«

»

gen 12

Stampa Articolo

“Steamed” di Katie MacAlister

Frugando tra i siti dedicati allo Steampunk ho trovato il book trailer di Steamed. Ok, che lo Steampunk stia esplodendo se ne sono accorti pure i sassi e quindi è normale che tanti ci si lancino sperando di far cassa. Magari non sarà mai un successo come i “romanzi d’amore coi vampiri” (o con gli angeli, la nuova moda?, o coi lupi mannari), ma il principio è lo stesso: si scopre qualcosa che piace, pochi veri appassionati fanno qualcosa di decente (forse), la massa di approfittatori delle mode si lancia proponendo merda e, forte della mole e del titillare le solite due fantasie in croce del pubblico medio (il tutto potenziato dalla pubblicità a tappeto), trionfa proprio qualcosa nella massa di spazzatura!

O se anche non trionfa gli appassionati della prima ora che dicevano “Wow, finalmente è di moda quello che piace a noi!” si troveranno, come già accaduto molte volte, a lagnarsi col tono “era meglio quando piaceva a pochi e non eravamo sommersi di spazzatura commerciale senz’anima adorata da fan idioti”.
È una cosa naturale. Sono già pronto: se lo Steampunk vuole davvero proseguire lo sfondamento, senza spegnersi in una breve fiammata (come si diceva e si dice del Fantasy da anni), dovremo attenderci una grossa, grassa dose di oleosa merda, sia prodotta da inetti appassionati con tanta buona volontà che da professionisti entrati solo per far soldi con le moda del momento. ^_^
E poi ormai mi sono abituato: ho sempre pensato che le cose andavano meglio quando andavano peggio e che i giovani di oggi sono tutti dei drogati rincitrulliti. Sono nato vecchio e recitare anche questo nuovo ruolo da vecchietto steampunk disilluso non mi dispiace. ^__^

Non so se Steamed sia spazzatura. Spero sinceramente di no, ma dopo Leviathan che era a mala pena decoroso (l’ho letto tutto, ma… boh, un po’ al di sotto della mia sufficienza) e Boneshaker che con tutto quello che si diceva sembrava un gran bel libro e invece è una mezza fregatura (dico solo mezza perché sono fermo a metà, causa noia… ma per ora ci sono i pirati buoni e nessuna idea veramente steampunk a parte Daisy, l’arma elettrica anti-zombie), sto perdendo l’entusiasmo. Doctorow è evidente che si sia venduto per parlar bene di Boneshaker (o devo sperare che per miracolo nella seconda metà diventi bellerrimo?). Venduto, ma non troppo: una leccata senza eccedere, per compensare in abbondanza la perdita economica in termini di credibilità personale con il guadagno dovuto alla leccata stessa (amici-contatti e/o bustarella). Vendere la propria dignità leccando è normale per gli scrittori, soprattutto in Italia (a livelli allarmanti, aggiungo), ma da uno come Doctorow mi aspettavo di meglio. ^_^

Vi lascio al trailer: le altre considerazioni è meglio farle dopo la visione.

Il tizio con la protesi steampunk è G. D. Falksen, fotografato da Tarilyn Quinn

Computer technician Jack Fletcher is no hero, despite his unwelcome reputation as one. In fact, he’s just been the victim of bizarre circumstances. Like now. His sister happens to disturb one of his nanoelectromechanical system experiments, and now they aren’t where they’re supposed to be. In fact, they’re not sure where they are when…

…they wake up to see a woman with the reddest hair Jack has ever seen-and a gun. Octavia Pye is an Aerocorps captain with a whole lot of secrets, and she’s not about to see her maiden voyage ruined by stowaways. But the sparks flying between her and Jack just may cause her airship to combust and ignite a passion that will forever change the world as she knows it…

Partiamo alla grande. A parte che l’accostamento “brutto disegno di copertina” con “foto” non mi è parso geniale (dove siamo, su Chi ha incastrato Roger Rabbit o su Cool World, dove umani e disegni convivono?), ma avete notato quanto il trailer calchi su “New Steampunk Romantic Adventure”, “beautiful aerocorps captain Octavia Pyean”, “New Steampunk Romantic Thriller”, “Whirlwind ROMANCE” e “ignite in a PASSION”?
D’altronde è pure scritto in copertina: “a steampunk romance”.

Non c’è da stupirsene visto che l’autrice non è esattamente una scrittrice di fantascienza o di steampunk, ma una che scriveva libri d’amore coi vampiri (A Girl’s Guide To Vampires, ad esempio) e altra roba romantica. Non dico che non siano belli, nel loro genere e per il loro pubblico, non li ho letti, ma non è esattamente questo il tipo di autore che immagino per scrivere di retrofuturismo e diavolerie tecnologiche pseudo-Ottocentesche.

La cosa non puzza come il pesce di dieci giorni?
Si sveglia un mattino e, caso strano, vuole scrivere un romanzo steampunk proprio quando anche i peggiori deficienti del pianeta si sono accorti che sta tornando di moda. Negli ultimi 12 mesi tutti erano tenuti ad accorgersene, se bazzicavano un minimo la narrativa al di là del fantasy monnezzone all’italiana, quindi una professionista della narrativa è ovvio che ne fosse informata da tempo.

Il rischio che abbia usato lo steampunk solo come pretesto per una storia d’amore che poteva benissimo realizzare senza alcun bisogno di inserirsi nella “moda del momento” è enorme (prima i vampiri, ora lo steampunk, poi gli angeli, in futuro magari i bufali idrocefali…).
C’è comunque una minima possibilità che, pur di piacere anche al pubblico dello steampunk, si sia sforzata e abbia davvero inserito sufficienti bizzarrie retrofuturistiche da poter essere interessante (nel video, che tristezza, ci sono vari gadget da cosplay steampunk in mostra). La speranza è l’ultima a morire (dopo una lunga agonia), ma una bella impressione quel book trailer non me l’ha fatta.

 
Un estratto dell’opera
Qui potete trovare le prime pagine del romanzo, in inglese. Non so valutare la qualità narrativa bene come se fossero in italiano, mi spiace, ma riesco a vedere nel testo alcune scelte discutibili che non riguardano la lingua utilizzata. Segnerò un paio di cose molto evidenti, senza lanciarmi in una minuziosa analisi dell’estratto.

“Cap’n Pye! Cap’n Pye!”
“The word is ‘captain,’ Dooley. We are not pirates, nor are we yokels who cannot expend the extra effort to pronounce words correctly, and judging by the non-stop chatter I hear from you in the mess, I am reassured you have the vocal capacities to do so. Yes, I see it now, Mr. Mowen. The valve to the left of the intake cylinder, isn’t it? It’s cracked, you think?”
“Aye, captain.”
I sat back on my heels after examining the valve in question. Cracked, my three-legged uncle. It was no more cracked than I was.
“Captain Pye, Mr. Piper, he says you’re to come to the forward hold immediately!” Young Dooley fairly danced with agitation as he spoke, but that was nothing new. Dooley was a quicksilver sort of lad, always moving or talking, apparently unable to sit still for even the shortest amount of time. In a way, he reminded me of a hummingbird I’d seen in the emperor’s aviary, for Dooley flitted and dove around the ship just as the hummingbird had done in the highdomed aviary.

Iniziare con il dialogo è un trucco standard per i buoni incipit, ma il dialogo in sé non mi è parso perfetto né la scena è esente da scelte a mio parere opinabili. Osserviamo le prime due battute di dialogo. Per quanto non vi sia un vero e proprio problema di teste parlanti, ovvero di voci senza un corrispettivo visivo in azioni dei personaggi, non si può certo dire che il problema sia del tutto evitato.
La prima battuta è corretta. Breve, credibile. La seconda è lunga. Molto lunga. Trasmette l’idea di un personaggio logorroico nel suo articolare lunghe frasi, seppur non ciarliero “a mitraglia” come il primo (o, se non logorroico, perlomeno puntiglioso). E questo va benissimo. Ma il problema è che la frase diventa troppo lunga e si avvicina a generare un “effetto testa parlante a battuta singola” nel punto segnato dalla X.

“The word is ‘captain,’ Dooley. We are not pirates, nor are we yokels who cannot expend the extra effort to pronounce words correctly, and judging by the non-stop chatter I hear from you in the mess, I am reassured you have the vocal capacities to do so. X Yes, I see it now, Mr. Mowen. The valve to the left of the intake cylinder, isn’t it? It’s cracked, you think?”

Vedete? Dopo la prima lunga frase atta a delineare al lettore ciò che il capitano pensa del suo sottoposto, scopriamo che il capitano ha guardato la valvola. Eppure non viene detto che l’ha guardata. Solo successivamente ci viene detto che si è soffermato a controllarla. Non è di per sé un errore, la scena si capisce bene (non era questo in discussione), ma è di certo un’occasione persa per eliminare il rischio “testa parlante” e migliorare gli aspetti di contorno del dialogo.

Il secondo punto migliorabile, che contiene qualcosa di più vicino a un errore, è questo:

Dooley was a quicksilver sort of lad, always moving or talking, apparently unable to sit still for even the shortest amount of time.

Ora, siamo chiari, un personaggio in prima persona ha più diritto di uno in terza persona di esprimere giudizi e pensieri. Non contesto questo, anzi, è uno dei motivi che rende la prima persona più appetibile della terza in alcune narrazioni. Quello che contesto è la sottolineatura dell’ovvio e il pensiero che appare forzatamente descrittivo come se il capitano non pensasse “per sé”, ma pensasse “per il lettore” allo scopo unico di fornirgli informazioni.
Giacché si sottolinea l’ovvio e quindi non serve farlo, questo voler “pensare per il lettore” non può essere oggettivamente giustificato: potete infatti notare come Dooley sia già ben caratterizzato dai fatti e dalle parole. Non serve tagliare per forza tutti i pensieri del capitano su Dooley. Si ottiene già un notevole miglioramento eliminando quella singola frase e lasciando la parte sul colibrì, così:

“Captain Pye, Mr. Piper, he says you’re to come to the forward hold immediately!” Young Dooley fairly danced with agitation as he spoke, but that was nothing new. In a way, he reminded me of a hummingbird I’d seen in the emperor’s aviary, for Dooley flitted and dove around the ship just as the hummingbird had done in the highdomed aviary.

Ritengo che anche la parte “in a way [...] aviary”, dato il contesto (un guasto e una persona ben nota), sia un pensiero innaturale per il personaggio e inutile per il lettore, ma avendo tolto il pezzo precedentemente incriminato si è già alleggerito il problema a sufficienza.

In questo caso non credo che l’autrice abbia intenzione di fare Arte e Grande Letteratura, rifuggendo dai paurosi e castranti Generi (stile «solo perché ho parlato di avventure post-apocalittiche con supermutanti, esplosioni, armi laser e zombie radioattivi non potete dire che scrivo romanzi post-apocalitici d’azione!!!»), per cui se si volesse criticare l’estratto usando, dove necessario, gli strumenti atti alla valutazione predisposti dagli stessi autori di narrativa angloamericani e apprendibili sui manuali, direi che si potrebbe fare senza timore di essere linciati (e non essendo autrice italiana non ha gli squadristi del lecchinaggio già pronti a manganellare i contestatori, no?).
Provate nei commenti, se vi va. ^_^”

 

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2010/01/12/steamed-di-katie-macalister/

15 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Federico Russo "Taotor"

    La pensiamo allo stesso modo.
    Da notare che le immagini sono tutte “rubate”. Alcune sono prese da Google Immagini (basti pensare che nel mio articolo-parodia su di voi, Duca, ho messo alcune immagini che anche i creatori del book trailer hanno scelto). Poi hanno usato la ormai sputtanatissima immagine della città steam di Raphaël Lacoste (bravissimo artista, che ha rifatto delle opere di Caspar David Friedrich in 3D), da cui la Mondadori ha comprato le copertine di I figli di Armageddon e di Le torri di cenere.

  2. Rotolina

    Eh, si cavalca l’onda.
    Dopotutto gli Harmony continuano a prosperare, perché dopo aver parlato di portinaie son passati ai pirati, poi ai serial killer, poi i milionari, le conigliette di playboy e probabilmente ora passeranno allo steampunk, perché no?

    E tanto per aggiungere dettagli, anche Neopets è steampunk! Cos’è? Un sito di teneri animaletti virtuali (tra cui i cybunny, molto somiglianti a conigli) da accudire. Tecnicamente per bambini, i nrealtà pieno di adulti.
    Va bhe, comunque sia da un mesetto a questa parte hanno aperto un nuovo “mondo” steampunk.
    http://www.neopets.com/magma/index.phtml
    Lava, vapore, ingranaggi e metallo.
    Con tanto di sindaco baffuto e basettato
    http://www.neopets.com/magma/townhall.phtml

  3. Okamis

    Ma lol! Compare addirittura un disegno omaggio a Perdido Street Station (sec 33). Un plauso a quel “gegno” del grafico. Comunque, come dico sempre in questi casi, temo porcata colossale.

  4. DelemnO

    Una delle immagini che si vede poi raffigura Perdido Street Station, addirittura. Sì, il booktrailer è una cazzata ( quello di Leviathan era fatto meglio). Sul libro sinceramente non saprei, per ora non mi ispira affatto, anche perchè, complice anche il titolo, sembra davvero un “cavalchiamo l’onda che fa figo e porta soldi”, quelle cose dove non se non c’è scritto sopra steampunk allora non è steampunk *facepalm*. Di per sè una storia d’amore in ambientazione steampunk potrebbe avere risvolti interessanti, ma non so se in questo libro o meno.

  5. Federico Russo "Taotor"

    Vi dirò, io accetto la decisione di ambientare una storia in un certo luogo/tempo senza che stessi luogo e tempo siano necessari allo sviluppo della storia. È una questione estetica.
    Certo è, però, che forzare una storia in luogo e tempo in cui sta stretta non è proficuo. Ma non bisogna perdere di vista l’obiettivo.
    Una storia d’amore? Bene. Ambientazione ottocentesca? Ok.
    Cosa avviene nella storia? Si sfiorano la mano e arrossiscono mentre prendono il tè l’uno nella magione dell’altro? Può piacere, può non piacere, questione di gusti. Ma il fatto che fuori dalle magioni ci sia un mondo steampunk, per una storia simile, è solo dannoso. Perché ambienti una storia in un certo luogo/tempo per sfruttare gli elementi di questi ultimi.
    Una detective story ambientata nel Medioevo ha, dalla sua parte, la difficoltà nello scovare il mistero a causa dell’assenza di tecnologie. Ambientarla invece ai giorni nostri già implica una difficoltà maggiore nella costruzione della trama (affinché sia credibile, ovviamente).

    Insomma, se questo romanzo non ha motivo di esistere in un mondo steampunk, fallirà per natura. Delude i fan dello steampunk e confonde i fan delle storie d’amore (che da secoli amano l’amore british alla Austen e Brontë *megafacepalm*)

  6. Il Duca di Baionette

    Steamed mi pare un ottimo titolo per un libro di ricette Steampunk con DVD allegato. Nei filmati il cuoco indossa occhialoni da aviatore, cilindro e panciotto. Tutte le ricette contengono pietanze cotte al vapore e il libro ha la copertina in cuoio bordata di ottone, con un lucchetto a forma di caldaia.

    L’Appendice sulla calza per l’Epifania Steampunk temo deluderà i bambini: carbone e ingranaggi, nient’altro.
    ^__^

  7. Il Duca di Baionette

    Comunque sembra un prodotto di alta qualità, voglio dire, prendete le pagine disponibili in PDF:

    Mr. Piper would never condone you interrupting an important discussion about the ability of the Telsa to fly, Dooley

    Hanno sbagliato il nome dell’aeronave. LOL.
    Gli errori di battitura nei NOMI fin dalle prime pagine sono un indice di attento editing che fa sempre piacere.
    ^__^

  8. Federico Russo "Taotor"

    LOL!
    Si può considerare un…

    ?

  9. dedo

    Il trailer è oribbile. Steamtrash.

  10. Il Duca di Baionette

    Saremo sommersi da roba simile nei prossimi anni se il boom si confermerà senza spegnersi subito… ç___ç

  11. DelemnO

    Steamed mi pare un ottimo titolo per un libro di ricette Steampunk con DVD allegato. Nei filmati il cuoco indossa occhialoni da aviatore, cilindro e panciotto. Tutte le ricette contengono pietanze cotte al vapore e il libro ha la copertina in cuoio bordata di ottone, con un lucchetto a forma di caldaia.

    Non so se gliel’ho già detto, Duca, ma lei è un genio. E un libro del genere potrebbe davvero essere interessante.

  12. Soul85

    E’ la prima volta che commento qui, anche se seguo questo sito da tempo.
    In effetti il trailer è proprio una cazzata che mi ha fatto passare la voglia di leggere il libro, un copia incolla di immagini trovate in google. Chissà se, dopo il boom dello steampunk/steamfantasy, ci ritroveremo a rimpiangere i bei vecchi tempi in cui era un genere di nicchia ma molto più apprezzabile. C’è solo da sperare che frugrando tra i rifiuti che arriveranno ci sia qualche perla, qualche nuova perla.

  13. AryaSnow

    per cui se si volesse criticare l’estratto usando, dove necessario, gli strumenti atti alla valutazione predisposti dagli stessi autori di narrativa angloamericani e apprendibili sui manuali, direi che si potrebbe fare senza timore di essere linciati (e non essendo autrice italiana non ha gli squadristi del lecchinaggio già pronti a manganellare i contestatori, no?).
    Provate nei commenti, se vi va. ^_^”

    Non sono affatto abituata e leggere in inglese, ma a parte le due imperfezioni già evidenziate…

    In a way, he reminded me of a hummingbird I’d seen in the emperor’s aviary, for Dooley flitted and dove around the ship just as the hummingbird had done in the highdomed aviary.
    Queste ripetizioni mi sembrano proprio bruttine.

  14. Il Duca di Baionette

    Notizia ulteriore, non sul libro, ma sul booktrailer:
    non solo è fatto con ritagli vari, ma pare che alcuni siano stati utilizzati illegalmente, senza il consenso del proprietario e in violazione della licenza CC abbinata.

    In particolare, il sito di sfondi steampunkwallpaper.com (che vedete linkato nel mio footer visto che ho approfittato di parte della grafica fornita, nel rispetto della licenza CC) è stato sfruttato in modo improprio per fabbricare il booktrailer:
    http://steampunkwallpaper.com/?p=1296

    My background is at :51, at least: Gears and wrought iron, and I’m fairly certain the blurry mechanical bits under the word “Victim” at :08 are mine too.

    [...]

    Anyway, both images are Creative Commons Licensed, which means Penguin is violating the license in three ways: they’re using it commercially, didn’t attribute me, AND didn’t release their work under CC.

    I’ve moved my Creative Commons License info up to be more noticeable, and I’ve written them a email as well. We’ll see what happens.

    … I’m flattered, though.

    LOL.

  15. Il Duca di Baionette

    LOL doppio:
    http://community.livejournal.com/steamfashion/2352175.html

    Ladies and gentlemen,
    It has just (as in, within the past fifteen minutes) been pointed out to me that the amazing picture of me by the photographer Tarilyn Quinn (http://tarilynquinn.com) has been used in Penguin’s promotional trailer for the Katie MacAlister novel Steamed

    [...]

    The photographer knows about this. All she wants is to be credited for her work. To the general public, thank you all for your support. However, please do not contact the publisher for us. Tarilyn has contacted them herself and will take care of the discussion with them on her end.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current ye@r *