«

»

apr 05

Stampa Articolo

Fucile a Vento Girandoni

Oggi voglio parlare di un’arma diversa dal solito e a suo modo bizzarra: il fucile Girandoni. Fin dal Cinquecento gli armaioli tedeschi avevano provato a costruire armi ad aria compressa, ma da quel che è giunto fino a noi pare che fossero tutti delle bizzarrie prive di valore per l’ambito militare e al più utilizzate in quello venatorio dai ricchi eccentrici in grado di permettersele. Le armi ad aria compressa nacquero per risolvere i molti problemi delle armi da fuoco: togliere il rinculo, che rovina la mira; togliere il fumo, che irrita gli occhi e nasconde il bersaglio; togliere il rumore eccessivo, che terrorizza la selvaggina e la fa fuggire; togliere il bisogno di usare polvere da sparo, che sporca, ingombra, puzza e può anche esploderti in mano con tutta l’arma; permettere la rigatura dell’arma e un comodo sistema di retrocarica.
Tutti questi problemi affliggevano i ricchi cacciatori e non i soldati, che dietro il puzzolente fumo degli spari potevano perfino trovare un riparo durante la ricarica e si avvantaggiavano del rumore prodotto per far innervosire i cavalli nemici. Quanto al rinculo non era un problema: gli eserciti dell’epoca ambivano al fuoco rapido, non alla precisione individuale, e si sparavano salve di massa a distanze piuttosto brevi. Se infatti ricordate quanto detto nell’articolo sui focili, di norma i moschetti nel Seicento-Settecento non avevano nemmeno il mirino posteriore, ma solo la tacca di mira frontale.
Le armi ad aria compressa erano quindi gingilli per i ricchi cacciatori e anche in questo caso di successo limitato: le balestre rimasero in voga come armi silenziose e precise ad uso venatorio per tutto il Cinquecento e il Seicento, sopravvivendo così all’invasione delle armi da fuoco che le espulsero dal mercato militare.

L’inventore del fucile Girandoni è Bartholomäus Girandoni, un inventore originario del Sud Tirolo trasferitosi a Vienna. Questo nuovo fucile ad aria compressa è chiamato anche Windbüchse (fucile a vento) e venne realizzato nel 1779 o forse nel 1780, attirando subito l’attenzione del governo Austriaco che lo adottò in gran segreto per armare alcuni reparti di Jager (fanteria leggera) fin dal 1787-1791. Per una serie di problemi che vedremo, l’arma fu abbandonata definitivamente nel 1815. La produzione di armi ispirate al fucile Girandoni proseguì dopo il 1815 grazie ad armaioli come Joseph Lowenz e Joseph Contriner di Vienna o come Samuel Staudenmayer che nel suo negozio di Londra ne costruì versioni modificate, ma estremamente costose, fino al 1832.

Il fucile Girandoni è lungo 1,2 metri e pesa 4,5 kg. Il calibro reale nel modello esaminato è di 0,464 pollici (11,75 mm), ma altre fonti ne dichiarano 0,51. Ha un serbatoio tubolare affiancato alla canna che contiene 22 palle da 11,75 mm (20 secondo altre fonti: forse era quanto poteva contenere con il calibro maggiore previsto in origine?). Peso a misure non lo rendono molto diverso dalle altre armi dell’epoca, come il fucile rigato Baker di inizio Ottocento (4 kg, 1,16 metri, colpo singolo ad avancarica) o il moschetto ad anima liscia Brown Bess (4-5 kg in base al modello, 1,5 metri circa, colpo singolo ad avancarica) diffuso fin dall’inizio del Settecento. Il calibro è piuttosto ridotto, rispetto agli 0,62 pollici del Baker e agli 0,75 del Brown Bess, per cui le palle di piombo sono più leggere e scavano ferite meno devastanti.

Dispone di un ingegnoso meccanismo di retrocarica: si inclina la canna verso l’alto e poi premendo il bottone di metallo che sporge dalla sinistra dell’arma si muove il “selettore” che riceve la palla in caduta dal serbatoio per forza di gravità e, dopo aver rilasciato il bottone, torna nella posizione iniziale di riposo grazie alla molla posta sulla destra, allineando così la palla con la canna.

La canna è rigata e l’arma dispone sia di un mirino fisso che di una tacca di mira, similarmente al fucile rigato Baker che armò le Giubbe Verdi inglesi. La bacchetta posta sotto la canna non serviva per comprimere la palla sulla carica di polvere (che non c’è!), ma solo come strumento per la pulizia.

Il calcio è un serbatoio per l’aria compressa in metallo ricoperto di cuoio che si riempe sfruttando una pompa e poi si avvita al fucile. La forma poco anatomica non è un problema, considerando che l’arma è priva di un rinculo capace di rovinare la mira.
Il fucile Girandoni dispone di un cane che non percuote alcunché, ma arma un meccanismo interno che reagisce alla pressione del grilletto aprendo per poco tempo la valvola all’imboccatura del serbatoio.

Il serbatoio privo della copertura in cuoio, intero e smontato
Valvola del calcio-serbatoio, smontata: a sinistra l’originale e a destra una copia da museo

L’aria compressa disponibile permette di sparare trenta colpi: i primi dieci fino alla distanza utile di 120 metri, i dieci successivi fino a 90 metri e gli ultimi dieci fino a 75 metri. La velocità a carica massima è paragonabile a quella di un .45 ACP ovvero, possiamo ipotizzare, circa 250-300 m/s, fornendo così appena 300-400 Joule.
Se i proiettili fossero più veloci, per ipotesi, e quindi più letali sarebbero anche più rumorosi: sopra i 320 m/s si infrange il muro del suono! BANG, Mach 1. In più pressioni maggiori dell’aria per ottenere spinte maggiori causerebbero un incremento notevole del suono prodotto dall’aria che si espande di colpo uscendo dalla canna.
La gittata è scarsa per un’arma rigata di precisione, in particolare rispetto al Baker o ad altri fucili rigati da caccia (come il Kentucky della Guerra d’Indipendenza americana) che arrivavano a 300-400 metri, con casi accertati di tiri fino a 700 metri da parte di tiratori straordinari. L’energia cinetica alla bocca è infima, messa a paragone con i 3700 Joule del Brown Bess o coi 1800 Joule del Baker che hanno pure calibri maggiori capaci di generare ferite ancora più devastanti.
Il rapido sistema di retrocarica permette di svuotare l’intero caricatore da 22 colpi in meno di un minuto.

Seguendo il principio sempre valido dello Show, Don’t Tell eviterò le descrizioni troppo accurate delle fasi di arretramento del cane (scandite da tre click) e mostrerò invece l’azione dello sparo fase per fase sfruttando gli eccellenti disegni di Geoffrey Baker.

Fucile Girandoni a riposo, con cane abbassato, come dopo aver sparato
Il cane viene tirato indietro, producendo tre click:
il primo a inizio corsa, il secondo a mezza corsa e il terzo quando è completamente armato
Il grilletto è stato premuto: il cane viene rilasciato e aggancia il meccanismo del percussore
Il cane spinge costringendo il percussore a premere sulla valvola che si apre e fa uscire l’aria sotto pressione del serbatoio (blu nel disegno)
La valvola è completamente aperta e l’aria spinge la palla lungo la canna. Il cane torna in posizione di riposo e la valvola potrà richiudersi spingendo il percussore in avanti grazie alla molla d’acciaio. Si torna alla prima immagine.

Il fucile Girandoni, oltre alla scarsa gittata e alla poca energia cinetica, ha una serie di problemi che lo rendono poco pratico per l’uso militare.
Il serbatoio d’aria da 30 colpi richiede ben 1500 pompaggi con la pompa a mano d’ordinanza (una mezz’ora di lavoro intenso e faticoso). Durante la battaglia un tipico fuciliere armato di moschetto tradizionale porta con sé 50-60 cartucce tra cartucciera e zaino e, talvolta, possono anche non bastargli. Il fuciliere armato col Girandoni porta con sé due cilindri d’aria di riserva, dato che ricaricarli sul campo è impensabile, e quattro tubi di proiettili extra per il caricamento rapido del serbatoio.
Il carico di “munizioni” che deve portare su di sé non è quindi inferiore a quello del fuciliere tradizionale con le cartucce già pronte.
I serbatoi vuoti (o semivuoti) vengono consegnati a una staffetta che corre fino ai carri delle munizioni, in grado di ospitare fino a mille cilindri d’aria l’uno, per sostituirli o per ricaricarli presso le più potenti pompe su ruote (più rapide della piccola pompa manuale).

L’arma è molto delicata ed è completamente inadatta al corpo a corpo a differenza del fucile rigato Baker che era solido e robusto, perfetto sia come clava che come falcione (montava infatti una spada corta come baionetta, in modo da compensare la minore lunghezza rispetto ai moschetti). Il calcio del Girandoni è inadatto per fungere da clava e un colpo violento, anche in parata, può rovinarlo facendo fuggire di colpo tutta l’aria. Questo è un limite enorme per il tipo di combattimento dell’epoca in cui, prima o poi, al corpo a corpo si arrivava (e con solo 120 metri di gittata era praticamente certo che ci si arrivava!). Immagino che non sia molto piacevole farsi saltare in mano una bombola di aria compressa…

Video fornito dal Carlisle Military History Institute

Il fucile Girandoni non è facile da usare e richiede un addestramento specifico, e forse troppo complesso per il soldato tipico, per mantenere l’arma nelle migliori condizioni, come scrisse lo stesso Imperatore Giuseppe II: “E’ necessario che il semplice soldato, la cui intelligenza è generalmente piuttosto limitata, sia addestrato appena riceve l’arma e che questo addestramento sia fornito in singole parti e non tutte in una sola volta.”
In sintesi: i soldati sono scemi e con questo fucile ci sono troppe cose da fare per curarne la manutenzione!

La delicatezza dell’arma è notata anche dal Duca di Colloredo, Direttore Generale d’Artiglieria, che il 21 luglio 1789 scrisse: “A causa del modo in cui sono state costruite, queste armi erano molto più difficili da usare di quelle normali, cosicché andavano maneggiate con molta più cautela e attenzione. Inoltre i soldati che le usavano andavano supervisionati con estrema cura, essendo poco sicuri sulle operazioni da compiere. Queste armi divennero inservibili dopo pochissimo tempo – tanto che in breve non più di un terzo di queste erano ancora utilizzabili. Abbiamo bisogno dell’intero inverno per ripararle e sostituirle.
L’ultimo ordine dell’Imperatore, prima di morire, fu di “selezionare i soldati più abili e promettenti per usare queste armi.

Riguardo al comportamento sul campo sappiamo solo, dai documenti dei Tiratori Scelti del Tirolo, che “queste armi furono molto precise ed efficaci” nella Guerra contro i Turchi e in quella contro la Prussia del 1790. Contrariamente a quanto riferito da alcune fonti, il fucile a vento non venne mai usato contro le truppe napoleoniche.

E per concludere, ecco una pistola a ripetizione Girandoni. Un’arma particolarissima, decorata in oro per un cliente forse di “stirpe reale”. E’ stata realizzata da Johann Girandoni presso il negozio di Joseph Contriner, subito dopo la morte del padre Bartholomäus nel 1799. Calibro dell’arma: 9 mm. Nessun altro dato disponibile.
Sembra un’arma interessante per un assassino che non vuole fare troppo rumore, no?

NO, mi rispondo da solo, probabilmente non lo è: con 9 mm di calibro sparerebbe palle di piombo da 4,35 grammi che a 200 m/s circa (considerando la canna più corta e la bombola meno robusta) fanno appena 87 Joule! E’ come il .22 Long Rifle (91 J), un calibro infimo per armi da tiro al bersaglio, con in più la differenza che il .22 LR essendo più piccolo può penetrare più a fondo e magari colpire l’aorta o un organo importante molto più facilmente di questo. Anche scaricando tutto il caricatore (otto colpi, forse, con l’energia cinetica che decresce costantemente) si potrebbe non riuscire a uccidere il bersaglio a meno di non prenderlo negli occhi o forargli per pura fortuna la carotide devastandogli il collo un colpo dopo l’altro.
Se pure la velocità fosse 250 m/s si raschierebbero appena i 135 Joule, che sono il limite minimo della decenza… e pure qui l’assassino non potrebbe accontentarsi di un singolo colpo a bruciapelo per uccidere, ma dovrebbe spararne anche un secondo e un terzo! Che fetenzia di arma!

Ringrazio il dottor Robert D. Beeman, una delle principali fonti di informazioni riguardo le armi ad aria compressa che ho trovato.

Permalink link a questo articolo: http://www.steamfantasy.it/blog/2008/04/05/fucile-a-vento-girandoni/

5 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Paggio

    Ritorno ad approfittarmi spudoratamente del Duca (solo in senso intellettuale eh! ^__^ )
    Il fucile a vento aveva attirato la mia attenzione non di per sè ma per il suo sistema di ricarica: trovare un modo per abbinarlo alla polvere nera poteva dar vita ad un’arma assai carina.

    Il rapido sistema di retrocarica permette di svuotare l’intero caricatore da 22 colpi in meno di un minuto.

    Una ventina di colpi al minuto contro 3-4 sono cazzi di piombo amaro per il nemico. Dopo vari deliri allucinatori momenti di riflessione mi si è affacciata l’idea di abbinarlo ad un otturatore girevole-scorrevole tipo Dreyse (ma molto più semplice) e all’accensione elettrica con cui ho esordito nell’articolo sui fucili elettrici.
    Che ne pensa il magnanimo Duca?

  2. Il Duca di Baionette

    Se deve esserci anche la polvere, allora il meccanismo avrebbe senso solo se palla e polvere fossero assieme in una cartuccia.
    Otturatore girevole scorrevole più tubo con dentro cartucce e fai semplicemente i normalissimi fucili a tubo degli anni 1870-1880 (Lebel 1886, Mauser 71 convertito 84 ecc…).
    Separare palle e polvere porta a sistemi inutilmente complessi che storicamente sono già esistiti, senza successo.

    I tubi di munizioni sono un fallimento concettuale. Il tubo pesante con dentro le munizioni (7-8 circa) è lungo da ricaricare (non puoi usare un pacchetto rapido di munizioni via piastrina o lastrina), ha bisogno di una molla robusta che tende a indebolirsi troppo mentre si allunga (gli ultimi due proiettili tendevano a incepparsi) e che fa variare in modo sensibile il bilanciamento del fucile mentre spara (mentre svuoti il tubo, sposti peso che era collocato non sul baricentro -dove sta un tipico caricatore- ma vicino alla volata).
    La norma era infatti sparare al più metà tubo e poi ricaricarlo. E in realtà pure il tubo era d’emergenza, i soldati dovevano sparare un colpo alla volta e ricaricare a mano, usando il tubo solo in situazione di fuoco rapido ravvicinato.

    Il tubo è un vantaggio solo i nemici non hanno alcun tipo di serbatoio e ci si trova in una situazione in cui la ricarica lenta del tubo non è un problema.
    L’unico caso storico che conosco è quello della guerra Russo-Turca del 1877-1878, in cui i turchi assediati a Plevna avevano comprato una quantità così enorme di Winchester 1866 (tubo più azione a leva) e di munizioni da averne sempre in eccedenza di carichi (i soldati cambiavano fucile e continuavano a sparare, l’altro fucile veniva ricaricato) e poter sparare a volontà senza preoccuparsi (negli altri eserciti in cui i proiettili si portano addosso e la logistica è un problema, sparare liberamente non è un possibile).
    I Russi avevano in prevalenza fucili convertiti Krnka, già obsoleti da dieci anni, e solo in piccola parte i nuovi Berdan (che in teoria già da anni erano la nuova ordinanza).
    Erano 150mila russi contro 40mila turchi, da luglio a dicembre, su quattro battaglie principali. Nonostante il supervantaggio dei Winchester e delle munizioni “infinite” che contribuì in modo decisivo a una resistenza tanto lunga (40mila morti russi contro 10mila morti turchi), alla fine i turchi dovettero arrendersi.

    Il volume di fuoco individuale, per quanto importante, non è l’elemento determinante nella guerra moderna in cui logistica, ingegneria difensiva e da assedio, morale, numero di uomini e ingegno dei comandanti influiscono grandemente sul risultato.
    La dottrina sovietica del volume di fuoco “individuale” ha fallito, perché il volume deve essere di “squadra” e ben usato invece che sprecato da singoli fanti che innaffiano il nemico (gli americani stessi lo capirono e ormai il tipico M16 in dotazione non può sparare a raffica libera, solo colpo singolo e raffichetta breve da 3 colpi).
    Meglio alcuni fanti che sparano colpi mirati, con attenzione, lavorando attorno al nucleo offensivo di un paio di mitragliatrici di squadra che vomitano piombo “liberamente”. Che poi, ben prima che gli americani se ne accorgessero, era l’innovazione dei tedeschi nella Seconda Guerra Mondiale, quando i fanti vennero ripensati in azione attorno alle loro MG34 e MG42, e non le MG34 o MG42 in “supporto” dei fanti. Un cambio di visione importante.

  3. Paggio

    Duca ogni risposta mi stimola a nuovi commenti in una spirale senza fine. Il Duca crea dipendenza, commentare con cautela :)

    Se deve esserci anche la polvere, allora il meccanismo avrebbe senso solo se palla e polvere fossero assieme in una cartuccia.
    Otturatore girevole scorrevole più tubo con dentro cartucce e fai semplicemente i normalissimi fucili a tubo degli anni 1870-1880 (Lebel 1886, Mauser 71 convertito 84 ecc…).
    Separare palle e polvere porta a sistemi inutilmente complessi che storicamente sono già esistiti, senza successo.

    Verissimo infatti immaginavo serbatoi con dentro cartucce di carta trattate con una sostanza che insieme la lubrifica (per gli inceppamenti) e la rende più infiammabile (per i residui nella camera). Lo scopo è dare al fante un’arma che spari almeno il doppio-triplo dei colpi al minuto del nemico, più precisa e con gittata maggiore (e magari puoi sparare da sdraiato) con una tecnologia però più da 700-inizio 800, per lasciare più spazio per gli sviluppi tecnologici durante la trama. Si tratta di un esercito che è sempre in forte svantaggio numerico ma superiore in tecnologia,logistica,morale,disciplina (sono esseri molto longevi, hanno molta esperienza e addestramento, i loro ufficiali comandano da decenni) perchè deve esserlo pena l’estinzione della specie.
    Tutto il discorso sulla telecinesi (con cui ho già roso i ducali zebedei ^__^ ) deriva proprio dal dargli un modo per fare fuoco rapido senza dover stare in piedi oppure fermarsi per ricaricare: il buon Ferguson riusciva a sparare quattro colpi al minuto marciando con il suo fucile a vitone. Se il fante dovesse solo infilare la cartuccia nella bocca dell’arma, senza neanche romperla coi denti, spingerla giù solo desiderandolo e poi puntare direttamente e sparare, potrebbe farlo marciando. Questa era l’idea di partenza, il caricamento alla girandoni sarebbe stata un’innovazione successiva dettata dal fatto che ad un certo punto i nemici avevano armi da fuoco in massa e quindi occorreva che ogni fante sparasse per tre-quattro. Per ricaricare pensavo a tubi già pronti portati in giberne sul petto, come i moderni caricatori.

    Il volume di fuoco individuale, per quanto importante, non è l’elemento determinante nella guerra moderna in cui logistica, ingegneria difensiva e da assedio, morale, numero di uomini e ingegno dei comandanti influiscono grandemente sul risultato.

    Giustissimo ma i miei “fucilieri” cercano il più possibile di combattere con avversari meno progrediti, stile inglesi contro moghul o addirittura zulù, così tutti i fattori elencati sono a loro vantaggio (tranne il numero, per quello usano ascari e alleati a volontà). Contro nemici più evoluti e organizzati fanno in modo di organizzare guerre di coalizione in cui forniscono supporto economico/logistico/navale senza rischiare i preziosi regolari. E la guerra serve solo mantenere l’equilibrio delle potenze: non vogliono un re sole/piccolo caporale che unisce tutte le altre razze e poi gli apre il culo a traforo (Britannia docet ^__^); vogliono starsene tranquilli a fare a pezzi i primitivi fuori dal loro continente mentre gli stati loro pari o quasi si scannano allegramente tra loro senza ottenere nulla (a chi non piace vincere facile?).
    Se sembro logorroico è perchè:
    1- lo sono;
    2- avendo vinto la timidezza nel commnetare sono senza freni inibitori. Il Duca mi ha aperto il vaso di Pandora (dopo aver riletto ciò che ha appena scritto Paggio si suicida con un aspirapolvere nel retto).

  4. Il Duca di Baionette

    Alternativa in cui il tubo che si scarica non fa variare il peso dell’arma sulla canna è di avere il tubo dentro al calcio. Ci furono esperimenti, armi fallite per scomodità del caricamento del tubo, come il fucile Hotchkiss 1883:
    http://www.armorypub.com/images/WRA/W.C.%20Vol.%204%20Illust%201.jpg

    Non si cambiano le armi del proprio esercito per un vantaggio così piccolo… è la piastrina/lastrina a caricamento rapido a fare la differenza, assieme al passaggio da polvere nera a munizioni più piccole con polvere infume, per passare da armi a colpo singolo verso armi con serbatoio.

    Un’arma deve avere proprio grossi vantaggi per far spendere soldi per un cambio di equipaggiamenti. Per esempio la diffusione delle carabine Spencer tra le cavallerie del mondo (l’unica opzione sensata erano se no i revolver, roba da sparo in bocca e basta, quasi inutile rispetto alla sola carica di sciabola) oomportò un reale miglioramento sensibile, in termini di volume di fuoco e di distanza di tiro per avere uan cavalleria che, nel caso, possa anche “schermagliere” (o combattere a piedi), quando non può operare al proprio meglio con grandi cariche alla sciabola:
    http://virtueisknowledge.com/wp-content/uploads/2009/12/Spencer_illustrated.jpg

    Il calibro è un po’ poco potente, ma adeguato per una carabina dell’epoca. E’ possibile in questo caso, nota, estratte l’intero tubo con la molla e i proiettili e sostituirlo. E’ un caricamente non rapidissimo ed è costoso visto che le molle in acciaio così lunghe e forti costano (passare da un mondo di sole munizioni sfuse in “carta” per avancarica a uno in cui devi fabbricare anche bossoli e caricatori, è un bel costo in più). In più la faretra di tubi non è comodissima… a cavallo ci può anche stare, ma appesa alla cintura di un fante non è che sia il top…

  5. Paggio

    Un’arma deve avere proprio grossi vantaggi per far spendere soldi per un cambio di equipaggiamenti. Per esempio la diffusione delle carabine Spencer tra le cavallerie del mondo (l’unica opzione sensata erano se no i revolver, roba da sparo in bocca e basta, quasi inutile rispetto alla sola carica di sciabola) oomportò un reale miglioramento sensibile, in termini di volume di fuoco e di distanza di tiro per avere uan cavalleria che, nel caso, possa anche “schermagliere” (o combattere a piedi), quando non può operare al proprio meglio con grandi cariche alla sciabola

    Proprio quello che intendo: soldati polivalenti che combattono in più ruoli e con più armi (tipo catafratti bizantini/cinesi con arco, lancia, spada e mazza), per bilanciare il divario di forze.

    E’ possibile in questo caso, nota, estratte l’intero tubo con la molla e i proiettili e sostituirlo. E’ un caricamente non rapidissimo ed è costoso visto che le molle in acciaio così lunghe e forti costano (passare da un mondo di sole munizioni sfuse in “carta” per avancarica a uno in cui devi fabbricare anche bossoli e caricatori, è un bel costo in più). In più la faretra di tubi non è comodissima… a cavallo ci può anche stare, ma appesa alla cintura di un fante non è che sia il top…

    Il costo non sarebbe un problema: è un popolo ricco e progredito che equipaggia un esercito contenuto (ad alleati e coloniali dà roba vecchia dismessa) che deve essere all’avanguardia. La “faretra di tubi” non la pensavo appesa alla cintura ma sul petto/pancia agganciata a due bretelle che si incrociano sulla schiena e si attaccano alla cintura (gibernaggio da fine ottocento) per distribuire i carichi. Alla cintura portano le granate che accendono con le dita. Mi interessava che il “Girandoni eletrico” fosse quanto più verosimile per non forzare la sospensione dell’incredulità. Se non può allora gli farò usare direttamente un kammerlader elettrico in cui non sideve neanche rompere la cartuccia perchè la carta si incendia con la scintilla e buonanotte :)

    Il volume di fuoco individuale, per quanto importante, non è l’elemento determinante nella guerra moderna in cui logistica, ingegneria difensiva e da assedio, morale, numero di uomini e ingegno dei comandanti influiscono grandemente sul risultato.
    Meglio alcuni fanti che sparano colpi mirati, con attenzione, lavorando attorno al nucleo offensivo di un paio di mitragliatrici di squadra che vomitano piombo “liberamente”.

    Per questo pensavo ad una mitragliatrice Perkins a difesa di forti/accampamenti/trincee da assedio e ad una Gatling più semplice e lenta per il campo aperto: essendo soldati esperti e motivati possono utilizzare tattiche di armi combinate anche a livello di compagnia per moltiplicare le forze. Non è un esercito di leva o formato da fanatici religiosi/nazionalisti o da membri di caste alte: sono professionisti come i legionari romani. Non hanno origini alte ma nemmeno sono tagliagole usati perchè nessun altro vuole combattere: i civili sanno quanto è importante un buon esercito per il loro paese e rispettano la professione militare, anche se l’arruolamento è visto come una scelta da quasi ultima spiaggia (tranne quando c’è una minaccia di invasione, lì accorrono tutti in massa contro le odiate razze inferiori ^__^). I comandanti non hanno a disposizione esaltati pronti alla carica suicida ma possono star certi che i loro uomini non fuggiranno alla prima occasione: venderanno cara la pelle senza bisogno di un sergente che gli punti l’alabarda alla schiena. Sono volontari che non pensano solo alla paga: sanno che scappare vuol dire porre in pericolo l’esistenza della loro esigua specie, sono stati educati con il concetto di “specie superiore” e “missione civilizzatrice/conquistatrice” anche se non indottrinati tipo Ironsides di Cromwell. Non devono essere resi resi automi perchè ubbidiscano, sono pronti a rompere il culo ai selvaggi se possono farlo da una posizione di vantaggio e sono ben guidati.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current day month ye@r *