«

»

apr 29

Stampa Articolo

Edificanti storie di cannibalismo e necrofilia nel Lungo XIX Secolo

Alcuni mesi fa stavo studiando la storia del teatro Grand Guignol di Parigi, aperto nell’aprile del 1897, famoso per aver mischiato commedie, erotismo e spettacoli di puro splatter in cui mutilazioni, litri di sangue, budella, deformità repellenti e ustioni da acido erano rappresentate magistralmente. Un teatro che immagino molti conoscano, noto perlomeno a chiunque abbia un minimo di famigliarità con la cultura francese o con la storia di Parigi. Io ero ignorante e fino a pochi anni fa non lo conoscevo: quando mi è tornato in mente ho deciso subito di approfondire, per capire nel dettaglio cosa venisse messo in scena (ne parleremo in futuro).

Uno dei libri che stavo studiando analizzava la nascita del Grand Guignol e dell’interesse morboso di massa come conseguenza di un humus sociale fatto di giornalismo sopra le righe su fatti tragici e disgustosi (poveracci sepolti vivi, mariti infedeli sfigurati con l’acido dalla moglie vitrioleuse), racconti horror sempre più diffusi con mostri e fantasmi, il ricordo della ghigliottina e il feticismo della decapitazione, la fascinazione artistica verso gli stati di coscienza alterati, la pazzia, il sovrannaturale e, ovviamente, il diffondersi compiaciuto nella cronaca nera di episodi di cannibalismo, vampirismo e necrofilia.
Un’ondata di interesse per la pazzia antropofaga, i vampiri, il satanismo e la necrofilia aveva investito la Francia e, secondariamente, l’Italia del Lungo XIX Secolo. Quando possibile i crimini venivano conditi (a sproposito) con messe nere dai fantasiosi dettagli: ricordava molto il giornalismo italiano degli anni 1990, tanto per sottolineare che il Novecento non ha inventato nemmeno questo.

buriedalive
“L’Inhumation précipitée”, Antoine Wiertz, 1854.
La paura di venire sepolti vivi (tafofobia) era diffusa nei paesi occidentali e le epidemie di colera tra ‘700 e ‘800 sparsero ulteriormente il terrore (portando al business delle bare apposite)

Cominciamo con un vampiro francese.
Antoine Léger era un giovanotto che amava la vita all’aperto, tanto da dormire in una caverna e passare ore e ore immerso nella selvaggia natura dei boschi francesi. Più precisamente passava il tempo acquattato in attesa che passasse una fanciulla abbastanza bella, balzava fuori, la trascinava nella sua tana, la stuprava, ne mutilava i genitali, le strappava il cuore e se lo mangiava crudo. Nemmeno la decenza, per onorare la bellezza della fanciulla, di scottarlo su entrambi i lati e impiattarlo su una riduzione di Porto con un trito decorativo di basilico. Questo grossomodo era il suo comportamento tipico. In più beveva anche il sangue delle vittime, cavandone fuori il più possibile dal corpo dopo aver cavato via il cuore, perché era convinto di avere bisogno di sangue umano per sopravvivere. Come mai mangiasse i cuori invece di limitarsi a spremerli non lo so, forse gli piaceva il sapore. O magari il solo vampirismo senza cannibalismo “di roba solida” gli pareva troppo poco per il curriculum.
La sua ultima vittima (di una quantità ignota) fu una bellissima ragazzina di dodici anni: la uccise e ne bevve il sangue. Quando gli chiesero durante il processo perché avesse bevuto il sangue, rispose che aveva sete. Di fronte a una tale lucidità argomentativa, la Corte decise che andava curato e rieducato con il mezzo più consono e avanzato di cui la scienza disponesse: venne ghigliottinato nel 1824.

Lo stimato dottor Richard Freiherr von Krafft-Ebing nel suo capolavoro Psychopathia sexualis ha dedicato solo poche righe a Léger (caso numero 19 dell’opera):

Léger, vignaiolo, 24 anni.
Fin da giovane lunatico, silenzioso, timido. […] Dopo aver vagato per otto giorni nella foresta catturò una ragazza di dodici anni, la violentò, le mutilò i genitali, le strappò il cuore, se lo mangiò, si bevve il sangue e seppellì i resti. Dopo l’arresto all’inizio mentì, poi confessò il crimine con cinico sangue freddo. Ascoltò la sentenza di morte con indifferenza e venne giustiziato. L’autopsia rivelò aderenze patologiche tra le membrane cerebrali e il cervello.

Passiamo all’Italia.
Vincenzo Verzeni, orgoglio orobico nell’ambito dei vampiri strangolatori, è il caso numero 21 trattato dal dottor von Krafft-Ebing. Nato nel 1849, residente a Bottanuco (Bergamo), e sbattuto in galera nel gennaio 1872 con l’accusa di aver ucciso due donne e averne strangolate altre senza causarne la morte tra 1867 e 1817. Verzeni raggiungeva l’orgasmo strangolando le donne, infliggendo una ferita con i denti e succhiando un po’ di sangue. Lo strangolamento è molto comune tra i vampiri, tanto da essere considerato importante quanto bere il sangue. Verzeni scoprì di gradire lo strangolamento da adolescente, mentre si eccitava sessualmente nel tirare il collo alle galline (e ne uccise più del dovuto, scaricando la colpa sulle donnole).

Dicembre 1870. Giovanna Motta era una ragazzina di quattordici anni, partita tra le sette e le otto del mattino per andare in un vicino villaggio. Non fece ritorno. La trovarono poco distante da un sentiero che attraversava i campi. Era nuda, mutilata, con la bocca riempita di terra. Le cosce erano state dilaniate a morsi, intestini e genitali strappati via e abbandonati a una certa distanza. Una parte del polpaccio destro, assieme a brandelli di tessuto, fu ritrovato nascosto sotto un mucchio di paglia. Altri segni di violenza sul corpo fecero sospettare un tentativo di stupro prima di soffocarla con il terreno infilato in gola e del cannibalismo.

28 agosto 1871. Frigeni, una donna sposata di ventotto anni, andò nei campi di prima mattina e quando non fece ritorno il marito andò a cercarla. La trovò morta, abbandonata nuda nel campo, con i segni sul collo del nastro di tessuto con cui era stata strangolata. Dall’addome aperto uscivano le budella e sul corpo c’erano lacerazioni fatte coi denti.
Ormai Bottanuco era in allarme. Il giorno dopo la cugina diciannovenne del Verzeni, Maria Previtali, mentre andava nei campi si accorse che il cugino la seguiva. Verzeni era già visto male in paese perché negli anni precedenti per ben tre volte aveva assaltato e iniziato a strangolare delle donne (Marianna, Arsuffi e Gala). Maria era ovviamente terrorizzata. Verzeni la raggiunse, la trascinò in un campo di grano, la gettò al suolo e prese a strangolarla. La ragazza riuscì a liberarsi approfittando della distrazione di Verzeni, intento a guardarsi attorno per capire se c’erano altre persone vicine, e lo supplicò di lasciarla andare. Verzeni acconsentì e Maria corse a denunciarlo.

vampiro_non_come_twilight
Non solo non è uno gnokko alla Twilight o un fighetto come Spike, ma vi strangolerà a morte e pranzerà con la polenta e il vostro polpaccio arrosto: ancora a strofinarvi sotto le mutandine come se cercaste di curarvi l’isteria, ragazzine?

Venne arrestato e processato. Cesare Lombroso racconta che Verzeni confessò solo dopo un lungo interrogatorio in cui aveva cercato di spostare i sospetti su altri paesani, pure con una certa abilità e intelligenza, ma alla fine il suo alibi crollò e scelse di collaborare. Raccontò nel dettaglio cosa aveva fatto e cosa aveva provato nel farlo. Nell’istante in cui afferrava la vittima per il collo sentiva crescere l’eccitazione, non importava che la donna fosse giovane o vecchia, bella o brutta. All’inizio il semplice strangolare per un po’ gli era bastato a raggiungere l’eiaculazione prima che le donne morissero, permettendogli così di lasciarle andare via vive, ma nei due casi di omicidio l’orgasmo non era giunto se non dopo la loro morte. A quel punto, con la Motta, aveva approfittato del decesso per bere del sangue scavando le cosce con i denti e aveva strappato un pezzo di polpaccio per arrostirlo a casa. Per timore che la madre lo scoprisse, aveva nascosto il polpaccio sotto la paglia. Le budella trovate distanti dal corpo erano state asportate per godere qualche altro minuto toccandole e annusandole mentre si allontanava. Non aveva alcun rimorso, quegli atti lo riempivano di felicità e soddisfazione. Negò di aver mai toccato i genitali delle vittime (eppure alla Motta erano stati amputati) o di averle violentate.

“Io ho veramente uccise quelle donne e tentato di strangolare quelle altre, perché provava in quell’atto un immenso piacere. Le graffiature che si trovarono sulle cosce non erano prodotte colle unghie ma con i denti, perché io, dopo strozzata la morsi e ne succhiai il sangue che era colato, con che godei moltissimo.”

(Fonte: Da «Twilight» alla Bergamasca)

In accordo con il giudice, a cui aveva ammesso che se fosse stato lasciato in libertà avrebbe sicuramente commesso altri omicidi, venne messo ai lavori forzati a vita nel manicomio criminale di Milano nel 1873. Successivamente la pena venne commutata in trent’anni di carcere, fino al 1903. Morì di cause naturali nel 1918 (esiste l’atto ufficiale che lo testimonia). In carcere si masturbava spesso e mostrava un particolare ingegno quando si trattava di sbirciare di sfuggita una femmina di passaggio. Ai medici non risultò che soffrisse di alcuna psicosi, nonostante i crimini commessi (e un tentato suicidio per impiccagione nel 1874, dopo il quale venne spostato nel carcere di Civitavecchia, non essendo “malato”). Un banale degenerato con manie di vampirismo, in fondo perfino più sveglio di tanti altri.

Per l’uscita di Verzeni dall’ergastolo. – Da Bergamo si scrivono le seguenti notizie ad un giornale di Milano, notizie che da assunte informazioni ci risultano vere: La popolazione di Bottanuco è terrorizzata al pensiero che Vincenzo Verzeni, lo squartatore di donne, ha quasi ormai finita l’espiazione della pena, che dall’ergastolo, fu convertita in 30 anni di reclusione. Il lugubre ricordo delle gesta sanguinose del Verzeni è ancora vivo in Bottanuco e nei paesi circostanti

(Eco di Bergamo, 4 dicembre 1902, riportato qui)

Qualche informazione su Verzeni e sulla sua famiglia.
Aveva un cranio asimmetrico, più stretto e basso a destra che a sinistra, con l’orecchio destro molto più piccolo del sinistro (un centimetro in meno lunghezza, tre in meno di ampiezza) e altri segni tipici dei crani dei degenerati, secondo le analisi di Cesare Lombroso. Il pene era di dimensioni notevoli, come spesso accade negli individui mentalmente inferiori o degenerati (tant’è che il pene dei conigli è molto piccolo e quello umano è in proporzione al corpo molto grande).
Nella famiglia del Verzeni due zii erano cretini e un terzo era un microcefalo con un testicolo atrofizzato e, chiaro segno di degenerazione e mentecattaggine osservato di frequente, era incapace di farsi crescere la barba. Il padre soffriva per la degenerazione della pellagra. Un cugino era un ladro e un altro era affetto da iperemia cerebrale. La famiglia era formata da bigotti dall’intelletto limitato, mentre il Verzeni aveva un’intelligenza normale (anche se era un degenerato). In fondo nulla di davvero fuori dal comune, anche nell’Italia moderna, in quei piccoli paesi troppo isolati dove tutti sono imparentati con tutti gli altri e tutti si conoscono e si parlano alle spalle. Cittadine più simili alla Innsmouth di Lovecraft che a posti reali.

HMAS_Vampire_Allan-Green
Un vampiro molto più interessante dei soliti fessi zannuti,
la HMS Vampire (1917-1933) poi divenuta HMAS Vampire (1933-1942)

In fondo il Verzeni era “normale” rispetto a certi cannibali veramente bestiali.
Parliamo ora di Raffaele Ste., un soggetto che per anni mostrò chiari segni di follia e violenza senza venire mai rinchiuso in manicomio nonostante, all’epoca (e fino al dopoguerra), tanti individui sani finirono dentro “perché sì perché è fantasy”. Il cognome è stato accorciato in “Ste.” dal dottor Vittorio Codeluppi, immagino per difendere la privacy, e così è stato riportato da Cesare Lombroso in La perizia psichiatrico-legale

Raffaele fin da bambino era stato considerato scemo e crebbe incolto e rozzo. Era molto affezionato alla famiglia, di carattere eccitabile, solitario e gran lavoratore. Fin dall’età di quindici anni soffrì di attacchi mensili di epilessia: crollava al suolo, si dimenava per mezz’ora con il rischio di ferirsi, poi si alzava completamente rimbecillito e per alcuni giorni vagava commettendo atti di pazzia. Quando tornava davvero in sé non aveva alcun ricordo di quanto fatto.
Nonostante fosse molto religioso, un giorno si mise a tirare pietre contro un’immagine della Madonna collocata in strada, fino a romperla. Venne processato e condannato, nonostante spergiurasse di non sapere niente di quel crimine. Un’altra volta prese a coltellate un bue che non voleva adattarsi al giogo. Anche in questo caso non ricordò di averlo fatto. Un vicino lo vide addentare un sasso che gli era stato tirato per sbaglio da un ragazzo, nello stesso modo in cui un leone feroce (raccontavano Romanes e Guyau) addentò un macigno le cui schegge, esplose per lo sparo impreciso del cacciatore, lo avevano ferito.
Una volta Raffaele afferrò il prete durante la messa e cercò di infilarlo nel tabernacolo. Un’altra volta si mise a urlare bestemmie in chiesa, menando pugni alla cieca. E tante altre bizzarrie. Era mal visto in paese perché forte, “grossolone di testa” (fesso) e molto aggressivo (menava alla minima occasione): considerando pure le sue stramberie, il timore dei compaesani era ben motivato. In più si sapeva che maltrattava la moglie e i figli.

invidiabile_albero_genealogico
Invidiabile albero genealogico di Raffaele Ste., cannibale.

All’età di trentasette anni, il 10 luglio 1901, Raffaele aveva avuto un attacco epilettico di prima mattina, aveva preso un forcone e distrutto tutte le immagini sacre in casa. Poi era andato a lavorare nei campi, senza dire nulla (si chiudeva nel mutismo nei giorni successivi agli attacchi epilettici), come se non fosse successo niente. A mezzogiorno fece un rapido salto a casa, senza apparente motivo, e mentre tornava nei campi incrociò Artemisia (una sconosciuta). Le si piazzò davanti e senza spiccicare parola le piantò un pugno colossale in pieno petto (“Scusi, desi-?” – PAM!). Lei finì a terra e lui tentò di violentarla, ma quella riuscì a divincolarsi e darsela a gambe. Raffaele la inseguì e qui finisce la testimonianza oculare del garzone di Raffaele. Cosa accadde da quel momento e fino al ritrovamento di entrambi può essere solo ipotizzato.

Il garzone quando non vide più tornare Raffaele, dopo un po’ di tempo, si preoccupò. Aveva troppa paura per cercarlo da solo per cui corse alla stazione della guardia di finanza e chiamò aiuto. Quattro agenti andarono con il garzone a seguire le tracce di Raffaele. Trovarono il cadavere della donna, nuda, coperta di morsi e graffi, priva del naso e dell’orecchio destro, senza gran parte del seno e con l’addome aperto a unghiate e morsi. Le interiora erano state sparse tutte attorno al cadavere. Raffaele stava lì accanto, a mangiarsi con calma un polmone.
Quando si accorse dei finanzieri ruggì e li aggredì, come una belva che difende la preda. In quattro gli agenti riuscirono a malapena a catturarlo, colpendolo con il taglio delle daghe sugli arti e con l’impugnatura sul cranio. Lo legarono con delle grosse funi e lo gettarono su un carro, dove continuò a ruggire e lottare fino a quando si addormentò di colpo. Quando lo portarono alla stazione di Mondolfo i carabinieri dovettero difenderlo dalla folla che voleva ucciderlo. Giustamente incazzati anche perché, nonostante tutti i chiari sintomi di follia violenta, la giustizia non era mai intervenuta per chiuderlo in un manicomio.

Venne rinchiuso a vita nel manicomio dell’Ambrogiana. Raffaele non ebbe mai consapevolezza, a quanto scrive Codaluppi, del crimine commesso, tant’è che il giudice pur ordinando di rinchiuderlo dovette sentenziare il “non luogo a procedere” perché il crimine non era avvenuto per volontà dell’imputato. Raffaele raccontava solo di aver dato un pugno a quella donna perché gli calpestava l’erba del prato e che dopo si era risvegliato in cella. Allo stesso modo non ricordò nemmeno le crisi avute durante la custodia in carcere o nel manicomio, come quando si mise a pregare ad alta voce mentre si masturbava e gli infermieri dovettero infilargli il corpetto di forza. Tornato in sé due giorni dopo, non aveva idea di cosa fosse accaduto.
Un caso da manuale di “stupore epilettico”.

Villa_Medicea_Ambrogiana
Villa Medicea dell’Ambrogiana, divenuta casa di cura per malati mentali e poi manicomio criminale sotto Leopoldo II di Toscana (1797-1870), venne confermato come manicomio dal Regno d’Italia e cambiò nome in Ospedale Psichiatrico Giudiziario dopo il 1975.

Se sui cannibali è facile trovare resoconti dettagli, più difficile è trovarne sui necrofili, in particolare su quelli con il vezzo delle mutilazioni, a quanto dichiara von Krafft-Ebing. Vediamo cosa ha trovato lui. Per esempio c’è un uomo di ventitré anni che tentò di violentare una donna di cinquantatré, nella lotta la uccise e poi la stuprò lo stesso. Un buco finché è caldo va bene? Forse no, perché si sbarazzò del corpo gettandolo nell’acqua, ma evidentemente il primo giro era andato alla grande per cui decise di ripescarla e farsene un secondo. Più che caldo ormai il corpo forse era pure gonfio d’acqua (non dice quanto dopo la ripescò). Venne giustiziato e l’autopsia mostrò che aveva le meningi dei lobi anteriori più spesse del normale e aderenti alla corteccia.

Tralasciamo i classici casi di monaci che violentavano i cadaveri durante la veglia funebre, di cui von Krafft-Ebing non ci fornisce dettagli, e quello di un ritardato che dopo aver commesso uno stupro venne internato in manicomio e lì si mise a mutilare i cadaveri nell’obitorio, e concentriamoci sulla differenza tra i necrofili per cui i cadaveri sono solo un ripiego da quelli che li preferiscono alle donne vive. Non è una differenza da poco visto che nel primo caso, secondo von Krafft-Ebing, rientrano i casi di mutilazioni del corpo, di autentico odio verso le donne da stuprare in vita (o dopo) e poi fare a pezzi (talvolta una violenza tale che l’orgasmo arriva nel solo mutilare il cadavere, senza rapporto necrofilo), mentre nel secondo è il cadavere stesso ciò che si desidera. Non è più la donna viva a eccitare, è solo il suo corpo senza vita: un involucro privo di volontà capace di soddisfare il desiderio di possedere una femmina completamente soggiogata e impossibilitata anche alla più remota ipotesi di ribellione.

La Gazette médicale del 21 luglio 1859 riporta la storia di uno stupratore di cadaveri che corruppe il custode per avere accesso alla camera ardente in cui era esposto il cadavere di una ragazza di sedici anni appartenente a una famiglia di ceto sociale elevato. Di notte si sentì uno strano rumore, come se un mobile fosse caduto, provenire dalla camera ardente. La madre entrò e vide un uomo in camicia da notte schizzare via dal letto su cui giaceva il cadavere. Un ladro? Non ci volle molto a capire come stavano le cose. Si scoprì che il colpevole, un uomo di buona famiglia, aveva violentato spesso i cadaveri di ragazze di suo gradimento.
Certo che quando una bella signorina di buona famiglia viene servita così, addirittura su un bel lettone, si invita proprio a commettere reato! Oddio, avrò appena alimentato la “Cultura del Necrostupro”?

necrorape
NO! Non questo Necrostupro!
Lasciate fuori il Fantasy per cinque minuti.

Meno banale è la vicenda di un prelato che di tanto in tanto visitava un certo bordello di Parigi per soddisfare un proprio fetish particolare, connesso a semplici fantasie necrofile. La prostituta veniva vestita tutta di bianco e si sdraiava su un catafalco, in una stanza appositamente preparata per sembrare una camera ardente. Il prete entrava e celebrava una messa per l’anima della defunta, come preliminare per scaldarsi (a chi una bella messa non stimola certi appetiti?), poi si gettava sulla prostituta istruita per recitare alla perfezione il ruolo del cadavere fino alla fine del rapporto.

Un caso simile in Italia è raccontato da Neri in Archivio delle psicopatie sessuali del 1896. Un uomo di cinquant’anni nel Lupanare voleva solo ragazze vestite di bianco, sdraiate immobili a simulare la morte. Non bastandogli un solo fetish innocuo, seppur bizzarro, combinò la vera necrofilia con l’incesto e violentò il cadavere della sorella. Von Krafft-Ebing preferisce camuffare i dettagli facendo uso del dotto linguaggio medico, il latino, un po’ come io in passato ho protetto la delicatezza delle mie lettrici con una scelta appropriata dei termini, ma quel suo “immissione mentulae in os mortuaeusque ad eiculationem!” non ha bisogno per noi italiani di una particolare conoscenza del latino per desumerne os impurum e un caso evidente di irrumatio.
Tornando a più innocui feticismi, costui aveva una passione per il crinis pubis puellarum (cosa che posso comprendere visto che pagherei cifre importanti per detenere certe rosate reliquie) e per i ritagli di unghie delle fanciulle: mangiarle lo eccitava grandemente.

Sono storie più interessanti dei soliti violentatori di cadaveri freschi praticamente identici a persone in coma (magari di quelle che puzzano di rancido perché gli infermieri non le puliscono molto). La fantasia necrofila, senza sfociare nella necrofilia vera e propria, è stato un elemento piuttosto comune del Lungo XIX Secolo, un po’ come le fantasie lolicon sono diffuse in questi anni, a causa di una certa estetica legata agli hentai (la cui credibilità nel rappresentare i minori è spesso pari a quella degli antichi vasi greci: adulti in miniatura), senza che però vi sia alcun interesse reale per la pedofilia.

Non erano rari i bordelli di lusso attrezzati con apposite camere ardenti con catafalchi, candele, bare, sudari in cui i clienti potevano simulare atti di necrofilia o fingersi vampiri, grazie all’aiuto di prostitute specializzate nel recitare alla perfezione il ruolo del cadavere. Forse la moglie frigidamente per bene a casa non bastava più (“Signora Poppinton, vi ho fatto male?” – “No, signor Poppinton, ve lo assicuro!” – “Strano, mi pareva che vi foste mossa”). In Crimes et délits si racconta di un uomo rispettabile che confessò di provare profonda eccitazione sessuale, di una intensità mai provata in altri contesti, nell’osservare un funerale.
Considerando che, come vedremo dopo, c’erano anche i necrofili che praticavano prevalentemente cunnilingus, le fanciulle dovevano essere davvero bene addestrate per non emettere nemmeno un suono né muovere un muscolo anche in caso di parossismo! La capacità professionale merita sempre ammirazione.

nekromantik_800px
tumblr_m8jlasgSJ71rdv1qfo1_1280 Nekromantik+OST+NEKRomantik Nekromantik-2--3-
Ho parlato di bordelli in cui le prostitute si fingono morte,
non di bordelli dedicati a un pubblico di morti viventi!
(In realtà “Nekromantik” parla di un banale menage à trois col morto.)

Il sergente François Bertrand, detto Vampiro di Montparnasse, accusato nel 1849 di vampirismo e necrofilia nonostante le sue passioni fossero più orientate verso il necrosadismo e non vi fosse alcun vampirismo. Di costituzione delicata, fin da piccolo taciturno e solitario (il profilo di tanti scrittori, insomma), si sa poco della sua famiglia, ma è accertato che abbia avuto casi di pazzia negli antenati.
Già da bambino veniva colto da impulsi distruttivi che non sapeva spiegare. All’età di nove anni era già attratto sessualmente dalle donne e iniziò a masturbarsi senza che nessuno gli avesse insegnato a farlo, sottolinea von Krafft-Ebing (forse lui aveva seguito un corso all’Università di Heidelberg). A tredici anni gli impulsi sessuali erano così forti che Bertrand doveva masturbarsi moltissimo per riuscire a tenerli a bada (il che forse non lo rende diverso da molti adolescenti a cui non vengano legate le mani dietro la schiena per educarli). Fantasticava su una stanza piena di donne con cui fornicava, poi le uccideva e si sbarazzava dei cadaveri. Fantasie perfettamente normali, insomma. Talvolta fantasticava di sbarazzarsi di cadaveri maschili, ma era una fantasia che gli lasciava una sensazione di disgusto. Complimenti figliolo: siete matto, ma non siete frocio! Vostro padre ne sarà proprio orgoglioso!

Il bisogno di sfogarsi sui cadaveri lo portò a procurarsi animali morti a cui apriva l’addome, strappava le budella e intanto si masturbava. Nel 1846 fece un passo ulteriore, uccidendo dei cani per procurarsi cadaveri in proprio. Nemmeno i cani furono in grado di soddisfare a lungo il suo desiderio: in pochi mesi sentì il bisogno di corpi umani, ma l’impulso sessuale era bilanciato dal disgusto per l’idea di commettere atti così turpi.
Nel 1847 si trovava in un cimitero e si imbatté per caso in una tomba recente. L’impulso distruttivo fu così forte che venne travolto da dolori al cranio e palpitazioni cardiache. Soffriva così tanto per il desiderio che neppure il pericolo di essere visto e imprigionato riuscì a fermarlo: disseppellì il cadavere e lo fece a pezzi sul posto a colpi di pala.

Tra 1847 e 1848 le crisi si ripeterono e i dolori al cranio riuscivano a sparire solo mutilando i cadaveri. Quindici volte dovette disseppellire i morti e farli a pezzi, per riavere un po’ di pace. Ora era più organizzato: dopo aver tirato fuori il corpo lo tagliava a pezzi con la spada oppure con un coltello tascabile (quando girava di notte nel cimitero con la sciabola al fianco doveva essere piuttosto spettacolare), tirava fuori le budella e si masturbava. Ormai neppure il sesso dei defunti gli importava più, aveva superato lo sciocco sessismo di discriminare i maschi. Finito di divertirsi, rimetteva tutto a posto. Questa è la buona educazione di una volta! Al giorno d’oggi c’è gente che non mette al loro posto nemmeno i manubri in sala pesi.

Nel luglio del 1848 trovò il cadavere di una ragazza di sedici anni. Fu un colpo di fulmine e per la prima volta non provò l’impulso di mutilare, ma quello di avere un rapporto sessuale:

Il piacere che si può provare con una donna viva è nullo rispetto a quello che provai. La coprii di baci su ogni parte del corpo, me la strinsi al cuore con folle frenesia e l’assalii con le più appassionate carezze [NdDuca: un modo elegante dell’epoca per indicare il coito]. Dopo essermela goduta in questo modo per un quarto d’ora, la tagliuzzai e ne tirai fuori le budella come facevo di solito nella mia pazzia. Poi la ricollocai nella tomba.

Una bella storia d’amore finita nel momento in cui il coito è stato compiuto: i necrofili non si dimostrano diversi da tanti spasimanti normali capaci di perfetta monogamia e di giurare amore eterno fino alla prima eiaculazione, per poi tradire alla prima l’occasione l’innamorata “già usata” con un’altra tizia “da provare”. Sono tutti maiali gli uomini, mie care lettrici: non fidatevi di nessuna promessa d’amore, solo il matrimonio garantisce il reale interesse!

Bertrand venne arrestato nel 1849 e la perizia medica dichiarò che era un monomaniaco distruttivo e un erotomane. La Corte Marziale lo condannò a un anno di carcere per vilipendio di cadavere. Forse l’assenza prolungata di sfoghi distruttivi sui morti, per placare i dolori lancinanti al capo, fu troppo per Bertrand: si suicidò in carcere nel 1850.

article-1093579-02C3F208000005DC-439_468x301
Quale che sia l’oggetto della sua “passione”,
alla fine un uomo è sempre un uomo! State attente!

Tra i necrofili amanti del putrido va ricordato il francese Victor Ardisson, detto Vampiro di Muy, nato nel 1872 in una famiglia di criminali e malati di mente. Von Krafft-Ebing sottolinea che Ardisson a scuola imparava in fretta anche se in generale era un po’ scemo, non era alcolizzato, non soffrì mai di epilessia (un male considerato tipico dei pazzi furiosi) e non ebbe mai malattie. Da adolescente Ardisson si masturbava, come molti coetanei, ma in più devorare solebat sperma proprium perché “sarebbe stato un peccato disperderlo”. Biblicamente encomiabile.
Correva dietro le ragazze e non riusciva a capire come mai lo respingessero. Forse con la sua peculiare sessualità gli puzzava un po’ il fiato. O forse lo schifavano per il suo ulteriore hobby, di conoscenza pubblica: loco quo mulieres urinaverant, lotium bibere solebat. Non riusciva a capire cosa ci fosse di sbagliato! Nel villaggio lo consideravano un degenerato, alla stregua di un criminale.

Assieme al padre adottivo si divideva i favori di una mendicante che ospitavano in casa di notte. Ardisson fornicava con gusto, abbondantemente, era un feticista delle grosse mammelle e amava succhiarle. Solo successivamente si avvicinò alla necrofilia: esumava cadaveri tra i tre e i sessant’anni, succhiava loro il seno e praticava cunnilingus. Parlava anche con i cadaveri e rimaneva sempre turbato, a quanto dichiarò, dal loro ostinato mutismo. Raramente si accoppiava con loro o li mutilava. In generale non era una cattiva persone né era pericoloso per gli altri: anche quando finì in carcere non si comportò mai male. Era solo uno strambone dai gusti bizzarri. Non riusciva nemmeno a capire cosa ci fosse di sbagliato!

Disertò durante il servizio di leva e fece il mendicante porta a porta, cibandosi con gran gusto di ratti e gatti. Venne acciuffato e riportato al reggimento, da cui disertò di nuovo. Gli ufficiali dovettero capire che era un caso da facepalm, degno di certi fan del fantatrash italiano: rinunciarono a punirlo perché non poteva essere ritenuto consapevole e colpevole delle proprie azioni. Il povero mentecatto venne lasciato libero e tornò al vecchio lavoro che svolgeva nel 1892: il becchino.
Quando gli capitò una diciassettenne con il seno molto grande, la disseppellì e fece i suoi soliti comodi. Le profanazioni divennero sempre più comuni per colpa di quel lavoro che lo riempiva di tentazioni. Si portò a casa la testa di una morta, la copriva di baci e la definiva la sua sposa.

Nel suo caso fu l’amore a tradirlo. Si portò a casa il cadavere di una bambina di tre anni e mezzo e lo nascose sotto la paglia. Necropedofilia, sempre meglio! Continuò a succhiare il seno e a praticare cunnilingus anche quando la carne putrida era ormai in totale disfacimento. Non riusciva ad abbandonare il suo nuovo amore. Per la puzza i vicini diedero l’allarme e i gendarmi lo scoprirono così, intento a “onorare” la sua nuova fidanzata sotto lo sguardo della sposa tradita. Ardisson si fece una risata e ammise tutto quella che aveva fatto. D’altronde non pensava di aver fatto nulla di male…
Era il 1901. Venne rinchiuso a vita nel manicomio di Pierrefeu-du-Var e pare che trovasse piacevole la vita fatta lì. Probabilmente non aveva nemmeno capito perché lo avessero fatto traslocare.

naive_necro_love
http://www.applejackandreed.com/portfolio.html
Tre foto di Ardisson: frontale, laterale e -chiudete gli occhi signorine!- nudo integrale frontale.

Un solo caso per unirli tutti: vampiri, cannibali e necrofili.
Martin Dummalord fu un serial killer francese, conosciuto come il “Mostro di Montuel”. Era controllato da una donna, Justine Lafayette, necrofila, e uccise all’incirca ottanta ragazze. Le uccideva, ne beveva il sangue e poi le macellava. Spesso portava a casa alcuni tagli freschi da far mangiare a Justine. Vennero catturati nel 1888: Justine fu ghigliottinata e Dummalord rinchiuso in manicomio.
Storia molto edificante se non fosse che, beh, credo sia inventata. Nonostante gli altri episodi in Chapel of Gore and Psychosis di Jack Hunter fossero ben argomentati e con puntuali citazioni delle fonti, ho deciso come al solito di non fidarmi mai e verificarli tutti. Rimaneva solo questo episodio, brevissimo. Crederci sulla fiducia? Giammai. Ho frugato nei libri a tema, ho frugato su Google e… non ho trovato nessun Dummalord serial killer di Montuel. Ho trovato solo il molto più famoso, ma assolutamente più banale, Martin Domullard di Montluel giustiziato nel 1862. Forse Jack Hunter non ritrovando le fonti ha fatto uno strappo alla regola ed è andato a memoria, ma come spesso capita non rispettare “Il Metodo”, ovvero l’analisi delle fonti con puntuali citazioni, crea atrocità. O forse Jack Hunter voleva parlare di una leggenda metropolitana nota all’epoca, basata sui reali fatti di Domullard, ma poi ha dovuto tagliare durante l’editing la frase di spiegazione. Chissà.

La storia di Domullard è molto più noiosa. Ne parlo solo perché ormai ho nominato la vicenda. Martin Domullard era sposato con Martine Martinet ed erano una coppia di svitati che aggredirono dodici ragazze e ne uccisero tre (o perlomeno questi furono i crimini per cui vennero accusati, poi se ne uccisero ottanta e non c’erano le prove per accusarli non lo so). Martin, istigato a farlo dalla moglie, attirava le ragazze con la scusa di volerle assumere, le portava attraverso il bosco per raggiungere la padrona a cui presentarle e lì le aggrediva e le violentava. Le tre di cui si è accertato l’omicidio furono Marie Baday (1855), una sconosciuta nei boschi di Montmain (1855) e Marie-Eulalie Bussod (1861). Marie-Eulalie Bussod venne denudata, colpita alla testa, stuprata e infine sepolta viva. Nel 1862 Martin aggredì Marie Pichon che riuscì a fuggire e lo denunciò. Martin Domullard venne giustiziato nella piazza principale di Montluel, la moglie fu condannata a venti anni di lavori forzati. Le poche informazioni le ho reperite su Wikipedia e rimandano al saggio Dumollard, L’assassin des bonnes che però non ho potuto verificare.

Di fronte a questa banalità ci si risolleva un po’ lo spirito sapendo di un tale Sabourin che nel 1893 sbudellò la sorellina per capire “come funzionano le bambine”: un bizzarro mix di curiosità scientifica ed erotica condita con lo splatter, incarnata da un demente degno degli spettacoli teatrali del Grand Guignol.

Jesus-teaches-information-literacy
E neanche su qualsiasi altro argomento.
Nemmeno quando è scritto sui presunti infallibili “libri di carta”.

Avevo accennato al boom di interesse per i satanisti, più o meno inventati e più o meno tirati in ballo come i cavoli a merenda. A quanto pare le messe nere nella Parigi di Fine Secolo erano molto comuni e sembravano un mix tra orge e carnevalate blasfeme, di norma organizzate all’interno di Chiese sconsacrate. Effigi della vergine Maria venivano equipaggiate con seni posticci da succhiare e vagine finte da penetrare. A Gesù in croce veniva montato un dildo che i satanisti potevano succhiare oppure infilarselo negli altri orifizi, in base alle preferenze individuali e al sesso. Talvolta il ruolo del Cristo era interpretato da un satanista legato alla croce, per fargli emettere il seme da raccogliere nel calice e usarlo per la comunione finale.

Impastando sperma, defecazioni e sangue mestruale fabbricavano ostie diaboliche capaci di trasformarsi nel Corpo del Signore con le appropriate parole. Pare che funzionassero bene quanto le ostie normali, seriamente. Quando disponevano di autentiche ostie consacrate tendevano a infilarsele nell’ano e nella vagina, urinarci sopra e defecarci, prima di consumarle. Qualcosa nel sapore della merda doveva essere irresistibile: forse dovevano spiegar loro che per fare i coprofagi il tesserino da satanista non era obbligatorio.
Sempre a tema escrementi l’Abate Boullan (1824-1893) con la sua amante Adéle Chevalier, un’ex suora, offrivano ostie fatte con gli escrementi ai fedeli presso la Chiesa del Monte Carmelo. Talvolta fabbricavano ostie giganti da usare come vagine artificiali, così i preti potevano copularci urlando di stare violando la Santissima Madre di Dio oppure di stare sodomizzando il Salvatore. Costruivano perfino dei Cristi Neri crocifissi con la pancia invece della schiena contro la croce, in modo da rivolgere il sedere da sodomizzare ai preti. Robe da facepalm che giusto i preti possono pensare… e lo facevano così spesso da necessitare di un apposito spazio a tema “masturbazione con sacrilegio” nel celebre Venere e Imene al tribunale della penitenza (manuale per confessori di Jean Baptiste Bouvier, gradevolissima lettura che mi ha molto rallegrato a febbraio).
Più che satanisti seriosi&kattivi sembrano buontemponi di Amici Miei, ci manca solo che l’Abate Boullan se ne esca con la supercazzola. Tornando seri (?) l’Abate Boullan ispirò un personaggio di Là-bas del 1891, un romanzo di Joris-Karl Huysmans sul satanismo a Parigi. Non l’ho ancora letto, ma se vi può interessare lo trovate qui gratis tradotto in inglese.

Più raramente capitava qualche episodio più grave di una blasfema orgia carnevalesca o di qualche scherzo di pessimo gusto. Qualche vergine venne assassinata per farne bere il sangue fresco della comunione ai fedeli, mentre il prete violentava il cadavere o praticava un cunnilingus rituale. O almeno così si racconta, poi chissà. Blande forme di vampirismo e necrofilia di serie B, nulla di particolarmente interessante rispetto ai veri degenerati visti prima. Qui un parere autorevole sulle pratiche contemporanee.

Chiudiamo con qualcosa di italiano. Montague Summers nel suo History of Witchcraft and Demonology del 1926 riporta la scoperta avvenuta a Palazzo Borghese di una cappella satanica, citando come fonte dell’informazione un numero di maggio 1895 del Corriere Nazionale di Torino (giornale che non conoscevo e non posso verificare).
Palazzo Borghese era stato affittato, dividendo piani e appartamenti tra diversi affittuari, e i rappresentanti legali della famiglia Borghese erano stati inviati a verificare lo stato di un appartamento del primo piano di cui stava per scadere il contratto. L’occupante disse di non sapere della scadenza, ma i rappresentanti gli spiegarono i termini del contratto e dovette acconsentire a farli entrare in modo che verificassero se erano necessarie riparazioni o lavori di modifica dato che il principe Scipione Borghese, prossimo alle nozze, intendeva riprendere possesso del palazzo e occuparlo con la moglie.
Una porta però rimase chiusa a chiave e il custode rifiutò di aprirla. I rappresentanti del principe non erano scemi e capirono che la cosa puzzava: si impuntarono con l’uomo e quello finse una gran confusione su dove fosse la chiave per scoraggiarli dal proseguire. Pessima idea: se non avesse aperto subito la porta avrebbero chiamato la forza pubblica per farla sfondare e qualsiasi cosa ci fosse stato dietro se la sarebbe vista lui con la polizia. Il tizio tirò fuori le chiavi e aprì.

La stanza all’interno riportava l’iscrizione Templum Palladicum. I muri erano coperti dal pavimento al soffitto con pesanti tende di damasco in filo di seta, nere e scarlatte, che bloccavano tutta la luce; in fondo alla stanza era appeso un grande arazzo su cui era intessuto un Lucifero in dimensione naturale, colossale, trionfante, che dominava la scena. Sotto di lui era stato costruito un altare, ampiamente rifornito per la liturgia dell’Inferno: candele, recipienti, il messale, non mancava nulla. Inginocchiatoi imbottiti e sedie lussuose, in cremisi e oro, erano collocate ben in ordine per i celebranti; la camera era illuminata con l’elettricità fantasiosamente disposta in modo da formare un enorme occhio umano.

Eh sì, l’Occhio di Sauron pure ci voleva!
Secondo questa fonte forse-non-proprio-neutrale dal 1893 dentro Palazzo Borghese avevano messo la sede i massoni del Grande Oriente d’Italia (secondo questa altra fonte la nuova sede fu inaugurata il 20 settembre 1893).

A mio parere sono molto meglio i dementi che si infilano le ostie nel sedere e fanno le orge rispetto ai ricconi annoiati che organizzano cappelle non meno demenziali di quelle cattoliche, per fare riti insensati perfino più offensivi per l’intelletto. Un atto di “ribellione razionalista alle superstizione cattoliche” da parte di alcuni massoni? Stronzate degne di chi è cattolico nel profondo, anche se finge l’opposto (tipo Enrico VIII), altro che razionalismo.

Non ci vogliono parodie e scimmiottamenti per irritare la Chiesa, ma Metodo Scientifico e l’imposizione per legge della dimostrazione positiva di ogni affermazione fatta nell’ambito di un ritrovo aperto al pubblico, soprattutto se in luoghi predisposti con tanto di agevolazioni fiscali. Questo li spaventerebbe davvero, non la concorrenza che alla fine è tutta roba tra amici che sparan balle ben sapendolo (“senti che figa la mia leggenda!” – “ribatto con questo miracolo!”), come quando difendono perfino l’Islam pur di fare fronte comune contro il mondo laico sempre più scettico e armato di quella che è la nemesi delle religioni, l’esclamazione “Dimostramelo!”. A quel punto cadrebbero davvero i Santi dal Cielo per tutte le bestemmie che tuonerebbero dal Vaticano.
Potrebbero contare come prove delle loro teorie sovrannaturali!

Félicien_Rops_-_Les_Sataniques._L'enlèvement_460pxcrop
Félicien_Rops_-_Les_Sataniques._Le_Sacrifice_700px Félicien_Rops_-_Les_Sataniques._Le_calvaire_700px Félicien_Rops_-_Les_Sataniques._Satan_semant_l'ivraie_700px
La serie di Félicien Rops “Les Sataniques” (1882), ispirata al boom d’attenzione sul satanismo a Parigi. Apprezzabili i peni tentacolari, degni degli hentai di cento anni dopo. Di Rops le opere che preferisco sono Pornokratès e Sainte-Thérèse.

Bibliografia:
La perizia psichiatrico-legale – Cesare Lombroso
Grand Guignol: chapel of gore and psychosis – Jack Hunter
Psychopathia sexualis – Richard Freiherr von Krafft-Ebing
The History of Witchcraft and Demonology – Montague Summers

 

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2013/04/29/edificanti-storie-di-cannibalismo-e-necrofilia-nel-lungo-xix-secolo/

24 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Zweilawyer

    Articolo eccellente mio caro. La dovizia di particolari è una manna per gli amanti dello splatterpunk (o splattersteampunk?, e hai pure utilizzato delle fonti che trovo meravigliose.
    Lombroso spakka. Vera scienza.

  2. Gwenelan

    Aaaaaah, questo è ppena diventato il mio articolo preferito *-*! Mutilazioni, cannibalismo, vampirismo, *necrofilia*! Duca, siete un grande ^-^!
    La storia di François Bertrand è particolarmente triste, poraccio :/: si sarà ucciso davvero perché non aveva modo di calmare i dolori alla testa? Da come è raccontata sembra proprio che fosse consapevole di com’era visto quel che faceva e che tentasse di limitare i danni ad altri il più possibile. Si era capito come mai stava così male (domanda cretina?)?

    Grazie mille anche per i link a tutti i testi.

  3. Il Duca di Baionette

    Una buona lobotomia prefrontale magari avrebbe curato tutto. Lancio la domanda a Taotor, per quando passerà, visto che sicuramente è più edotto sulle virtù mediche della lobotomia di me.

  4. nicholaswolfwood

    Ottimo articolo as usual, ammetto di aver googlato alcuni nomi incuriosito per volerne sapere di più ma anche internet è scarno.

    Alla fine gli uomini sono sempre stati un po’ strani, oggi per fortuna queste persone possono scoprire di non essere sole attraverso internet e, se sono una forza economica di consumo, possono sperare che i loro feticismi vangano soddisfatti.

    Dietro una porta chiusa due adulti consenzienti pososno fare quello che vogliono.

    Cmq i giornali del 8-‘900 assomigliano molto a quei gazzettini semigratuiti che ti rifilano oggi (tipo torino-cronaca).

  5. Il Duca di Baionette

    Dietro una porta chiusa due adulti consenzienti pososno fare quello che vogliono.

    Quando sono con una bella ragazza, per divertirmi mi basta una bottiglia di Champagne.
    Mi basta per salutarla, andarmene dietro una porta chiusa e scolarmela fino ad addormentarmi. Detesto la fornicazione e sono monogamo verso l’adorazione della Dea. ^_^

  6. nicholaswolfwood

    Come tutti d’altronde, dovremmo parlare di monoteismo più che di monogamia.

    Per chi è interessato, quando e se capitate a Torino (l’unica vera capitale, il resto è fuffa) passate dal museo di Lombroso, ci sono interessanti studi su un genio bistrattato del nostro tempo.
    http://www.museounito.it/lombroso/

  7. Federico Russo "Taotor"

    Grande articolo, fornisce materiale/fonti sufficienti per un’eventuale tesi sull’argomento.
    Immagino che, visto il tipo di cannibalismo (“ricreativo”/parafiliaco) trattato qui, episodi come quello della spedizione perduta di Franklin non contino (dopo aver letto The Terror, è il primo tipo di cannibalismo ottocentesco a cui mi viene da pensare).
    Un film ambientato nell’800 (in America) col cannibalismo come tema centrale è Ravenous, del 1999. Non è male, ne ho parlato brevemente un paio d’anni fa sul blog, sa anche essere divertente.

    (forse lui aveva seguito un corso all’Università di Heidelberg)

    LOOOL!

    Una buona lobotomia prefrontale magari avrebbe curato tutto.

    La lobotomia transorbitale, forma migliorata dell’italico Amarro Fiamberti rispetto all’originale di Moniz (nobel per la Medicina nel 1949), mediante un semplice intervento ambulatoriale di venti minuti fatto con uno scalpellino da ghiaccio (grosso modo infilato praticamente nell’orbita, vicino al dotto lacrimale fino a raggiungere il cervello) avrebbe sicuramente portato dei cambiamenti nel comportamento dei pazienti. Il risultato migliore, nei casi di individui dai comportamenti socialmente devianti, sarebbe stato l’inebetimento (come nel caso della sorella di Kennedy). In individui “normali”, invece, i danni ai lobi frontali (o meglio, prefrontali, in quanto la porzione caudale – cioè “posteriore” – dei lobi frontali è occupata dalla corteccia motoria, che ha la specifica funzione di movimento volontario) portavano a un “peggioramento” del comportamento. Si pensi all’emblematico nonché accademico caso dell’affascinante signor Phineas Gage (che ho già citato in un post di Zwei). Il caso di Raffaele Ste. appena letto mi ha dato proprio l’impressione di un caso di paziente frontale, come vengono definiti gli individui con compromissioni che interessano i lobi prefrontali.
    Già che ci siamo, ne approfitto per far notare come nei test comportamentali i pazienti frontali dimostrano che la loro conoscenza delle maniere sociali sia risparmiata (se gli si domanda come ci si dovrebbe comportare in diverse situazioni quotidiane, loro sono in grado di dare la risposta corretta); nel momento in cui però sono proprio loro a dover agire, si comportano in maniera sbagliata (sono aggressivi, non dimostrano empatia ecc.).
    Questo è importante perché comportamenti socialmente devianti dovuti a lesioni frontali non sono paragonabili a comportamenti antisociali messi in atto da pazienti “integri”.
    La personalità antisociale viene spesso “ereditata” attraverso la trasmissione intergenerazionale dai genitori (un ambiente violento, una famiglia violenta, forniscono la fonte di informazione a cui la persona attinge durante l’infanzia per creare gli script sociali di comportamento, così come vengono creati bias cognitivi – per esempio, attribuzione erronea delle intenzioni altrui – che si consolideranno nella misura in cui tali fattori di rischio perdureranno: un bambino sottratto a un ambiente sociale violento in un’età ragionevole può benissimo essere “salvato”, i servizi sociali mirano proprio a questo tra le altre cose).
    Un’altra causa che può spiegare comportamenti estremamente bizzarri è la psicosi, che però può venire compresa se si fa attenzione alla logica del paziente (sebbene delirante).
    Ad essere sincero, comunque, i casi del post mi sembrano troppo macabri/bizzarri per ricadere nelle “semplici” parafilie.

    [typo]:
    – permettendogli così di lasciar[l]e andare via vive (credo)
    – esplose per lo sparo impreciso del cacciatore, lo avevano ferirono.
    – L’impulso distruttivo su così forte che
    – Talvolta il ruolo del Cristo era interpretato da un satanisti legato alla croce

  8. Il Duca di Baionette

    Grande articolo, fornisce materiale/fonti sufficienti per un’eventuale tesi sull’argomento.
    Immagino che, visto il tipo di cannibalismo (“ricreativo”/parafiliaco) trattato qui, episodi come quello della spedizione perduta di Franklin non contino

    No, non andavano bene, anche se è un argomento così interessante che meriterrebbe di essere esplorato con non meno profonditò e costanza di come Ardisson esplorò con la lingua i genitali in disfacimento della sua ultima “conquista”.

    Questo mi fa venire in mente quel portentoso strumento ginecologico che è la lingua di Zwei. Sembra la lingua di un bue (qui estratta solo per metà lunghezza). Anche se disapprovo che medico e paziente siano in contatto così “ravvicinato” nella somministrazione del massaggio pelvico, non dubito che per chi volesse provarla possa dare risultati eccezionali nella cura sintomatica dell’isteria.
    Comunque torneremo a parlare di questo argomento in futuro, quando proporrò un’evoluzione dei vecchi metodi di cura da me studiata.

    (dopo aver letto The Terror, è il primo tipo di cannibalismo ottocentesco a cui mi viene da pensare)

    Gamberetta pure aveva recensito The Terror, nel settembre 2008:
    http://fantasy.gamberi.org/2008/09/01/cose-da-un-altro-mondo/
    Non l’ho letto, però ho visto subito il film di Carpenter che è molto spassoso e molto più credibile di tanti altri film, con gente che prima distrugge con il fuoco e poi si domanda che cavolo ha davanti (anche se come fatto notare altri cliché da horror “per mandare avanti la trama senza pensare a idee migliori” ci sono ancora…).

    [typo]:

    Sistemati.
    E sistemato un apposto -> a posto

  9. Angra

    Sono sempre contento di leggere ogni tanto anche di perversioni che non ho ^___^

    Una cosa che mi è saltata all’occhio è che, con buona pace di Travaglio, pare che gli eccessi di garantismo in Italia non siano nati con Berlusconi, ma abbiano radici molto più lontane. Per gli stessi reati in Francia ti tagliavano la testa, qui riuscivi persino a uscire di galera in tempo per terrorizzare ancora un po’ il circondario. Poi il bello è che molti di questi degenerati erano noti come maniaci pericolosi da anni. Viene in mente Danilo Restivo, che fin da ragazzino aveva questo simpatico fetish di girare con le forbici e tagliare ciocche di capelli alle ragazze sugli autobus, che per togliersi la soddisfazione di andare in galera ha dovuto emigrare in Inghilterra e fare il bis ammazzando la vicina di casa. Ok, la sua famiglia era ammanigliata. Luca Delfino però era un pestammerde qualsiasi, uno sbandato, e per andare in galera ha dovuto ammazzare anche la nuova fidanzata, stavolta in pieno centro all’ora di punta davanti a una trentina di testimoni tanto per andare sul sicuro.

  10. MajinJoko

    C’è una giustizia che funziona. Quella narrata in questo post, quella lontana anni luce dalla nostra.

    “Ma come” – mi si obbietterà – “tali elementi sono stati lasciati liberi di commettere nefandezze per anni finché l’hanno combinata grossa!”.

    Signori miei, dico io, costoro dopo averla combinata grossa sono stati puniti con i fiocchi!
    ..da noi sarebbero andati in tv.

  11. Polveredighiaccio

    Qualcosa di allegro da leggere per passare una mezzora diversa. O___O
    Ho alternato disgusto a momenti di spasso (sarà che facevo uno spuntino durante la lettura).
    Pure io sono rimasta colpita dall’indulgenza della legge (negligenza?) in alcuni casi, per fortuna queste cose oggi non accadono più! ^_______^



    ç________________ç

    Che spettacolo la Villa Medicea dell’Ambrogiana. *__*

  12. Artemis

    Splendido articolo, Duca!

    Forse dovrei presentarmi, non ricordo se ho altrove commentato, dato che lurko spesso in questo blog.
    Mi chiamo Artemis e sono una grande fan di Gamberetta. Le devo tutto, sono una fedele seguace. Non mi dilungherò altre.

    Per quanto riguarda l’articolo, rinnovo i miei complimenti. è sempre piacevole leggere dei post così dettagliati e specifici, nonché documentati, da cui una non ha vergogna di imparare qualcosa per il futuro.
    Sono sempre stata appassionata di psichiatria, e non nascondo di aver provato un morboso interesse per questi casi edificanti.

    Mi accingo a leggere il post sui vini. Sono sarda di nascita ma veneta d’adozione, l’argomento “alcolici” non può che interessarmi.

    Duca, le darebbe fastidio qualora la volessi aggiungere su Facebook? Con la promessa di non scocciarla più di tanto in chat, s’intende.

  13. Il Duca di Baionette

    Duca, le darebbe fastidio qualora la volessi aggiungere su Facebook? Con la promessa di non scocciarla più di tanto in chat, s’intende.

    Chi adora la nostra Dea non può che essere una signorina per bene. Faccia pure e magari un giorno potremmo anche discorrere di Ginecologia Morale in anteprima rispetto alla pubblicazione dei prossimi articoli dedicati alle signorine per bene.

  14. Talesdreamer

    Un articolo pieno di cose schifose, che bello! *___*
    La cosa che più mi ha incuriosito è il fatto che l’incapacità di farsi crescere la barba venisse vista come segno di degenerazione. Ha qualche informazione ulteriore sul perché di questa credenza, signor Duca? Mi piacerebbe approfondire l’argomento.

  15. Il Duca di Baionette

    Non molte, o meglio solo alcune indicazioni date da Lombroso e qualche informazione pescata in passato (ma non le ho tenute da parte) sulle brutte opinioni verso chi è per natura inetto nel farsi crescere la barba, ma guardare il volto glabro di Tapiro mi conferma il pregiudizio.
    Se poi riesco recupero qualcosa.

  16. Il Duca di Baionette

    Ho avuto fortuna e trovato qualcosina al volo.
    È una questione statistica a quanto ricordo: tendenzialmente tra i degenerati e gli idioti chi non è in grado di sviluppare una barba è estremamente più comune che negli individui normali.
    Non è un elemento sufficiente né necessario a indicare un idiota, ma spesso è presente. Non tutti gli sbarbati-senza-speranza sono idioti o degenerati, come d’altronde non tutti quelli che dicono che Licia Troisi scrive benissimo e che il Fantasy Italiano è meraviglioso e non ha nulla da invidiare al resto del mondo sono mentecatti o capre ignoranti.

    Da L’Uomo Alienato, di Cesare Lombroso.

    4. Capelli – Barba – Ciglia – Sopraciglia (1). […]
    Tre altri caratteri però ci colpirono specialmente nell’esame dei nostri alienati: cioè le chiazze pigmentali, la precoce canizie, e l’assenza frequente di barba sul mento negli uomini e la sua presenza nelle donne.
    […]
    Negli uomini notammo canizie o calvizie precoci 12 volte sopra 25 maniaci, nei quali 4 volte notossi pure l’assenza della barba ; 2 erano epilettici. Sopra 4 dementi ed idioti, 2 erano senza barba, 3 con precoce canizie. Sopra 11 pellagrosi, 3 mancavano di barba, 1 portava le chiazze pigmentali di capelli, 7 avevano precoce canizie.

    Noto che in quasi tutti costoro trovaronsi anomalie che indicavano arresto di sviluppo, poca barba, corta intelligenza […] atrofia dei testicoli e spesso epilessia.

    1. Il gruppo dei cretini comprende il cretino, il sottocretino, molti casi di imbecillità, di sordità, di rachitismo, di balbuzie, quando essi lasciano nella popolazione dove sono endemiche alcune forme intermediarie del cretinesimo.
    I caratteri speciali a questo gruppo sono la piccolezza della statura, la cortezza del viso, le anomalie nella base del cranio e specialmente nell’osso basilare, la distanza enorme delle orbite, l’abbondanza del connettivo sottocutaneo, le rughe profonde, precoci, numerose, la mancanza di barba, i capelli neri e folti, l’atrofia delle ossa e delle cartilagini nasali, il naso camuso

    Il cretinesimo spesso non sembra che un arresto di sviluppo, la mancanza della barba

    1. L’idiota è, quanto allo stato della sua intelligenza, un cretino, ma con minori anomalie somatiche e senza la caratteristica diffusione endemica. Inoltre l’aspetto suo è infantile o femmineo […] con assenza di peli e di barba.

    Sempre diffidare di chi è magrolino e privo di peli sul volto, con un aspetto delicato, vagamente femmineo. Zwei è di aspetto virile, ha un fisico robusto/solido (nel suo caso è così possente che compenserebbe un’eventuale mancanza della barba) ed è barbuto se gli va di farla crescere. La mancanza di uno di questi aspetti è assolutamente normale, la mancanza di due è legittima, ma la mancaza di tre è un invito all’analisi approfondita da parte del medico!

  17. Zweilawyer

    Quet’ultima mi sembra una giusta considerazione. Della lingua Lombroso che dice?

  18. Talesdreamer

    Grazie mille per le informazioni, Duca!
    Quel che più mi inquieta è che un personaggio che giocai in un gioco di ruolo era appunto bassino, femmineo, incapace di farsi crescere la barba, con canizie precoci e fortemente rimbecillito.
    Evidentemente, sono una seguace di Lombroso e non lo sapevo.

  19. Alberello

    1. Il gruppo dei cretini comprende il cretino, il sottocretino, molti casi di imbecillità, di sordità, di rachitismo, di balbuzie, quando essi lasciano nella popolazione dove sono endemiche alcune forme intermediarie del cretinesimo.
    I caratteri speciali a questo gruppo sono la piccolezza della statura, la cortezza del viso, le anomalie nella base del cranio e specialmente nell’osso basilare, la distanza enorme delle orbite, l’abbondanza del connettivo sottocutaneo, le rughe profonde, precoci, numerose, la mancanza di barba, i capelli neri e folti, l’atrofia delle ossa e delle cartilagini nasali, il naso camuso

    Non aggiungo niente, è pura scienza.

  20. Andrea

    Messer Albarello

    Bwahahahahahhahhahahhhahhahahahhahhahahahhhhhhaahhhahah!!!
    La sua è una condotta è Bwahahahahahhahhahahhhahhahahahhahhahahahhhhhhaahhhahah!!!
    indegna di un galantuomo, dovrebbe Bwahahahahahhahhahahhhahhahahahhahhahahahhhhhhaahhhahah!!!
    fare ammenda delle sue malevole allusioni.

  21. reno

    Ma bèah, ma che articolo schifiltoso è?
    XD

    http://it.wikipedia.org/wiki/Henri_Landru

  22. MattoMatteo

    Il pene era di dimensioni notevoli, come spesso accade negli individui mentalmente inferiori o degenerati (tant’è che il pene dei conigli è molto piccolo e quello umano è in proporzione al corpo molto grande).

    Non sai quanto questa scoperta mi rinfranchi!

    costui aveva una passione per il crinis pubis puellarum (cosa che posso comprendere visto che pagherei cifre importanti per detenere certe rosate reliquie)

    Duca, lo sai che rischi grosso, vero?
    Se Gamberetta legge queste tue esternazioni, finisce che ti costringe ad imparare a memoria tutte le opere della Troisi…
    Comunque, più che al crinis pubis, dovresti ambire al possesso della puella tutta intera.

  23. lupikkiu

    Molto interessante e ben documentato (grazie soprattutto per la seconda: è pieno di cialtronate sul web e anche sugli infallibili libri di carta). Aspetto con impazienza l’articolo sul grand guignol e intanto leggo il manuale pr confessori: è gustosissimo :D. Ah, e complimenti per il blog in generale: continua così!

  24. Cecili@

    Peccato essere arrivata tardi a commentare, ma pace.

    L’articolo è molto interessante e anche, per me almeno, che sono impressionabile, disturbante, sia la prima che la seconda parte.
    Mi chiedevo però, Duca, se non ci fosse un qualche legame tra alcuni casi di “vampiri” che hai trattato nell’articolo e la Sindrome di Renfield, il cosiddetto “vampirismo clinico”. Lo stavo approfondendo per un mio lavoro e ho trovato delle caratteristiche molto simili tra i sintomi della malattia (incluso il fatto che colpisca molto di più gli uomini che le donne) e i comportamenti dei soggetti presentati.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current ye@r *