tra velocità di trasmissione e capacità di archiviazione, per cui se ci vuole la mega antenna ci aspettiamo che il piano “gigantesco” occupi l’equivalente di una parete di dischi di memorie. Invece no, è un solo disco delle dimensioni di un HDD Esterno da 3,5. Ed è già sovradimensionato: quando viene ritrasmesso in pochissimo tempo dalla nave viene poi copiato in un dischetto, una cosetta più piccola di un DVD. E dopo verrà messo nella memoria di un banale droide come quel cassonetto di R2-D2. Possibile che la velocità di trasmissione della loro navicella sia così penosa che perfino il tostapane copia i dati più velocemente?

Rogue One ha il pregio di “risolvere” la colossale stronzata dell’episodio 4, ovvero l’idea che la falla potesse essere dovuta a un errore, ma gli imperiali fanno ancora la figura dei totali imbecilli. Forse pure più di prima! Cosa c’è di divertente a vedere una competizione tra idioti? Perché non si può vedere un film in cui sia una gara d’astuzia e determinare chi vince, non una di idiozia a decidere chi perde?

Sfortunatamente per una stronzata che aggiusta (male) ne aggiunge però una manciata d’altre, come visto prima. Per esempio ci viene spiegato che i cristalli kyber sono fondamentali per la Morte Nera e questi cristalli vengono estratti dalla luna Jedha, quel sasso schifoso pieno di terroristi. L’Impero controlla Jedha City per controllare i cristalli kyber (capiamo dalla battuta sull’incidente minerario che ci sono le miniere proprio lì sotto) e non sempre le cose vanno bene, come vediamo nello scontro urbano (con tanto di terroristi che rubano dal blindato i cilindri di kyber trasportati).

Se estrarre i cristalli kyber è così importante e l’Impero pur di mantenerne il controllo accetta di dover tenere in piedi, invece di nuclearizzarla, una città come Jedha City… per quale motivo la usano a cuor leggero come bersaglio per la Morte Nera? Non va un pochino contro i loro interessi?

Uno degli investimenti militari più ritardati di sempre.

Uno degli investimenti militari più ritardati di sempre, seconda edizione!

Torniamo dai Ribelli, l’altro covo di diversamente astuti.
Abbiamo già parlato di Chirrut e Baze, ma ci sono gli altri. Perché Cassian si fida così tanto di Jyn da disubbidire agli ordini del generale, prima, e poi da mettere assieme un gruppo di volontari per ammutinarsi e seguirla in una missione senza intelligence, senza preparazione, senza un tubo, in cui è ridicolo pensare di avere successo?

No, la risposta che voglia scoparsi Jyn non è sufficiente per questo livello di rischio, e comunque non sembra quella la questione. Proprio per niente. Anzi, senza il bacio finale avrei detto che a Cassian interessasse di più Baze. Capisco che Cassian voglia lottare, ma come mai arriva a fidarsi così tanto di una come Jyn? A parte per i raffinati pensieri dei due emisferi supplementari che stanno dentro le mutande, intendo.
E tutti gli altri, disposti a una missione senza alcuna speranza? Sono dei veterani, dei commando professionisti, con che coraggio si può pretendere che prendano sul serio una missione simile, una roba nata morta che funziona solo perché si tratta di un film dal contenuto intellettivo modestissimo? Cos’è, anche loro sentono il profumo della patatina di Jyn e nel viaggio verso il Centro Dati c’era solo K-2SO a guidare e tutti gli altri facevano la gang bang? E dopo Jyn camminava ancora dritta?

Vogliamo parlare di quel povero coglione di Bodhi Rook, il disertore imperiale? Si è affidato ai Ribelli con fiducia, seguendo gli ordini di Galen Erso, ed è finito così nelle mani dei terroristi di Saw Gerrera. Non solo non gli hanno creduto, ma Saw lo ha fatto torturare da un mostro tentacolare che distrugge la mente della gente, solo per scoprire se sta dicendo davvero la verità!
Bodhi è arrivato a tanto così dal rimanere un demente sbavante per tutta la vita e… basta qualche scossa di terremoto per guarire, un’occhiata al culetto di Jyn e poi via, fedeli all’Alleanza Ribelle fino alla morte? Ma dai?

E l’ammiraglio Spaghettialloscoglio Raddus, che motivo ha di fidarsi così tanto, a parte volere menare le mani? Capisco la sua posizione: è un ammiraglio che ha aderito all’Alleanza, quindi prima o poi finirà epurato in qualche purga di ufficiali se l’Alleanza si arrende e l’Impero vince questa “guerra civile” che è ancora in una forma blanda, nascosta, col Senato ancora attivo. In fondo lui lo possiamo scusare… e lui si trascina dietro il comando di tutta la flotta…

Però lui come mai ci è andato? Per la generica intercettazione di una comunicazione imperiale che parla di “Ribelli su Scarif”. Non hanno idea di cosa stia accadendo e questo parte, bello dritto, e gli altri dietro, a far scoppiare ufficialmente la guerra civile e a dare prove chiare all’Impero su chi è coinvolto nell’Alleanza. E vabbè… e l’eleganza di mettere il destino del film in mano alla botta di culo di una trasmissione intercettata, senza la quale sarebbe fallita tutta la missione di recupero dei piani?
Arte. Zero coincidenze fortuite su fatti vitali per la storia, solo eventi che sono necessaria e logica conseguenza di quelli precedenti. Proprio come spiega Aristotele. Preciso.

Al prossimo giro chi va davanti e chi dietro?

Cassian e K-2SO si lanciano un’occhiata del tipo “Davvero la protagonista è questa statua di cera?”

Però la principessa Leia che ci fa in mezzo alla battaglia? La sua corvetta modello CR90, la Tantive IV, doveva andare a recuperare Obi-Wan Kenobi, il vecchio pervertito che stava appostato nel deserto da 19 anni a guardare Luke crescere. Anche qui dobbiamo inventare noi… Leia ha un caratteraccio e ha preteso di assistere alla battaglia, poi quando è scoppiato il merdone ha accettato di portare in salvo lei le informazioni mentre fuggiva verso Tatooine? Non c’è niente che ce lo fa pensare, dobbiamo inventarcelo noi. Al solito.

Siamo chiari: non è che stiamo completando i tasselli del puzzle di un’opera perfetta, in cui grazie alla sua perfezione anche il non detto è esplicito quanto ciò che è detto… qui stiamo cercando di capire se la stronzata è colossale o se è tollerabile. Cambia parecchio: chi ha il Q.I. a tre cifre per intendere intenda, e agli altri buona visione de Il Risveglio della Forza.

L’Impero non ha perso in anni solo perché i Ribelli sono altrettanto idioti. È un colossale Clash of Retards, questo pare chiaro già nella trilogia originale. Ma l’Impero non poteva prevedere la variabile fuori controllo della trilogia originale: dei personaggi che piacciono allo sceneggiatore e quindi vincono. Stesso discorso in Rogue One.
Fantastico.

Una battaglia nello spazio tra 80 e 90 di Q.I.

Va bene, abbiamo già accettato grazie ai precedenti Star Wars che lo spazio non è vuoto (nessun problema di pressione) e che bastano delle mascherine con l’ossigeno per respirare, come se ci si trovasse in alta montagna. Ce lo mostra Han Solo in uno dei vecchi film, quando atterrano nella bocca spalancata del mostro spaziale nascosto dentro l’asteroide.

Sappiamo anche che la gravità va sempre verso il generico “basso”, cosa che giustifica sia il design delle navi che il motivo per cui quando vengono colpite gravemente “affondano” e i soldati invece di rimanere ancorati alla gravità artificiale del pavimento, scivolano anche loro. Ci vengono dei dubbi su come funzioni vivere sui pianeti, essendo sferici, ma ne parleremo in futuro, magari parlando dei vecchi film.

Grazie a queste curiose conoscenze, abbiamo accettato che i combattimenti spaziali avvengano come dei dogfight della Seconda Guerra Mondiale. Fin qui quindi tutto bene, queste sono le premesse che abbiamo accettato per poter vedere Star Wars.
Non ci aspettiamo il realismo spaziale di romanzi di fantascienza militare come La Fiaccola dell’Onore o Le Potenze dello Spazio e non siamo qui per questo. Ma sarebbe carino almeno non essere trattati come dei totali idioti, anche se evidentemente pensano che lo siamo e che non meritiamo alcun rispetto intellettuale (a ragione, visto il gradimento).

Mi limiterò a poche considerazioni, le più “grosse” e subito visibili. Non voglio essere pesante, perché è davvero come sparare su un tiro di dodici mongoloidi frustati da un cieco mentre trainano fuori dal pantano un’ambulanza della Croce Rossa carica di bambini idrocefali che hanno perso le gambe sulle mine antiuomo.

Ricordate come escono le navi dall’iperspazio?
Vi rinfresco la memoria con un piccolo estratto da Rogue One.

Come vedete le navi accelerano, poi “spariscono” nell’iperspazio (senza colpire nessuna cosa nella loro traiettoria) e riappaiono a velocità formidabile da qualche parte, decelerando bruscamente. Il filmato è molto chiaro, sono come dei proiettili, quindi non c’entrano niente con gli Alcubierre drive in cui niente accelera o decelera (ipotizzati quasi 20 anni dopo l’episodio 4, e presenti nel romanzo Il Grande Strappo).
Mi domando come mai la decelerazione non spiaccichi la gente dentro, e si limiti a farli dover stare con le cinture allacciate, ma dopo la natura bizzarra della gravità in Star Wars non mi stupisco e non critico la cosa…

Le navi possono decidere dove uscire, tant’è che escono fuori a turno in formazione senza schiantarsi l’una contro l’altra e senza trovarsi dalla parte sbagliata del sistema solare o a schiantarsi contro il pianeta vicino. Questo è abbastanza chiaro? Bene.

Allora perché non usano delle navi-ariete?
Basterebbe far uscire prima una nave d’osservazione che in un istante “fotografa” le situazione e comunica le coordinate alla flotta, poi dei caccia-ariete senza pilota umano andrebbero spediti con pilota automatico per uscire a un passo dalle navi nemiche più grosse e schiantarsi nelle loro fiancate assieme a tutto il carico di esplosivo. Boom.

Se per qualche motivo ignoto nella serie non fosse possibile “schiantarsi”, basterebbe inviare bombe gigantesche accanto alle navi nemiche e farle esplodere così. Come i maiali della X-Mas contro le navi nemiche. Come dei siluri navali. A Star Wars piace tanto la Seconda Guerra Mondiale spaziale e non ci hanno pensato? Sul serio, quando davano la terza cifra di Q.I. questi qua dove erano, nei giardinetti in mezzo alle siringhe usate per giocare allo schiaffo del soldato?

Questi diversamente astuti dei Ribelli, che in teoria hanno risorse modeste, invece di investire in navi-ariete e navi-bomba, costruiscono un casino di normalissimi caccia e navi normali ed escono belli pacifici per spararsi in faccia con le forze superiori dell’Impero, perdendo i preziosi pochi piloti disponibili. Sì, ok, fantastico. Un grosso applauso senza mani per i nostri eroi!

Tanto tempo fa in una galassia lontana lontana, erano tutti così idioti che i Siluri a Lenta Corsa italiani sembrano l'opera del più puro genio umano.

Tanto tempo fa in una galassia lontana lontana, erano tutti così idioti che i Siluri a Lenta Corsa italiani sembrano l’opera del più puro genio umano.

Mentre i piloti dell’Alleanza tentano di far saltare lo scudo planetario, ora chiuso, per permettere il passaggio della trasmissione con i piani della Morte Nera, succedono cose curiose. Per esempio vediamo i piloti sparare contro lo scudo di energia, e non contro l’anello che genera quel campo protettivo!
Gridano proprio “non riusciamo neanche a scalfire lo scudo”, come se questa frase potesse avere senso: non è una parete di lamiera, è un campo di protezione. Da qualsiasi modo la si guardi non ha alcun senso.

Immaginate che sia possibile disattivare lo scudo facendolo “scaricare” per l’eccessiva quantità di colpi che ha dovuto annullare, fino a spegnerlo. Un po’ come accadeva con gli scudi delle navi nel videogioco Star Wars: X-Wing del 1993 (un piccolo classico, mi piaceva). Ecco, ora immaginate che lo scudo che state affrontando non sia una sfera attorno a una corvetta lungo cento metri, ma sia così grosso da avvolgere un pianeta intero.

Uno scudo che deve resistere all’impatto dei tantissimi meteoroidi di decine o centinaia di tonnellate che provengono dallo spazio profondo a velocità folle (quelli che di solito si disintegrano in atmosfera decelerando, qui invece sbattono contro lo scudo), e magari anche qualche raro asteroide.
Veramente stiamo discutendo di sparargli addosso con un ritmo adeguato a contrastare i reattori che lo alimentano finché non finisce anche l’energia nelle batterie? Seriamente, che problemi hanno nella testa questi qua?

Invece di concentrare il fuoco di tutte le navi contro l’anello (ah, giusto, dimenticavo: sulla Morte Nera ci hanno messo un cannone gigante, ma sulle navi da battaglia non mettono mai praticamente nulla! GENI!) o di inviare delle navi-ariete dall’iperspazio, qual è la mossa geniale con cui lo distruggono? Tenetevi stretti… ci fanno cadere contro uno Star Destroyer imperiale, dopo averlo distrutto spingendoci contro un altro Star Destroyer!

In pratica i Ribelli hanno appena spento i motori di uno Star Destroyer, immobilizzandolo con dei siluri ionici. Una piccola corvetta Hammerhead si butta contro la punta dello Star Destroyer e inizia a spingere, mandandolo verso il secondo Star Destroyer che attende l’impatto immobile invece di spostarsi dalla traiettoria! Qui ci aspetteremmo che le navi facessero “tok” e basta, fine, senza gravi danni. D’altronde ci sono cose come la conservazione della quantità di moto e il principio di inerzia…

… e invece no! Il primo Star Destroyer si infila dentro il secondo e lo taglia come un coltello caldo nel burro. Ma se l’energia di cui dispone è solo quella data dalla corvetta che spinge, come mai il primo Star Destroyer così super sollecitato in un punto molto più ridotto (una pressione centinaia di volte superiore) non si rompe, mentre il secondo Star Destroyer che riceve una pressione molto inferiore (e in più la massa del sistema spinto dalla corvetta è all’improvviso raddoppiata, dimezzando la sua capacità di farlo accelerare) si taglia e precipita contro l’anello?
E di nuovo: il secondo Star Destroyer ha i motori intatti, perché non si sposta?

Ecco come sarebbe dovuta andare in un modo fisicamente più ragionevole.
La corvetta dell’Alleanza si butta contro lo Star Destroyer, si incastra dentro e lo spinge. Ma la corvetta ha motori pensati per una certa accelerazione in grado di dare una velocità adeguata in tempi decenti solo a una nave di massa così ridotta come la sua, mentre all’improvviso quei motori devono spingere anche lo Star Destroyer e vincerne l’inerzia, grossomodo un migliaio di volte superiore.
Immaginate il primo Star Destroyer che dopo minuti, molti minuti, diciamo ore, inizia piano piano a muoversi…

«Comandante, quello Star Destroyer ci sta venendo addosso!»
«Aaaahhhh!!!!!»

Due ore dopo…

«… aaahhhhh. Coff, coff…» Il comandante si massaggia la gola. «Lei, marinaio, gridi al mio posto finché non torno!»
«Signorsì, certo, signore! AAAHHHHHHH!!!!»
Il comandante va a farsi una doccia. Torna mezz’ora dopo.
«Riposo, marinaio. Dove ero rimasto? Ah, sì: AAAAAAHHH!!!!!»

Ventidue ore dopo…

«Desidera dell’altro latte nel tè?»
«No grazie, comandante, sono a posto.»
Il comandante lancia uno sguardo alla finestra. Lo Star Destroyer è enorme, occupa tutta la vista. «Forse ci siamo quasi—»
TOK!
Qualche goccio di tè salta fuori dalla teiera e mezza piramide di pasticcini si rovescia giù dal tavolo.
«Comandante, chiedo il permesso di riprendere servizio.»
«Certo. Beh, è ora che torni anche io al lavoro. Allora…. AAAAAAAAHHHHH!!!!»

Sul serio: io ho pagato soldi buoni e mi devo sorbire una merdata così? Ma chi sono, Daget di Alieni Coprofagi dallo Spazio Profondo?

Un piccolo problema di rapporto col quarto film.

Ormai siamo abituati ai piccoli problemi di legame tra i diversi film di Star Wars, una cosa già iniziata ai tempi in cui, nel primo film, Lucas non aveva ancora deciso che la principessa Leia fosse figlia di Darth Vader e quindi che avesse dentro di sé la Forza ecc. e non ne “avvertiva” la presenza, mentre gli bastava stare a poche decine di chilometri da Luke per sentire la presenza di un Jedi e anche qualcosa di famigliare in modo inquietante.
Non ricordo in che modo a posteriori i fan hanno giustificato la cosa (portatrice passiva di Forza? Senza Forza?), ma se si fosse pensato il film sapendo tutto prima, si sarebbe evitato il problema invece di forzare giustificazioni a posteriori.

Questo però è un problemino davvero secondario e di nessun conto in una serie che ne ha di molti peggiori perché è stata costruita un passo alla volta, senza una chiara visione d’insieme dei dettagli. Alla lista di problemi se ne aggiunge un nuovo: il finale di Rogue One.

Nel finale di Rogue One la navicella di Leia scappa dall’ammiraglia della flotta Ribelle e l’Impero li insegue per prenderli. C’è Darth Vader a inseguirli. Sanno cosa hanno fatto, la Ribellione non è più qualcosa che fanno dei terroristi qua e là supportati da membri ancora ignoti del Senato… è stato uno scontro aperto e si conoscono le nazioni responsabili. Leia era su una nave in fuga dalla battaglia e si sa che hanno portato via una copia dei piani della Morte Nera di cui Darth Vader ha visto il dischetto (che gli è sfuggito per un pelo).

Tutto chiaro? Ora riguardiamo lo spezzone del film 4 in cui Darth Vader affronta Leia…

Non c’entra più granché. Non c’è nessuna nave di soccorso, ma una nave in fuga dalla battaglia. E non è una nave che ha ricevuto generiche trasmissioni da spie, è una nave di cui si è certi che trasporti una copia fisica dei piani della Morte Nera.

Altro che offesa al Senato e stronzate simili, c’è già stata una battaglia nello spazio e uno scontro a terra in cui i Ribelli si sono manifestati in modo chiaro, non tramite anonimi terroristi camuffati e atti di sabotaggio senza un chiaro responsabile.

Struttura drammatica: il fatal flaw.

Quando parliamo della struttura di un’opera si intende, per esempio, se è riconoscibile un personaggio protagonista per ogni eventuale storia presente (non semplici scene extra mostrate senza che vi sia il protagonista, intendo storie vere e proprie), ovvero un personaggio definito come protagonista dal fatto che in relazione a quella storia lui è quello che:

  • vuole qualcosa e qualcuno gli si oppone;
  • ha le capacità per vincere, ma ha un difetto (fatal flaw) che gli impedisce di usare le proprie capacità nel modo corretto e dovrà superare il problema per trionfare (se non avesse il problema non ci sarebbe tensione, perché evidentemente, nonostante le difficoltà, alla fine potrebbe solo vincere);
  • se rinuncia a partecipare alla storia, perde in automatico una “posta in gioco” a cui lui però non è disposto a rinunciare per nulla al mondo.

Grossomodo. Sto sintetizzando molto e siamo francamente all’ABC della teoria narrativa.

Rogue One non è facile da analizzare, perché è molto approssimativo. D’altronde, come sottolineato dopo, manca di un reale collante narrativo e le scene, seppure singolarmente interessanti, sembrano buttate a caso seguendo un mero senso cronologico invece di costruire un percorso dotato di significato reale.

Prendiamo quella che è di sicuro la protagonista, Jyn. All’inizio vediamo che è in prigione, e questo ci fa sospettare che il suo modo di vivere funzioni male. Questo è un elemento corretto, perché se il suo fatal flaw non l’avesse portata ormai sull’orlo dell’impossibilità ad andare avanti nella sua vita (rischio di sopravvivenza, non in senso per forza letterale), non sarebbe il momento giusto per iniziare la sua storia.

Cerchiamo quale fatal flaw potrebbe avere. Il fatal flaw di Jyn sappiamo che deve causare la sua incapacità di aderire agli ideali della causa Ribelle, nonostante detesti l’Impero. Lo sappiamo perché nella seconda metà del film è proprio la volontà di aderire alla Ribellione, anche a costo di dover costituire una squadra di volontari “illegale” pur di operare, è la prima grande azione che farà dopo essere cambiata. La trasformazione inizia già con l’invito di Saw Gerrera “Salva la Ribellione. Salva il sogno”, che sancisce il taglio tra primo e secondo atto della storia (taglio iniziato ormai dieci minuti prima, siamo già dentro al secondo atto in pratica).

Jyn è egoista come lo era un po’ anche Han Solo?
Non regge, perché lei già molto prima della trasformazione che avviene nel midpoint della storia (la morte del padre) compie atti di altruismo come salvare la bambina che piange durante la sparatoria, rischiando la vita. In più sembra spaventata quando crede di aver ucciso il droide alleato, nonostante questo la detesti.

Anche la Morte Nera ha un fatal flaw, e visto che non è in grado di superarlo entro la fine dell'episodio 4 è condannata a un finale tragico. Come Don Pietro Savastano in Gomorra.

Anche la Morte Nera ha un fatal flaw, e visto che non è in grado di superarlo è condannata a un finale tragico. Come Don Pietro Savastano in Gomorra.

Jyn non si fida degli altri? Forse.
All’inizio picchia i soldati venuti a salvarla. Subito dopo ruba un disintegratore e pretende di poterlo tenere addosso perché evidentemente non si fida delle capacità di Cassian e del droide di proteggerla. Però allo stesso tempo non si fa problemi ad accettare alla cieca i due guardiani del vecchio tempio, Chirrut e Baze, di cui non sa nulla se non che il primo è in grado di usare almeno un po’ la Forza ed entrambi si sono trovati nella merda a causa delle sommosse cittadine proprio come lei. Non è molto, se uno è incapace di fidarsi degli altri… può bastare per una persona priva di quel difetto, al massimo…

Ok, hanno soccorso lei e Cassian dagli assaltatori, ma se lei davvero non è capace di fidarsi degli altri dovrebbe mostrare una certa “riserva” che però non si manifesta mai. Anche perché, pensateci: loro non avevano alcun motivo per soccorrerla, se non la generosità (e Cassian le ha spiegato che sono tizi pericolosi), e questo suona davvero sospetto anche senza essere persone diffidenti!

Bisogna far vedere i sospetti di Jyn e Cassian di fronte a questi eventi, prima che i nuovi salvataggi e l’assenza di azioni sospette permettano di fidarsi per davvero. Baze e Chirrut sono magari infiltrati sotto copertura dell’Impero? Di gruppi terroristi concorrenti sia di Saw che dell’Alleanza?
Il secondo intervento salvifico a opera di Baze e Chirrut è subito prima del midpoint, quindi in posizione perfetta per guadagnare la fiducia, in più sono loro due a farle venire dei dubbi sulle intenzioni di Cassian mostrandosi così “affidabili” e sinceramente preoccupati per lei.

I sospetti andavano collocati, anche solo per realismo, prima del midpoint, ma i troppi personaggi e cambi di situazione improvvisi portano a non avere delle scene cuscinetto dedicate allo sviluppo di questa relazione… e dire che ne sarebbe bastata una di due o tre minuti durante il viaggio…

Senza contare che il fatal flaw è gestito in modo ancora meno corretto di quanto sembra fino ad ora: nella prima parte della storia gli eventi non sono limitati dal fatal flaw di Jyn, e non la vediamo fare errori a causa del suo problema che compromettano i risultati. La morte di suo padre, che dovrebbe essere il momento di “errore finale” che la obbliga a cambiare. Il senso del cambiamento nel midpoint nella teoria drammatica è questo: la crisi finale che mette spalle al muro, obbligando a fare la cosa giusta come unica opzione rimasta, o per cavarsela subito o per uscire dal merdone di conseguenze appena causate.

Non è effettivamente un fatal flaw a livello di funzione narrativa: certo, se non lo superasse non potrebbe prendere la decisione che muove la fine del secondo atto e il terzo, ma questa sua “caratteristica” non funziona da “difetto” nelle scene del primo e secondo atto. C’è un cambiamento del personaggio, ma non è dovuto a un arco di eventi realizzato in funzione del suo problema perché non ha effettivamente un problema che la danneggi negli eventi di Jedha City o di Tarsis.
Non è elegante e nemmeno corretto a livello drammatico. Non ci siamo per niente.

Sì, il tuo personaggio è perfino peggio del tuo travestimento.

Sì, il tuo personaggio è perfino peggio del tuo travestimento.

Struttura drammatica: la posta in gioco.

Qual è la “posta in gioco” di Jyn?
Qui non è facile rispondere. Non mi dilungherò entrando nei dettagli su cosa sia la posta in gioco, perché tra esempi e spiegazioni dettagliate è una lezione che nel corso per scrittori, dal vivo, richiede circa 75-90 minuti. Che cosa perderebbe Jyn se uscisse dalla storia, e in che modo questa cosa diviene rilevante solo a partire dall’inizio del secondo atto?

Nella scena che sancisce la transizione dal primo al secondo atto, quella nella base segreta di Saw Gerrera, Jyn riceve prima una blandissima tirata d’orecchi sul fatto di non avere una causa per cui lottare, e subito dopo vede il messaggio inviato da suo padre. Sente suo padre dirle quanto soffre per il fatto di non sapere nemmeno se sia viva, e che spera che Saw possa farle avere questo messaggio. Jyn inizia a piangere e capisce che ora ha finalmente l’occasione di ricostruire la propria famiglia, di ritrovare suo padre, dopo che aveva deciso anni prima di rinunciare a pensarci.
Jyn era, come Amleto, un antieroe in fuga dal proprio destino/dovere: ritrovare e liberare il proprio padre (vendicarlo, per Amleto). Ha fatto di tutto per dimenticarlo, condannandosi a una vita vuota e in fuga, fino alla prigione.

Se Jyn ora non lotta, se non prosegue al fianco dell’Alleanza, non riavrà mai suo padre. La posta in gioco di Jyn rientra nella categoria “amore e appartenenza” della classificazione di Maslow dei bisogni umani, molto usata dagli sceneggiatori. Il problema però è che nel midpoint il padre muore (nella parte che va da 1 ora a 1 ora e 9 minuti, 48-55% dell’opera), per cui all’apparenza Jyn ha perso la posta in gioco.

Questa decisione a livello drammatico non è ideale, perché dovrebbe rappresentare il momento più buio della cosiddetta “esperienza di morte” che sancisce il taglio tra secondo e terzo atto e mette alla prova, portando l’eroe all’ultima caduta prima della trasformazione finale che porta vittoria. L’eroe in seguito a questa crisi finale capisce come superare in pieno il fatal flaw, non nel modo impreciso avvenuto col midpoint. Ecco Jyn non ha nulla di simile: midpoint ed esperienza di morte sono fuse là, e dopo il film va dritto senza stravolgimenti.

In più Jyn non è che “perda” perché non si fida degli altri: il padre muore per colpa dei caccia dell’Alleanza intervenuti, senza che né lei né Cassian (che ha cercato all’ultimo di fermarli) abbiano potuto farci nulla. Il fatto che il fatal flaw non sia poi così rilevante nel guidare le scene della prima metà della storia è un ENORME difetto. A tutti gli effetti non c’è un vero fatal flaw.

"Piacere, K-2SO. Il tuo personaggio fa schifo e il tuo fatal flaw non funziona. Ammazzati."

“Piacere, sono K-2SO. Il tuo personaggio fa schifo e il tuo fatal flaw non funziona. Ammazzati.”

Non succede più niente di tragico quanto la morte del padre, per Jyn. Dopo ci troviamo in una lunga missione finale che copre un 37% del film, in cui i personaggi hanno le capacità per vincere, hanno la volontà di vincere e devono solo “rischiare” e vedere come va. Un difetto simile a quello di Avengers: Age of Ultron, e tipico proprio di alcuni film Disney che tendono ad applicare gli errori provenienti dalla (patetica) dottrina di Vogler sulla costruzione di storie (il manualetto di Vogler sul viaggio dell’eroe è un cosettina penosa e piena di errori teorici, se paragonato a veri manuali come quello di Dara Marks o quello di Robert McKee).
Qui perlomeno non c’è la mega scazzottata dell’altro film, per cui seppure fortemente indebolito si fa guardare senza volersi amputare naso e orecchie con il trinciapolli.

A differenza di Luke Skywalker nell’episodio 4, che lottava soprattutto per mostrare alla galassia il proprio valore, Jyn non è interessata ai riconoscimenti: con la morte del padre ora, più che cercare vendetta, ha trovato un senso di appartenenza nella Ribellione e può così portare avanti la volontà del padre adottivo Saw e del padre biologico Galen.

Allo stesso modo vediamo che Cassian e la squadra di volontari che ha messo insieme, tutti tizi brutti e cattivi, sono mossi dalla stessa volontà: continuare a combattere per il senso di appartenenza all’Alleanza, senza accettare la pace. Non otterranno gloria o riconoscimenti facendolo, probabilmente moriranno, ma non è questa la questione: la loro vita è interamente dedicata all’Alleanza, i Ribelli sono la loro famiglia, e lottano per difenderla.

Abbiamo fatto cose terribili in nome della Ribellione. Spie, sabotatori, assassini. Tutto ciò che ho fatto, l’ho fatto per la Ribellione. [ …] Non potrei guardarmi allo specchio se mollassi ora. Vale per tutti.

— Cassian Andor

Se ora non si rivoltassero per affrontare la missione, perderebbero tutto ciò per cui hanno vissuto fino ad adesso. Per questo sono disposti a seguirla, perché lei si è dimostrata il “leader” che non hanno più nei loro comandanti ufficiali: una guida che condivida i loro ideali, non un capo che comandi.
A livello strutturale funziona, il problema è che sono carenti i dettagli realistici che rendano credibile che possano riporre in lei questa fiducia (non si è davvero dimostrata un leader, ha solo detto due menate al tavolo).

Gente con la barba. Un tizio pelato. Un negro. Il peggio del peggio.

Gente con la barba. Un tizio pelato. Un negro. Il peggio del peggio.

Cliché, cliché e discorsi legnosi.

Non basta azzeccare gli elementi della struttura per fare un buon lavoro. Questi elementi sono fondamentali, per cui non possono essere basati su cliché. I cliché sono quelle cose banali, che avvengono proprio come sempre atteso. Non sono per definizione cose che ci fanno dire “bello, questo sì che è ben pensato”, come invece dovrebbe avvenire con gli elementi chiave della storia.

Prendiamo gli elementi che dovrebbe realizzare la costruzione dell’empatia verso Jyn:

  • la sofferenza causata dalla morte della madre e dal rapimento del padre è una banalità che già marchia d’infamia il film ai primi minuti;
  • già meglio l’essere stata abbandonata da Gerrera in un bunker, per proteggerla, con solo una pistola e un pugnale quando aveva 16 anni… ma sfortunatamente ci viene solo raccontata, non viviamo il momento drammatico per cui zero effetto;
  • il salvataggio della bambinetta che frigna, per farci vedere che Jyn è una brava persona, è di una banalità seconda solo all’uomo che salva la fanciulla in pericolo da uno stupro.

Sono cose viste troppe volte, suonano false e quindi il coinvolgimento emotivo del pubblico è molto minore. Non suonano come la vita vera, di persone vere. Sono soluzioni pigre realizzate al risparmio intellettuale, buone al massimo, come direbbe Wayne Booth, per essere accettate nelle “ore indolenti o negli anni del declino”.

I cliché passano anche grazie a diversi brutti dialoghi, fatti di battute didascaliche, legnose, poco credibili. Invece di mostrarci scene che ci evocano concetti impliciti sulla vita dei personaggi, per cui vedendo pochi dettagli impariamo e capiamo del personaggio due o tre volte tanto, abbiamo spiattellamenti del background nei dialoghi, privi di dramma, privi di incisività.
Per esempio questo, che avviene subito dopo il trauma del midpoint (la morte del padre) quando Jyn e Cassian tornano sulla nave.

Osceno. Si sparano in faccia le cose, belle dirette, per spiegare al lettore tutto. Non ci sono sottintesi, non parlano nel modo in cui naturalmente gli umani parlano. Tutto l’opposto dell’inizio magistrale della serie In the Flesh dove pochi accenni e molto non detto dicono ben di più di qualche spiegone e qualche battuta didascalica, perché lo fanno in modo molto più evocativo.
Nessuno in In the Flesh ci dice che Kieren sia omosessuale, ma già al primo episodio uno dovrebbe averlo intuito e nel secondo esserne certo. Ed è solo una delle tante cose chiare pur senza che nessuno le abbia dette, come tanti dettagli sull’apocalisse zombie. Questo è il modo di trattare il lettore/spettatore come se non fosse un povero scemo.

Non aiutano nemmeno altri cliché come i salvataggi all’ultimo istante, quelli che se qualcosa ritardava di due secondi cambiava tutto, che non sprizzano esattamente credibilità. Non ho apprezzato nemmeno granché, perché un po’ fuori luogo, il momento Assassin’s Creed in cui balzano nella torre cava del Centro Dati e si arrampicano in modo un po’ troppo facile e sicuro (però c’era, per Jyn perlomeno, una scena di scalata precedente a farci vedere che è capace).

E parliamo del cliché delle porte che si aprono se uno spacca il sistema di apertura? Un classico di Star Wars! Che senso ha che siano programmate per aprirsi se uno invece di inserire la chiave di sicurezza le prende a martellate? Ha senso come metterle sulla porta blindata di casa: se il ladro non vuole sforzarsi a scassinarla, colpisce la serratura digitale e questa apre tutto per farlo entrare.
Chi è il subnormale che ha pensato una cosa simile?

“Difetti” in relazione agli altri Star Wars.

Star Wars è un marchio legato a opere di zero o nullo approfondimento psicologico, il genere di opere in stile (parafrasando Superman) “Nell’universo c’è quello che è giusto e quello che è sbagliato, e la distinzione non è difficile da fare.” Insomma quella roba che l’ingresso nell’età adulta, il cominciare a capire che Giusto/Bene e Sbagliato/Male non sono valori assoluti, ma sono relativi al punto di vista che esprime il giudizio e ai suoi obiettivi, porta a vedere come delle robettine vuote che uno guardava solo perché era un ragazzino e non capiva niente.

In Star Wars, di norma, abbiamo i cattivi, mostrati come tali, e i buoni che sono buoni e basta. Anche i personaggi che si camuffano da mezzi delinquenti, come Han Solo, sono semplicemente in attesa dell’occasione per redimersi e mostrare all’universo che sono buoni anche loro. Non c’è nemmeno quella nuvoletta di grigio, quel po’ di foschia morale, che si trova in anime come Gundam o come Aura Battler Dunbine: non abbiamo Buoni che fanno scelte da “cattivi” per il bene superiore (no, Lando Calrissian non è un buon esempio, vista la situazione in cui si trovava) e Cattivi che si comportano come “buoni” perché hanno un forte senso della giustizia o dell’onore o cose così, o perché semplicemente vediamo per un attimo le cose come le vedono loro e capiamo che dal loro punto di vista loro sono quelli buoni e non dei kattifi felici ti ezzere kattifi

BOX: l’Impero è davvero così cattivo?

enlist1Se ragioniamo su quanto ci mostrano i film, in particolare gli episodi da 1 a 3, possiamo dire che la Repubblica era una confederazione priva di reali poteri che aveva l’unico scopo di giustificare il dominio di malvagie dittature in costante conflitto tra loro, “legittimate” dal fatto di sedere in Senato. Tipo Nazioni Unite, in remix con la politica italiana.

Se si fa lo sforzo di guardare oltre la propaganda pro-Jedi e i cattivi brutti (e quindi ancora più cattivi!), si trova una Repubblica tecnologicamente immobile da millenni, divisa in realtà in tantissime nazioni guidate da criminali pezzi di merda, il tutto sotto lo scacco di una religione di stato (il culto legato alla Forza) che domina tutta la vita pubblica.

L’Impero invece in pochi anni porta un grande progresso, con enormi opere pubbliche e armi innovative (come la Morte Nera) e si abbatte con la forza per restaurare pace e ordine dove prima vi erano signori della guerra, interessi locali criminali ecc. il tutto con solidi valori di progresso scientifico e laicismo, come sottolineato da Han Solo nell’episodio 4, quando dice “le strane religioni e le loro antiche armi contano poco contro un folgoratore al fianco.”

L’Impero di Star Wars è come lo Stato nel meridione: davvero si sta meglio con la pace data dallo spartirsi le risorse, con ogni tanto qualche piccola guerra, tra i clan della camorra o tra i gruppi mafiosi o altro? E noi ci lamentiamo che lo Stato è troppo attivo nello stroncare questi interessi locali che frammentano l’unità nazionale, o che lo fa poco? Immaginate Falcone e Borsellino con le tuniche nere, il volto tipo Palpatine ecc. e vi basta l’estetica per dire che sono mostri? A quanto pare con l’Impero, per molta parte del pubblico, sì.

Magari ci torneremo in futuro.

In Rogue One è molto diverso.

Vediamo il lato umano del nuovo cattivo, il Direttore Krennic, in un flashback di Jyn in cui rivede un momento passato in cui la madre e il padre erano ancora vivi e in ottimi rapporti con Krennic. Quando Krennic raggiunge Lah’mu, il pianeta in cui Galen Erso si è rifugiato con la moglie Lyra e la figlia Jyn, alla notizia che Lyra sia morta lo vediamo sinceramente dispiaciuto per il suo amico (che sta mentendo).

Vediamo cosa devono essere i “buoni” per sopravvivere dopo anni di lotta clandestina contro l’Impero. Sono spietati, come quando Cassian uccide a sangue freddo il tizio che gli ha passato l’informazione. Anche il generale Draven, che dà l’ordine a Cassian di uccidere Galen invece di recuperarlo vivo, non è esattamente il buono con la B maiuscola. Cassian stesso arriva a tanto così dallo sparare e ci fa capire di aver fatto ben altre porcate nella sua vita per la causa ribelle. Stesso discorso vale per la squadra di volontari vista prima, che oltre a un passato di omicidi e azioni terroristiche, come ci viene spiegato, hanno pure delle facce che farebbero felice Lombroso.

La mediocrità dei tizi del consiglio di guerra, con gente disposta ad arrendersi e altri che non si fanno problemi a dare a Jyn della contaballe, è realistica. Neppure loro sono esattamente i buoni idealisti fino alla morte che ripongono ogni speranza nell’Eroe venuto a salvarli. Meglio sopravvivere e arrendersi, sperando nella clemenza dell’Impero… d’altronde lo scopo della Morte Nera era quello, evitare una guerra ottenendo la resa dei membri dell’Alleanza Ribelle.

Vediamo estremisti come il gruppo di Saw Gerrera, ossessionati dalla sete di sangue fine a sé stessa, che lottano per vendicarsi dell’Impero e basta invece che per ricostruire la Repubblica, senza preoccuparsi di fare vittime tra i civili con azioni terroristiche in centri urbani. Saw Gerrera è realisticamente paranoico, anche perché dalle sue multiple mutilazioni capiamo che non ha avuto un passato facile nella lotta con l’Impero, e non si fa problemi a torturare fino a ridurre allo stato di demente qualcuno che ha tradito l’Impero ed è venuto lì per aiutarlo, solo perché Saw non si fida e pensa che tutti siano contro di lui.

Saw Gerrera: vecchio, stanco, senza le gambe, vive dentro un'armatura che non pare proprio comodissima e quando gli prende una crisi deve usare il respiratore e ansima come Darth Vader. Allegria!

Saw Gerrera: vecchio, stanco, senza le gambe, sta dentro un’armatura che non pare proprio comodissima e quando gli prende una crisi deve usare il respiratore e ansima come Darth Vader. Allegria!

Ah, Saw viene dalla serie animata Star Wars: The Clone Wars che, da quanto mi dicono, dovrebbe ancora essere canonica nonostante il passaggio del franchise alla Disney che ha fatto piazza pulita di un sacco di immondizia. Valgono solo gli otto film e poco altro. Sì, lo Speciale di Natale del 1978, autentica delizia retard per chi badava al vecchio canone, non conta più. Ma già prima i fan facevano finta che non esistesse (o non lo sapevano proprio).

Non ci sono nell’Impero persone schifose come lui, in questo film. Gli imperiali fanno il loro dovere, sacrificando anche la vita per il benessere comune e gli obiettivi della nazione. Non vediamo gli imperiali fare porcherie al livello a cui devono abbassarsi i terroristi di Gerrera.
La cosa peggiore che gli imperiali fanno di persona (usare la Morte Nera non richiede quel livello di crudeltà di un omicidio viso a viso, è come bombardare da un aereo) è uccidere Lyra quando questa ormai ha dimostrato di stare per sparare da un momento all’altro a Krennic.

Ricordiamo che Krennic in questo modo ha dovuto far eliminare una persona a cui vuole bene e che gli si è rivoltata contro, una persona per cui fino a pochi minuti prima era dispiaciuto fosse morta e poi è riapparsa a sorpresa. Krennic deve farlo, ma non è felice di farlo e lo eviterebbe volentieri (aveva offerto di far vivere tutti quanti nel lusso). Per l’altra fucilazione di scienziati, di cui abbiamo parlato prima, entriamo più nell’idiozia che altro: non essendo suoi “amici”, come invece era Lyra, è una cosa meno malvagia a livello individuale.

La morale piatta e manichea di Star Wars si piega un attimo verso un piccolo abbozzo di realismo, per dare un contentino al pubblico di adulti a scapito di quello di bamboccioni. Questo è un difetto, se andiamo a vedere cosa i “finti adulti”, ovvero una buona fetta della popolazione, gradisce: la propaganda politica è fatta di Bene contro Male, senza grigi, qualsiasi sia l’argomento. Funziona così il giustizialismo in Italia, funziona così la questione ucraina (da ambo le parti), funziona così la propaganda jihadista, funzionava così la politica anti-russa di Obama…
Non è molto, ma è un piccolo contentino. E, come detto, per chi si è visto l’episodio 7 sbavando per il piacere, questo livello di blando realismo sarà di sicuro un problema. ^_^

Qualcuno potrebbe dire: che palle, ancora la Morte Nera! Vero, ma visto di cosa doveva parlare quest’opera è inevitabile che sia al centro della storia. Totalmente ingiustificato, e ridicolo anche rispetto alla vecchia Morte Nera, era il pianeta dell’episodio 7. Cazzo, quello sì che faceva sembrare interessante e intellettuale quest’arma ridicola. Per apprezzare l’episodio 7 bisogna davvero crogiolarsi nel lato sinistro della gaussiana, c’è poco da dire.

Pensate un attimo alla natura della Morte Nera: l’Impero ha difficoltà a tenere a bada i pianeti ribelli perché il nuovo esercito dell’Impero è piccolo, è nato solo pochi anni prima per costituire una specie di “polizia galattica” per dirimere quei continui casini della Repubblica di cui si è parlato prima. Gli stessi Jedi hanno aiutato a farlo nascere, cascando nella trappola del futuro Imperatore.
La Morte Nera è la super arma che permetterebbe a questo esercito, giovane e ancora piccolo, di fedelissimi del nuovo Impero di tenere testa ai Ribelli. Se le stesse risorse le spendevano in Star Destroyer e caccia, senza considerare le centinaia di migliaia di uomini dentro la Morte Nera, avrebbero avuto una flotta così mostruosamente grossa da essere ridicola. Altro che i 25.000 Star Destroyer di cui parla Wookiepedia, avrebbero raddoppiato almeno la cifra. Più tutti i caccia! Però un cannone grosso come una luna è molto più figo! ^_^

"Si potrebbe fare un altro di questo invece di tutti quei bombardieri. Uno che orbiti attorno alla Terra, magari." "Herr Führer, lasci queste decisioni noiose a chi paga per prenderle."

“Si potrebbe fare un altro come questo invece di tutti quei noiosi bombardieri? Uno che orbiti attorno alla Terra, magari?”
“Herr Führer, lasci queste decisioni noiose a chi già paga per prenderle.”

Io non sono stato infastidito da Tarkin, ma a qualcuno il fatto che l’attore fosse ricostruito in digitale può aver disturbato. Conosco diverse persone che non sapevano niente della cosa e non si erano accorti che fosse digitale, semplicemente era sembrato un po’ strano come se fosse truccato troppo per apparire identico al vecchio attore. Io mi ero accorto che era in digitale, ma considerando quanti effetti in digitale e pessimi costumi abbiamo sempre visto in Star Wars, non ci ho badato.
Era venuto bene quanto basta, insomma, però a qualcuno di sicuro avrà dato fastidio (come anche Leia, o il recupero di spezzoni d’epoca per mostrare anche i comandanti delle squadre di caccia Rosso e Oro), anche solo per moda e per appellarsi a qualcosa in più da criticare in assenza di argomentazioni realmente sensate.

L’idea di evitare di farlo vedere dal vivo e mostrarlo solo tramite comunicati olografici a Krennic è una soluzione. Forse non efficacie come vederlo presente di persona nelle sue poche scene, ma almeno sarebbe stato a prova di quelle vuote e infantili polemiche che vedo sul web ora. Sul serio, se ci si aggrappa a questo quando i problemi del film veri sono ben altri e non li si nota, vuol dire non avere le competenze per parlare davvero del film. Questo problema delle critiche scemotte andava tenuto in considerazione, senza dare munizioni gratuite agli haters.

Mi è apparso che accadessero un po’ troppe cose in poco tempo e con troppi personaggi, tanto che non si fa in tempo a (né si hanno le scene ad hoc per) affezionarsi davvero a qualcuno. Però magari è solo un’impressione e forse questo difetto c’era anche in altri film. Dovrei rivederli: è un anno esatto che non li riguardo tutti.

Anche se il monaco cieco asiatico non c’entra molto con quanto avevo visto fino a ora in Star Wars, la coppia Chirrut e Baze mi è piaciuta. Personaggi un po’ troppo cliché, soprattutto il cieco Chirrut, ma almeno Baze aveva il pregio di essere un cliché realistico: il mercenario con la mitragliatrice pesante, grosso, senza fiducia nel futuro, cinico, ma pronto a combattere per una causa giusta. Abbiamo visto di molto peggio in passato. Avete già dimenticato i capitoli 1, 2, 3 e 7? Jar Jar e il figlio di Umberto Bossi? Ecco, zitti allora ché qui al confronto siamo col teatro di Shakespeare.

Baze Malbus ha una mitragliatrice, dice poche cazzate, spara stando dietro un riparo ogni volta che può e infila raffiche in mezzo ai nemici prima che questi si accorgano anche solo di lui. Insomma, non è un totale idiota.

Baze Malbus ha una mitragliatrice, dice poche cazzate, spara stando dietro un riparo ogni volta che può (invece di fare a bastonate) e infila raffiche in mezzo alla formazione dei nemici prima che questi si accorgano anche solo di lui. Insomma, non è un totale idiota. Strano che mi piaccia, eh?

Giudizio finale.

La mancanza di una forte storia di trasformazione, al livello di quella di Luke, è un grosso problema. C’è un abbozzo, come visto prima, ed è insoddisfacente. Anche l’abbondanza di cliché su punti importanti a livello drammatico (es: la costruzione dell’empatia) e la mancanza di sufficiente respiro per approfondire e rendere credibili le motivazioni dei personaggi, sono dei grossi problemi che impediscono di sentirsi davvero umanamente coinvolti.

A colpi di “perché sì, perché la storia deve proseguire” si fa il filmetto che si guarda e si dimentica: non si fa Macbeth, non si fa Amleto, non si fa Rocky e non si fa Million Dollar Baby. Cominciamo a entrare nell’ottica che la competizione artistica è con opere come Aguirre, Furore di Dio di Werner Herzog, non con W la Foca di Nando Cicero con Lory Del Santo e Bombolo… anche se il regista e attore Eli Roth ha dichiarato di considerarlo “un gran capolavoro”, e io ho seri dubbi che la trilogia prequel o episodio 7 siano meglio di quello per intelligenza e personaggi.

Recitazione e idee che battono a mani basse episodio 7, Il Risveglio della Forza.

Dopo aver visto Rogue One non sentiamo di aver imparato qualcosa da quanto visto. Non ci ha dato, nemmeno in piccolo, una lezione sul senso delle scelte e della vita come invece fanno le grandi opere (incluso il primo Rambo, per dire, o la lettura del romanzo Fanteria dello Spazio o i primi dieci minuti di Up). Un film vuoto, fatto di eventi che però non hanno un reale “senso drammatico”.

Citando la mia recensione preferita di Il Risveglio della Forza, quella scritta da Shakespeare:

una favola raccontata da un idiota, piena di rumore e furore, che non significa nulla

(Macbeth, atto V, scena V)

Il materiale in Rogue One c’è, ma manca un grande filo conduttore che lo arricchisca di un significato profondo. Il fatto che gli eventi stessi siano sempliciotti, fatti alla buona, non molto realistici, toglie anche il piacere “documentaristico” e intellettuale dell’azione svolta in ogni credibile dettaglio, quella profondità del realismo dei grandi film di guerra che ti fa dire “cazzo, potrebbe davvero essere così una missione di infiltrazione” o robe simili.
Perde quindi anche la sfida di porsi come alternativa seria e realistica alle bambinate degli altri film, collocandosi così a metà strada: né serio e credibile e nemmeno scemodimmerda. Il posto ideale per non poter soddisfare in pieno nessuno dei due target. Senza il franchise a sostenerlo alle spalle, sarebbe stato un filmettino come tanti che nessuno avrebbe cagato granché.

Star Wars 4, 5, e pure il 6, nonostante i suoi orsetti del cazzo, lasciavano qualcosa. Soprattutto il 4, con il suo elegante arco di trasformazione e la gestione accurata della posta in gioco di Luke Skywalker (questa è anche materia del mio corso per autori, nel modulo di sceneggiatura/storytelling: tra i diversi esempi, analizziamo nel dettaglio proprio Luke in quel film dall’inizio alla fine, ed è davvero un bell’esempio).

Questo è un film che si fa vedere, pieno d’azione, ma con un tono diverso dai soliti Star Wars. Manca anche un po’ dell’umorismo della prima trilogia, soprattutto del film 4. Ci sono degli accenni di umorismo, qualche battutina, sopratutto nella prima metà, ma negli ultimi 30 minuti c’è solo il dramma e l’azione.
L’ho riguardato volentieri poche ore dopo averlo visto al cinema, nonostante fosse in versione piratata pessima, solo per scrivere l’articolo segnandomi tutto il necessario e controllando le informazioni per bene. Non avevo mai visto un film per due volte in meno di 24 ore! ^-^

Anche lei ha un fatal flaw nell'episodio 4, e visto che non è in grado di superarlo è condannata a un finale tragico.

Sembrava una proposta ragionevole…

Ammetto che al cinema mi stavo quasi addormentando per la noia in alcuni punti delle scene di pura azione. Ormai mi capita coi film quando è buio, sono molto stanco, e arrivano quei momenti “vuoti”, privi di reale coinvolgimento emotivo, in cui i registi pensano che i botti da soli bastino a interessare gli spettatori adulti, come se fossimo dei bambocci ritardati. Nella seconda visione però non ero stanco e la visione è andata liscia, senza che mi annoiassi (forse perché già sapevo come andava a finire).
Ormai ho passato quella fase di “adolescenza fuori tempo massimo” e mi coinvolge di più il dramma umano di opere come Il Ponte delle Spie o Usagi Drop (entrambe discusse nel mio corso), che qualsiasi mucchio di botti misti in CGI. Lascio quel “rumore e furore che non significa nulla” a chi sa apprezzarlo meglio.

Nell’insieme quindi un filmetto mediocre, ma rispetto agli altri Star Wars mi unisco ai tanti che lo hanno definito uno dei migliori Star Wars di sempre. Nella mia classifica legata all’idiozia dei film e alla costruzione drammatica, colloco questo film come il terzo migliore su otto: ai primi posti il 4 e il 5 e, ahimé, causa orsetti il 6 slitta per me dietro Rogue One. Anche se sono incerto, visto che il resto del 6 non è male. Maledetti ewok del cazzo. Vi odierò sempre, voi e quel frignone subnormale di Lucas.

Dettagli sull'autore

Il Duca di Baionette

Il Duca di Baionette (Marco Carrara) è nato in un secolo, vive in un altro e crede di vivere in un altro ancora. Dal 2006 si occupa in modo costante di narrativa fantastica e tecniche di scrittura. Dal 2008 si occupa di editoria digitale sul suo blog Baionette Librarie, di cui si è autonominato Duca. Nel gennaio 2012 ha avviato AgenziaDuca.it per trovare bravi autori e aiutarli a migliorare con corsi di scrittura mirati. Gli stessi corsi forniti gratuitamente agli autori di Vaporteppa.

Nel gennaio 2013 ha ideato il progetto editoriale divenuto Vaporteppa nell’ottobre successivo, con la decisione di Antonio Tombolini, A.D. di StreetLib, di adottare la collana. Ora è Duca sia di Baionette che di Vaporteppa, un po' come Macbeth che ottiene una seconda baronia all'inizio della sua vicenda.
Nel gennaio 2017 ha avviato un canale YouTube.

Adora i conigli, gli scafandri da palombaro, i trattori e le fatine. Talvolta parla di sé in terza persona, come Silvio Berlusconi, i dittatori e i pazzi. Ops, l’ha appena fatto!

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2016/12/21/rogue-one-quella-sporca-dozzina-non-incontra-star-wars/

35 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. VonFrundsberg

    Sono di fronte ad un tremendo dilemma…leggo la recensione (che si preannuncia gustosa, dato che ho già letto i primi due “capitoletti” e le varie didascalia) spoilerandomi il film oppure tengo duro fino a Martedì…ardua scelta! ^_^

  2. Il Duca di Baionette

    Non saprei. A me gli spoiler non creano problemi. Però forse è meglio, nel dubbio, lasciarsi stupire dal sense of retard al cinema. Con certe cose trash ho goduto.

  3. Maferris

    Recensione incredibile. Dieci euro che là fuori qualcuno nei prossimi giorni starà schiumando bava e griderà che certa gentaccia non riesce proprio a godersi i film, e comunque è fantasy e la credibilità non conta niente. Il tutto per nascondere con se stessi o con coloro a cui hanno lodato il film di non essersi accorti di problemi così evidenti.

  4. LG Montoya

    Duca, complimentoni.
    Dopo aver letto tutta questa (in prevalenza) stroncatura, e vedere che posiziona il film davanti a tutti quelli della trilogia mediana (e il 6, non sono l’unico che non lo regge, alleluja), tremo al pensiero di una recensione sulla Vendetta dei Sith, o sull’Attacco dei Cloni

  5. Il Duca di Baionette

    @Maferris
    Non faccio scommesse se sono sicuro di perderle. XD
    Senza dubbio qualcuno che di fronte all’ammissione esplicita della propria mancanza di spirito critico e di intelligenza si metterà a gridare che:
    – se uno analizza un film ed entra nei dettagli è perché non gli piace;
    – se uno critica qualcosa allora è possibile criticare tutto (così, a caso, senza badare ai ragionamenti e alla coerenza interna);
    – ovviamente il “perché sì perché è fantasy” citato pure da te;
    – altre affermazioni che nascono dall’abuso materno di alcol in gravidanza.

    Ben venga. Mostrare la pochezza delle proprie capacità intellettive serve solo ai normali a poter isolare e guardare dall’alto in basso lo svantaggiato: farci la cortesia di manifestarsi aiuta tutti quanti. :-)

    In ogni caso il problema non è per chi si occupa seriamente di film e narrativa che ovviamente, da qualche parte, qualche poveretto sbaverà sentendosi offeso dal non aver colto lui neanche una briciola di queste cose…
    … il problema non è per chi scrive, il problema è per lui. Sarà lui a dover vivere con sé stesso, ovvero con uno che come non vede errori madornali e insensatezze nei film, non li vede nel proprio lavoro, non li vede nei propri rapporti personali. E non amano sentirsi ricordare la propria pochezza. Per forza che si infuriano quando la coda di paglia gli si incendia. :-)

    Non notare tante cose alla prima visione è normale, va benissimo. Il problema è solo se la coda si incendia quando la cosa diventa evidente. Se nessuna coda prende fuoco, non c’è problema per nessuno: in fondo siamo così abituati a sorvolare sulle stupidaggini nei film che non c’è niente di male a saperlo e dire “ah, cavolo, non mi ero accorto!”.

  6. Mad.Roby

    Ciao Duca, hai fatto un capolavoro!
    Avevo notato parecchi dei problemi indicati ma leggerli tutti assieme così fa impressione. Si realizza quanti fossero per davvero.
    Utilissime le spiegazioni di story telling, grazie!

  7. Il Duca di Baionette

    @Maferris
    Aggiungo una cosa: alla fine si finisce a parlare sempre delle stesse cose, già citate in questo mio articolo di cui ricopio le mie opinioni sui teorici del “cervello spento”:http://www.vaporteppa.it/approfondimenti/leggere-non-e-in-se-un-valore/

    Frequentare ambienti stimolanti, intelligenti, che obbligano al pensiero e all’elasticità mentale rende più capaci di ragionare e favorisce l’apprendimento.

    Molti libri, come molti film, sono l’opposto di questa esperienza al punto tale che chi li subisce arriva a rincitrullirsi fino a non riuscire nemmeno a notare i problemi di quelle opere. Le capacità sono generali: se non nota certe cose lì, non le noterà nella vita di tutti i giorni. Farsi scudo dietro “è solo un libro” o “che importa, è solo un film” per mascherare l’imbarazzo di essersi ormai istituzionalizzati alla stupidità, è la bandiera bianca del pensiero critico e della razionalità che ormai non riescono più a farsi ascoltare nella vita quotidiana (libri e film inclusi) di quell’individuo.

    “Spegnere il cervello” non è qualcosa che si può fare a comando, perché le reazioni di difesa di fronte all’insensatezza sono automatiche in una mente razionale. Chi sa “spegnerlo” quando vuole è perché in realtà ha dimenticato da tempo come fare a riaccenderlo. Da qualche parte questa educazione all’acriticità è venuta, come viene quella all’accettare la violenza o il sopruso come fatti normali.

    @LG Montoya
    In futuro penso di farle.
    Il mio preferito, perché ben costruito a livello drammatico, è il 4 che è anche uno dei più ricchi a livello di scenette umoristiche. Anche a base di assaltatori. Mi ero segnato degli appunti l’anno scorso, ma riguardo comunque i film così me li ripasso, tanto la trilogia originale non è una fatica da rivedere… la prequel sì, un po’, ma visto che mi fa comodo farlo per “lavoro” lo faccio…

    @Mad.Roby
    Grazie a te! Penso di continuare anche in futuro a dare piccole indicazioni di teoria dentro le recensioni, in modo da giustificare secondo criteri di analisi oggettivi, quelli strutturali, il giudizio su un’opera. Anche per dire, nel caso, che un film è un colabrodo disfunzionale, fa cagare quasi tutti ed evidentemente mi piace solo per fisime mie. XD

  8. lamb-O

    Complimenti per il nell’articolo e nessun problema per gli spoiler, non conto di andare mai a vedere questa patente cacata.

  9. Darth Valer

    Da scemodimmerda con Q.I. a due cifre mi prostro dinnanzi alla magnificenza di questa recensione. È stata probabilmente più piacevole del film stesso.

  10. Il Duca di Baionette

    @Darth Valer
    Quando si tratta degli episodi 4, 5 (e magari 6), abbiamo quasi tutti il Q.I. abbassato a 2 cifre volontariamente, perché la storia funziona, hanno trovate affascinanti per l’epoca, sono diventati parte della nostra cultura e preferiamo non dover pensare ai difetti. XD
    Li rivedo sempre volentieri.

  11. Federico

    Duca, splendida recensione come sempre e che conferma quello che temevo: che con tutto il realismo pubblicizzato si finisse a fare il solito film con effetti speciali per bambini altrettanto speciali.
    Ammetto anche di essere uno a cui guerre stellari non hai mai detto niente, film buoni al massimo per far passare due ore a ridere guardando il retard in azione.
    Detto questo mi permetto di fare un po’ di OT se non ti dispiace. Visto che hai nominato Usagi Drop: solo a me il finale dopo il salto temporale ha dato tanto un’impressione di “perché sì” visto che i percorsi dei vari personaggi (se non forse della ragazza) sono stati deviati a buffo, senza una reale spiegazione?
    Ovviamente cancella pure questo commento se non lo ritieni rilevante ;)

  12. Coscienza

    Il non vedente che usa un’arma da tiro è uno dei momenti più Wtf del film. Mi ero anche perso a giustificarlo pensando che forse usava una forma avanzata di ecolocazione, ma niente da fare, non sarebbe realistico, con il caos e il rumore della battaglia. Per altro quella sequenza sul pianeta (Eadu, mi pare?) è una gamma ininterrotta di grigi. Venti minuti di appostamenti e variazioni minime di colore. Forse intendevano questo quando dicevano che Rogue One è un film “dark”.

    Stando al volumetto del Castoro dedicato a Lucas, il regista si è sempre ispirato alla fantascienza dei fumetti pulp della sua infanzia, quindi anni ’50, alla Flash Gordon. Il problema è quando quest’estetica retrò viene conservata per i successivi quarant’anni, senza osare nulla di nuovo. Al di fuori degli architetti modernisti che arredano il castello di Darth Vader, anche nei nuovi episodi del franchise Disney non ci sono nuove astronavi, nè razze di alieni (a parte qualche comparsata qua e là). Mass Effect, passando ai videogiochi, metteva bene in chiaro come l’uomo bipede non possa essere la tipologia di alieno più diffusa nella galassia. xD

    Almeno, se non sono “realistici” si sbizzarrissero almeno nella fantasia, con nuovi design strampalati, che “colpiscano” visivamente.

  13. Il Duca di Baionette

    Grazie a tutti (Lamb-O, Federico, Coscienza, Darth Valer) per aver letto l’articolo!

    @Federico
    Il salto temporale nel manga Usagi Drop? Beh, sono passati 10 anni, è normale che sia cambiato tutto per loro. Però alla fine il rapporto di amici d’infanzia che potrebbe divenire altro, non può divenirlo per colpa della scelta della protagonista che arriva a un finale che era chiaro fin dall’inizio del manga (il rifiuto di farsi attribuire il cognome del padre adottivo e di ufficializzare così il tutto, il fatto che si comportasse più come una moglie che come una figlia perché lui è un disadattato e lei era abituata a prendersi cura con la madre badante del “nonno”).

    Stona un po’ in uno dei volumi della seconda (non ricordo quale, forse il primo) quel cambio di genere, diventa in pratica più uno shoujo tradizionale che non quello che era prima (nella prima metà dove il protagonista è il ragazzo che la adotta), però ho adorato il modo in cui il trauma della scelta della ragazza sia “l’esperienza di morte” per il protagonista precedente, la cosa peggiore che per lui potesse mai accadere, con poi la decisione di aspettare per vedere se cambierà idea.

    Per il corso in realtà usiamo solo il primo episodio dell’anime (ed equivalenti capitoli del manga, era fedele ricordo) per un’analisi dettaglio per dettaglio della costruzione dell’empatia usando un modello a due personaggi (e ci ricolleghiamo al lavoro tecnicamente identico, stessa formula, svolto ne Il Ponte delle Spie con Tom Hanks).
    Non posso entrare troppo nei dettagli perché al momento preferisco tenerlo nel materiale in esclusiva per i soli corsisti, poi se in futuro aumenterò l’offerta di analisi per loro eventualmente lo passerò nel materiale gratuito, ma non credo perché è davvero davvero valido e richiede tutta la spiegazione teorica lunga per essere capito bene.

    @Coscienza
    Col cieco ho rinunciato a lamentarmi della cosa perché alla fine ho pensato “boh, anche se non è addestrato alla fine con la Forza ci si fa di tutto per istinto, come nella teoria diffusa che Han Solo sia un pilota straordinario perché è dotato di molto Forza e sa usarla istintivamente per prevedere come pilotare”. Il fatto che individui la collana di Jyn mi ha fatto sospettare che percepisca così bene il fluire della Forza da “vederci”, seppure più come un pipistrello che come una persona.
    Più che altro, essendo un cliché visto migliaia di volte (il cieco che percepisce distanza e forma delle cose con udito, sensazioni tattili, cambi di pressione attorno a sé ecc.), mi lamento di quello. E di come tutto va a colpi di culo.

    Per l’idea che la galassia sia piena di specie viventi simili all’uomo, che a me non piace granché, in realtà ha solide basi sia nella fantascienza che nei miti dell’antichità. Nei Veda viene detto che nell’universo esitono duecentomila (mi pare, o era quarantamila?) specie intelligenti simili all’uomo e che molte sono venute anche sulla Terra. I sumeri dicevano in modo preciso da quale direzione nel cielo fossero venuti gli Anunna divenuti poi Anunna della Terra (Anunnaki), e spiegano che noi siamo simili a loro, e non il contrario, perché loro misero una “piccola parte di sé che rappresenta il tutto” che avevano tratto “purificando il sangue dei giovani Anunnaki” dentro a delle creature originali della Terra che avevano scelto perché “già simili a quello che volevano ottenere”. Secondo i sumeri da questo venne la postura eretta, il pollice opponibile, la capacità di parlare… ma solo dopo un lungo elenco di “umani falliti” di cui, leggendo le descrizioni, rileviamo diverse malattie e sindromi note al mondo moderno. Gli Anunnaki non erano perfetti, erano molto simili a noi, e facevano tanti errori. Tutto detto in modo chiaro nei miti sumero-accadici (che per loro non erano “miti”, il “mito” è un concetto che nasce solo con Platone, per i sumeri erano tutte cose vere e riportate in documenti da tramandare che venivano firmati con tanto di giuramento di attendibilità).
    Storicamente abbiamo sempre detto che l’accelerazione dello sviluppo umano è una cretinata, che non funziona così ecc. poi nel 2006 abbiamo scoperto questo: https://en.wikipedia.org/wiki/Human_accelerated_regions ed è diventato leggermente imbarazzante il tutto. Anche per la precisione di cosa certi popoli antichi indicavano e che solo negli ultimi 100 anni, addirittura solo ultimi 10, abbiamo scoperto essere cose vere. ^_^

    La stessa LeGuin adotta questa visione che fa parte di molti miti del mondo antico, non solo dei Sumeri o dei popoli del subcontinente indiano, nel ciclo Hainita, immaginando che la galassia sia piena di forme di vita simile agli umani perché siamo tutti nati da un’antica civiltà di “inseminatori galattici” che ha impollinato con la vita ogni pianeta adeguato e poi, quando una specie diviene abbastanza evoluta e tecnologicamente avanzata, viene “contattata” ed entra nella confederazione.

    A livello fantasy è una buona soluzione, che unisce gli autentici miti della creazione umana di diversi grandi popoli della storia con un classico della fantascienza. Poi, per gusto personale, io preferisco gli alieni evolutisi in modo totalmente indipendente, con cui non potremmo mai nemmeno comunicare e che forse non percepiremmo nemmeno come “vivi”, e loro lo stesso con noi, ma è solo un gusto personale e non esclude comunque che vi siano anche gli inseminatori galattici.

    Davvero un peccato per l’assenza di coraggio nel cambiare e variare i design di astronavi ecc.
    Capisco per Darth Vader, d’altronde il costume poche ore dopo, nell’altro film, è quello… con i suoi bottoni colorati retard sul petto, lì li scuso.

  14. LG Montoya

    Ma almeno da un punto di vista cinematografico era fatto bene? La trama di R1 sta a una buona trama come le mozzarelle stanno alle BMW bianche, ma almeno inquadrature, regia, recitazione (and so on) erano buone?

    Ancora complimentonissimi per la recensione-romanzo (è stata un’esperienza mistica leggerla tutta d’un fiato)

  15. Il Duca di Baionette

    @LG Montoya
    Non saprei, non conosco questi campi! Posso solo rilevare che a differenza de Il Risveglio della Forza, dove la protagonista femminile passava buona parte delle inquadrature con gli occhi a palla e spesso la bocca aperta, qui non ho notato particolari oscenità.

    Per il resto mi hanno detto che a livello di inquadrature ecc. è un film anonimo, come tanti altri, senza particolari guizzi di genio. A me va benissimo così: considera che il mio ambito è la narrativa e il campo di studi condiviso tra narrativa e sceneggiature è quello del teatro, dove non è che le inquadrature (lo sguardo dello spettatore) si possano gestire come al cinema… a livello teorico si ragiona senza tenerne conto (ma se poi recitazione, montaggio, luci ecc. fanno schifo anche una sceneggiatura eccellente muore). XD

    Se un film non mi disturba in modo plateale, tipo la Bellucci che “recitava” con quella voce atroce e quelle espressioni farlocche in Matrix, non ci bado. Non ricordo film visti negli ultimi anni così brutti per luci, inquadrature o altro da avermi turbato. La massa erano film normalmente anonimi, con qualcuno fatto bene in più (ho adorato tutta la visione di Mad Max Fury Road, molto meno la merdosa sceneggiatura: un film con due estremi opposti di valutazione).
    Di pessimo ricordo solo lo sceneggiato I Medici, di cui ho visto ben 15 minuti prima di stare male… e lì lo schifo visivo era il meno, le battute erano così orrende, piene di spiegoni, forzate, che perfino i discreti attori presenti ne risultavano massacrati nella recitazione.

    Grazie ancora! I prossimi articoli non voglio farli neanche lontanamente così lunghi. È da suicidio.
    Se poi succede di farlo lungo mentre si scrive e 8.000 parole previste diventano 16.000, amen, se una cosa va detta io non la tolgo e spesso scopro cosa dire mentre dico altre cose, per questo poi raddoppiano in corso di scrittura…

  16. Nicholas

    Ottimo articolo come sempre.
    A me il film è piaciuto ma va detto che a me piacciono a patto che ci sia roba che esploda.
    Tutte le tare evidenziate sono reali (aggiungo: perchè le astronavi hanno design a cazzo? Nello spazio non servono, nell’atmosfera magari si ma allora perchè i Tie-Fighter che sono i più fighi hanno ste forme tozze e totalmente inutili a volare in mondi con la resistenza dell’atmosfera? E i missili? Ma cazzo sono l’arma definitiva!), ma sono disposto a passarci sopra (per dire, mi fa odiare molto di più un film Jar Jar Binks).

    In ogni caso per quanto abbia i limiti evidenti ed evidenziati non mi sento stupido ad apprezzarlo, dopotutto si possono apprezzare le cose stupide, a patto di sapere che sono stupide, fintanto che ci divertono.
    Anche io lo considero migliore dell’ep. 7 (la seconda trilogia non esiste).

    Ho apprezzato invece molto usare un film conosciuto e che hanno visto tutti per dare delle spiegazioni di narrativa, lo apprezzavo quando si faceva con i fantatrash (mi mancano) e lo apprezzo con i film.
    Grazie Duca!

    Penso (o meglio, spero) che comunque buona parte delle questioni se le saranno poste anche gli sceneggiatori ma che abbiano dovuto soccombere contro forze più grandi di loro:
    il pegi 13 che impone ad esempio che non si possano mostrare fori di proiettile (e fori in uscita) e immagino anche sedicenni abbandonate in bunker umidi.
    La Disney che punta a un mercato di milioni di ragazzini e gli da la pappa semplice( che tanto gli adulti come me basta che gli dici SW e vanno comunque) .
    Lucas che ha fatto i primi 3 e quelli dettano legge in fatto di tecnologia, scontri aerei e tutto il resto (come hai fatto giustamente notare).

    Segnalo un typo nel capitoletto “Struttura Drammatica e Fatal Flaw”

    In più Jyn non è cje “perde” perché non si fida degli altri

    PS

    Secondo me la gang bang c’è stata, ricordo perfettamente la scena del pilota prima di partire con il gruppo selvaggio: guarda la wild bunch, guarda la ragazza, “staremo un po’ stretti ma stringendoci ci entriamo tutti”.

    PPS
    Al contrario di quanto esposto da te per me questo film ha il pregio di sollevare grandi domande sulle implicazioni morali dell’impero del male (la Disney) di far recitare attori morti tramite CGI.
    Mi sembra un tema interessante, per ora l’ha sollevato solo Horseman Bojack ma credo che possa condizionare molto il futuro del cinema.

  17. Il Duca di Baionette

    @Nicholas

    Ho apprezzato invece molto usare un film conosciuto e che hanno visto tutti per dare delle spiegazioni di narrativa, lo apprezzavo quando si faceva con i fantatrash (mi mancano) e lo apprezzo con i film.
    Grazie Duca!

    Prego!
    Continuerò a farlo, ovviamente nei limiti di spiegazioni che si riescano a dare senza aver visto per forza le lezioni apposite del corso a pagamento.

    Penso (o meglio, spero) che comunque buona parte delle questioni se le saranno poste anche gli sceneggiatori ma che abbiano dovuto soccombere contro forze più grandi di loro:

    Le potenti forze del ritardo mentale.
    Come spiegava la Seger nell’introduzione del suo manuale: una sceneggiatura deve essere perfetta affinché sopravviva al passaggio di registi incompetenti, produttori incompetenti ed attori che vogliono o non vogliono dire o fare certe cose (e sono comunque incompetenti), e alla fine ne risulti il tipico film appena appena guardabile.

    Pensiamo ai grandi sceneggiatori americani, obbligati a passare alla decisione di manager ed esperti messi per volontà politica di ogni singola battuta (e pieni di idee da suggerire, come quella di fare più spiegoni se no il pubblico poi non capisce), e alla fine esce fuori I Medici.

    “staremo un po’ stretti ma stringendoci ci entriamo tutti”.

    Spero nella Director’s Cut con il resto del dialogo:

    Jyn: “Ho solo tre buchi e due mani, ragazzi, dovrete fare i turni.”
    Volontario grosso e pelato: “Didietro ci si entra a due per volta, si fa sei per giro.”
    Chirrut: “Non contate me e Baze. Abbiamo altri gusti.”

    Al contrario di quanto esposto da te per me questo film ha il pregio di sollevare grandi domande sulle implicazioni morali dell’impero del male (la Disney) di far recitare attori morti tramite CGI.

    Gli attori morti, come le ragazzine morte, hanno il pregio che ti lasciano fare tutto quello che vuoi. Il prossimo romanzo di Menconi riprende un po’ questo tema. :-)

  18. VicugnaPacos

    Interessantissima analisi/recensione, é sempre un piacere leggere una critica che va oltre alle solite dichiarazioni di qualitá ma fornisce dei nuovi strumenti di valutazione al lettore.
    Una valutazione del tutto oggettiva nell’arte é (imho) impossibile ed é per questo che trovo sempre piú importante che in una recensione mi venga fatto capire quali metri di giudizio vengono usati (cosa che tu fai sempre molto bene). Se un critico fa questo, allora, in linea di principio, si evitano tutte le discussioni futili del tipo: “No non sono d’accordo, il realismo scientifico in Star Wars non ha alcuna importanza e Rogue One é un capolavoro! Questo tizio non ha capito niente!” e si sostituisce con “Il critico ha utilizzato un metro di giudizio diverso dal mio. Vediamo se posso imparare qualcosa sul modo in cui si costruisce una storia se si parte dalle sue premesse.”
    Facendo il fisico teorico di lavoro (beh quasi :P , sto finendo il Master) forse ho la deformazione professionale di pensare troppo in termini di assiomi e teoremi, ma penso che possa essere interessante discutere in questi termini. Quali sono le caratteristiche che una storia deve rispettare per essere appassionante? (Quali sono gli assiomi della mia teoria?)
    Ci sono alcune risposte sensate a questa domanda (consistenza logica interna, avere un protagonista riconoscibile ecc…) ma si tratta comunque di scelte a mio parere (alcune piú utili di altre nel ricostruire cosa “piace”). Posso immaginare che qualcuno dia piú importanza ad alcuni di questi elementi che ad altri. Come conseguenza il giudizio di diverse persone puó variare ma é sempre l’argomentazione la parte piú importante. É quella che permette di crescere ed imparare qualcosa.
    Forse l’ho messa in maniera un po’ meccanica per alcuni e ci sono sicuramente interessanti differenze tra la costruzione di una teoria fisica e di una teoria critica ma ogni tanto mi aiuta pensarla in questi termini.
    Per quanto mi riguarda Rogue One e The Force Awakens sono piú o meno sullo stesso piano.
    Ho trovato che essendo TFA molto vicino ad A New Hope come struttura l’esercizio di abbassare il mio Q.I, a due cifre come dici tu mi sia riuscito nonostante non ci fosse piú “l’originalitá” della prima trilogia (originalitá tra virgolette perché era originale per il cinema, neanche lontanamente per la letteratura). Nonostante alcuni momenti di puro retard come il ritrovamento completamente casuale del millenium falcon e di Han Solo e la presenza di un pianeta intero trasformato in un altra Morte Nera, non l’ho trovato eccessivamente retard se lo compariamo alla trilogia originale. Quello che lo salva é imho una production value immensa e una regia discreta al servizio di una storia concentrata sulla crescita di alcuni personaggi (e non su combattimenti inconsequenziali tra gladiatori progressivamente piú forti, come accade a “paritá” di production value e regia nell’universo marvel, che a mio parere é l’evoluzione diretta del Wresling tipo WWE a cui non sono mai stato particolarmenete interessato, ma dai risultati dei botteghini sembra che piaccia a molti). Non si puó dire che siano personaggi Shakespeariani ma sicuramente mi sono affezionato di piú ai protagonisti di The Force Awakens che a quelli di Rogue One.
    Quello che che cui in TFA c’é poco e invece c’é in RO é la presenza di percived concequences. Non hai mai veramente paura che i personaggi non ce la facciano (che é un po’ il problema in cui si casca quando si annuncia una trilogia in blocco). Purtroppo é proprio una opportunitá mancata per RO, il finale del film avrebbe beneficiato tantissimo da una maggiore caratterizzazione e quindi coinvolgimento nei protagonisti (c’erano vicini con il robot ma non la smetteva piú di sparare percentuali come tutti i robot sterotipati quindi in fondo speravo che morisse).
    Spero di vedere altri articoli riguardanti la struttura narrativa di altri film in futuro. Penso sarebbe interessante peró provare anche ad analizzare anche qualcosa che abbia una struttura meno tradizionale di uno Star Wars.
    Una cosa a cui sono molto interessato sono casi in cui un film rompe coscientemente alcune regole (o le piega molto) per raggiungere un obiettivo. Riesci a pensare a qualche film che ti piace e fa qualcosa di questo tipo?
    É una domanda che mi viene dal fatto che se rifletto su quali siano i miei film preferiti mi vengono in mente film che hanno una struttura piuttosto classica (come Old Boy, Seven Samurai, Revanche, Children of Men, Blood Simple, Caché, Mother, Pan’s Labyrinth ecc…) e sono relativamente semplici da analizzare secondo la struttura narrativa che hai esposto in questo articolo. Ma mi vengono in mente anche film (come The Holy Mountain, Synecdoche New York, 2001:A Space Odyssey, Code Unknown ecc..) che rompono volontariamente alcune regole e in alcuni casi la struttura classica dei film ma che amo moltissimo per le emozioni del tutto particolari che mi riescono comunque a suscitare. Potrei fare un paragone con la letteratura e dire che i film della seconda categoria corrispondano in qualche modo alla Literary Fiction ma il paragone non calza perfettamente.
    Mi considero ancora un noob nel campo della narrativa quindi sono molto interessato alla tua opinione che é sempre molto lucida e sebbene non sia sempre del tutto d’accordo con quello che dici (perché abbiamo un metro di giudizio leggermente diverso?) la trovo sempre molto coerente e piena di spunti interessanti.

  19. LG Montoya

    @Nicholas

    Al contrario di quanto esposto da te per me questo film ha il pregio di sollevare grandi domande sulle implicazioni morali dell’impero del male (la Disney) di far recitare attori morti tramite CGI.
    Mi sembra un tema interessante, per ora l’ha sollevato solo Horseman Bojack ma credo che possa condizionare molto il futuro del cinema.

    Mi sembra che non sia la prima volta che un attore viene mosso in CG per sopravvenuti limiti di età. Non mi ricordo altri casi, ma son sicuro che è già accaduto in passato.

    @Duca
    Visto che in effetti la maggior parte dei film di fantascienza che mi ricordo sono abbastanza oberati da un ritardo mentale (tolti magari i primi SW e Star Treks, dove era romanticismo, magari il Dune 1984 ma come film faceva schifo da tanti altri punti di vista), ti ricordi di qualche film di fantascenza fatto realmente bene da un punto di vista della trama e della coerenza interna delle trovate?

  20. nicholas

    @LG Montoya

    Ci sono stati casi in cui la CGI è intervenuta, ad esempio per ringiovanire dei volti (mi pare un Iron man) o per aiutare a completare film dove il protagonista era morto (tipo l’ultimo Fast and Furious) ma è la prima volta che un attore viene fatto recitare in un film nonostante sia morto.

    Può sembrare una distinzione da poco ma solleva alcune domande interessanti: quell’attore avrebbe dato il suo consenso? Come dovrebbe venir giudicata la sua recitazione? Dobbiamo aspettarci di rivedere attori morti molto famosi in altri film?

    Diciamo che è stato oltrepassato un confine non da poco, Disney ha chiesto i diritti per farlo alla fondazione che li detiene quindi non sto criticando Disney, però si aprono tutta una serie di questioni secondo me interessanti.

    Anche se però forse c’entrano poco con l’oggetto dell’articolo del Duca.

  21. Il Duca di Baionette

    @VicugnaPacos
    Se ti interessa la differenza tra storie tradizionali secondo il modello aristotelico e storia non tradizionali, che vengono classificate in base alla quantità di errori che introducono, c’è Story di McKee. Fa una spiegazione breve e chiarissima sulla questione.
    Story viene giustamente considerato il più importante libro sulla scrittura di storie al mondo, ma secondo me quello della Marks è più chiaro e spendibile subito, anche se quello di McKee è più affascinante nell’insieme della teoria spiegata.

    Per il resto visto che la costruzione delle storie è un campo della conoscenza strutturato e approfondito da almeno 2500 anni, e ne abbiamo una conoscenza così forte e chiara che qualsiasi esperto andrai a leggere (Truby, Marks, Egri, Howard, McKee) troverai sempre e solo le stesse idee di fondo.

    C’è una differenza di approccio su come le stesse identiche cose sia meglio insegnarle per impararle bene, e quali spiegare di più e quali di meno, questa è la vera differenza. La Marks per esempio non usa la “premessa” in stile Egri, ma usa il “punto di vista tematico” da lei elaborato per inserirsi in modo più chiaro nella sua spiegazione e che svolge il medesimo scopo della “premessa” di Egri

    Per esempio che il nostro cervello simuli ciò che legge o si emozioni maggiormente vedendo una cosa che avviene, e non sentendosela riassunta a parole, era già noto nel teatro giapponese del ‘600 e molto prima dal teatro greco. Ma non servono 2500 anni di conoscenza sempre solidamente confermate nella pratica, per dire che c’è più impatto emotivo nel vedere il proprio figlio sgozzato che nel sentire una voce che dice “tuo figlio viene sgozzato”.

    Le neuroscienze hanno solo confermato il tutto.
    Non che servisse: sarebbe stato impossibile l’opposto in quanto incoerente con la conoscenza empirica, come se qualcuno dicesse di aver realizzato la macchina del moto perpetuo, però in effetti quando la realizza non è vero e… ah, sì, entalpia calcolata male! I progetti sulle macchine del moto perpetuo erano la delizia sia del mio professore di Fisica Tecnica che del centro controllo brevetti dell’esercito (non so il nome, è quello che valutava le nuove richieste di brevetto per capire quali fossero di interesse strategico nazionale), mezzo secolo fa, quando ci lavorava come ufficiale mio padre. XD

    @LG Montoya

    ti ricordi di qualche film di fantascenza fatto realmente bene da un punto di vista della trama e della coerenza interna delle trovate?

    Non saprei dirti. I film di fantascienza sono di norma deludenti.
    Anche il film The Martian è molto meno approfondito e introduce più errori e stupidaggini (come nel finale) rispetto al romanzo L’Uomo di Marte (qui articolo). Entrambi sono impossibili per un errore di valutazione dell’autore sull’evento drammatico iniziale, ma poi si vede almeno impegno e serietà.
    C’è un briciolo di tentativo di mostrare un po’ di complessità e serietà, non solo roba retard, nella serie The Expanse, ma a livello drammatico è molto carente se la paragoniamo a concorrenti come Gomorra.

    Per il resto non ricordo praticamente nessun film con dettagli adeguati per parlarne, per cui non ne parlo se non li ho visti di recente o se non ho appunti scritti all’epoca. Se hai qualche film da consigliarmi per qualche motivo (storia, personaggi, idea di fondo ecc.), li vedo e mi segno appunti.

  22. VicugnaPacos

    @LG Montoya

    ti ricordi di qualche film di fantascenza fatto realmente bene da un punto di vista della trama e della coerenza interna delle trovate?

    Mi permetto di segnalarti un paio di film, nonostante la domanda non fosse rivolta a me, che recentemente si sono distinti per aver tentato di essere piú coerenti e documentati dal punto di vista scientifico della media(oltre a The Martian giá citato dal Duca).

    Primer é un film sui viaggi nel tempo. É un film a zero budget (7000 USD) quindi non aspettarti nessun tipo di effetto speciale, ma il regista/sceneggiatore/attore Shane Carrut ha messo molto impegno nel creare una trama coerente con le sue premesse e nel scrivere dei dialoghi che fossero realistici nella bocca di ingegneri. Questo fa si che a seconda dei tuoi gusti l’inizio del film possa risultare un po’ pesante a causa di tutto il gergo tecnico che viene usato e che il film non prova a spiegarti minimamente. É molto corto (70 min) ed é stato tagliato (quasi) tutto quello che é superfluo. Risulta un film molto difficile da capire alla prima visione (del tipo che a Hollywood non approverebbero mai) ma é pensato per essere visto piú volte.

    Europa Report parla invece di una missione per esplorare Europa (la luna di Giove che per la supposta presenza di un gigantesco oceano sotterraneo pensiamo essere uno dei candidati migliori per cercare forme di vita extraterrestri nel sistema solare).
    Sulla coerenza scientifica di questo non mi posso esprimere solo superficialmente perché non é il mio campo. Ho dei dubbi su alcune questioni minori, e qualche grosso dubbio riguardante alcune pessime scelte dei personaggi ma per il resto mi é sembrato piuttosto curato e posso immaginare una missione futura svolgersi in maniera simile e con simili difficoltá (almeno nella prima parte).
    Il budget é basso anche qui (sotto i 10 million USD, astronomico rispetto a Primer ma ridicolo rispetto ad un tipico film di fantascienza di Hollywood) ma forse i problemi principali del film sono di esposizione e struttura.
    Non un capolavoro ma comunque un buon tentativo nella direzione del realismo.

  23. Dario

    Analisi attenta e interessante da leggere, faccio solo notare che certe volte si tralasciano dei piccoli dettagli, omettendo delle verità, al solo scopo di fare un’articolo fuori dal coro. Sicuramente condivisibile in molti punti ma faccio notare solo un paio di cose su tutte: la mancanza di fiducia della protagonista, a mio avviso è una conseguenza dell’infamia. Il padre è costretto ad allearsi, il trauma la rende un’ignava, che è il suo vero fatal flaw. Herrera è fervente ribelle ma essendo legato al padre lei accetta di seguire la missione. L’altra cosa è che l’impero nonostante sia superiore sotto tutti i punti di vista garantisce “pace” è spietato, senza scrupoli e nega la libertà. Non è nera estetica a rendere l’impero malvagio. Gli eroi di star sarà sono pronti a rinunciare a tutte le conquiste tecnologiche e militari per avere la libertà.

  24. Il Duca di Baionette

    @Dario
    Analisi errata sulle basi del concetto di Fatal Flaw: il “non schierarsi”, ovvero l’ignavia, è la conseguenza di relazione (conflitto di relazione) che nasce dal Fatal Flaw. Anche Truby è molto chiaro a riguardo: il problema interiore è quello PRIVO delle conseguenze morali, che però CAUSA automaticamente nella specifica storia. Non puoi farli coincidere, è confondere l’effetto con la causa. Chi lo fa produce storie piatte, perché i conflitti si sovrappongono invece di avere sfumature distinte precise.

    Se ribalti le cose viene una robetta poco elegante, per cui stai ipotizzando che gli autori siano ancora più scemi di quanto già non sembrino visto che, comunque, non hai risolto niente: gli eventi della fase di resistenza della storia non sono causati dal fatal flaw. L’ignavia, il “non schierarsi”, può venire da ogni sorta di problema interiore: la paura della morte, l’egoismo, la mancanza di fiducia negli altri (che è simile all’egoismo, ma non coincide), la mancanza di fiducia in sé stessi (il personaggio non crede in sé e questo lo blocca e gli impedisce di schierarsi, scegliendo di rimanere nascosto) ecc.
    Bisogna trovare un Fatal Flaw che causi a livello di relazione l’ignavia / non schierarsi. Era esplicito l’articolo a riguardo, su, lo hai letto?

    Se poi non consideri che le azioni nascono dalla posta in gioco (secondo te qual è delle 7 possibili secondo la teoria consolidata?), non stiamo nemmeno parlando di un film degno di considerazione tecnica. Mi pare di averne invece trovata una che è confermata al di là di ogni ragionevole dubbio se analizzi le battute e le scene del film (le versioni pirata si trovano, per rivederlo).

    Le considerazioni finali sull’Impero non hanno senso, ti limiti a confermare le falle ideologiche che un ragionamento razionale permette di escludere e andare alla realtà dei fatti. Lo scopo del BOX era invitare a fare quel ragionamento, tu invece riproponi di nuovo le falle ideologiche. Non hai proprio capito di cosa si stava parlando. Stai parlando di “propaganda vuota della libertà” visto che la Libertà della Repubblica è la libertà di abusare del proprio potere a scapito dei più deboli. L’esatta libertà dei clan mafiosi contro la crudeltà statale che vuole togliere loro le libertà. Era tutto scritto nel BOX: non commentare se non leggi.
    :-)

    Riguardo l’appunto iniziale:

    faccio solo notare che certe volte si tralasciano dei piccoli dettagli, omettendo delle verità, al solo scopo di fare un’articolo fuori dal coro.

    Dario, non serve che spieghi il tuo metodo a parole: lo mostri con l’analisi dopo.
    Se invece era, come sembra, un insulto verso di me in quanto dichiari l’assenza di onestà intellettuale, posso solo rispondere che è evidente dagli errori di ragionamento che fai che non sai di cosa parli per cui non puoi giudicare chi invece lo sa. Mancano proprio le basi minime. Nemmeno l’umiltà di imparare prima di giudicare. :-)

    Se i toni ti sembrano un po’ aggressivi domandati: cosa pensavi di ottenere di diverso INSULTANDO prima chi ha scritto l’articolo e poi dicendo COGLIONATE su cui uno deve perdere tempo a correggerti?
    :-)

  25. Tonio

    Bellissimo articolo e commenti realmente utili grazie!!! Resto incredulo quando leggo commentatori che insultano quelli da cui poi pretendono spiegazioni e dopo magari gridano infuriati in giro che quello è un blog di stronzi con cui non è possibile alcuna discussione. Robe da asilo, proprio da parodia del bambino viziato. Su questo blog come avveniva da Chiara tanti anni fa mi sembra proprio che chi davvero vuole chiarire i propri dubbi e proporre idee, invece di gridare insulti dall’alto della propria supponenza, riceva i chiarimenti che cerca.

    P. S. ti ho scritto per avere informazioni sul corso a pagamento ciao!

  26. Il Duca di Baionette

    @Tonio
    Grazie. Dopo ti rispondo via mail.

  27. VonFrundsberg

    Alla fine sono riuscito, tra i vari bagordi delle festività natalizie, ad andarmi a vedere il film e a leggermi la mastodontica recensione qui sopra (e i relativi commenti, anch’essi non da poco a livello di lunghezza).

    I miei vivi complimenti al Duca per il lavoro, davvero preciso e puntuale. Nel corso della lettura mi sono venuti in mente tutta una serie di commenti e di appunti da fare, ma, mentre andavo avanti a leggere, le varie questioni venivano affrontate e sviscerate o perdevano di reale rilevanza.

    Per quanto riguarda il film, devo dire che nel complesso non mi è dispiaciuto.
    Premetto che mi sono imbattuto nella saga di SW da bambino e ho adorato i vecchi episodi, Ewok a parte (anche da piccino non ho mai tollerato che l’Impero venisse battuto da un branco di orsetti e la cosa è peggiorata quando recentemente ho letto che nell’idea originale lo scontro doveva avere come protagonisti degli Wookie e non i cuginetti nani e retrogradi) e che ho visto i tre prequel da adolescente e – mi tocca confessarlo – mi piacquero pure quelli, anche se dopo averli rivisti qualche anno fa ho dovuto drasticamente ridimensionare il mio giudizio (soprattutto per quanto riguarda la recitazione e i dialoghi). A parte questo non sono un fan sfegatato e la mia conoscenza dell’universo di SW si basa unicamente sui film, un paio di vecchi videogiochi e poco altro. Nonostante la mia conoscenza superficiale di SW e il fatto che non la consideri una saga particolarmente eccelsa, Episodio VII mi ha fatto davvero, ma davvero schifo (e ancor di più il fatto di aver contribuito al suo successo di botteghino pagando il biglietto) e forse il mio disgusto per l’esperienza precedente mi ha fatto apprezzare di più, per raffronto, questo episodio.

    Per quel che mi riguarda poi devo ammettere di non dare particolare peso quando guardo film, specie quelli come SW, alle questioni eccessivamente tecniche. Quindi devo ammettere che sì, su parecchie cose, per quanto sia brutto, il mio cervello in pratica si “scollega” in modo da consentire alla sospensione dell’incredulità di fare il suo lavoro. In parte ciò è dovuto spesso alla mia ignoranza sulle questioni tecniche trattate (come molte di quelle fatte notare nella recensione), in parte al fatto che spesso, come detto anche nella recensione, so già prima dell’inizio del film che tali “castronerie” sono parte integrante del film che andrò a vedere (vedasi la bizzarra gravità della galassia di SW). Quindi per muovermi a disgusto le boiate in questione devono avere una magnitudo particolarmente alta, come il RaggioTiFineTIMonto di Episodio VII o tutte le supercazzole di Pacific Rim.

    Tanto per fare un esempio – e qui subentra la mia seconda grande confessione – la famigerata scena del bowling tra astronavi non mi ha sconvolto particolarmente…perlomeno non per i motivi esposti. Ero già alle Madonne per il fatto che non capivo cosa aspettassero a bombardare il generatore (che non era protetto dallo scudo stesso) invece dello scudo, quando poi il calamaro ha detto di avere un’idea ho temuto il peggio, cosa che si è prontamente avverata con il piano di spingere una nave contro l’altra nella speranza che si scassassero tra di loro e che finissero con il distruggere il generatore dello scudo. Tuttavia, dato che sonasegaio di cosa sia una Corvetta Hammerhead, nella mia mente da profano l’associazione più facile è stata quella con i piccoli rimorchiatori che riescono a trainare navi pesanti centinaia di volte più di loro. Anche il fatto che una nave in pratica sventrasse l’altra non mi ha disturbato molto, dato che lo scafo di una impatta di taglio con le sovrastrutture dell’altra (che sono più fragili? Boh, ma al momento il mio cervello ha deciso di sì)

    Tale approccio è dovuto, oltre a quanto detto sopra, anche al fatto che, essendo la biologia il mio campo di studi, le mie conoscenze spesso mi farebbero urlare in preda al raccapriccio storcere il naso di fronte alla quasi totalità di ciò che la cinematografia “di intrattenimento” fantasy o fantascientifica produce al giorno d’oggi. Ancora mi ricordo il disappunto quando da un film all’altro de “Lo Hobbit” (al di là dell’oscenità dei film in sé) cambiarono il numero di arti a Smaug. La cosa mi sconvolse e mi immaginai che la cosa avesse colpito parecchio fan & co., ma notai con scorno che in pratica non se n’era accorto quasi nessuno e che la discussione principale verteva sulla questione da totali ritardati da D&D sul fatto che Smaug fosse un Drago o una Viverna.
    Quindi al fine di godermi un film preferisco essere molto di bocca buona sulle questioni strettamente “tecnico-scientifiche” e soffermarmi di più sulla trama, i dialoghi, la coerenza interna ecc., motivo per il quale ho molto apprezzato tutta la parte di critica sui personaggi e lo sviluppo narrativo, che oltre ad essere molto ben argomentata da anche al lettore (specie ad un pestamerde come il sottoscritto) una serie di spunti di approfondimento su quelli che sono gli strumenti per un’analisi seria e oggettiva della narrazione.

    Ok, mi sono reso conto di aver scritto fin troppo per un commento, chiudo quindi rinnovando i miei complimenti al Duca per la bellissima (e piacevole da leggere) recensione e per tutti gli spunti che contiene (sperando che ne seguiranno delle altre). Grazie ancora.

    PS: Piccola nota sulla residenza da Evil Lord di Darth Vader. Il pianeta dove ha scelto di stabilirsi è proprio quello dove ha subito la “cocente” sconfitta e le relative mutilazioni a opera di Obi-Wan. Sia la cascata che la torre si vedono già in Episodio III e considerando la psiche non proprio stabile del personaggio, diciamo che il fatto di risiedere nel luogo della sua effettiva “nascita” ha, a mio avviso, il suo perché…

    PPS: Vedremo mai anche una recensione di Fury Road?

  28. Il Duca di Baionette

    @VonFrundsberg
    Grazie per il commento, molto interessante e utile per sentire la voce di un altro fan “normale” della serie, di quelli che un po’ di fastidio lo provano vedendo certe cose o sentendo certi dialoghi.

    Vedremo mai anche una recensione di Fury Road?

    Non penso, perché seppur bellissimo negli aspetti realizzativi e visivi, è molto carente e quasi del tutto privo di interesse in quelli drammatici. Gli aspetti che lo rendono davvero bello da vedere, sono quelli che non saprei spiegare con discorsi tecnici.
    Se lo si analizzasse come si analizzerebbe un’opera drammaturgica, ovvero come posso fare io, riceverebbe un paio di secchiate di insulti. Immaginalo rifatto con CGI brutta e fotografia da sceneggiato italiano, lasciando la storia invariata… XD

  29. VonFrundsberg

    Effettivamente, immaginarmelo come dici tu, con magari anche il belloccio di turno che sfiata sarebbe desolante. Anche se devo ammettere che, oltre alle soluzioni meramente tecniche, anche a livello narrativo (se di narrativa si può parlare, dato che la trama è riassumibile con: le fighe scappano, il cattivo le rivuole indietro e un tizio ci si trova nel mezzo), ho apprezzato la scelta di non spiegare praticamente nulla (e visti i film usciti ultimamente, molto meglio non spiegar nulla evitando di dir cazzate che far cose alla Jurassic World)

  30. Gwenelan

    Non avevo alcuna intenzione di vedere il film a priori (non sono fan della saga e in generale non mi piace andare al cinema), ma grazie mille della recensione, è stata divertente da leggere e molto istruttiva, specialmente nella seconda parte :).

  31. Il Duca di Baionette

    @VonFrundsberg
    Sto pensando ai bei tempi in cui la Forza era un concetto mistico senza spiegazioni, una specie di campo creato da tutto ciò che vive e che alcuni erano in grado di comprendere meglio di altri, prima che divenisse questione di animaletti nel corpo, con la conta dei midi-chlorian che sembra la conta degli spermatozoi…

    @Gwenelan
    Grazie! Che la prima legge di Newton sia con te.

  32. Leonardo Colombi

    Complimenti davvero per l’articolo e la critica/analisi fornita su questo film. Io l’ho recentemente visto al cinema: sinceramente, speravo davvero in qualcosa di più costruito ed elaborato :-((

    Una curiosità: per cosa sta il “quattro” esplicitato negli indici (sia dell’articolo che del box)?

  33. Il Duca di Baionette

    Una curiosità: per cosa sta il “quattro” esplicitato negli indici (sia dell’articolo che del box)?

    Ah, è facile da spiegare. Sta per Quattro. Il Quattro è elemento costitutivo della Quattrità e in suo onore lo ricordiamo dandogli sempre il Quarto posto, che è quello più alto e invidiato, ben superiore a quelli del podio. Quattro!

  34. Peldrigal

    Questo articolo pretende di analizzare come un film di fantascienza un film che di fantascienza non è. Vedere tale prolasso verbale, in stile “Everything wrong with” scritto da qualcuno che di generi supponevo se ne intendesse è stato doloroso, e rivela solo ignoranza, sicumera ed approssimatività. Non sprecheró più il mio tempo con Steamfantasy.

  35. Il Duca di Baionette

    Ciao Peldrigal!
    L’articolo pretende di trattare come un film quello che è un film. L’analisi drammatica è basata sugli elementi drammatici e sul funzionamento della teoria drammatica. L’analisi degli errori legati alla stupidità o alla faciloneria dell’opera non c’entrano con la Fantascienza.

    A tutti gli effetti non c’è NIENTE che riguardi nello specifico la sola Fantascienza in questa recensione, ma solo ciò che riguarda il buon senso, la solidità costruttiva, la coerenza interna, l’intelligenza degli eventi ecc. come previsto, soprattutto, nelle opere FANTASY, ancora più che in quelle di Fantascienza, per rendere digeribili gli aspetti “impossibili” contornandoli con una grande qualità di tutto ciò che non è strettamente legato al What If fantastico.

    Tutti gli aspetti (fanta)scientificamente stupidi come dog fight, gravità gestita a caso ecc. vengono espressamente giustificati e accettati come “base” di Star Wars che io non critico. Se hai letto l’articolo allora lo sai e quindi stai commentando in malafede. Se non hai letto l’articolo allora non sai di cosa parli e quindi sei in malafede. Non è difficile, se leggi a “cervello acceso”.

    Naturalmente conosci il testo Notes on Writing Weird Fiction di Lovecraft, vero? Ma se lo conosci sai già di cosa sto parlando e quindi la tua lamentela suona assieme sia ridicola (come suona a qualsiasi lettore dotato di buon senso) che assurda (per l’incoerenza con quanto dovresti conoscere).
    Riempire un testo fantastico (Fantasy, Fantascienza e sottogeneri vari, inclusi Weird, Horror, Science-Famtasy ecc.) di stupidaggini senza senso dove NON C’ENTRA l’elemento fantastico, ovvero rendere stupido e non credibile la componente realistica, produce una narrativa “immatura, volgare e ciarlatana”, come diceva Lovecraft. Se ne parlava anche qui di What If e coerenza interna.

    Questa è una recensione seria, rivolta a lettori che rispettano sé stessi e hanno pretese di non venire trattati dai Grandi Produttori come poveri scemotti a cui rifilare porcherie immature e ciarlatane senza mostrar loro alcun rispetto umano.
    Chi invece ritiene che essere trattato così dai produttori sia ok, buon per lui. Non giudico, è una scelta come tante altre e va bene così.

    Solo perché uno vuole farsi trattare da idiota, non vuole dire però che tutti debbano accettare di farsi trattare da idioti, ma è sempre divertente la coda di paglia con cui i primi sbraitano e gridano contro chi osa permettersi di far notare i problemi. Vorrebbero la censura universale in cui i normali tacciono e non dicono niente per non offendere chi non ci arriva.
    Superare la propria triste condizione e divenire meno “diversamente astuti” proprio no, eh? Intrappolati nel proprio Fatal Flaw, in attesa dell’inevitabile sconfitta umana, come previsto dal meccanismo della Tragedia. ^_^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *